Che materia stai cercando?

Riassunto esame Pedagogia interculturale, prof. Portera, libro consigliato Globalizzazione e Pedagogia Interculturale

Riassunto esame di Pedagogia interculturale del professor Agostino Portera basato sugli appunti personali e sullo studio del libro consigliato Globalizzazione e pedagogia interculturale, dell'università degli Studi di Verona - Univr. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Pedagogia interculturale docente Prof. A. Portera

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

- Francia: p. di assimilazione repubblicana: parità giuridica ma assimilazione

culturale

- Regno Unito: pluralismo ineguale: le diversità culturali sono considerate

normali, garantita una certa equivalenza dei diritti ma culturalmente è forte

l’etnocentrismo

- Germania: precarietà istituzionalizzata (“lavoratori ospiti”) e integrazione

difficile

L’APPROCCIO INTERCULTURALE, Rivoluzione Pedagogica

Contesto storico-geografico:

Nei Paesi oltreoceanici: confusione terminologica (multiculturale e

 interculturale).

In Europa per molti anni multiculturalismo fino a che il Consiglio d’Europa

 promuove sperimentazioni inerenti l’educazione interculturale negli anni ’80.

Negli anni ’90 movimento pendolare tra soluzioni universalistiche e

relativistiche. L’Italia, Paese d’Immigrazione recente, ha potuto attuare

subito una politica di integrazione.

Terminologia:

METACULTURA (sopra-cultura): l’educazione e cultura non separabili =>

 improponibile

TRANSCULTURA (attraversa l cultura): con teoria sottesa l’universalismo

 culturale, la transcultura cerca valori universali per un’educazione alla

mondialità. Negatività: tralascia differenze, movimento europeo che

potrebbe trasformarsi in una forma di dominio, enfatizza la staticità

(caratteristica che non appartiene alla cultura)

PLURICULTURA (sovrapposizione di culture): con sottesa la teoria del

 multiculturalismo, enfatizza il relativismo culturale e l’autonomia; educa al

rispetto della diversità. Rischi: stratificazione, staticità, vincolare le persone

alle loro “culture d’origine”

INTERCULTURA:

 identità cultura alterità

- e intese come dinamiche; come opportunità di

arricchimento e crescita, come sfida, possibilità di confronto e

riflessione.

- Si colloca tra universalismo e relativismo e li supera per una nuova

sintesi.

- Concetti chiave sono il DIALOGO, il CONFRONTO, l’INTERAZIONE e

l’INCONTRO.

- Il confronto non vuol dire rinunciare a una parte di sé, è confronto di

pensiero dove al centro sta la PERSONA.

- Per quanto riguarda la p. interculturale a scuola non bisogna realizzare

programmi sostitutivi ad hoc ma includere la prospettiva culturale

all’interno di ogni disciplina e attività.

6. Educazione Interculturale a Scuola

Francia:

Inter: centrale l’interazione dei soggetti di culture diverse e non delle

 Cultura:

differenze culturali in sé; includere insegnamento delle

civilizzazioni, l’educazione ai diritti dell’uomo…

Mediazione dialettica tra universalismo e relativismo

Germania:

Calare i principi interculturali in ogni singola disciplina

 Borrelli: Centrale il confronto del pensiero, dei concetti e preconcetti.

 storico,

Per questo la ped. Interculturale dovrebbe servirsi dei settori

sociale, politico, economico, linguistico, ideologico.

I contenuti delle lezioni dovrebbero essere:

- armamenti, pace e guerra;

- fascismo, razzismo, preconcetti;

- uguaglianze e disuguaglianze,

- inquinamento ambientale.

Rogers e le strategie di PI che devono muovere dal basso: educazione

 all’empatia, alla solidarietà, al rispetto interculturale, contro il

pensiero nazionale (modalità comportamentali e strutture di potere),

alla pace.

Zimmer: ed. Int. Che deve partire dalla porta di casa poiché i conflitti sono

 reali e solo una piccola parte di essi può essere affrontata con mezzi

pedagogici.

Individuare situazioni interculturali chiave reali per sviluppare contenuti

formativi.

Reich: no a spontaneismo interculturale; si a strutturazione progetti

 didattici int.

Inghilterra, Svizzera, Olanda:

Kaushal (inglese): scopi della PI: trasmettere rispetto per le culture,

 analizzare preconcetti e discriminazioni culturali; chiarire la pluralità di

ogni identità.

Studiosi olandesi: no PI come mera trasmissione di informazioni

 aggiuntive; importanza di garantire pari opportunità.

LIMITI DELLA PEDAGOGIA INTERCULTURALE

1. Poca chiarezza dei concetti usati

2. Celebrare in classe le culture esotiche, senza farne un’analisi critica

sul piano dei valori e delle conquiste delle civiltà (tolleranza che non esula

il distacco) pedagogia speciale

3. Non è una “ ” per pochi

4. Rischio di nominare i bambini stranieri come ambasciatori dei propri Paesi

5. Xenofilia; fare di tutto per aiutare lo straniero che porta solo danni

educazione alla legalità

6. Esplosioni di nazionalismo pone necessità di e

rispetto dei limiti. 7. Interventi

Aspetti significativi della didattica interculturale:

Educazione umanistica interculturale: ovvero riferita all’essere umano in

 quanto tale, dotato di valore ontologico e dinamicità, non classificabile entro

una gerarchia tra culture. La pedagogia interculturale deve dunque divenire

pedagogia dell’essere e promuovere il dialogo fra le culture e

un’interculturalità che senza intervento educativo non esisterebbe.

