Che materia stai cercando?

Riassunto esame Medicina Legale, libro consigliato Atto medico e consenso informato

Riassunto per preparare l'esame di Medicina Legale per Medicina e Professioni Sanitarie, integrati con approfondimenti personali. Validi per preparare velocemente l'esame e superarlo con buoni voti. Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Ricci.

Esame di Medicina legale docente Prof. S. Ricci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

emancipato e del beneficiario di un’amministrazione di sostegno cono detti INCAPACI LEGALI.

genitori e tutori, curatori. Si ha scissione tra capacità giuridica e

RAPPRESENTANTI LEGALI:

quella di agire, la prima va al rappresentato, la seconda al rappresentante. INCAPACITà

concreta incapacità di intendere e di volere e può riguardare anche un individuo

NATURALE:

legalmente capace. riguardano lo sviluppo e l’esplicazione della persona: circolare

DIRITTI PERSONALISSIMI:

liberamente il territorio, diritto di riunione, di associazione, di professare liberamente una fede

religiosa, esprimere il proprio pensiero.

Il diritto alla salute non è patrimoniale, bisogna ricevere informazioni per capire in cosa consista.

Art. 2 CC “Con la maggiore età si acquista la

CONSENSO INFORMATO DELL’INCAPACE:

capacità di compiere tutti gli atti per i quali non sia stabilita un’età diversa”, il consenso può essere

prestato solo con il compimento della maggiore età. Nel tempo antecedente la decisione spetta ai

genitori in virtù dei poteri di rappresentanza insiti nella potestà. Se il paziente non è minore ma è

interdetto è soggetto alle decisioni del tutore. Il Medico deve quindi verificare età e raccogliere il

consenso da chi di dovere. consiste nel potere attribuito ad una persona per l’esercizio di una

POTESTà DEI GENITORI:

funzione rivolta a proteggere e realizzare un interesse superiore.

Il figlio è soggetto alla potestà dei genitori sino all’età maggiore o all’emancipazione. La potestà è

esercitata di comune accordo da entrambi i genitori.

I genitori congiuntamente, o quello di essi che esercita in via esclusiva la potestà, rappresentano i

figli nati e nascituri in tutti gli atti civili e ne amministrano i beni. I poteri di rappresentanza e di

amministrazione sono compresi nella più ampia nizione di potestà Art. 30 e 147 CC “Dovere e

diritto dei genitori educare i filgi, anche se nati fuori dal Matrimonio.

Il Matrimonio impone ad ambedue i coniugi l’obblico di mantenere, istruire ed educare la prole

tenendo conto delle capacità, delle inclinazioni naturali e delle aspirazioni dei figli.”

La Potestà è dunque doverosa cura della persona del minore ed investe ogni ambito.

Art. 2 e 3 Costituzione stabiliscono hce lo sviluppo della persona è un diritto inviolabile dell’uomo.

La Potestà è finalizzata allo sviluppo della persona del figlio. Trova nel dialogi il momento

principale. I genitori possono opporsi a scelte del figlio considerate pregiudizievoli per lui.

soggetto a controllo

CONTROLLO GIUDIZIALE DELL’ESERCIZIO DELLA POTESTà:

giudiziale. Quando i genitori sono in contrasto possono rivolgersi al Tribunale dei minori che

suggerisce le determinazioni che ritiene più utili nell’interesse del minore e dell’unità familiare.

Oppure da potere al genitore che considera più giusto. Se incombente pericolo pregiudizievole per

figlio la scelta va al padre. Se risulti gravemente pregiudizievole l’abuso di potere dei genitori il

Giudice può far cadere la potestà o allontanare il ragazzo dalla famiglia.

i genitori hanno potere-dovere di interessarsi

INFORMAZIONE E CONSENSO MINORENNI:

alla persona del figlio ed al concreto esercizio dei suoi diritti che coinvolgono situazioni

esistenziali. I problemi riguardanti il consenso dei minori all’attività clinica devono essere risolti

considerando tutti gli aspetti della disciplina della potestà. Il diritto alla salute è un diritto soggettivo

della personalità che valorizza l’essere uomo. Non può essere esercitato in piena autonomia dai

genitori per il figlio minore né dal figlio.

INFORMAZIONE E CONSENSO OVE POSSIBILE COMPLETA APPLICAZIONE

il consenso all’Atto medico deve essere espresso dopo dialogo

DELLA POTESTà GENITORIA:

tra genitori e figlio; si ha potere-dovere di stare vicino al figlio anche nella relazione col medico.

