Che materia stai cercando?

Riassunto esame Psicologia del Lavoro, Prof. Favretto, libro consigliato Giovani Imprenditori

Riassunto esame Psicologia del Lavoro, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente prof. Favretto, Giovani Imprenditori, dell'università degli Studi Carlo Bo - Uniurb, facoltà di Scienze della formazione. Scarica il file in PDF!

Esame di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni docente Prof. G. Favretto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1. Imprenditorialità, imprenditoria e potenziale

imprenditoriale

Studiare il fenomeno imprenditoriale contribuisce alla creazione di lavo e allo sviluppo. Per

comprendere l’imprenditorialità è importante analizzare anche le caratteristiche

dell’imprenditore stesso e delle sue potenzialità.

Definire l’imprenditorialità

2.

La ricerca sull’imprenditorialità ha avuto una rapida crescita in epoche più recenti; il primo

corso di imprenditorialità avvenne nel 1947 alla Harvard University; è dagli anni 70 che

nascono e si sviluppano Centri Studio, Accademie e riviste scientifiche dedicate a questo

tema. “la persona che opera per generare valore attraverso la creazione e

➢ Imprenditore:

l’espansione di attività economiche, identificando e sfruttando nuovi prodotti, processi

o mercati”. “è l’azione umana di intraprendere la ricerca della

➢ Attività Imprenditoriale:

produzione di valore, attraverso la creazione o l’espansione di attività economiche,

identificando e sfruttando nuovi prodotti, processi o mercati”.

“sono gli eventi associati all’attività imprenditoriale”.

➢ Imprenditorialità:

L’imprenditore e il lavoratore autonomo possono essere equiparati, sono infatti entrambi

soggetti impegnati in forme di lavoro che provvedono al proprio reddito in forma

indipendente. Va fatta una distinzione tra:

• sono concentrate sulla differenza tra l’utilizzo

Prospettive prettamente economiche:

dei capitali, innovazione e allocazione di risorse (distribuzione delle risorse).

L’imprenditore è responsabile delle decisioni che riguardano il posizionamento, la

forma, l’uso delle merci e le risorse;

• Prospettive manageriali: sono focalizzate sulle diverse abilità di decision making,

l’imprenditore identifica le opportunità e mette insieme le risorse necessarie, definendo

un piano d’azione.

L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico e la Commissione delle

Comunità Europee hanno dato delle definizioni di imprenditorialità in cui le due prospettive

sopra descritte sono tra loro integrate: - 5 -

• L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico: gli imprenditori sono

gli agenti del cambiamento e dello sviluppo nel mercato economico e possono

accelerare la creazione, lo sviluppo e l’applicazione di idee;

• Commissione delle Comunità Europee: si tratta della motivazione e della capacità del

da solo o nell’ambito di un’organizzazione, di riconoscere un’occasione e di

singolo,

trarne profitto con lo scopo di produrre un nuovo valore o successo economico.

Creatività e innovazione sono necessarie per entrare nel mercato restando competitivi.

in successo un’iniziativa imprenditoriale è necessaria la capacità di

Per trasformare

combinare creatività/innovazione con una buona gestione.

Per l’avvio di un’impresa si evidenziano forti legami tra gli elementi personali e contestuali.

ora si muovono verso una maggior inclusione delle

I modelli di studio dell’imprenditorialità

discipline che permettono di comprendere il fenomeno attraverso lo studio delle variabili

della persona e dell’ambiente.

3. Lo scenario Imprenditoriale Internazionale e

Nazionale

imprenditoriale permette l’espressione della visione originale della creatività, degli

Il lavoro

obiettivi e della realizzazione della persona; crea ricchezza materiale e valore, genera

occupazione e contribuisce alla qualità della vita nella comunità locale.

Nel 2011 hanno avviato impresa 338 milioni di persone (42 % donne, 42,5 % giovani tra i

18 e i 45 anni). In Europa il 12 % dei cittadini è coinvolto in attività imprenditoriale (in Italia

11%, USA 21 %). Il tasso di imprenditorialità in Europa è più alto per gli uomini (25/54 anni)

con un alto livello di istruzione, con scarsi problemi economici e un background familiare

(per gli uomini è più facile essere coinvolti in attività imprenditoriali). In Europa, inoltre, chi

inizia o prosegue un’attività imprenditoriale lo fa soprattutto perché vede in questa

un’opportunità (55%) rispetto a chi lo fa per necessità (28%). La nostra economia è

caratterizzata dalla presenza predominante di imprese micro (fino a 9 addetti), piccole (da

10 a 49 addetti) e medie (fino a 250 addetti).

Il dato relativo alle imprese giovanili (da under 35) segnala una flessione (11,8 % nel 2010

e 11,4% nel 2011). Le imprese femminili invece sono il 23,5%. I neoimprenditori italiani

(nuove imprese nate nel 2011) sono: 74,2 % uomini, 45,5% giovani (under 35), diplomati

48,9%. Il capitale utilizzato da questi per l’avvio dell’impresa è: per il 42% inferiore a 5mila

euro, per il 30% al massimo 10mila e infine solo l’1,5% ha avuto bisogno di più di 100mila

euro.

