Che materia stai cercando?

Riassunto esame Psicologia Clinica, prof. Ruggieri, libro consigliato Psicologia Clinica, Sanavio, Cornoldi

Riassunto per l'esame di Psicologia Clinica, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Ruggero Ruggieri: Psicologia Clinica, Ezio Sanavio - Cesare Cornoldi. Gli argomenti trattati sono i seguenti: psicodiagnostica, colloquio clinico, interviste strutturate, test di intelligenza, psicologia clinica dello sviluppo e disturbi psicologici evolutivi,... Vedi di più

Esame di Psicologia clinica docente Prof. R. Ruggieri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

4. TEORIE E FATTORI SOTTOSTANTI AI DISTURBI PSICOLOGICI DELLO

SVILUPPO ................................................................................................................................... 14

5. FATTORI SOCIALI E SOCIOLOGICI PROBLEMATICI ........................................... 15

6. PROBLMEATICHE EVOLUTIVE CON FORTI IMPLICAZIONI SOCIALI:

BULLISMO, TOSSICODIPENDENZA, DELIQUENZA GIOVANILE ......................... 16

7. I PRINCIPALI DISTURBI EVOLUTIVI ......................................................................... 17

DISTURBI DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA NEL DSM IV ............ 17

8. I DISTURBI DELLA CONDOTTA E I DISTURBI DI

ATTENZIONE/IPERATTIVITA’ ......................................................................................... 19

9. I BAMBINI CON DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO, DELLA

COMUNICAZIONE E DELLA COORDINAZIONE MOTORIA..................................... 20

11. DISTURBO AUTISTICO .................................................................................................. 21

14. DISTURBI D’ANSIA E DEPRESSIONE ...................................................................... 21

15. PSICOLOGIA CLINICA E MEDICINA ......................................................................... 22

CAP 7 - DISTURBI D’ANSIA .................................................................................................. 23

1. L’ANSIA E LA SUA STRUTTURA ................................................................................... 23

2. DISTURBO DI ANSIA GENERALIZZATO ............................................................... 23

3. ATTACCHI E DISTURBO DI PANICO .......................................................................... 24

4. FOBIE SPECIFICHE .......................................................................................................... 24

5. FOBIA SOCIALE ................................................................................................................. 25

6. DISTURBO DA STRESS ESTREMO ........................................................................... 25

7. DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO....................................................................... 25

CAP 8 - DISTURBI ALIMENTARI, SESSUALI, DA DIPENDENZA,

SOMATOFORMI, DISSOCIATIVI E DI PERSONALITA’ ............................................ 26

1. I DISTURBI DELL’ALIMENTAZIONE .......................................................................... 26

2. BULIMIA NERVOSA ........................................................................................................... 27

3. DISTURBI SESSUALI E DELL’IDENTITA’ DI GENERE ......................................... 27

3.1 PARAFILIE (PERVERSIONI SESSUALI) ............................................................. 28

3.2 DISTURBO DELL’IDENTITA’ DI GENERE ......................................................... 28

4. DISTURBI SOMATOFORMI ............................................................................................. 29

5. DISTURBI DISSOCIATIVI ................................................................................................ 29

6. DIPENDENZA DA SOSTANZE ........................................................................................ 29

7. DISTURBI DI PERSONALITA’ ........................................................................................ 30

CAP 5 - SCHIZOFRENIA E ALTRI DISTURBI PSICOTICI ........................................ 32

2

1. ALLUCINAZIONI E DELIRIO .......................................................................................... 32

2. SCHIZOFRENIA ................................................................................................................... 32

3. ALTRI DISTURBI PSICOTICI .......................................................................................... 33

4. EREDITA’ E AMBIENTE NEI DISTURBI MENTALI: IL CASO DELLA

SCHIZOFRENIA ........................................................................................................................ 34

5. EZIOLOGIA DELLA SCHIZOFRENIA ........................................................................... 34

6. TRATTAMENTO .................................................................................................................. 35

7. INTERVENTI PRECOCI .................................................................................................... 35

8. TRATTAMENTI BIOLOGICI INVASIVI ....................................................................... 36

CAP 6 - DISTURBI DELL’UMORE ...................................................................................... 37

1. EZIOLOGIA DELLA DEPRESSIONE ............................................................................. 37

2. I FARMACI COME AIUTO AL LAVORO DELLO PSICOLOGO CLINICO: IL

CASO DEGLI ANTIDEPRESSIVI ......................................................................................... 38

3. LA TERAPIA PSICOLOGICA DELLA DEPRESSIONE ............................................. 39

4. EPISODIO MANIACALE E DISTURBO BIPOLARE ................................................. 39

5. SUICIDIO ................................................................................................................................ 40

6. VALUTARE IL RISCHIO SUICIDARIO ......................................................................... 40

CAP 4 - LA MALATTIA MENTALE. LA FOLLIA E LA SUA STORIA .................... 41

1. LA FOLLIA E LA SUA STORIA ........................................................................................ 41

2. STIGMA SOCIALE ............................................................................................................... 43

3. INCAPACITA’ DI INTENDERE E VOLERE ................................................................. 43

4. TRATTAMENTO SANITARIO OBBLIGATORIO ...................................................... 43

5. ISTITUZIONI TOTALI E RIFORMA PSICHIATRICA .............................................. 44

6. SALUTE MENTALE BASATA SULLE EVIDENZE .................................................... 44

7. LINEE GUIDA ....................................................................................................................... 45

8. EPIDEMIOLOGIA DEI DISTURBI MENTALI ............................................................ 46

9. COOMORBIDITA’ ................................................................................................................ 46

10. RICORSO AD AIUTO SPECIALISTICO ...................................................................... 47

CAP 10 - PSICOSOMATICA E PSICOLOGIA DELLA SALUTE ................................ 48

1. LO STRESS ............................................................................................................................. 48

2. STRESS E MALATTIA ........................................................................................................ 49

3. RUOLO DI MALATO E COMPORTAMENTO DI MALATTIA ............................... 50

4. PRINCIPALI SINDROMI PSICOSOMATICHE............................................................ 50

5. GESTIONE DELLO STRESS E TERAPIE PSICOFISIOLOGICHE ......................... 51

3

6. DALLA MALATTIA PSICOSOMATICA ALLA MALATTIA .................................... 53

7. MEDICINA COMPORTAMENTALE .............................................................................. 53

8. DALLA MALATTIA ALLA SALUTE ............................................................................... 54

9. PSICOLOGIA DELLA SALUTE ........................................................................................ 55

CAP 11 - PSICOTERAPIA ....................................................................................................... 55

1. CARATTERISTICHE COMUNI E PREREQUISITI DEI DIVERSI TIPI DI

PSICOTERAPIA ........................................................................................................................ 55

2. PSICOANALISI ..................................................................................................................... 56

4

CAP 1 - NASCITA E AFFERMAZIONE DELLA PSICOLOGIA CLINICA

1. CHE COSA SIGNIFICA “APPROCCIO CLINICO”

Il termine clinica deriva dal greco “klyne” (letto) e indica l’attività che il medico

svolge al letto del malato.

