Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Ma che cos’è l’arte?

2 ipotesi:

Arte come comportamento simbolico a funzione sociale:

1. il vantaggio adattivo è quello di mantenere un gruppo sociale coeso

Arte come modo specifico dell’attenzione:

2. vantaggi di tipo cognitivo, maggiore discriminazione percettiva e comprensione

dell’intenzionalità altrui

Errori frequenti :

Identificare l’utilità attuale delle pratiche artistiche con la loro origine evolutiva

1. Postulare un ipotetico istinto cinematografico, spiegabile in logiche adattive dirette.

2.

11.3 – La costruzione estetica della teoria della selezione naturale

Il procedimento darwiniano comprende una specifica componente immaginativa, che

agisce come una capacità unificante dei materiali dell’esperienza.

L’esperienza del cosmo naturale darwiniano è dettata dalla polarità bello/sublime

11.4 - Le tre figure dell’estetica darwiniana

Bellezza morfologica:

1. bellezza puramente formale di alcuni organismi inferiori (es. simmetrie radiali delle

meduse, colori, geometrie ecc. Essa non gioca alcun ruolo nel processo evolutivo.

L’obiettivo di Darwin, infatti, non è studiare le forme che provocano piacere, ma

comprendere la dimensione estetica in termini di strategie selettive

Bellezza co-evolutiva:

2. bellezza tipica dell’orchidea, che non è meramente formale, ma conseguenza di un

processo selettivo realizzatosi nel tempo, attraverso particolari espedienti

riproduttivi. La bellezza risulta essere interna ai processi evolutivi poiché prodotto e

motore della coevoluzione di specie animali diverse, attraverso l’azione della

selezione naturale

Bellezza estetica:

3. Darwin era ossessionato dall’apparente inutilità degli ornamenti dei pavoni poiché

essi si dimostrano fondamentali per l’accoppiamento: la scelta della femmina è

Pag. 4 a 6

mossa Da motivazioni estetiche. Tutto ciò è una forma elementare del giudizio

estetico, il quale possiede una propria logica autonoma rispetto a percezione e

desiderio sessuale

NB: Ovviamente gli animali hanno un grado di complessità dell’esperienza estetica

di gran lunga inferiore all’uomo

11.5 – Esperienza filmica ed evoluzione umana: prospettive di ricerca

Un’estetica evoluzionistica applicata al cinema potrebbe allora domandarsi quali siano i

meccanismi coinvolti nel creare in noi una passione per il cinema, in che modo ciò

avvenga equali effetti comporta sull’evoluzione umana. Walter Benjamin in L' opera d'arte

nell'epoca della sua riproducibilità tecnica nota che il cinema ha la peculiarità di essere sia

un’esperienza percettiva sia emotiva molto forte.

Capitolo 12 – Il tempo dell’immagine: il cinema come forma dell’estetica

di Fabrizio Desideri

C’è un nesso non casuale tra estetica e cinema, tra la forma cinema e la forma stessa

dell’estetica. A livello etimologico, estetica significa percezione/sensazione

Il cinema, in quanto mezzo dotato di una sua logica interna, s’inscrive all’interno di questo

quadro evolutivo, che riguarda la nostra specifica competenza rispetto alle immagini.

Il saggio L' opera d'arte nell'epoca della sua riproducibilità tecnica Walter Benjamin riflette

sul senso dell’estetica in rapporto sull’identità umana, nei termini di una dottrina della

percezione, dando una grande rilevanza alla nostra esperienza

Abel Gance (regista e teorico francese) suggerisce che c’è una grossa differenza tra

cinema e teatro, poiché il primo ha una totale autonomia dell’immagine. A suo dire, inoltre,

con il cinema avviene il ritorno di una grammatica delle immagini di tipo idiografico.

Dal suo punto di vista, uno dei grandi errori di tutti i discorsi sull’estetica è analizzarla solo

dal punto di vista degli atteggiamenti, come se fosse psicologia, poiché, in realtà, l’estetica

riguarda anche le forme.

L’opera di Benjamin insiste sul fatto che il cinema si impone come un’esperienza inedita

per l’uomo, nel suo rapporto con l’immagine e con l’arte in generale. L’invenzione del

cinema risulta essere un’espansione del mondo dal suo interno (es. ralenti, zoom ...)

La forma cinema offre delle implicazioni ontologiche riconfigurando esperienza estetica ed

umana in generale. Pag. 5 a 6


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

6

PESO

25.57 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in dams (discipline delle arti, della musica e dello spettacolo)
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giulirosssss di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Analisi del film e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Guerrini Loretta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Analisi del film

Riassunto esame Analisi del Film, prof. Guerrini, libro consigliato Manuale del Film, Rondolino, Tomasi
Appunto
Riassunto esame Analisi del Film, prof. Guerrini, libro consigliato Il Montaggio nella Storia del Cinema di Vitella
Appunto
Riassunto esame Analisi del film, prof. Noto, libro consigliato Il cinema trascritto, Bruni
Appunto
Soglia - Grande Prova - Resurrezione Analisi del film 2015
Appunto