Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

White space. Idee non convenzionali sulla comunicazione

0 - Premessa alla seconda edizione

•• Marketing e comunicazione, per funzionare bene, cambiano, seguono e precedono l’evoluzione della

società, della cultura, dei mercati e soprattutto delle persone. Cambiano in funzione della tecnologia e dei

nuovi media. Quello che cinque-sei anni fa era non convenzionale ora è diventato inevitabilmente normale.

1 - Enrich <-> Simplify: le origini della comunicazione non convenzionale

1.1 - Il nuovo invecchia

•• Il nuovo si consuma con il passaggio del tempo e richiede quindi un continuo rinnovo. A questo punto o

si spazza via il vecchio sostituendo con il nuovo o si creano nuovi spazi in cui il passato e il presente

convivono in armonia: questi nuovi spazi sono il whitespace, territori fertili per nuove opportunità di

business, che catturino nuovi consumatori, senza confini, un vuoto da riempire di nuovi significati, un

territorio vergine. In questi nuovi spazi trova habitat la comunicazione non convenzionale. Levinson è il

primo studioso delle strategie non convenzionali delle aziende, e le chiama guerrilla. Altri la chiamano

ambient advertising (spesso si usano luoghi particolari). Altri la chiamano tribal advertising (diretta a target

specifici). Altri la chiamano buzz/viral advertising (perché basata sul passaparola). Altri ancora la chiamano

alternative/future communication. Altri vi danno una connotazione negativa chiamandola ambush

communication. Esistono agenzie specializzate che rispondo all’esigenza di sviluppare campagne non

convenzionali. Oggi molte di quelle agenzie dedicate al non convenzionale sono assorbite dalle case

madri. Il punto chiave è la commistione tra mondi (soprattutto tra reale e virtuale, e tra non convenzionale

e tradizionale). Integrazione e multidisciplinarietà creano prodotti di successo.

1.2 - Definizioni e alternative

•• In una epoca di saturazione e di scetticismo verso i media, il marketing è sempre più efficace quanto più

non ci si rende conto che sia marketing. Il termine più diffuso è guerrilla marketing (Levinson, 1984), che

non si esaurisce con lo street o l’ambient advertising. Il guerrilla marketing secondo Levinson è un insieme

di strumenti non convenzionali che perseguono obiettivi convenzionali. È un metodo che può ottenere

profitti con un budget minimo (ma spesso è comunque molto costoso, o addirittura più costoso dei

tradizionali). Secondo Umberto Eco (nel 1973) la guerrilla è una forma di comunicazione parallela ai media

tradizionali, che li sfida. Oggi invece la guerrilla si fa anche e soprattutto sui media tradizionali. Per lo

studio della guerrilla usiamo l’approccio della semiotica (la scienza che studia i sistemi di significazione e

di comunicazione), semiotica come disciplina dell’alternativa: un segno significa solo perché potrebbe non

significare, o significare qualcos’altro. Per la semiotica l’uomo è intrinsecamente libero di trasformare ogni

aspetto del reale in un segno di qualcos’altro, in un processo infinito che solo le routine possono

paralizzare, e che nella comunicazione non convenzionale trova il suo sbocco ideale. La comunicazione

non convenzionale non rispetta regole precise, si sviluppa in maniera sorprendente e si amplifica. Fare

guerrilla significa mettersi in contatto in modo diretto, provocatorio e sorprendente con il consumatore.

1.3 - Lo scompiglio dei ruoli nella produzione di significati

•• I consumatori costruiscono le loro identità e modellano i loro comportamenti in base o in contrasto con i

riferimenti culturali prodotti e comunicati dai brand. Non è vero che le aziende e le loro pratiche di

comunicazione abbiano un ruolo di dominio nell’influenzare il consumatore (secondo questa teoria i

consumatori non avrebbero strumenti contro il potere deduttivo dei creatori di bisogno; l’opinione comune

infatti vede nel marketing un forte potere manipolatorio). In sociologia e psicologia si è abbandonata

questa idea, ma in letteratura è ancora rimasta qualche traccia (in Lire 26900 il protagonista dice “sono un

pubblicitario: ebbene sì, inquino l’universo. […] Nel mio mestiere nessuno desidera la vostra felicità,