A cosa si riferisce la p.c.?

La psicologia clinica fa riferimento alla malattia e alla sofferenza e al fatto di

dare aiuto ricorrendo a conoscenze e metodi psicologici.

Finalità dello psicologo clinico: ispirata all’intenzione di porgere aiuto e

rispondere alla dimensione psicologica di una sofferenza.

APPROCCIO CLINICO - indica il primato dell’osservazione e del riscontro

empirico.

Si contrappone alla medicina che faceva diagnosi e terapia per assiomi e

sillogismi, sostituendo l’osservazione con citazioni e rimandi all’autorità dei

grandi medici e filosofi del passato.

L’approccio clinico si avvicina a un approccio idiografico, che mira al singolo

nella sua forma storicamente determinata.

Approccio nomotetico: cerca di scoprire le leggi e conoscere la natura delle cose.

2. PSICOLOGIA CLINICA E PSICOLOGIA DI BASE

Che rapporto c’è tra p.c. e p. di base?

Oggi è palese la continuità tra psicologia di base e lavoro clinico.

La psicologia clinica è una scienza applicata, diretta emanazione e

applicazione delle conoscenze e delle metodologie sviluppate dalla psicologia

di base.

3. DEFINIZIONI

Psicologi clinici - studiano e si occupano specificatamente di disturbi mentali.

DEFINIZIONE dell’APA (American Psychological Association)

La p.c. integra scienza, teoria e pratica al fine di:

• Capire, predire e alleviare disadattamento, disabilità e disagio

• Promuovere adattamento umano e sviluppo personale.

Si concentra sugli aspetti:

 Sociali

 Psicologici,

 Emotivi, 3

 Biologici,

 Intellettivi del funzionamento umano lungo tutto l’arco della vita nelle

varie culture e a tutti i livelli socio-economici.

DEFINIZIONE del Collegio dei professori universitari e dei ricercatori di

Psicologia clinica delle Università italiane:

P.c. - settore della psicologia i cui obiettivi sono:

• Spiegazione,

• Comprensione,

• Interpretazione

• Riorganizzazione dei processi mentali disfunzionali o patologici,

individuali e interpersonali, unitamente ai loro correlati

comportamentali e psicobiologici.

La p.c. si articola nelle seguenti componenti:

• Psicodiagnostica,

• Psicopatologia,

• Psicoterapia - punto di massima convergenza tra domanda, conoscenze

psicologiche, fenomeni indagati e metodi utilizzabili.

Si aggiungono come prospettive emergenti: psicologia della salute,

riabilitazione e counseling.

4. TAPPE DI UN PERCORSO

La psicologia clinica nasce tra l’800 e il ‘900 dalla confluenza di 2 tradizioni e

professioni:

1. Pratica dei reattivi mentali per la valutazione dei bambini

intellettivamente deficitari,

2. Pratica dell’ipnosi nel trattamento dell’isteria.

Le matrici culturali sono franco-tedesche, e si rifanno alle personalità di Binet,

Freud, Jung.

La p.c. conobbe la sua max espansione:

 Durante i 2 conflitti mondiali, quando collaborò alla selezione dei militari

e al reinserimento dei reduci di guerra.

 Negli Stati Uniti, a causa della diaspora indotta dall’antisemitismo nazista

e al dinamismo economico e sociale della società americana.

 In Italia e nel resto del mondo crebbero il riconoscimento legale e la

presenza di psicologi clinici nella pratica della psicoterapia.

Date rilevanti:

1875: nascita della psicologia - Wund fonda a Lipsia il primo laboratorio di

psicologia; 4

1896: nascita della psicologia clinica - Witmer istituisce la prima clinica

psicologica per studiare deficit ed incapacità mentali.

1952: l’APA mette a punto il DSM-I Diagnostic and Statistical Manual -

classificazione internazionale delle malattie mentali.

1978: in Italia la legge n. 180 “L. Basaglia” vieta i ricoveri in ospedali psichiatrici

e dispone la chiusura di quelli esistenti.

1989: viene riconosciuta la professione di psicologo attraverso una legge. 5

CAP 2- PSICODIAGNOSTICA

1. ESAME PSICODIAGNOSTICO

È / -

PIÙ DI UNA DIAGNOSI CLASSIFICAZIONE NOSOGRAFICA CATEGORIZZAZIONE DEL SOGGETTO

’ .

ALL INTERNO DI UNA DETERMINATA MALATTIA

• Processo di raccolta, analisi ed elaborazione di informazioni.

• Processo attivo simile al problem solving e decision making (non una

passiva raccolta di info).

• Struttura formale - costituita da una successione sistematica e

organizzata di approfondimenti e analisi del singolo caso e delle sue

peculiarità.

OBIETTIVO - acquisizione di una conoscenza approfondita del soggetto lungo

molteplici dimensioni psicologicamente rilevanti.

Durante l’assessment iniziale lo p. genera ipotesi e prende decisioni che

saranno tanto più varie a seconda dell’ampiezza della base di conoscenza della

ricerca scientifica ed esperienza dello p.

2. COLLOQUIO CLINICO

• Unità minima dell’esame psicodiagnostico.

• FINALITÀ - esame del problema del paziente.

• Processo di ricerca attiva delle coordinate che danno un senso

psicologico a quanto il paziente propone.

• Esplora il sistema cognitivo-verbale: ciò che il paziente pensa e dice di

sé.

• Rappresenta un setting di osservazione specifico e strutturato del

comportamento del paziente;

FINALITÀ

1. Esame del problema del paziente,

2. Stabilire una relazione di fiducia e collaborazione nella diade pz

psicologo. 6

9 FASI del c.c.:

1. Preliminari

2. Apertura - domanda aperta relativa al problema lamentato dal paziente.

3. Specificazione del problema - ci si concentra sul presente, su ciò che il pz

pensa e prova.

4. Analisi delle variabili funzionalmente correlate

5. Allargamento

6. Storia dei problemi - si risale dal 1° insorgere del problema fino al

momento attuale tracciandone la storia.