4. Misurare il potenziale imprenditoriale: il Test di

®

Attitudine Imprenditoriale - TAI

L’American definisce l’attitudine come «la

Psychological Association capacità di acquisire

competenze o abilità attraverso la formazione. Attitudine specifica è il potenziale in un

determinato ambito; attitudine generale è il potenziale in diversi settori. Entrambi sono

distinti dalla ABILITÀ, che è una competenza esistente».

- 6 -

L’attitudine imprenditoriale è intesa come il potenziale verso la creazione e lo sviluppo di

®

impresa e lavoro autonomo. Il TAI è uno strumento che permette ad una persona di avere

a disposizione un profilo del suo potenziale imprenditoriale. Rileva in particolare le attitudini

personali ad un lavoro di tipo autonomo e imprenditoriale con domande su 8 fattori:

1) Orientamento al risultato: determinazione a perseguire un obiettivo e percezione di

avere controllo sulla situazione;

2) Leadership: attitudine alla dirigenza;

3) Adattamento: capacità di percepire i mutamenti ambientali e adattarcisi;

4) Need for Achievement: spinta ad ottenere fama e successo sociale;

5) Need for Self-Empowerment: spinta a realizzare sé stessi nel proprio lavoro;

6) Innovazione: atteggiamento e curiosità verso il nuovo;

7) Flessibilità: tendenza a riorientare i propri obiettivi in base alla situazione;

8) Autonomia: necessità di avere un proprio spazio autonomo di decisione e scelta,

presenta inoltre un’area trasversale chiamata “Attitudine Imprenditoriale Globale”.

L’utilizzo del TAI ® ha evidenziato che chi ha un buono punteggio ha meno difficoltà nelle fasi

di avvio all’impresa. L’obiettivo principale è quello di fornire nella persona una

consapevolezza dei suoi punti di forza e delle aree invece che possono essere migliorate,

per affrontare più professionalmente e con più chiarezza una scelta impegnativa quale è il

lavoro autonomo/imprenditoriale. ■ □ ■

- 7 -

1. Il Quadro Europeo delle Qualifiche, le competenze e

l’imprenditorialità

L’imprenditorialità è la forza trainante dell'innovazione nel mercato del lavoro, infatti senza

nuove imprese che aumentano il potenziale di innovazione, il valore sociale del territorio

rivela una scarsa capacità di stimolare la crescita e lo sviluppo locale. Nel 2005 l’UE ha

inserito l’imprenditorialità nella Proposta per le 8 Competenze Chiave per l’Apprendimento

Permanente. Le competenze chiave per l'apprendimento permanente sono una

combinazione di conoscenze, abilità e attitudini appropriate al contesto. In particolare, sono

necessarie per la realizzazione e lo sviluppo personali, la cittadinanza attiva, l’inclusione

sociale e l’occupazione.

Il Parlamento Europeo definisce l’imprenditorialità come la capacità di una persona di

tradurre le idee in azioni.

Uno dei risultati più esplicativi è riscontrabile nella strutturazione del prospetto del Quadro

Europeo delle Qualifiche (QEQ), che si basa sulle descrizioni delle conoscenze, abilità,

capacità e delle competenze necessarie per far fronte ai cambiamenti strutturali

dell'economia che hanno cambiato la natura dei vantaggi relativi di cui gode l'Europa. È uno

riferimento per “tradurre” quadri di qualifiche e livelli di apprendimento dei diversi

schema di

paesi e che agisce come dispositivo per renderli più leggibili.

Il QEQ è costituito da 8 livelli di riferimento di base (diploma scuola superiore) ad avanzato

L’obiettivo principale degli 8 livelli di riferimento sono i risultati

(es. dottorato).

dell’apprendimento che sono specificati in 3 categorie:

1) Conoscenze;

2) Abilità;

3) Competenze.

Ovvero, ciò che uno studente conosce, capisce ed è in grado di fare al termine del processo

di apprendimento.

Competenze chiave per l’imprenditorialità: una

2. proposta

Forti dagli assunti teorici riportati precedentemente, all’interno di un progetto finanziato dalla

Regione Veneto e realizzato dall’Università di Verona dal titolo “Analisi delle competenze

dell’Imprenditore” si è cercato di applicare il modello QEQ alle competenze riconosciute a

Identificando e descrivendo i risultati dell’apprendimento

questa figura professionale.

formale e non formale dell’imprenditore, si passa anche dai livelli di formazione scolastica e

della manodopera qualificata, sino ad arrivare alla professione imprenditoriale vera e

propria. Quindi, per raggiungere un livello più elevato non significa che un imprenditore deve

- 8 -

avere più conoscenze e abilità rispetto a un livello inferiore, ma che le competenze sono

diverse.