Questi deve fornire le indicazioni sia ai genitori che al ragazzo tenendo conto di gradi di cultura e

maturità. Dopo il confronto i medico raccoglie le volontà.

agire di conseguenza. Se entrambi in disaccordo e ricorrono al

UNANIME FAVOREVOLE:

Giudice il Medico attende il Giudice. Se non si rivolgono al Giudice ilMedico va in Tribunale a

rendere noto e il Giudice controlla che l’esercizio della potestà avvengo in modo funzionale

all’attuazione degli interessi del minore.

Per questioni di scarsa rilevanza clinica si aspetta unanimità. o si aspetta unanimità o

SE GENITORI IN ACCORDO TRA LORO MA NON MINORE:

risolto dal Tribunale.

La persona maggiorenne può prendere qualsiasi decisione sul proprio corpo, il minore no a causa

dell’istituto della potestà. Il minore che ha compiuto 14 anni deve essere sentito dal tribunale in

merito alle questioni che lo riguardano. Non si può ignorare i figlio che esprime un parere

contrastante.

Chi ha compiuto 18 anni può scegliere se subire o no un intervento altamente demolitivi. Se i

genitori propendono per l’intervento e il minore lucido dice no la decisione spetta al Giudice. Deve

verificare la Potestà se è esercitata in maniera pregiudizievole e deve decidere se sia meritevole di

essere seguita la scelta esistenziale del figlio o la volontà dei genitori.

Al Tribunale ci si rivolge anche se tutti sono in accordo ma la scelta è pregiudizievole per la salute.

quando non vi sia il tempo di

MINORE COSCIENTE E MATURO, GENITORI PRESENTI:

ricorrere all’autorità giudiziaria il Medico fornirà le dovute informazioni e conformerà la sua

condotta all’unanime volontà espressa purchè tesa a realizzare il diritto alla salute. Se vi sono

contrasti tra i genitori o tra questi ed il figlio, il Medico seguirà la volontà che meglio contribuisce

alla salute del ragazzo. Se l’urgenza della situazione clinica rende inapplicabile le norme relative al

controllo giudiziario, si applicherà soltanto quella parte di disciplina della Potestà che riguarda il

potere-dovere di indirizzo e controllo delle scelte del minore attraverso il dialogo.

fornire informazioni e agire secondo la

MINORE INCOSCIENTE, GENITORI PRESENTI:

loro volontà; se in contrasto agirà secondo scienza. La volontà dei genitori non è il frutto di

esercizio di potestà e non può impedire al Medico di operare nel rispetto dell’Art. 32.

il Medico lo informa ed agirà conformemente

MINORE COSCIENTE, GENITORI ASSENTI:

alla sua volontà se tesa a realizzare il diritto alla salute, se volontà iversa si è formulata al di fuori

del dialogo con i genitori e del loro controllo, non è frutto di esercizio di potestà e non può impedire

al Medico di agire secondo scienza. il Medico deve agire secondo scienza

MINORE INCOSCIENTE, GENITORI ASSENTI:

altrimenti sarà punito per omissione di soccorso. i minori privi di

INFORMAZIONE E CONSENSO PER MINORI SOTTOPOSTI A TUTELA:

padre e medre sono sottoposti all’autorità di un tutore. La disciplina dell’autorità tutoria è simile a

quella dela potestà dei genitori. Al tutore spetta la cura della persona, la rappresentanza in tutti gli

atti civili e l’amministrazione dei beni del minore. Il rapporto giuridico tra tutore e minore si

atteggia in maniera analoga a quello tra genitori e figli. il

INFORMAZIONE E CONSENSO PER MAGGIORENNI SOTTOPOSTI A TUTELA:

maggiorenne che si trova in condizione di abituale infermità mentale, che lo rende incapace di

provvedere ai propri bisogni deve essere interdetto. Della cura della sua persona e dei suoi beni si


PAGINE

5

PESO

77.45 KB

AUTORE

rups_1

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher rups_1 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Medicina legale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Ricci Serafino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico)

Psicofarmaci in psichiatria
Dispensa
Disturbi di personalita’ nel  DSM-IV e nel DSM-V
Dispensa
Disturbo ossessivo compulsivo
Dispensa
Depressione
Dispensa