7. Storia personale

8. Analisi delle aspettative (del paziente)

9. Restituzione o chiusura - info su risultati di test, esami e tecniche

psicodiagnostiche che integrano i colloqui.

3. IL MODELLO MULTIDIMENSIONALE

Valutazione multidimensionale - integra info e misurazioni provenienti da

diversi piani, da considerare come valutazioni di dimensioni connesse tra loro

ma relativamente indipendenti.

Le info che si utilizzano per condurre l’e. p. sono classificate 3 CLASSI a seconda

del canale dal quale provengono.

1. Info provenienti da un canale verbale - tutto ciò che il paziente riferisce

attraverso i vari metodi d’indagine; non sono neutre ma soggette a

numerose variabili.

2. Info che provengono da un’osservazione diretta del comportamento

del pz (es. comportamento non verbale) influenzate da variabili di

contesto e connesse all’osservatore.

3. Registrazioni strumentali dell’attivazione psicofisiologica

dell’individuo - risposte elettrodermiche, attività elettromiografica,

temperatura periferica cutanea, frequenza cardiaca, respiratoria e

attività cerebrale.

4. ASSESSMENT PSICOFISIOLOGICO

S ’ . .

EGMENTO DELL E P

Valutazione delle risposte psicofisiologiche del pz.

INDICI PSICOFISIOLOGICI misurati nel tempo:

• Attività mioelettrica (livello di tensione muscolare)

• Frequenza cardiaca

• Frequenza respiratoria

• Temperatura periferica cutanea 7

• Pressione sistolica e diastolica

• Conduttanza cutanea.

FASI

1. Analisi della linea di base (condizione di riposo)

2. Valutazione della reazione di attivazione (fasica);

3. Confronto del livello di attivazione a riposo con quello in presenza di

condizioni-stimolo specifiche.

4. Redazione del profilo psicofisiologico.

Spesso si rilevano correlazioni molto basse tra autovalutazione soggettiva e

rilevazioni psicofisiologiche e questo può essere causato da alessitimia -

incapacità a riconoscere e verbalizzare il mondo delle emozioni; favorirebbe

l’insorgenza di malattie psicosomatiche.

5. OSSERVAZIONE

A .

IUTA NELLA RACCOLTA DI CAMPIONI DI COMPORTAMENTO

 O. naturalistica - ha luogo nell’ambiente naturale dove si può verificare

spontaneamente il comportamento preso in esame.

 Reattività di comportamento - cambiamento di comportamento per il

fatto di sapere di essere osservati.

 Automonitoraggio - tecnica intermedia tra valutazione soggettiva e

osservazione - si chiede al paziente di registrare il comportamento

avvenuto; procedura di elezione per eventi interni come impulsi,

emozioni e pensieri.

6. INTERVISTE STRUTTURATE

’ ’ .

SI COLLOCANO TRA L OSSERVAZIONE DIRETTA E L AUTOVALUTAZIONE SOGGETTIVA

Contenuto e modalità delle domande sono prestabiliti. Indagano un

costrutto e ne attribuiscono un punteggio (diversamente dal colloquio

clinico).

Sono state ideate al fine di ridurre gli errori diagnostici.

1. AAI Adult attachment interview

Classifica lo stile di attaccamento in età superiore ai 16 anni.

2. SS Strange Situation

Procedura elettiva di assessment dell’attaccamento nella prima infanzia

3. Type A coronary prone behavior structured interview

Intervista provocativa, tesa a far emergere nel paziente reazioni di

irritazione e ostilità

4. SCID Structured Clinical Interview For The DSM IV

Intervista di carattere diagnostico che fa riferimento al DSM. 8

5. CFI Camberwell Family Interview

Esplora l'emotività esplicita dei familiari di pz psichiatrici

6. Y-BOCS Yale Brown Obsessive Compulsive Scale

Intervista semistrutturata riferita ai criteri diagnostici del disturbo

ossessivo compulsivo.

7. K-SADS

Intervista prima introduttiva poi diagnostica utilizzata in ambito

evolutivo

7. TEST PSICODIAGNOSTICI AUTOVALUTATIVI

INTEGRANO I COLLOQUI CLINICI

Autovalutativi - si basano sulle risposte che il pz fornisce relativamente ai suoi

comportamenti e alle sue caratteristiche psicologiche.

N ’ . .

ELLE FASI INIZIALI DELL E P SI UTILIZZANO TEST PSICODIAGNOSTICI CHE OFFRONO

“ ”:

ANALISI AD AMPIO SPETTRO

• MMPI M M P I ,

INNESOTA ULTIPHASIC ERSONALITY NVENTORY

.

QUESTIONARIO DI PERSONALITÀ

• CBA-2.0 C B A ,

OGNITIVE EHAVIORAL SSESSMENT ’ .

TECNICHE DI ANALISI DELLE INFO PROVENIENTI DALL AUTOREFERTO DEL SOGGETTO

• MCMI-III M M C M I ,

DI ILLON ILLION LINICAL ULTIAXIAL NVENTORY

.

QUESTIONARIO CHE VALUTA I DISTURBI DI PERSONALITÀ

N ’ . . ’

ELLE FASI PIÙ AVANZATE DELL E P SI UTILIZZANO TEST CHE OFFRONO L ANALISI DI

:

COSTRUTTI PIÙ SPECIFICI E MIRATI

• STAI S T A I

TATE RAIT NXIETY NVENTORY

MISURAZIONE DELL ANSIA

• BAI BDI B A D I

E ECK NXIETY AND EPRESSION NVENTORY

B .

QUESTIONARI DI DEPRESSIONE E DI ANSIA DI ECK

STAI State Trait Anxiety Inventory - misurazione dell’ansia.

Distingue 2 accezioni del costrutto di ansia:

1. Ansia di STATO: Stato transitorio emozionale, caratterizzato da sentimenti

soggettivi percepiti a livello cosciente di tensione e apprensione.

2. Ansia di TRATTO: differenze individuali relativamente stabili nella

disposizione verso l’ansia, tendenza a rispondere con elevazioni dell’intensità

dell’ansia di stato a situazioni percepite come minacciose. 9

8. TECNICHE PROIETTIVE

Hanno come fondamento teorico l’ipotesi proiettiva: le risposte di individui a

stimoli poco strutturati o ambigui riflettono attributi significativi e

relativamente stabili della personalità.

La Gestalt e la psicoanalisi hanno fornito un background scientifico di

riferimento ai primi metodi proiettivi (fine dell’800) che consistevano in liste

di libera associazione di parole.

