Che materia stai cercando?

Riassunto esame Letteratura italiana, prof. Pierangeli, libro consigliato Afferrare le redini di una vita nuova, Pierangeli

Riassunto per l'esame di Letteratura italiana, basato su appunti personali e studio autonomo del testo consigliato dal docente Pierangeli: Afferrare le redini di una vita nuova, Pierangeli. Gli argomenti trattati sono i seguenti: La rinascita, lo studio e la letteratura in carcere, il progetto universitario Tor Vergata-Rebibbia, Cesare deve morire.

Esame di Letteratura italiana docente Prof. F. Pierangeli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

RIASSUNTI DI AFFERRARE LE REDINI D'UNA VITA NUOVA -

FABIO PIERANGELI:

Il tema è quello di un nuovo inizio. L' importanza di questo titolo è presente

già nel primo capitolo, la letteratura è sorella gemella della libertà,che parla

di alcuni carcerati e prigionieri che hanno formato gruppi di lettere spinti da

una consegna totale e quasi disperata al libro che rappresenta per loro il

sogno e la libertà. Alcuni carcerati si occupano infatti di ampliare le

biblioteche che partono come progetti di riconquista personale, cercando

anche di alfebetizzare chi non ha mai frequentato la scuola o organizzare

seminari dove scambiarsi opinioni. Viene riportato l'esempio del carcere di

Rebibbia dove è stato creato un laboratorio letterario molto produttivo. La

letteratura rappresenta quindi per loro un riscatto, la libertà, una nuova vita.

La testimonianza diretta di un carcerato nel secondo capitolo ci spiega

quanto sia difficile arrendersi a volte alla realtà e quanto sia gratificante poi

trovare un modo per continuare a vivere in totale assenza di libertà. I

detenuti devono infatti cercare di inventarsi una nuova vita, in quanto il

carcere definito un luogo-non luogo dove il tempo non è tempo, è un

ambiente innaturale, dove l'uomo vive nell'immobilità e può solo cercare di

vivere una vita che materialmene non ha, le altre alternative sono la pazzia o

la morte. Invita gli uomini che si sentono intrappolati a fantasticare al di

fuori delle mura per capire i motivi per cui vivere. A Rebibbia infatti i

detenuti conseguono la laurea, gli esami ottengono un ottimo profitto

nonostante i detenuti vengano trattati con rigore, come gli studenti esterni.

Questi sono contenti di ricevere questo trattamento,perchè vogliono essere

trattati come gente normale, come persone il cui passato spesso condiziona

ma che cercano la via del riscatto, da chi prima non aveva nemmeno la terza

media ed ora riempie le sue giorante così, vogliono essere un contributo non

un peso. Importante anche l'esperienza di Pavese con il carcere, durata 3

mesi e svoltasi nelle carceri di Torino, Regina Coeli di Roma e Poggio Reale

per poi essere condannato al confino. Pavese frequenta infatti la casa editrice

Enaudi, importante la rivista "La Cultura". Il direttore della rivista è Leone

Ginzburg. La Cultura fu presa di mira dal Fascismo perchè di impronta

Antifascista. Presto vengono infatti arrestati alcuni intellettuali Torinesi

amici di Pavese appartenenti al movimento Giustizia e Libertà come Carlo

Levi e Leone Ginzburg. Per Pavese è un colpo duro, anche perchè Leone

lavorava alla pubblicazione di "Lavorare stanca", viene chiamato Pavese per

dirigere "La Cultura" ma prenderà presto le dimissioni perchè considerato un

posto scomodo, gli articoli erano anche sequestrati dalla polizia. Pavese era

trall'altro passivo agli impegni e disinteressato alla politica. Continua ad

insegnare e collaborare con la rivista. Uno dei motivi principali del suo

arresto sarà la relazione con Tina Pizzardo, insegnante di matematica e

componente del partito comunista, già arrestata e condannata a causa della

sua relazione con Altiero Spinelli. Il rapporto tra Pavese e la donna è molto

bello, lei è attratta da lui perchè lo vede forte e maturo, che non cercava in

lei conforto. Pavese invece gli parla d'amore, e quando la donna lo lascia

piange, lei prova fastidio verso la debolezza di lui. Si fà arrivare a casa di

Pavese delle lettere, che come direttore di La Cultura, aveva la

corrispondenza sorvegliata. Viene arrestato con l'accusa di aver favorito lo

scambio clandestino con Maffi, e per l'iscrizione al partito fascista. Durante

il processo, il prefetto ammette la fama di cui gode il soggetto e il suo

carattere mite, ma lo condanna a 3 anni di confino. Lui è un po' risentito

verso Tina. All'inizio non è preoccupato, ma la giustizia non si ferma davanti

alle sue dichiarazioni di innocenza sulla sua buona fede e sul carattere

esclusivamente letterario e scientifico della rivista, per quanto riguarda la

corrispondenza di Tina afferma di averle fatto un favore ingenuamente.

