Che materia stai cercando?

Riassunti esercitazione economia e misurazione aziendale

Appunti con spiegazione esaustiva della teoria utilizzata per svolgere le lezioni di esercitazione di economia e misurazione aziendale, utile a livello pratico, da integrare con esercizi, Università degli Studi di Trento - Unitn. Scarica il file in PDF!

Esame di Economia e misurazione aziendale dal corso del docente Prof. A. Francesconi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Analitico:  cono  la  suddivisione  di  conti  per  diversi  fornitori,  clienti,  …  

 

Ogni  fatto  amministrativo  che  dà  luogo  ad  una  variazione  finanziaria  viene  registrato  secondo  

cronologia  nel  libro  giornale,  indicando:  

 

DATA   CONTI  E  DESCRIZIONI   V.F./V.E.   DARE   AVERE  

 

Nello  stesso  momento  in  cui  viene  registrata  una  variazione  viene  aperto  un  conto  per  ognuna  

di  esse  o,  se  già  presente,  si  registra  la  variazione  in  esso.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SALARI  E  STIPENDI  

Per  procedere  alla  rilevazione  di  salari  e  stipendi  si  effettuano  diverse  operazioni:  

1. Si   registra   come   costo   la   cifra   lorda   si   salari   e   stipendi   che   fa   nascere   un   debito  

vs/dipendenti;  

2. Si  registra  il  debito  vs/istituti  previdenziali  che  nasce  dagli  oneri  sociali  (costo  perché  

a  carico  dell’azienda);  

3. Si   registra   il   debito   vs/dipendenti   per   gli   assegni   famigliari,   essi   non   sono   a   carico  

dell’azienda   ma   bensì   degli   istituti   previdenziali,   per   questo   il   nostro   debito   vs/gli  

istituti  previdenziali  diminuirà  perché  saremo  noi  sotto  forma  di  azienda  ad  anticipare  

questa  spesa;  

4. Si   provvedono   a   liquidare   (registro   in   P.D.   ma   non   pago   per   ora)   gli   oneri   sociali   a  

carico   dei   dipendenti   registrando   una   diminuzione   di   debito   vs/dipendenti   e  

aumentando  il  debito  vs/istituti  previdenziali;  

5. Si  pagano  i  salari  e  stipendi  netti  al  dipendente  apportando  una  diminuzione  di  debiti  

vs/dipendente  e  pagando  attraverso  il  conto  corrente  bancario;  

6. Subito  dopo  si  provvedono  a  registrare  le  imposte  sui  redditi  (a  carico  del  dipendente),  

facendo   così   diminuire   il   debito   vs/dipendenti   e   riportando   un   aumento   del   debito  

vs/erario.  

N.B.:  la  retribuzione  netta  pagata  nel  punto  precedente  è  già  stata  decurtata  di  questa  

somma.  

7. Il   16   del   mese   successivo   a   quello   di   competenza   dei   salari   e   stipendi   si   versano   gli  

oneri   sociali   diminuendo   così   il   debito   vs/istituti   previdenziali   e   pagando   tramite  

conto  corrente  bancario;  

8. Il  16  del  mese  successivo  a  quello  di  pagamento  dei  salari  si  versano  anche  le  ritenute  

fiscali,  diminuendo  così  il  debito  vs/erario  e  pagando  tramite  banca.  

 

A  fine  anno  si  provvedono  a  registrare,  oltre  al  TFR,  i  costi  delle  ferie  non  godute  (con  annessi  

oneri  sociali  =  +costo)  e  della  14esima  (compresi  oneri  sociali  =  +costo),  tramite  ratei  passivi  

(+  debito).  

La  14esima  non  è  sempre  prevista,  se  lo  è  verrà  pagata  a  giugno  dell’anno  successivo.  

La  13esima  è  invece  da  pagare  a  metà  dicembre.  

 

N.B.:  IRPEF=Erario  

                   INPS=Istituti  Previdenziali  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LAVORI  IN  ECONOMIA  

Per   la   manutenzione   dei   beni   interni   all’azienda   ci   si   può   affidare   a   terzi,   oppure  

si  possono  svolgere  i  lavori  in  economia.  

Nel   secondo   caso   l’esecuzione   dei   lavori   viene   svolta   dalla   stessa   stazione  

appaltante  che  aveva  deciso  di  realizzare  i  lavori  (l’azienda).  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

RATEI  E  RISCONTI  

Quando  a  fine  anno  mi  trovo  ad  aver  registrato  costi  o  ricavi  (NON  debiti,  crediti,  ecc.)  che  non  

riguardano   un   solo   esercizio   (ad   es.   canone   mensile   di   affitto   registrato   il   15/12)   devo  

provvedere   a   rettificare   il   costo   o   il   ricavo   per   segnalare   SOLO   la   parte   di   competenza   del  

periodo  che  sto  valutando  e  chiudendo.  