Test proiettivi sviluppati successivamente:

• Interpretazione di stimoli privi di contenuto proprio

 Reattivo psicodiagnostico di Rorschach

 Test delle Macchie di Holtzman

 Zeta test

• Interpretazione di stimoli dal significato incompleto

• Test semi-proiettivi con stimoli simili a fumetti incompleti

• Produzione di disegni (casa, albero, figura umana o famiglia.)

• Scelta di colori (test di Luscher)

• Manipolazione e gioco (con la sabbia, del villaggio immaginario, Sceno

test)

I t.p. sono considerati affidabili e vengono largamente utilizzati nelle prove di

intelligenza e di apprendimento.

Reattivo psicodiagnostico di Rorschach - la più nota tecnica proiettiva (1921).

Consiste in 10 tavole di figure approssimativamente simmetriche ottenute a

partire da macchie d’inchiostro.

4 FASI DEL TEST

1. Presentazione di ogni tavola chiedendo al pz cosa ci veda,

2. Annotazione delle risposte, tempo impiegato per rispondere, posizione

in cui vengono tenute le tavole...

3. Ripresentazione di ciascuna tavola, chiedendo quali aspetti della figura

abbiano determinato le risposte.

4. Codifica delle caratteristiche formali delle risposte.

Interpretazione delle risposte - basata sulla frequenza delle caratteristiche

delle risposte e su indici (numero delle risposte, tempi di reazione, rifiuti).

OFFRE:

• valutazione globale della personalità

• valutazione qualitativa dell’intelligenza

• aiuto alla diagnosi differenziale. 10

9. TEST DI INTELLIGENZA

La valutazione clinica può includere test che riguardano la sfera cognitiva:

esaminano abilità di percezione, pensiero, memoria, apprendimento,

visualizzazione, attenzione.

OBIETTIVI: permettono di raccogliere indici specifici del funzionamento

mentale o di darne una stima complessiva e unitaria.

• Scala Stanford-Binet - valuta il Q.I.

• Matrici progressive di Raven - misurano aspetti centrali dell’intelligenza;

SCALE DI WECHSLER - molto popolari per solidità, flessibilità e

standardizzazione.

• Ipotizzano la scomponibilità dell’intelligenza in differenti abilità.

• Esaminano vari aspetti del funzionamento cognitivo (prove di tipo

verbale, non verbale e di esecuzione).

• Permettono di ottenere una stima complessiva di intelligenza, in un

punteggio che separa in QI verbale e QI di performance.

10. VALUTAZIONE COGNITIVA E NEUROPSICOLOGICA DI SPECIFICHE FUNZIONI

In presenza di un disturbo molto selettivo, dissociato dal resto del

funzionamento mentale è necessario ottenere valutazioni specifiche: offrono

info sulle aree interessate dal disturbo neurologico, consentendo una diagnosi

più precisa.

Gli strumenti utilizzabili per le v. s. vengono distinti a seconda che si riferiscano

all’esame di:

1. Funzioni cognitive,

2. Aree del cervello.

Si utilizzano strumenti standardizzati per valutare la memoria.

• Test della figura complessa di Rey,

• Test di memoria remota,

• Test di Benton di ritenzione visiva,

• Scale di memoria di Wechsler.

11. CLASSIFICAZIONE DEI DISTURBI MENTALI

In passato tradizioni psicopatologiche differenti hanno prodotto numerose

definizioni e criteri diagnostici dei disturbi mentali.

Fine 800 - la neonata OMS (organizzazione mondiale della sanità) realizza il 1°

ICD Manual Of The International Statistical Classification Of Deseases Injuries

11

And Causes Of Death, classificazione delle malattie internazionalmente

condivisa che ignorava le malattie mentali. La revisione attuale è l’ICD-10.

Oggi l’ICD è d’obbligo a livello mondiale, è alla base delle statistiche e della

burocrazia ospedaliera (anche nel sistema sanitario italiano).

1952 - la comunità degli psichiatri americani produce il primo DSM Diagnostic

And Statistical Manual Of Mentale Deseases. La revisione attuale è il DSM-V.

Ha una vasta base empirica e prevede una classificazione multiassiale: il

paziente viene valutato lungo 5 assi, ognuno riferito ad un diverso campo di

info che aiutano il clinico a pianificare il trattamento.

I. Disturbi oggetto di attenzione clinica

II. Disturbi di personalità e dello sviluppo

III. Malattie organiche

IV. Eventi psicosociali stressanti

V. Valutazione globale del funzionamento (in scala da 0-100), che monitora

il livello di funzionamento sociale del paziente.

Oggi il DSM, più accurato dell’ICD, viene utilizzato nella ricerca scientifica e

valutazioni specifiche.

• Entrambi i sistemi sono a-teorici: identificano le tipologie più frequenti

di disturbo mentale e le suddividono sulla base di set di criteri con

caratteristiche descrittive.

• Oggi esistono differenze di dettaglio e l’uno rimanda all’altro. 12

CAP 3 - PSICOLOGIA CLINICA DELLO SVILUPPO

1. PROBLEMATICHE DELLO SVILUPPO: DISTURBI SPECIFICI E GENERALI

Lo studio dei disturbi psicologici in età evolutiva riprende ELEMENTI:

• Validi a tutte le età,

• Specifici, che nell’adulto non compaiono o sono diversificati.

Non è sempre facile tracciare un confine tra crisi transitoria nel percorso

maturativo e un vero e proprio disturbo.

Esistono diverse problematiche che compaiono a varie età per poi scomparire;

la loro presenza non costituisce un elemento psicopatologico a meno che

l’intensità e frequenza di comparsa siano eccessive.

2. IL CONCETTO DI DISTURBO IN ETA’ EVOLUTIVA

Se non esiste soluzione di continuità tra normalità e disturbo la definizione di

CUT OFF grado particolare oltre il quale si può parlare di disturbo è arbitraria.

3. LA CLASSIFICAZIONE DEI DISTURBI PSICOLOGICI EVOLUTIVI

2 grossi nodi (problemi) nella classificazione dei disturbi psicologi evolutivi:

1) grado di TASSONOMICITÀ - misura di classificazione con sistemi

tassonomici che:

• Distinguono in categorie i vari disturbi,

• Riconducono casi diversi ad una famiglia comune di disturbo.

DSM e ICD presentano un alto grado di tassonomicità.

Questo tipo di schematizzazione presenta degli SVANTAGGI:

• Semplifica e riduce la complessità dei fenomeni reali

• Effetti della etichettatura potrebbero condizionare l’atteggiamento che

gli altri assumono nei confronti del bambino.

2) grado di CONTINUITÀ: scarso nei sistemi psichiatrici ed elevato nelle

analisi psicologiche.