perché la gente felice non consuma”). Nè è vero che il potere delle scelte di marca e di prodotto risieda

interamente nelle mani del consumatore. Gli autori del libro concordano con un terzo fronte di analisi,

ovvero con la Consumer culture theory: il potere del consumatore risiede non tanto nella sua abilità di

rifiutare prodotti e messaggi proposti dal marketing quanto piuttosto nell’arte di utilizzarli e appropriarsene

per costruire la propria identità. La forza del consumatore dunque sta nelle manipolazioni creativi di

significati e usi indotti dal marketing dei prodotti e delle pubblicità. La contaminazione tra mondo delle

aziende e dei consumatori la si ha nella figura del poacher: soggetto che promuove la circolazione delle

idee di marketing appropriandosi di contenuti originali per trasformarli e impadronendosene per

Proprio le contaminazioni sono alla base della

svilupparne di nuovi (oggi sarebbero i “twittatori”).

comunicazione non convenzionale.

1.3.1 - In principio la controcultura

•• L’origine della comunicazione non convenzionale deriva dalla Controcultura degli anni Sessanta.

Anche la cultura punk underground si alzò contro le multinazionali e le loro strategie di marketing

combattendo la logica della produzione di massa e l’uniformità creativa, promuovendo

autonomamente la commercializzazione di beni e servizi. Ma che cosa diventa la resistenza

culturale quando viene trasformata con il tempo in una ennesima modalità di comunicazione di

marketing? La cultura di massa ha infatti metabolizzato la controcultura caricandola di significati.

Le idee forti della controcultura (ribellione, critica e diversità) sono diventate ideologia centrale del

mercato.

1.3.2 - I graffiti e l’arte visiva

•• Sono moltissime le opere d’arte ispirate dalla critica della comunicazione pubblicitaria, delle

marche e dei loghi (primo tra tutti Andy Warhal). Geniale su questo fronte è l’attività di Banksy.

Bansky è non convenzionale, così come non convenzionale è il mezzo prescelto ma anche i temi

trattati, che colpiscono e fanno riflettere su alcuni dei problemi sociali più attuali. L’arte sovversiva

di Banksy è diventata fonte di ispirazione per la comunicazione di marca. Banksy inaugura anche la

storpiatura delle comunicazioni pubblicitarie (subvertising) sottolineando la contaminazione tra arte

e pubblicità. I graffiti prendono spesso in prestito l’estetica dei segni e il gergo delle campagne

pubblicitarie. La protesta di strada a sua volta può essere usata dalle aziende per veicolare i propri

messaggi, storpiandone lo spirito di ribellione (caso del graffita Kidult che imbratta la vetrina del

brand di lusso Marc Jacobs con la scritta “ART” e Jacobs ne fa una maglietta in vendita a 689 $;

questo porta Kidult a dissociarsi e a vendicarsi, ma è sempre un flop…; farà poi un video:

“nonostante le apparenze, non ho mai fatto né farò mai alcuna collaborazione”). Oggi non esistono

più filantropi-mecenati, e allora sono proprio i grandi brand (come Prada) a proporsi come

patrocinatori promuovendo iniziative artistiche. Oggi i grandi marchi fanno limited edition e special

collection dedicate alla street art (Hermes chiama Kongo per fare foulard; Vuitton chiede a diversi

writer di disegnare per la marca…).

1.3.3 - “Il mio flow è givenchy, il mio stile è ghetto chic, perché hermes non è street”

•• Anche il mondo del rap è entrato nel contesto dei marchi e viceversa. I rapper inseriscono brand

nei testi musicali; da sempre sono brand di lusso e famosissimi, ma ultimamente si citano sempre

più su brand meno noti e più particolari, ma sempre di lusso.

1.4 - Uso “improprio” dei media classici ed effetti collaterali desiderati

•• La comunicazione non convenzionale sfrutta anche media convenzionali. Si può fare comunicazione

non convenzionale anche sulla stampa, alla tv, in radio, con le affissioni e al cinema, innovando nelle

modalità di trasmissioni, nei formati, nei contenuti rispetto agli standard tradizionali del settore. Quattro

possibilità: (1) messaggio e mezzi convenzionali - esempio: Cadbury gorilla; (2) messaggi standard

veicolati su mezzi non convenzionali; (3) messaggio innovativo su mezzo tradizionale; (4) messaggio e

mezzi innovativi.