Si  distinguono  due  casi:  

Se  si  tratta  di  pagamenti  posticipati,  cioè  ho  già  registrato  il  costo  e  il  debito,  ma  non  

• l’ho   ancora   pagato,   dovrò   distinguere   la   parte   della   somma   che   interessa   questo  

esercizio   da   quella   che   interessa   il   successivo,   prendere   la   prima   e   segnarla   il   P.D.  

come:    

+COSTO  (SOSPESO),  es.  fitti  passivi  

+DEBITO  =  RATEI  PASSIVI.  

 

Se   al   contrario   si   tratta   di   un   ricavo   con   conseguente   credito   seguo   lo   stesso  

procedimento  ma  lo  segnerò  in  P.D.  come:  

+RICAVO  (SOSPESO),  es.  fitti  attivi  

+CREDITO  =  RATEI  ATTIVI.  

  Il  secondo  caso  è  quello  in  cui  la  somma  è  già  stata  pagata  anticipatamente  e  devo  per  

• questo   dire   che   parte   del   costo   che   avuto,   o   parte   del   ricavo,   non   sono   imputabili   a  

questo   esercizio,   bensì   a   quello   successivo   e   procedere   così   a   rettificare   il   costo   o   il  

ricavo.  

Prendo  così  la  parte  del  costo  o  del  ricavo  che  riguarda  il  periodo  successivo  e,  nel  caso  

di  un  costo  segnerò  i  dati  in  P.D.  in  questo  modo:  

RETTIFICA  DI  COSTO,  es.  fitti  passivi  

+COSTO  (SOSPESO)  =  RISCONTI  ATTIVI.  

 

Nel  caso  di  un  ricavo:  

RETTIFICA  DI  RICAVI,  es.  fitti  attivi  

+  RICAVO  (SOSPESO)  =  RISCONTI  PASSIVI.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SCHEMA  FONTI/IMPIEGHI  (bilancio  di  verifica)  

A  fine  mese  o  a  fine  anno  riporto  in  questo  schema  impieghi  (dare)  e  fonti  (avere)  la  somma  di  

tutti  i  mastrini  (ad  es.  se  nel  mastrino  banca  c/c  avrò  un  ammontare  di  2000  €  in  dare  

riscriverò  questa  cifra  in  impieghi  nel  mio  prospetto).  

 

DESCRIZIONE   IMPIEGHI   FONTI  

 

 

CALCOLO  DEL  COSTO  UNITARIO  DI  PRODUZIONE  DI  UN  BENE  

Per  i  beni  utilizzabili  una  sola  volta  (materie  prime,  plastiche,  ecc.)  divido  il  loro  costo  

• per  il  numero  di  prodotti  finali  ottenuti.  

Per  i  beni  a  lunga  durata  calcolo  la  parte  del  costo  di  questi  beni  che  è  stata  consumata  

• per  produrre  questa  produzione  (ammortamento).  

 

Sommo  tutti  i  singoli  costi  ed  ottengo  il  costo  unitario  di  produzione  di  un  bene.  

Se  sommo  tutti  i  costi  ottengo  invece  il  costo  totale  della  produzione.  

Calcolo  il  valore  della  produzione  venduta  (ricavo  unitario*pezzi  venduti)  e  il  valore  della  

produzione  invenduta  (costo  unitario*pezzi  invenduti).  

Calcolo  l’utile  d’esercizio  facendo:  ricavo  totale  dei  prodotti  venduti  –  costo  totale  della  

produzione  dei  prodotti  venduti.  

 

SINTESI  ECONOMICA  E  PATRIMONIALE  AL  31/12  

Riportando  il  prospetto  fonti/impieghi  del  31/12:  

PER  IMPIEGHI:  divido  i  costi  d’uso  (in  alto)  da  quelli  residuali  (in  basso).    

• Ai  costi  residuali  aggiungo  il  valore  delle  merci  invendute  (costo  sospeso).  

PER  FONTI:  scrivo  nella  parte  alta  i  ricavi  di  vendita  e  aggiungo  le  rimanenze  finali  dei  

• prodotti  finiti  (rettifica  costo),  nella  parte  bassa  scrivo  il  capitale  di  rischio  e  tutti  i  tipi  

di  debiti.    

PAG.  22  DATA  SRL  

 

Riscrivo  poi  in  un  altro  prospetto  fonti/impieghi  solo  la  parte  in  basso  del  precedente  

prospetto,  aggiungendo  però  in  fonti  l’utile  d’esercizio  (che  va  sommato  al  capitale  di  rischio  

formando  così  il  patrimonio  netto).  

Evidenzio  poi  attività  (=tot.  impieghi),  patrimonio  netto  (=capitale  di  rischio+utile)  e  passività  

(=tot.fonti-­‐patrimonio  netto).  