Le rilevazioni sul grado di presenza di tratti patologici rivelano spesso

distribuzioni continue, suggerendo che i tratti patologici siano continui

piuttosto che discreti.

Esiste una differenziazione di sintomi in:

• Internalizzanti: problemi che non vengono esibiti all’esterno (ansia,

fobie, timidezze, somatizzazioni)

• Esternalizzanti: diretti verso l’ambiente e altre persone. 13

Autocontrollo (dimensione importante della psicopatologia) in base al quale i

problemi vengono caratterizzati da:

• Eccessivo autocontrollo per cui il bambino fatica a manifestare difficoltà,

• Scarso autocontrollo per cui reagisce impulsivamente o rivolge verso gli

altri i propri disagi.

4. TEORIE E FATTORI SOTTOSTANTI AI DISTURBI PSICOLOGICI DELLO SVILUPPO

E

SISTONO NUMEROSI APPROCCI AI DISTURBI PSICOLOGICI DELLO SVILUPPO CHE INFLUENZANO

. Q

LA VALUTAZIONE E IL TRATTAMENTO DEL PZ IN ETÀ EVOLUTIVA UESTI APPROCCI

.

RIFLETTONO GLI ORIENTAMENTI DELLE GRANDI SCUOLE PSICOLOGICHE

Una tipica contrapposizione riguarda la valutazione del ruolo di:

• Fattori biologici (nature),

• Fattori legati all’esperienza (nurture) di fronte ad un disturbo.

Si attribuisce importanza a entrambi gli ordini di fattori.

Alcuni geni sono responsabili della predisposizione verso i disturbi

psicologici, che è stata studiata attraverso 2 modalità:

1. Familiarità: un disturbo ha maggiore probabilità di comparire se un

membro della famiglia presenta il disturbo.

2. Studio dei gemelli monozigoti (condividono il patrimonio genetico)

hanno maggiore probabilità di presentare lo stesso disturbo rispetto ai

gemelli dizigoti (condividono solo metà del patrimonio genetico).

Approccio psicobiologico studia gli aspetti psicofisiologici sottostanti ai

disturbi psicologici (oltre alla ricerca genetica).

2 settori di ricerca:

1. Neuropsicologia - studia il funzionamento del SNC,

2. Psicofisiologia - studia gli altri organi del corpo.

• Ricerca eziologica - studia i fattori che hanno prodotto un certo effetto,

• Ricerca funzionale - descrive come agisce e si configura questo effetto.

Teoria dello stress - una predisposizione al disturbo sfocia in patologia se si

verificano condizioni di stress.

Stress - condizione psicofisica indotta da diversi fattori in concomitanza.

Le posizioni che attribuiscono maggiore importanza ai fattori esperienziali

nell’influenza della psiche (senza considerare la mediazione biologica) sono

ispirate da 3 ORIENTAMENTI:

1. SOCIOLOGICO - problematiche psicologiche risultano dall’interazione

tra fattori esperienziali, motivazionali e sociali. 14

2. COMPORTAMENTISTA: lo sviluppo psicologico è la risultante

dell’esperienza assimilata attraverso i principi base dell’apprendimento

3. PSICODINAMICO: le esperienze più significative per l’insorgenza del

disturbo sono quelle inconsce (o rese tali) poiché si rivelano

incontrollabili e continuano a produrre effetti negativi sull’individuo.

Teoria psicoanalitica

• Utilizza la descrizione delle fasi dello sviluppo sessuale per individuare

casi anomali.

• Sottolinea l’importanza delle fasi precoci dello sviluppo (teoria delle

relazioni di oggetto e della capacità di relazionarsi),

• Studia la dimensione dell’attaccamento negli effetti sul comportamento

del bambino.

5. FATTORI SOCIALI E SOCIOLOGICI PROBLEMATICI

G

LI APPROCCI PSICOSOCIALI E SOCIOLOGICI ATTRIBUISCONO GRANDE PESO AI FATTORI CHE

'

VANNO DA CONTESTI INTERATTIVI PIÙ IMMEDIATI ALL AMBITO ALLARGATO DEL GRUPPO

.

SOCIALE

FATTORI PRECOCI DI RISCHIO di Samerhoff e Seifer, divisi in 4 blocchi:

1. Famiglia

2. Svantaggio socioculturale

3. Appartenenza a gruppi minoritari

4. Abuso

1) Famiglia: ambito fondamentale di vita del bambino che può essere più o

meno ottimale.

Maternità parziali, divorzi, nuclei a singolo genitore, sono associati a svantaggio

sociale e culturale.

2) Svantaggio socioculturale: può avere un effetto moltiplicativo per le

situazioni già disagiate o a rischio.

3) Appartenenza a gruppi minoritari - causa disagi come la non conoscenza

della lingua del paese che li ospita.

Povertà, discriminazione, isolamento sociale, stress, scarsa accettazione del ruolo

parentale aumentano la probabilità di fenomeni gravi di abuso dell’adulto sul

bambino.

4) Abuso

La forma di abuso più diffusa è la violenza fisica e la più grave riguarda la sfera

sessuale. 15

L’abuso:

• Assume forme differenti e provoca reazioni diverse: psicopatologie

profonde o conseguenze più specifiche come i disturbi aggressivi e

distruttivi riconducibili ai disturbi della condotta in età adolescenziale.

• Ha serie conseguenze psicologiche e fisiche: disturbi nella sfera

relazionale e sessuale, alla personalità e alla crescita intellettiva,

• L’aver sperimentato a proprio danno un abuso sembra indurre

l’individuo a farlo subire ad altri.

6. PROBLMEATICHE EVOLUTIVE CON FORTI IMPLICAZIONI SOCIALI: BULLISMO,

TOSSICODIPENDENZA, DELIQUENZA GIOVANILE

I FATTORI SOCIALI DI RISCHIO PRODUCONO CONSEGUENZE RILEVANTI SUL PIANO DELLO

.

SVILUPPO

L E RELAZIONI SOCIALI PROBLEMATICHE FRA COETANEI SONO SIA UN FATTORE DI RISCHIO SIA

.

UNA CONSEGUENZA DEL RISCHIO PSICOSOCIALE

Fenomeno del BULLISMO - comportamento prepotente manifestato con

costanza nel tempo che produce un'azione prevaricante su una vittima.

Dovuto a:

• Caratteristiche individuali - il bullo presenta caratteristiche di

dominanza, aggressività e rifiuto dei coetanei che entra in una

interazione disturbata con un bambino con caratteristiche di debolezza e

introversione.

• Sistemi di interazione sociale - hanno un peso determinante nella

strutturazione dei ruoli (sostenitori del bullo, della vittima o osservatori

passivi).