L’idea di articolare i livelli degli apprendimenti del Quadro Europeo delle Qualifiche con le

competenze acquisite nei contesti informali e non formali sono serviti di base nella adozione

la validazione e certificazione delle competenze dell’imprenditore.

di criteri per

Il primo livello QEQ, sostiene che una persona deve possedere conoscenze di base generali

e abilità di base per svolgere mansioni e compiti semplici.

LIVELLI DI APPRENDIMENTI CONOSCENZE IMPRENDITORIALI

(QEQ) Conoscenza di sé, degli strumenti per svolgere

Livello 1 l’attività e delle fonti di informazione.

Conoscenza commerciale e relativa alle

Livello 2 vendite/erogazione del servizio.

Conoscenza sul mercato (prezzi, costi) conoscenza

l’avvio di un’attività autonoma

Livello 3 sulla forma giuridica per

e per progettare un Business Plan.

Conoscenza manageriale per l’organizzazione e la

gestione della propria impresa e conoscenze sugli

Livello 4 strumenti di verifica e degli aspetti amministrativi,

fiscali e contabili.

Conoscenza delle caratteristiche individuali dei

partecipanti dell’impresa e dei processi comunicativo–

Livello 5 relazionali di stimolare, guidare, controllare il lavoro

degli altri.

Conoscere gli strumenti di comunicazione necessari

Livello 6 per porsi in relazione con i destinatari interni ed esterni

dell’impresa.

Conoscenza dei principali processi comunicativi e

Livello 7 conoscenza teorica e pratica di una lingua straniera.

Conoscenza degli strumenti innovativi di marketing e

Livello 8 delle nuove soluzioni tecnologiche.

- 9 - à à

LIVELLI DI APPRENDIMENTI ABILITÀ/CAPACITÀ IMPRENDITORIALI

(QEQ) Capacità di pianificazione parziale e globale del

lavoro, di organizzazione dell’attività e di raccogliere

Livello 1 informazioni.

Capacità di rendicontazione, di messa a registro di

materiale e forniture e di analizzare e gestire le voci di

Livello 2 spesa. Capacità di adeguare il servizio offerto alle

esigenze della clientela di erogare il servizio.

Capacità di gestione aziendale, di analizzare il

mercato, di aggiornarsi, di orientarsi sul mercato.

Livello 3 Capacità specifiche del settore di riferimento e di

individuare la clientela, i fornitori e i prodotti.

Capacità di analisi di valutazione, di comunicazione,

di gestione delle persone e determinazione nel

Livello 4 raggiungere gli obiettivi, di assumere rischi, di iniziativa

e determinazione per risolvere problemi.

Capacità di leadership, di delega, di individuare i

Livello 5 propri punti di forza e di debolezza.

Capacità di confrontare i dati statistici con quelli di

realtà, di anticipare gli eventi e usare e comprendere

Livello 6 le nuove tecnologie dell’informazione e di articolare le

diverse medie.

Capacità di usare lingua straniera come strumento

Livello 7 d’accesso al mondo dell’informazione.

Capacità di innovazione nella vita personale e

Livello 8 sociale.

È difficile possedere conoscenze su tutti i livelli, di solito alcuni livelli sono affidati alla

competenza di altri professionisti. Le competenze possono essere identificate e

standardizzate in:

− che fanno parte di un’attività operazionale;

Tecniche:

− Strategiche: riguardano la propria visione di mercato;

− Comportamentali: ciò che facilita il rapporto con altri imprenditori/fornitori/clienti, il

modo di negoziare con gli altri, di assumersi la leadership e di relazionarsi con gli altri.

- 10 -

Le evidenze o indicatori per riconoscere le competenze e fare un Analisi di Competenze

Imprenditoriali sono:

COMPETENZE INDICATORI

Saperi che nascono dall’esperienza, con gli scambi

Sapere pratico tra le persone indipendentemente dal contesto.

Saperi formalizzati e codificati da un determinato

Sapere tecnico settore.

Determinazione a proseguire un obiettivo e

Orientamento al risultato percezione di avere un forte controllo della situazione.

Leadership Attitudine alla dirigenza.

Autonomia Necessità di avere un proprio spazio.

Need for Self-Empowerment Spinta alla realizzazione mediante il proprio lavoro.

Need for Achievement Spinta ad ottenere fama e successo sociale.

Innovazione Atteggiamento e curiosità verso il nuovo.

Tendenza a riorientare i propri obiettivi in base alla

Flessibilità situazione.

Capacità di percepire i mutamenti ambientali e di

Adattabilità adattarsi ad essi.

■ □ ■

- 11 -


PAGINE

16

PESO

460.33 KB

AUTORE

Ren23

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Ren23 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Favretto Giuseppe.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia del lavoro e delle organizzazioni

Riassunto esame Psicologia del Lavoro, Prof. Favretto, libro consigliato Le Forme del Mobbing
Appunto
Organizzazione del lavoro per lo sviluppo delle risorse umane
Appunto
Psicologia Sociale
Appunto
Storia della Psicologia e Argomenti di Storia della Psicologia
Appunto