1.5 - Trappole

•• Esistono anche limiti e rischi della comunicazione non convenzionale. L’unico rischio che si corre

nell’uso di un messaggio è quello di non essere compresi o di essere disapprovati dal target. Esistono

invece rischi maggiori a proposito dell’uso dei mezzi.

1.5.1 - Azioni illegali

•• Una azione di street marketing usa lo spazio pubblico e dovrebbe quindi essere autorizzata dalle

istituzioni per potersi svolgere legalmente (dalla semplice distribuzione di volantini alle animazioni

con il prodotto all’evento vero e proprio). A volte le stesse agenzie, suggerendo una campagna non

convenzionale, stimano i rischi e propongono preventivamente un budget che comprenda eventuali

multe o sanzioni. L’importante è considerare se oltre al danno economico una strategia illegale

venga percepita in modo negativo proprio dal target al quale si desidera trasmettere il messaggio.

1.5.2 - Rischio di critica e snaturamento del messaggio

•• Se si usano immagini, motivi e temi tipici del writing, l’azienda e l’agenzia devono essere

consapevoli di questo mondo. Infatti i rischi di attacco e critica delle iniziative non convenzionali

sono elevati se si viene percepiti come aziende e marchi che sfruttano e snaturano il senso di

questa forma di comunicazione. Per i writer collaborare con le aziende può essere un modo

dignitoso di guadagnare. Il vero rischio delle collaborazioni tra aziende e writer infatti è dato

dall’esterno. Anche l’attività delle aziende su Twitter e Instagram non è esente da critiche,

soprattutto quando le aziende sfruttano linguaggi della sottocultura giovanile urbana fingendosi

delle persone e non delle aziende, appunto. Una buona comunicazione non convenzionale non si

basa sull’inganno; i consumatori sono più attenti e vigili di quanto si possa credere; tutte le azioni

aziendali passano sotto analisi del pubblico; occorre coinvolgere i consumatori nella cosiddetta

brand conversation dando loro gli strumenti per farlo e invogliandoli a collaborare. Così si

prevengono parte delle critiche.

1.5.3 - Invasività

•• La comunicazione non convenzionale raggiunge il target nei luoghi in cui vive, lavora, si muove e

si diverte. Aumenta quindi il rischio di invadere una sfera sempre più privata della vita

dell’individuo. Questo rischio si corre ancora di più oggi con l’uso delle tecnologie indossabili.

Sfida allora è creare native advertising, il cui obiettivo è quello di rendere l’annuncio pubblicitario il

meno intrusivo possibile per non interrompere la fruizione del contenuto che l’utente sta guardando

o sentendo.

1.5.4 - Scarsa ripetitività

•• Le campagne tradizionali possono intraprendere un filone che seguono nel corso di più spot.

Nella comunicazione non convenzionale invece riproporre una idea già adottata fa perdere i

requisiti di originalità e imprevedibilità alla base di questo approccio. Però è possibile se l’idea è

forte o se passano svariati anni da una comunicazione all’altra.

1.5.5 - Difficoltà di misurazione

•• Ultimo punto critico della comunicazione non convenzionale è la valutazione dell’efficacia. Il

risultato è più misurabile solo se tra i mezzi sui quali poggia la campagna vi è la rete

(visualizzazioni, condivisioni, like, tweet…). Secondo Popper stiamo passando da un mondo di

orologi (certo e prevedibile) a un mondo di nuvole (mutevole e caotico).

1.6 - Coltivare contaminazioni

•• La contaminazioni tra la comunicazione e le altre forme di provocazione (cultura pop, arte, letteratura e

musica) ha una lunga storia. Sono emersi oggi nuovi professionalità e metodologie di lavoro, come l’erge

marketing, il cool hunting e il cult searching, che studia le tendenze cercandone le opportunità di

trasposizione nel mondo della comunicazione. Si deve ricercare la molteplicità di stimoli e di idee (enrich) e

poi potenziare il pensiero, cercare una semplificazione e una sintesi (simplify).

2 - Marketing non concezionale

2.1 - Prologo

•• Il marketing non convenzionale può essere ritenuto una “immacolata concezione”, cioè un modo per

produrre idee prive del peccato originale del marketing tradizionale?