Il b. può essere precursore di disturbi e comportamenti più gravi.

Problematiche più gravi e a carattere sociale sono rappresentate da:

TOSSICODIPENDENZA - caratterizzata da un concorso di fattori:

• Difficoltà di carattere personale,

• Mancanza di reti sociali forti,

• Presenza di modelli culturali,

• Frequentazione di ambienti che inducono all’uso di stupefacenti.

ELENCO DI CORRELATI ALL’USO ADOLESCENZIALE DI DROGA (Gelfand):

• Caratteristiche dell’adolescente

• Caratteristiche della famiglia

• Influenza dei compagni

• Caratteristiche dell’ambiente complessivo

La tossicodipendenza è strettamente legata alla:

DELINQUENZA GIOVANILE: 16

• Il costo elevato degli stupefacenti richiede la frequentazione di ambienti

delinquenziali.

• L’uso della droga costituisce atto di violazione della legge, che può essere

assimilata dal ragazzo ad altre violazioni.

ASPETTI COGNITIVI E SCOLASTICI DEL DELINQUENTE

Il disturbo della condotta (DC) o ADHD sono facilitatori del comportamento

delinquenziale.

Un indice cumulativo di rischio psicosociale associato alla storia del ragazzo

costituisce il maggiore predittore di delinquenza.

3 TIPOLOGIE DI ADOLESCENTI CON COMPORTAMENTI DELINQUENZIALI:

1. Socializzato: condivide il proprio comportamento con gli altri compagni,

2. Non socializzato psicopatico: non è legato al gruppo, è centrato su di sé,

non sperimenta sensi di colpa

3. Nevrotico-disturbato: presenta caratteristiche internalizzanti che si

riflettono in inibizione, timidezza, isolamento e ansia.

Il delinquente presenta inoltre:

• Mancanza di abilità cognitive,

• Di pianificazione, anticipazione e gestione delle conseguenze delle azioni.

Sul piano scolastico i bambini che presentano difficoltà di apprendimento

hanno maggiore probabilità di un comportamento delinquenziale.

7. I PRINCIPALI DISTURBI EVOLUTIVI

(I 2 principali sistemi di classificazione dei disturbi psicologici)

DSM e ICD presentano una distinzione tra:

• Diagnosi che riguardano la fascia evolutiva

• Diagnosi che riguardano tutte le fasce d'età.

L’OMS ha proposto una classificazione funzionale delle difficoltà dei bambini

con handicap che distingue tra menomazione, disabilità e svantaggio.

DISTURBI DELL'INFANZIA E DELL'ADOLESCENZA NEL DSM IV

14 CATEGORIE DI DISTURBO EVOLUTIVO TIPICO

DISTURBI SOLITAMENTE DIAGNOSTICATI PER LA PRIMA VOLTA

NELL'INFANZIA, NELLA FANCIULLEZZA O NELL'ADOLESCENZA

1. Ritardo mentale: funzionamento intellettivo significativamente al di sotto

della media, con deficit del funzionamento adattivo ed esordio prima dei 18

anni. 17

2. DSA Disturbi specifici dell'apprendimento: Rendimento scolastico nella

lettura, in matematica o nell'espressione scritta inferiore a quanto ci si

aspetterebbe in base all'età, all'istruzione ricevuta e alla valutazione

psicometrica dell'intelligenza.

3. Disturbo delle capacità motorie: Difficoltà nella coordinazione motoria.

4. Disturbi della comunicazione: Problemi nell'espressione e/o nella ricezione

del linguaggio.

5. Disturbi generalizzati dello sviluppo (autismo): Gravi deficit e

compromissione generalizzata di molteplici aree dello sviluppo, inclusa

compromissione della capacità di interagire e di comunicare con gli altri e

presenza di un comportamento stereotipato.

6. ADHD Disturbo da deficit di attenzione/iperattività: persistente

modalità di disattenzione e/o di iperattività-impulsività che è più frequente e

più grave di quanto si osserva tipicamente in soggetti a un livello di sviluppo

paragonabile.

I sintomi devono essere presenti prima dei 7 anni e interferire con il

funzionamento in almeno due contesti.

7. DC Disturbo della condotta: modalità ripetitiva e persistente di

comportamento gravemente antisociale, solitamente di natura criminosa.

8. DOP Disturbo oppositivo provocatorio: modalità ricorrente di

comportamento provocatorio, negativistico e ostile verso le figure dotate di

autorità.

9. Disturbi persistenti della nutrizione e dell'alimentazione, come ingerire

sostanze non commestibili (pica), il ripetuto rigurgito e rimasticamento del

cibo (disturbo di ruminazione) o la persistente incapacità di mangiare

adeguatamente, che si riflette in una significativa perdita di peso o

nell'incapacità di aumentare di peso (disturbo della nutrizione dell'infanzia e

della prima fanciullezza).

10. Disturbi da tic: Caratterizzati da un movimento o da una vocalizzazione

improvvisi, rapidi, ricorrenti, aritmici e stereotipati (es. disturbo di Tourette).

11. Disturbi dell'evacuazione: La ripetuta evacuazione delle feci in luoghi

inappropriati dopo i 4 anni d'età (encopresi) o l'emissione di urine nel letto o

nei vestiti dopo i 5 anni d'età (enuresi). 18

12. Disturbo d'ansia di separazione: ansia eccessiva riguardante la

separazione da casa o da coloro ai quali il soggetto è affezionato, che arriva a

causare disagio clinicamente significativo e compromissione di importanti aree

dei funzionamento.

13. Mutismo selettivo: Persistente incapacità di parlare in specifiche

situazione sociali (es. a scuola), nonostante in altre situazioni sia possibile

parlare (es. con i genitori).

14. Disturbo reattivo dell'attaccamento: modalità di relazione sociale

notevolmente disturbata e inadeguata rispetto al livello di sviluppo, inizia

prima dei 5 anni ed è associata a un accudimento grossolanamente patogeno

da parte dei genitori o di altre persone che si prendono cura del bambino.

8. I DISTURBI DELLA CONDOTTA E I DISTURBI DI ATTENZIONE/IPERATTIVITA’

DC, ADHD, DOP SONO ETICHETTE DIAGNOSTICHE

(DC) Disturbi della condotta - si riferiscono a comportamenti scarsamente

controllati che violano i diritti degli altri e le norme sociali.

