Che materia stai cercando?

Riassunto esame Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, prof. Gemini, libro consigliato Performing art e industria culturale alla prova del pubblico, Gemini

Riassunto studiato per l'esame di Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, basato sullo studio autonomo del saggio consigliato dalla prof. Gemini, "Performing art e industria culturale alla prova del pubblico", Gemini. Scarica il file in PDF!

Esame di Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo docente Prof. L. Gemini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Essa è stata infatti relegata alla dimensione ludica e frivola del

loisir, mentre dal lato artistico ha subito il regime iconoclastico

dell'immaginario che favoriva forme più sicure e meno

peccaminose del sapere basato sui testi.

La cultura borghese dell'Ottocento ha infatti considerato la danza

una forma di intrattenimento e distrazione che solo le scienze

umane del XX secolo, con la diversa concezione psico-fisica

espressiva e creativa del movimento, hanno contribuito in parte a

superare, per restituirle lo spessore culturale che merita.

I meccanismi di mercato, infatti, richiedono standardizzazione dei

processi e individualizzazione dei prodotti destinati alla fruizione,

intesa come processo volontario dello spettatore che gestisce la

sua dieta di consumo spettacolare sganciandosi dalle originarie

influenze della comunità.

Dato l'accoppiamento strutturale fra sistema della cultura e

sistema economico, il marketing culturale necessita di una

riflessione specifica e una progettazione di ricerca mirata su danza

e pubblico, dal difficile sezionamento.

Occorre superare l'idea trasmissiva del messaggio artistico e la

complessità dei linguaggi della danza sperimentale per far

emergere un dominio di consenso che prescinda l'improbabile

coincidenza fra intenzioni dell'artista e capacità dello "spettatore

empirico" di coglierle.

Jauss formulò infatti, nell'ambito degli studi sull'"estetica della

ricezione", il concetto di "orizzonte di attesa", proprio per spiegare

l'imprevedibilità del soggetto-spettatore inteso come

"costellazione di aspettative", solitamente tipologizzato in base a

competenza e capitale spettacolare.

3. La parola allo spettatore

I progetti e le iniziative locali che cercano di coprire le carenze

della promozione culturale sono esemplificati dalla ricerca

esplorativa "La danza INAZIONE" del Collettivo c_a_p sulla

domanda potenziale di danza contemporanea sul territorio

riminese.

Le risposte dei partecipanti mostrano la necessità di qualificare il

valore artistico e la specificità espressiva della danza

contemporanea, con riflessioni che generalizzano la funzione

dell'arte e la sua capacità di porsi al confine fra individualità e

comunicazione (quindi, società).

La cultura sembra quindi collocarsi nella zona "altra"

dell'esperienza quotidiana, spesso vuota di significati.

Emerge inoltre l'idea di contemporaneità che supera la grande

storia artistica, per riconoscere la qualità riflessiva della

performance culturale, capace di attivare un pensiero critico sul

mondo superiore alle dimensioni di intrattenimento ed evasione.

La sfida alla ricerca artistica e alla danza contemporanea

considerata tenenzialmente concettuale e snob è quella di

rendersi fruibile e divulgabile.

Ciò si manifesta non soltanto nelle risposte degli spettatori

generalisti, ma anche dei lavoratori dello spettacolo.

Uscendo dai canoni della classicità, teatralizzandosi e ridefinendo i

suoi linguagi in ottica transmediale, grazie alle Avanguardie

artistiche, la danza ha visto sfumare la rigida definizione di

genere, diventando però meno intellegibile per la predisposizione

culturale occidentale che rivendica razionalità, struttura lineare

narrativa del processo drammaturgico e comprensione di

significati dati da recepire.

Il dominio della danza commerciale dei successi televisivi ha

tuttavia la caratteristica positiva di avvicinare la gente comune al

movimento fisico del corpo.

La teoria della comunicazione (e di quella artistica), pone dal lato

del ricevente l'innesco della relazione comunicativa.

In molte risposte si riscontra, infatti, come il pubblico senta

spesso il dovere di analizzare lo spettacolo, mentre il bello

dell'essere pubblico si trova proprio nel laciarsi emozionare,

coinvolgere, annoiare o stimolare, abbandonandosi all'essere

spugna, assimilare senza pretese e rielaborare il proprio


PAGINE

5

PESO

109.77 KB

PUBBLICATO

10 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Informazione, media e pubblicità
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher GiovannaUrb di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Gemini Laura.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo

Riassunto esame Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, prof. Gemini, libro consigliato Il dispositivo teatrale e lo sguardo utopico, Gemini
Appunto
Riassunto esame Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, prof. Gemini, lbro consigliato L'incertezza creativa, Gemini
Appunto
Riassunto esame Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, prof. Gemini, libro consigliato Il nuovo teatro, De Marinis
Appunto
Appunti Forme e linguaggi del teatro e dello spettacolo, prof. Gemini
Appunto