2.2 - Questione di spazio, questione di tempo, questione di creatività

•• Marketing non convenzionale è il tentativo di dilatare gli spazi di incontro tra le marche e il pubblico. In

questo modo si dilata al consumatore il tempo disponibile. Il prezzo lo paghiamo noi esseri umani a gestire

molte più cose nello stesso tempo, e ciò fa aumentare lo stress. Quanto le aziende sono disposte a fare

comunicazione non convenzionale? Dipende dal valore e dal prodotto, così come dal budget ma

soprattutto dall’età del target, dall’età e dall’autonomia del decision maker aziendale, dalla pressione sui

risultati a breve termine. Sulla comunicazione alternativa troveremo scettici a oltranza, possibilisti molto

prudenti e gli entusiasti. La marca non deve essere una delle migliaia di mani che sventolano in piazza. La

creatività di marca deve farsi notare. La conquista del tempo del consumatore è l’obiettivo delle aziende. È

importante non far sentire il destinatario usato e derubato del suo tempo, ma anzi farlo sentire rispettato e

stimato (sbagliato il volantino sul parabrezza: è intrusività).

3 - La guerra per vincere l’attenzione del consumatore

3.1 - War games

•• Negli anni Sessanta Avalon Hill crea i giochi da tavolo che sono passati alla storia con il nome di “war

games”, curati nei dettagli ed erano fondati sulle strategie e la storia realistica. Nel 1998 l’Avalon Hill

chiude perché è cambiato il concetto di battaglia, guerra, esercito. I confini geografici vengono soppiantati

da quelli culturali, le armi convenzionali sostituite da quelle non convenzionali, imprevedibili come i loro

effetti…

Parlando di mercato e di marketing, è facile parlare usando la semantica della guerra: missione, visione,

strategia, tattica, azioni globali e locali, territorio, conquista, campagne, annuncio, target, impatto,

efficacia, punti di debolezza e di forza, ambush (imboscata) e guerrilla. In Italia pubblicità e tv si sono fuse

invincibilmente nella guerra per l’attenzione dei consumatori, che guardavano la pubblicità (Carosello) con

lo stesso entusiasmo che dedicavano a qualsiasi altro spettacolo tv.

3.2 - Guerrilla e cultural jamming

•• Nel 1984 Levinson pubblica Guerrilla Marketing. Nel 1989 in Canada Lasn e Schmalz fondano

Adbusters, organizzazione non profit impegnata nella lotta contro il consumismo sfrenato e il

comportamento scorretto dei media e della pubblicità, avendo come base ideologica il cultural jamming

(interferenza culturale), una forma di attivismo che prevede la messa in atto di azioni prevalentemente

illegali di guerrilla della comunicazione contro le corporation con l’obiettivo di distorcere il messaggio

originario dell’azienda o di metterlo in ridicolo o di creare uno spunto di riflessione stimolando il senso

critico dei consumatori. Convinti sostenitori del cultural jamming sono per esempio gli attivisti di

Greenpeace: fare azioni spettacolari e rilevanti permette una copertura gratuita dei media. Tra aziende e

agenzie di pubblicità con metodi di comunicazione tradizionali e i gruppi di cultural jamming c’erano i

consumatori. In questo scenario di guerra, tutto era chiaro: divise, confini geografici, armi e metodi. Si

giocava ancora ai war games.

3.3 - Armi spuntate e rivoluzioni

•• Oggi invece il target è mobile: non è più in un solo paese, ma è in tutto il mondo, dovunque, senza

muoversi di casa. Oggi il target fa il download solo di quello che vuole e può anche fare l’upload di notizie,

intrattenimento e gradimento o critica della pubblicità. E ha scoperto che può incontrarsi e conversare,

oltre che unire le forze e far cambiare le cose: è la rivoluzione del web, l’inizio dello scisma teorizzato dal

Cluetrain Manifesto di Levine.