(ADHD) Disturbi di attenzione/iperattività - difficoltà nel mantenimento

dell’attenzione e nel controllo del grado della propria attività, distinti dal DSM

IV in disturbi:

• Di sola attenzione

• Di sola attività

• Combinati che presentano entrambi i profili, esistono tratti del disturbo

positivo-provocatorio (DOP) associati all’ ADHD

Nel caso di bambini con ADHD emerge la capacità di eteroregolazione ma non

di autoregolazione con impossibilità di imporsi una regolazione strategica.

Un elemento tipico di differenziazione tra DC, DOP e ADHD riguarda la presenza

o meno di comportamenti rivolti contro gli altri.

Ambienti urbani o di basso livello socioculturale sono facilitanti dei 2 disturbi.

Scala SDAI - scala dei sintomi per la diagnosi di ADHD, gli item dispari

riguardano la dimensione dell’inattenzione e gli item pari misurano

l’iperattività.

Gli insegnanti collaborano alla raccolta di info per la diagnosi di ADHD.

• DOP disturbo oppositivo provocatorio - caratterizzato da

atteggiamenti di opposizione rivolti ad altre persone, senza violazione

della legge. 19

• DC disturbo della condotta - profilo di maggiore gravità che include le

caratteristiche del DOP. Nel DSM i DC vengono suddivisi in 2 momenti:

quelli con esordio nella fanciullezza e quelli con esordio nell’adolescenza.

L'insorgenza del disturbo DC si presenterebbe nell'adolescenza, dato il

difficile momento di transizione avvertito sia sul piano fisico che su

quello sociale.

• Entrambi riguardano uno scarso autocontrollo con implicazioni sociali.

9. I BAMBINI CON DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO, DELLA

COMUNICAZIONE E DELLA COORDINAZIONE MOTORIA

Studi genetici sulla comorbidità (compresenza di patologie fisiche o psichiche)

hanno mostrato che esistono geni comuni che contribuiscono all’insorgenza

tanto di ADHD quanto di dislessia.

I DSA (dislessia, disgrafia, discalculia) sono altamente specifici, stabili nel

tempo e riguardano una difficoltà intrinseca (non dovuta a fattori esterni) di

acquisire un determinato apprendimento.

Approcci efficaci cercano di:

• Abilitare il bambino all’apprendimento deficitario,

• Agire sui processi metacognitivi e sulla sfera emotivo-motivazionale.

Criteri diagnostici dei DSA:

• Bassa prestazione in una prova standardizzata

• Intelligenza nella norma

• Possibilità di escludere il ruolo causale di fattori come un danno cerebrale

• Svantaggio socioculturale.

2 casi particolari:

1. Disturbi della comunicazione (ds del linguaggio).

(Es. balbuzie: blocchi, ripetizioni e prolungamenti di suoni).

Provoca disagio emotivo e comunicativo.

Vi sono elementi che mostrano il concorso del fattore biologico (frequente

presenza del disturbo in familiari) o il concorso di fattori fisiologici che

configurano il disturbo.

2. Disturbo della coordinazione motoria - difficoltà motoria a sviluppare

abilità di movimento e coordinazione del corpo. Il ritardo può riguardare le

prime fasi dello sviluppo motorio e l’esecuzione di azioni coordinate e

finalizzate. Spesso i problemi di coordinazione motoria sono associati a

problemi di apprendimento della matematica e del pensiero spaziale. 20

11. DISTURBO AUTISTICO

AUTISMO - problematica nota e significativa rientra nel DSM sotto l’etichetta

di disturbi generalizzati dello sviluppo (pervasivi).

Presenta gravi deficit e compromissioni di molteplici aree dello sviluppo (di

interazione e comunicazione) e la presenza di comportamenti stereotipati.

• Autismo infantile precoce di Kanner (disturbo più importante),

• Disturbo di Asperger: minore compromissione dell’autonomia e della

comunicazione,

• Disturbo disintegrativo: compare più tardi rispetto all’autismo,

• Disturbo di Rett: degenerazione di competenze precedentemente acquisite.

Questi profili sono già evidenti nel bambino piccolo.

CRITERI PER LA DIAGNOSI

3 categorie di problematiche relative a:

1. Interazione sociale

2. Comunicazione

3. Presenza di modelli di comportamento e interessi restrittivi, ripetitivi e

stereotipati.

Gli studi evidenziano il ruolo dei fattori organici e neuropsicologici che

compromettono:

• Efficienza delle operazioni prefrontali di controllo della mente (funzioni

esecutive)

• Sviluppo di una teoria della mente

• Unificazione delle rappresentazioni mentali - spiegherebbe stereotipie,

rigidità e focalizzazione sui dettagli senza una visione di insieme.

14. DISTURBI D’ANSIA E DEPRESSIONE

N ,

EI BAMBINI POSSONO COMPARIRE DIVERSI PROBLEMI EMOZIONALI RISCONTRABILI ANCHE

.

NEGLI ADULTI MA CON CARATTERISTICHE SPECIFICHE

In generale a diverse età i bambini presentano paure specifiche legate a

differenti oggetti che con il passare del tempo vengono riconosciuti e valutati.

PROBLEMI DI ANSIA:

• Caratterizzati da un’eccessiva risposta emotiva a situazioni che non la

giustificano;

• Associati ad una errata valutazione cognitiva della situazione.

• Inducono a reazioni fisiologiche che possono stabilizzarsi e produrre

malattie psicosomatiche. 21

PRINCIPALI DISTURBI D’ANSIA

• Disturbo ossessivo-compulsivo - es. rituali di pulizia legati all’ossessione per

lo sporco.

• Ansia da separazione dalla persona che si prende cura del bambino.

CAUSE DELL’ANSIA

• Fattori psicodinamici (rapporto tra figura materna e bambino)

• Genetiche

• Fisiologiche

• Comportamentali

• Cognitive: ansia può essere in relazione con un inadeguato esame della realtà

(es. percezione di pericolo da parte del mondo e degli altri).

Il disturbo d’ansia può essere associato al disturbo depressivo che può

presentare gli stessi sintomi dell’adulto con accentuati elementi di irritabilità e

lamentele relative allo stato fisico.

15. PSICOLOGIA CLINICA E MEDICINA

Gli aspetti psicologici possono causare disturbi fisici “psicosomatici” o essere

elementi concomitanti importanti di malattie fisiche.

• Ai disturbi neurologici (SNC) possono corrispondere difficoltà di

funzionamento psicologico.

• Una malattia somatica può indurre disturbi neuropsicologici.