PAG.  23  DATA  SRL  

 

PROSPETTO  COSTI  D’USO  E  COSTI  RESIDUALI  

 

FATTORI   TOTALE  COSTO   COSTO  D’USO   COSTO  RESIDUALE  

PRODUTTIVI  

ACQUISTATI  NEL  

PERIODO  n  

 

 

 

 

 

 

 

CHIUSURA  DEI  CONTI  

1. Individuo   tutti   i   costi   d’esercizio   (esclusi   quelli   pluriennali,   comprese   le   rettifiche   di  

ricavo);  

2. Individuo  tutti  i  ricavi  d’esercizio  (comprese  le  rettifiche  di  costo);  

3. Chiudo  tutti  i  costi  d’esercizio,  chiudendo  i  mastrini  ed  effettuando  i  saldi  e  scrivendo  

in  partita  doppia  il  saldo  di  ogni  mastrino  nella  sezione  avere  e  la  somma  di  tutti  i  saldi  

in   dare   con   denominazione   “CONTO   ECONOMICO”   (aprendo   anche   il   relativo  

mastrino);  

4. Chiudo  tutti  i  ricavi  d’esercizio  scrivendo  in  dare  il  saldo  di  ogni  singolo  mastrino  e  la  

somma  di  tutti  in  avere  con  denominazione  conto  economico;  

5. Chiudo  il  conto  economico  individuando  l’utile  (se  il  saldo  è  in  dare)  o  la  perdita  (se  il  

saldo  è  in  avere);  

6. Giro  l’utile  o  la  perdita  al  patrimonio  netto.  

 

A   questo   punto   rimangono   aperte   le   attività   (costi   pluriennali,   crediti,   ratei   e   risconti   attivi)   e  

le  passività  (fondi  ammortamento,  debiti,  ratei  e  risconti  passivi).  

La  banca  e  la  cassa  sono  versatili:  a  seconda  dei  casi  sono  attività  o  passività.  

  7. Chiudo  tutte  le  attività  scrivendo  il  saldo  di  ogni  singolo  mastrino  in  avere  e  la  somma  

di   tutti   i   saldi   in   dare   con   la   denominazione   “BILANCIO   DI   CHIUSURA”   (aprendo   anche  

il  relativo  mastrino);  

8. Chiudo  tutte  le  passività,  scrivendo  in  dare  il  saldo  di  ogni  singolo  mastrino  e  la  somma  

di  tutti  i  saldi  in  avere  sotto  forma  di  bilancio  di  chiusura.  

 

A  questo  punto  rimangono  aperti  solo  i  mastrini  di  bilancio  di  chiusura  e  del  patrimonio  netto.  

  9. Chiudo  il  patrimonio  netto  girando  il  saldo  nel  bilancio  di  chiusura.  

Se  la  sezione  dare  ed  avere  del  bilancio  di  chiusura  coincidono  le  operazioni  saranno  

state  svolte  correttamente.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

APERTURA  D’ESERCIZIO  

Per   provvedere   alla   riapertura   dell’esercizio   si   prende   lo   stato   patrimoniale   al   31/12   e   si  

trascrivono  tutti  i  conti  presenti  all’interno  di  esso  nel  libro  giornale,  procedendo  prima  con  

quelli  presenti  nella  sezione  dare,   controbilanciando  con  la  scrittura  “STATO  PATRIMONIALE  

INIZIALE”   in   avere   (aprendo   anche   il   relativo   mastrino),   e   poi   procedendo   con   quelli   presenti  

in  avere,  controbilanciando  con  lo  stesso  conto  in  dare.  

Si  procede  poi  effettuando  le  scritture  di  rettifica  di  apertura  (rimanenze,  risconti,  ratei).  

Per  le  rimanenze  si  controbilancia  il  valore  in  dare  presente  nello  stato  patrimoniale  al  31/12,  

scrivendolo   in   avere   e   si   apre   un   nuovo   conto   denominato   “…   C/ESISTENZE   INIZIALI”,  

scrivendo  il  valore  in  dare  (+  costo).  

Per  i  ratei  si  segnala  il  costo/ricavo  relativo  e  si  rettifica  il  debito/credito.  

Per  i  risconti  si  segnala  il  costo/ricavo  e  si  rettifica  il  costo/ricavo  sospeso.  

Si  può  poi  procedere  con  le  normali  scritture  d’esercizio.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


PAGINE

17

PESO

170.63 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in amministrazione aziendale e diritto
SSD:
Università: Trento - Unitn
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher chiara.savoldelli di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e misurazione aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Trento - Unitn o del prof Francesconi Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in amministrazione aziendale e diritto

Riassunto esame Finanza, prof. Erzegovesi, libro consigliato Finanza aziendale, Berk, De Marzo
Appunto
Riassunto esame Economia II, prof. Cerea, libro consigliato Corso di Scienze delle Finanze di Bosi
Appunto
Statistica per le analisi economico aziendali - Anderson, Sweeney,Williams -sunto, prof. Taufer
Appunto
Contabilità completa
Appunto