3.4 - Creatività ed efficacia

•• Oggi la tv è ancora il mezzo più usato. Internet viene subito dopo ed è in crescita. Il mercato non chiede

l’abbandono della tv, ma al massimo un ripensamento dei contenuti e dei toni. Oggi si usa di tutto, senza

nessun limite alla fantasia, purché l’azione o il mezzo ideato siano efficaci, facciano notizia, inneschino il

passaparola. La comunicazione non convenzionale prende molto dall’arte, in particolare dal detournement

surrealista (assemblare elementi tra loro creando qualcosa di nuovo), dal dadaismo di Duchamp (un

oggetto comune appena modificato o semplicemente posto in un contesto non abituale diventa

sorprendente), dalla body art (corpo stesso come materia prima per esprimere arte, come il lavoro di

Abramovic), dal graffiti writing (Banksy).

3.5 - Le regole del gioco

•• La pubblicità tradizionale è regolamentata in modo che l’azienda X paga la cifra Y per disporre di Z

tempo e spazio per parlare al consumatore. Ma qual è il prezzo che le aziende pagano alla comunità per

mettere in atto alcune azioni di comunicazione non convenzionali? E a chi viene corrisposto questo

prezzo?

4 - Regola n. 1: restituire

4.1 - Un Festival di cui occuparsi

•• Dal 1954 i professionisti di marketing di tutto il mondo si danno appuntamento a Cannes nel mese di

giugno per il Cannes Lions, il Festival Internazionale della Creatività, un evento di sette giorni che

coinvolge novanta paesi; non solo pubblicità, ma tutta la comunicazione, e catturano tutto ciò che di

nuovo sta accadendo nel digitale. Il Festival è un vero centro di innovazione e di idee da cui si impara

molto. 40mila lavori iscritti, 17 giurie che valutano 17 categorie di lavori, numerosi premi speciali, quasi

100 paesi partecipanti. Vengono premiate le campagne più creative nel concept, nella realizzazione e nei

risultati. Le aziende puntano a vincere più premi (= più creatività = più business per i clienti = più business

per l’agenzia). Vincono sia le agenzie sia le aziende che vi partecipano. L’Italia ha vinto molti primi negli

ultimi anni. Seguono quattro esempi di vincitori dalle ultime edizioni.

4.2 - Channel 4 - Meet The Superhumans: il valore della qualità della produzione

•• Le Paralimpiadi non sono mai riuscite a scaldare i cuori degli appassionati di sport, sempre viste come

un evento minore. Channel 4, emittente tv britannica, in occasione delle passate Olimpiadi di Londra 2012

si era aggiudicata i diritti di trasmissione delle Paralimpiadi, che per la prima volta sono state presentate e

celebrate come fossero le Olimpiadi principali, dove gli atleti non erano da commiserare per la loro

difficoltà ma anzi da ammirare per via dei loro handicap: non sono semplici atleti, ma superuomini e

superdonne: “Meet the Superhumans”. Una campagna che fa vedere allenamenti, gare e incidenti degli

atleti, senza nessuno sconto né paternalismo. Sul campo quegli atleti hanno la loro chance di riscatto, da

vivere fino in fondo. Il pubblico ha veramente gradito: 11,6 mln di spettatori hanno seguito la cerimonia di

apertura dei giochi. La campagna di Channel 4 è stata articolata su diversi mezzi (tv, stampa, concerto

live, digital, social e mobile app), tutto di qualità cinematografica.

4.3 - Intel - The Beauty Inside: la vera integrazione tra social network e storytelling

•• Gli spot pieni di informazione per soli addetti ai lavori prodotti dai tecnocrati sta volgendo al termine per

lasciare spazio, in comunicazione, al beneficio per gli utenti: più megapixel? Anche dall’ultima fila alla

recita di tuo figlio, le foto verranno benissimo. Più giga di memoria? Ancora più musica, app e video. Intel

ha scritto una storia mettendo al centro le persone: The Beauty Inside, parafrasando il loro payoff “Intel

Inside”. Il tutto basato sul coinvolgimento delle persone che registrano pezzi della storia stessa creando

user generated content. Alex è un uomo che ogni giorno si sveglia in un corpo diverso: un giorno è

bambino, quello dopo anziano… Questo a lui non importa, è felice e conduce una vita normale. Poi si

innamora. Come si può coltivare una relazione se ogni giorno cambia il nostro corpo? Ma ciò che conta è

la bellezza interiore: the beauty inside. 70 milioni di visualizzazioni e 26 milioni di interazione nei primi

mesi.