“nodi”

Secco: superare i della gelosia per la propria cultura, l’isolamento di

 gruppi che si sentono deboli e la visione dell’altro come minaccia

Realtà multiculturale di tutte le scuole che rende necessaria la

 pedagogia interculturale non solo in quelle classi con bambini immigrati;

prendendo consapevolezza della realtà multiculturale di ogni classe senza

commettere l’errore di associare le differenze culturali solo con la nazionalità

o il colore della pelle. invisibilità,

Modalità diffuse di risposte alla presenza di bambini immigrati:

 patologizzazione, culturalizzazione (si prende atto della diversità culturale),

universalista

approdo (intervento culturale proposto a tutti gli alunni).

Scambi scolastici e programmi d’educazione interculturale:

Attività delle scuole associale all’UNESCO

 ESCI

Il progetto (fondato sul concetto di sviluppo)

 educazione alla non violenza e alla pace

I progetti di

 Mondialità

Il progetto (della CEM, volto al superamento dell’etnocentrismo

 culturale) Erasmus,

I programmi europei, come che favoriscono mobilità di docenti e

 studenti

 Iniziative del Ministero della Pubblica Istruzione

Perché questi progetti abbiano successo non basta l’incontro ma imparare a

interagire. Capacità che gli insegnanti dovrebbero sviluppare a partire dalle

sapere

loro competenze connesse all’area del

Etnopedagogico

- (bisogno di raccontarsi)

Cognitivo

- (consapevolezza)

Didattico

- (come tradurre in attività i contenuti)

Contenuti dell’apprendimento interculturale

NO a percorsi scorretti come quelli aggiuntivi (aggiunta di una disciplina) o

limitati come quelli di stampo compensativo (centro sulle lacune da colmare),

culturalistici (centro su peculiarità di ogni sistema culturale), internazionalisti,

linguistici (che considerano solo l’apprendimento dell’italiano).

SI a percorsi volti alla dialogicità, al decentramento, all’apprendere

competenze relazionali utili a gestire i conflitti attraverso giochi cooperativi,

Cooperative Learning e attraverso i singoli insegnamenti (attenzione a storia e

geografia).

Interventi concreti con bambini immigrati (indicazioni di Demetrio e Favaro)

1. Organizzare l’accoglienza: dove rendersi conto e occuparsi delle difficoltà

iniziali e resa attraverso allestimento di spazi multiculturali

2. Esprimere apertura e intenzionalità comunicativa per facilitare la

comunicazione e valorizzare i codici linguistici conosciuti dai bambini

immigrati

3. Prevedere risorse e percorsi didattici per l’insegnamento dell’italiano come

L2 (e non lingua sostitutiva: buon rapporto con lingua madre => maggior

facilità d’apprendimento italiano) centrale sia come oggetto sia come veicolo

di apprendimento

4. Facilitare l’apprendimento agendo sui programmi (nonostante i rischi che

questo comporta)

5. Prevedere attività di preparazione e aiuto allo studio

6. Sostenere la relazione con le famiglie (partner educativi a tutti gli effetti)

7. Riconoscere e valorizzare le lingue d’origine

8. Sostenere il progetto formativo anche dopo la scuola dell’obbligo (e contro la

tendenza verso l’indirizzo quasi sempre professionale)

9. Tutelare le situazioni di vulnerabilità (comprensione e sostegno)

Sostegno dell’identità per identità stabili ed interculturali

xenofobia

Che deve mediare tra (sensazione di non essere presi in

xenofilia

considerazioni che può portare a crisi o devianza) e

(iperidentificazione che talvolta costringe gli alunni a negare una parte della

propria identità per rinunciare al ruolo privilegiato).

Commissione dell’UNESCO

“Direttive” internazionali della

Sfide di imprescindibile importanza individuate dalla nel Rapporto

sull’educazione nel XXI secolo:

1. TRA GLOBALE E LOCALE: diventare cittadini del mondo senza perdere le

proprie radici

2. TRA UNIVERSALE E INDIVIDUALE: sviluppare proprie potenzialità nel

rispetto della cultura

3. TRA TRADIZIONE E MODERNITÀ

4. TRA ESPANSIONE DI CONOSCENZE E CAPACITÀ (limitata) DI ASSIMILARLE:

contro l’eccesso d’informazioni

5. TRA CONSIDERAZIONI A BREVE E LUNGO TERMINE

6. TRA BISOGNO DI COMPETIZIONE E UGUAGLIANZA DI OPPORTUNITÀ

Per tali fini la scuola deve promuovere 4 tipi fondamentali di apprendimento:

1. IMPARARE A CONOSCERE

Sviluppare il piacere di imparare e conoscere, scoprire. L’oggetto di

questa conoscenza non è un sapere enciclopedico e non è qui fine ma

mezzo per sviluppare la capacità di imparare ad imparare. Armonizzare a

scuola l’ed. generale con gli interessi (e le necessità; cfr. lessico) dei

singoli. Centrale nel saper imparare è riuscire a impiegare in forma

adeguata i criteri del metodo scientifico, riflessione e curiosità, lavori di

gruppo [critica ai manuali tradizionali].


PAGINE

10

PESO

37.41 KB

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dell'educazione
SSD:
Università: Verona - Univr
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher DorotyLisa di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia interculturale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Verona - Univr o del prof Portera Agostino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia interculturale

Riassunto esame Pedagogia interculturale, prof. Portera, libro consigliato Cooperative Learning e pedagogia interculturale, Lamberti
Appunto
Riassunto esame Pedagogia interculturale, prof. Portera, libro consigliato Pedagogia interculturale, Portera, La Marca, Catarci
Appunto
Riassunto esame Antropologia culturale, prof. Tosi, libro consigliato Islam. Lo sviluppo religioso in Marocco e in Indonesia di Geertz
Appunto
Riassunto esame Psicologia dello Sviluppo, prof. Lavelli, libro consigliato Psicologia dell'Apprendimento e dell'Istruzione, Mason
Appunto