Scrive molte lettere alla sorella Maria dove è dispiaciuto di non poter portare

agli esami i suoi alunni. Alla fine l'isolamento non è un fatto troppo negativo

ma quasi un'occasione per stare in tranquillità e solitudine. Resta ottimista

fino a quando non soffre di attacchi d'asma, scrive "L'isolamento fa

diventare come bestie", ha nostalgia di una vita libera e spensierata, associa

l'esperienza al convento. Desidera invecchiare, la pubblicazione delle sue

opere viene sempre rimandata. Scrive una poesia dedicata alla prigione di

Poggioreale caratterizzata da uno stile evocativo dovuto alla sua quotidianità

durante la quale deve contemplare e ricordare, il testo descrive una tipica

giornata di un carcerato che vede dalla finestra i colori e sente i rumori del

mondo esterno e fantastica, motivo della morte quieta e serena,non c'è

riflessione sul male. Differenza con Verlaine: Il carcere non è una colpa o

castigo divino,ma un caso del destino, non è espiazione per un peccato

commesso. C'è il motivo della solitudine, la cella è una bara che separa il

morto dal vivo, rottura di ogni legame. C'è un uomo disteso sul prato che

potrebbe percepire la vita ma non lo fa, sembra morto pacificamente ( il

pensiero del carcerato che vaga nel mondo esterno). La finestra ricorda al

carcerato la separazione tra lui e la vita, e la natura che mantiene la sua

vitalità come gli uccelli e il fiume, elementi che portano l'autore agli

elementi naturali della sua infanzia, del paesaggio di Santo Stefano Belbo. 2

romanzi: "Il compagno" dove Pablo viene arrestato, è tutto descritto in modo

realistico, il soffocamento della cella. L'altro è "Il carcere" dove Stefano vive

una condizione di confino nel sud italia, qui cerca l'isolamento nelle

relazioni umane, chiuso in se stesso ed evita le emozioni. Riporta le lettere

di Stefano e sembra alludere a quelle con la sorella, Stefano risponde in

modo asciutto. Il carcere è metafora esistenziale dell'isolamento,

impossibilità di condividere vita e emozioni con gli altri e un nascondiglio

per ripararsi dalle insidie del mondo, per stare al sicuro. Anche la mente può

essere una prigione nella quale il pensiero dell'uomo rimane intrappolato, in

una condizione di stallo. Un esempio sono gli italiani d'America che con

l'insediamento nella "Little Italy" si trovavano un po' come in un luogo di

confino, a scopo protettivo, sospesi tra la terra d'origine e l'America. Viene

riportata la testimonianza di Maria Mazziotti di origine Italiane, che ha

sempre nascosto e rifiutato le proprie radici per insediarsi meglio, per avere

poi vergogna e ammettere la propria identità. Scrive "Writing Poetry to save

your life. How to find courage to tell your stories" dove dice che ognuno di

noi si trova nella posizione dell'immigrato, spesso ci sentiamo in una

condizione di straniamento, alienazione ed afferma che si può salvare la

propria vita attraverso la scrittura,come strumento terapeutico. Lei usa

l'immagine di un corno che poggiato sulla spalla dell'ipotetico fruitore del

suo manuale gli sussurra all'orecchio di non essere abbastanza, aggettivi

negativi. E' la metafora di ogni figura dispotica della vita, l'autrice invita a

prendere consapevolezza che queste figure esistano e a scrollarsi di dosso il

peso del passato, cacciar via l'uccellaccio maligno e di sentire invece una

voce "credi in te stesso". Si può quindi comporre, ma una poesia di cuore

che nasce dalla nostra coscienza, non quella caratterizzata da metafore

raffinate che manca di umiltà. Lei infatti parla del marito, affetto dal morbo

di Parkinson e il disgusto verso se stessa quando aveva considerato i genitori

troppo italiani per essere accettabili. Raccontare la propria storia è quindi

l'unica chiave che può aprire le celle segrete della mente.