• Una malattia fisica può apportare problemi emozionali. 22

CAP 7 - DISTURBI D’ANSIA

1. Disturbo di ANSIA GENERALIZZATO

2. ATTACCHI E DISTURBO DI PANICO

3. FOBIE SPECIFICHE

4. FOBIA SOCIALE

5. Disturbo DA STRESS ESTREMO

6. Disturbo OSSESSIVO-COMPULSIVO

1. L’ANSIA E LA SUA STRUTTURA

ANSIA:

• Anticipazione apprensiva di un pericolo accompagnata da un sentimento

di disforia (alterazione dell'umore in senso depressivo) o da sintomi fisici

di tensione.

• Meccanismo utile all’adattamento e alla sopravvivenza perché

consente di riconoscere un pericolo e mobilitare le risorse atte a

fronteggiarlo.

• Implica aspetti cognitivi e psicofisiologici.

• Diviene disadattiva quando la sua presenza al di fuori di un contesto

realistico di allarme è eccessiva.

PREOCCUPAZIONE:

• Attività cognitiva involontaria associata a disagio emotivo; processo nel

quale un problema viene elaborato per fronteggiarlo.

• Diviene disadattiva quando assume dimensioni eccessive e rallenta il

processo di soluzione del problema (evitamento cognitivo).

L'ipotesi neurobiologica spiega i disturbi d'ansia con un'iperattività

dell'amigdala, quella parte del cervello che consente di elaborare una

valutazione semplice e rapida dell’ambiente e ha un ruolo chiave nell’attivare

paura e collera.

Si colloca nel lobo temporale.

2. DISTURBO DI ANSIA GENERALIZZATO

• Prevede ansia e preoccupazione croniche per una grande quantità di

eventi e situazioni che vengono elaborate come potenzialmente

pericolose.

• L’essenza del disturbo è cognitiva.

La soglia di disturbo si raggiunge quando: 23

1. Disagio clinicamente significativo,

2. A. e preoccupazione si manifestano nella maggior parte dei giorni per

almeno 6 mesi,

3. Difficoltà nel controllare le preoccupazioni,

4. Sintomi: irrequietezza, affaticabilità, irritabilità, alterazione del sonno.

3. ATTACCHI E DISTURBO DI PANICO

1. ATTACCO di panico - manifestazione dell’ansia estremamente intensa,

breve e transitoria in forma di intensa apprensione, paura o terrore.

Si distingue tra:

• Attacchi di panico provocati dalla situazione - rapporto stimolo-

risposta: la paura inizia e cessa in concomitanza con l'esposizione alla

situazione temuta.

• Inaspettati e non provocati - l’attacco sopravviene improvvisamente e

raggiunge l’apice rapidamente.

2. DISTURBO di panico:

• Dato da esperienze di attacchi di panico inaspettati e ricorrenti cui

seguono persistenti preoccupazioni di poter avere nuovi attacchi e

alterazioni del comportamento.

• Agisce un processo di condizionamento classico per cui il ritorno in certe

situazioni può provocare lo scatenamento di un nuovo attacco.

Agorafobia - ansia relativa all’essere in luoghi o situazioni in cui è difficile

allontanarsi o dove sia impossibile ricevere aiuto.

Sintomi: palpitazione, tachicardia, sudorazione, sensazione di svenimento,

depersonalizzazione, brividi, vampate di calore.

4. FOBIE SPECIFICHE

Paura Marcata, Persistente, Irragionevole o Sproporzionata per stimoli

precisi o situazioni circoscritte.

Fobia specifica clinicamente significativa - L’interessato è consapevole

dell’irragionevolezza della paura ma non è in grado di controllarla e ricavi da

questa significative compromissioni della propria vita sociale. 24

5. FOBIA SOCIALE

• Paura marcata e persistente relativa a una o più situazioni sociali (o

prestazionali) dove è implicata una valutazione o una critica da parte

altrui.

• La persona teme di agire in maniera inadeguata nelle situazioni sociali,

che sono evitate o tollerate con grande fatica e sofferenza.

• Le condotte di evitamento che possono essere più o meno ingravidanti.

Può manifestarsi in forma di:

• Ansia nel corso dell’esposizione,

• Ansia anticipatoria - può instaurare un circolo vizioso che determina una

prestazione scadente che causa in seguito maggiore ansia anticipatoria.

6. DISTURBO DA STRESS ESTREMO

Eventi traumatici estremi (minaccia di morte o all’integrità fisica propria o

d’altri) possono provocare una fortissima reazione d’ansia.

Il termine trauma (riferito a stupri, sequestri) è stato sostituito con l’espressione

stress estremo.

SINTOMI:

• Dissociativi - sensazione di insensibilità, distacco o assenza di realtà

emozionale, episodi dissociativi di flashback.

• Persistenti di ansia o di aumento dell’arousal di fronte a eventi che

assomigliano all’evento traumatico.

7. DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO

DISTURBO OSSESSIVO-COMPULSIVO - caratterizzato dalla presenza di

ossessioni e compulsioni che causano marcato disagio e interferiscono con le

normali abitudini della persona.

 OSSESSIONI: pensieri o impulsi ricorrenti e persistenti che causano

ansia o disagio marcato e sono vissuti come inappropriati;

La persona ne riconosce l'irragionevolezza e tenta di neutralizzarli o

ignorarli con le:

 COMPULSIONI - comportamenti ingiustificati e ripetuti in modi

stereotipati e sproporzionati.

Paradosso nevrotico: perseveranza in una persona lucida e consapevole in

condotte che sa essere assurde, controproducenti e dannose. 25


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

59

PESO

1.12 MB

AUTORE

Eli16

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Psicologia Clinica, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Ruggero Ruggieri: Psicologia Clinica, Ezio Sanavio - Cesare Cornoldi. Gli argomenti trattati sono i seguenti: psicodiagnostica, colloquio clinico, interviste strutturate, test di intelligenza, psicologia clinica dello sviluppo e disturbi psicologici evolutivi, disturbi d'ansia, alimentari, sessuali, da dipendenza, somatoformi, dissociativi, di personalità, dell'umore, psicotici, fobie, storia della malattia mentale, psicosomatica e psicoterapia.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria (4 anni)
SSD:
Università: Salerno - Unisa
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Eli16 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Salerno - Unisa o del prof Ruggieri Ruggero.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia clinica

Riassunto esame Psicologia clinica, prof. Ruggieri, libro consigliato Nature culturali, Music
Appunto
Riassunto esame Scienze Motorie, docente F. D'elia, libro consigliato Didattica delle attività motorie per l'età evolutiva, Francesco Casolo
Appunto
Riassunto esame Pedagogia Sperimentale, docente G. De Simone, libro consigliato Metodologia della ricerca in educazione e formazione, Pietro Lucisano, Anna Salerni
Appunto
Docimologia - valutazione e contesto educativo
Appunto