4.4 - Oreo - Celebrate the 100th Anniversary: il real time marketing

•• Real time marketing è quando un temporale estivo ci coglie impreparati e spuntano come funghi decine

è la capacità di rispondere in tempo reale a una

di venditori ambulanti armati di ombrelli da vendere:

mutata condizione di mercato, offrendo un prodotto o servizio ad hoc. L’obiettivo per la celebrazione

del Centesimo anniversario di Oreo non è la vendita ma un messaggio attuale e realizzato in tempo reale in

risposta a un evento. Cento anni può dire diventare vecchi o essere percepiti come tali. La risposta è Oreo

Daily Twist: ogni giorno per cento giorni si posta un contenuto sui social, mezzo più giovane in assoluto.

Una redazione ogni mattina setacciava tutto ciò che il mondo avesse da offrire come spunto per un nuovo

messaggio della campagna (Gay Pride, film di Batman, Gangnam Style…). Un bel format da replicare

potenzialmente all’infinito. Ma Oreo già in passato ha dimostrato prontezza di riflessi: al Super Bowl del

2012 c’è stato un black out durante l’intervallo. In soli 4 minuti Oreo ha postato una pubblicità scrivendo:

“Power out? No problem. - You can still dunk in the dark”.

4.5 - Melbourne Metro - Dumb Ways to Die: l’uso strategico degli earned media

•• Un budget di 10mila euro e un messaggio detto e ridetto: fare attenzione a non attraversare i binari.

Coinvolgendo una importante agenzia creativa (McCann) il patto è stato quello di pagare una cifra molto

bassa, ma di avere completa libertà creativa. Punto di partenza la consapevolezza che quando vieti

qualcosa a qualcuno o procuri apatia o istigazione a delinquere. Allora si è reso il messaggio una forma di

intrattenimento trasformando il noioso monito contro i pericoli di un attraversamento a una divertente saga

sui mille modi stupidi di morire: Dumb Ways to Die. La visualizzazione a cartoon ne stempera i passaggi

più crudi e la canzoncina è orecchiabilissima. Primo passo è stato pubblicare il video della canzone su

Youtube, e a pochi giorni è diventato il contenuto virale più condiviso di sempre dagli utenti. La canzone è

stata resa disponibile su iTunes, scalando le classifica di vendita e ha cominciato il rodaggio che in radio.

È stato pubblicato un libricino per i più piccoli e rilasciato un gioco per smartphone (per completare i

touchpoint). Nelle stazioni sono state predisposte versioni karaoke per intrattenere le persone dall’attesa.

Sono poi stati postati sui social molti contributi degli utenti. La pubblicità è diventata lo spot di servizio

pubblico più famoso di sempre nella storia. Ha guadagnato 60mln di dollari di spazio gratuito sui media e

ha fatto registrare un 21% di incidenti in meno. Ogni forma di advertising è in genere una interruzione-

invasione di spazi, quindi il minimo per farci accettare è che sia un intrattenimento, un servizio o una

informazione. Per avere indietro, bisogna prima dare.

5 - Insight non convenzionali dal planning strategico

5.1 - Premessa (necessaria)

•• La comunicazione non convenzionale non è definibile per definizione: se proviamo a identificarne regole

e principi, diventa convenzionale.

5.2 - Il consumatore è morto. Lunga vita al consumatore

•• La comunicazione evolve quotidianamente, assumendo forme sempre nuove e richiedendo formule

inedite per descriverne il modello ideale. Oggi non si parla che di real time marketing, storytelling e

content marketing. Il termine “consumatore” rimane al centro di qualsiasi modello di comunicazione.

Consumatore suggerisce un’utenza passiva rispetto ai marchi e ai prodotti che “consuma”; niente di meno

attuale. La tecnologia ha aumentato la velocità soprattutto in comunicazione (prima si poteva scrivere solo

con la vecchia e lenta posta, oggi invece si possono costruire o intrattenere relazioni con più persone, in

più luoghi del mondo e allo stesso tempo. Lo stesso fanno le pubblicità: le marche corteggiano sempre

più spesso le persone secondo gli stessi principi, aumentando la presenza, la frequenza e la velocità dei

contatti di relazione. Non è vero che all’aumentare della velocità di contatto diminuiscono