La letteratura e la camorra: Viene istituita la Biblioteca digitale sulla

camorra nella Facoltà di lettere moderne dell'Università Federico II di

Napoli per catalogare tutto ciò che è stato prodotto su di essa, drammaturgia

e narrativa. Promotore è Pasquale Sabbatino il quale ha pensato che sia

molto utile per impedire la dispersione di tutto il materiale, organizzandolo

in un organismo ordinato. C'è la camorra come tema letterario, o il

dizionario musicale e cinematografico per rilevare verità spesso taciute o

rimosse ed evidenziare, attraverso il disvelamento di intricci tra malavita e

politica. Il professor Sabatino crede che sia difficile debellare la camorra,

solo con un duro lavoro culturale di rimozione delle cause. Fa riferimento a

Saviano e dice che in terra di camorra la funzione dello scritore è una

sopravvivenza, l'unica possibile per respirare.

Giacomo Retaggio e la sua Isola nell'isola di Procida: Il viaggio è quella

distanza che si porta nel cuore e che si affronta per diverse ragioni :

necessità, passione. C'è quindi il turista in cerca di souvenir, il manager in

cerca di bisness, chi torna finalmente a casa. Ma quando è un'isola, il viaggio

diventa dimensione dell'anima, spesso è una condizione di stallo o mito,

l'isola che non c'è nella quale cercare se stessi. Le persone che vi abitano

sono riflesso di dialoghi tra il mare e l'isola. Procida è un'isola che sembra

un tessuto con un dritto e un rovescio, da un lato il mare, la natura, dall'altro

il buco nero di Terra Murata che sembra inghiottire tutta la magia dell'isola.

L'inferno del carcere di Terra Murata, lamenti soffocati. Giacomo Retaggio,

è stato un medico nel carcere di Procida e nell' "Isola nell'Isola" racconta

come l'isola e il carcere fossero un'unica entità, infatti il tempo sull'isola era

scandito dal suono lacerante della sirena del carcere, molti erano convinti

che Procida, al contrario di Ischia, non fosse una meta turistica proprio per la

sua esistenza, la sua abolizione alimentò molte speranze per il turismo, ma il

realtà non fu cosi, c'era una processione dei parenti dei detenuti che

andavano e tornavano ed era una grande entrata economica. Egli racconta

che era il medico più giovane, che entrando nel carcere si rese conto che era

un vero e proprio mondo, tra i detenuti ci sono anche medici,architetti. Entrò

a far parte della loro vita, si fidavano di lui, deve trasmettere fiducia come il

cappellano. Conobbe anche gerarchi fascisti e detenuti della repubblica di

Salò, poi liberati con l'indulto Togliatti (diede vita al Partito Comunista

d'Italia contro il fascismo, voleva indipendenza dei partiti comunisti da

quello sovietico). Racconta che gli accoltellamenti nel carcere erano

all'ordine del giorno, infatti nonostante stesse in buoni rapporti cercava di

tenere una barriera nei loro confronti, spesso per ricevere concessioni si

mettevano chiodini e lamette nella bocca, vi era una cella di gommapiuma

per evitare che il detenuto sbattendo la testa alle pareti potesse farsi male o il

letto di contenzione. L'isolamento è dato dal carcere ma anche dal mare,

l'evasione con il mare spesso è un fallimento, ti impedisce di raggiungere

terra ferma ma anche positivo perchè è una difesa,l'isola protegge.

"La testimonianza di un caso unico della delinquenza minorile": Vizzardelli

è stato un pluriomicida che ha ucciso cinque persone a Sarzana a 15 anni.

Dalla perizia psichiatrica il ragazzo risulta cosciente di intendere e di volere

e cosciente dell'azione che stava compiendo, l'unica anomalia che lo

caratterizza è una mancanza di sentimenti,emozioni. La pena di morte è

esclusa data la sua età, condannato all'ergastolo. Era la prima volta che in

Italia un minorenne veniva condannato all'ergastolo, viene definito

"delinquente per tendenza" ovvero di indole malvagia, dato che il contesto


PAGINE

9

PESO

35.30 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue nella società dell'informazione
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher tuttigliappunti96 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Pierangeli Fabio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura italiana

Letteratura Italiana - Fabio Pierangeli
Appunto
Appunti completi su D'annunzio poetica, Decadentismo e analisi Pioggia nel Pineto
Appunto
D' Annunzio, Gabriele - Vita,poetica, opere. Il poeta soldato e il Superuomo. Riassunto esame Letteratura Italiana, prof. Pierangeli
Appunto
Tesina Cesare Pavese: La casa in collina. Letteratura Italiana - Fabio Pierangeli
Appunto