necessariamente le componenti di emotività o relazionalità, obiettivo principe di ogni azienda. Oltre alla

velocità, la tecnologia ha portato anche a una diversa direzione della nuova comunicazione: non più solo

comunicazione top-down, ma anche orizzontale (tra individui) e bottom-up (dall’individuo alla marca). C’è

partecipazione nella creazione o comunicazione del prodotto o del messaggio. Questo per il desiderio di

protagonismo degli individui. Per rispondere alla voglia di protagonismo e partecipazione, molte aziende

sono state costrette a perdere la propria immagine monolitica evolvendo verso un marketing mix che le

rende meno uguali a se stesse e più in linea con i potenziali adepti. YouTube già dal nome e dal logo ci

dice che gli utenti sono centrali.

5.3 - “To hell with lines”: la new communication economy

•• Il mondo della comunicazione sta cambiando. Nascono nuovi tipi di agenzia, nuovi mezzi e discipline

della comunicazione, oltre che nuovi concezioni. Oggi vi è la corsa a diventare digitali. Tutto ciò che è

analogico non funziona (comunicazione broadcasting o marketing di massa, con il principio di massimo

numero di individui raggiunti con il minimo sforzo di differenziazione del messaggio). La marca

comunicava, l’individuo riceveva e in seguito consumava. Oggi la comunicazione non è unidirezionale ma

Non bisogna più comunicare “a”, ma favorire una

sempre più relazionale, basata sull’engagement.

comunicazione “tra”. Si sviluppano allora piattaforme di social listening, che usano il web come

laboratorio analisi delle opinioni e delle idee degli individui a riguardo di marche e prodotti. Il moltiplicarsi

dell’immediatezza e della partecipazione può essere di estremo giovamento alle aziende ma anche una

pericolosissima cassa di risonanza. Oggi le aziende innovative si basano più che sul feedback sul feed-

forward (si ascoltano le preferenze e le visioni dei consumatori, trasformandole in realtà - Nel mulino che

vorrei): è il narrowcasting (contrario al broadcasting: dall’azienda al consumatore e viceversa): per ogni

prodotto e per ogni target e per ogni mezzo si creano comunicazioni diverse o addirittura campagne

diverse. È meglio comunicare in modo mirato a meno consumatori che a tanti in modo generico. Una

marca è un contenitore di percezioni.

5.4 - La strategia ha bisogno di convenzioni

•• Pianificare una non-convenzione è il più assurdo dei paradossi. Primo insight (fatto, intuizione) è che la

comunicazione non è arte (l’arte è istintiva e ha un alto grado di libertà, mentre la comunicazione prevede

un livello di pianificazione necessario a prescindere da quale forma assuma, convenzionale e non. La

marca si sviluppa attraverso la costruzione di un insieme di percezioni coerenti nel tempo (senza di queste

è solo un marchio). Se guardiamo alla comunicazione non convenzionale, rintracciamo elementi di forte

coerenza (la coerenza costruisce marche forti). L’anti-convenzionale funziona solo se viene interpretato in

modo continuo, assumendolo come filosofia (esempio: Madonna). Per essere anti-convenzionali lo si deve

essere dentro e fuori. L’improvvisazione o la sporadicità non costruiscono capitale non convenzionale di

marca (Oreo Daily Twist: campagna di 100 giorni). Un buon planner deve capire dove va la società nel suo


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

13

PESO

98.76 KB

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in organizzazione e marketing per la comunicazione d'impresa
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher simone.scacchetti di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pubblicità e strategie di comunicazione integrata e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Panarese Paola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pubblicità e strategie di comunicazione integrata

Riassunto esame Pubblicità e strategie di comunicazione integrata, prof. Panarese, libro consigliato La pubblicita' nonostante i mass media - Verso una comunicazione integrata di marca
Appunto
Riassunto esame Pubblicità e strategie di comunicazione integrata, prof. Panarese, libro consigliato Pubblicita' e comunicazione integrata - Modelli processi contenuti
Appunto
Riassunto esame Internet e social media studies, prof. Epifani, libro consigliato Nuovi media e ricerca empirica - I percorsi metodologici degli Internet Studies
Appunto
Riassunto esame Internet e social media studies, prof. Epifani, libro consigliato Social media marketing - Manuale di comunicazione aziendale 2.0
Appunto