Che materia stai cercando?

Revisione aziendale - Dlgs 39 principi fino al doc 330

Appunti di revisione aziendale, Dlgs 39 principi fino al doc 330, basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Fogarolo dell’università degli Studi di Ferrara - Unife, facoltà di economia, del corso di laurea in economia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Revisione aziendale docente Prof. A. Fogarolo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

REVISIONE AZIENDALE

Prof. Andrea Fogarolo

PREPARAZIONE PER PARZIALE

Argomenti :

 Concetti del decreto legge 39/2010

 Concetti generali dei principi di revisione

 Principi di revisione visti

DECRETO LEGGISLATIVO 39/2010

ARTICOLO 1 : si parte con una specie di glossario che spiega parole che verranno utilizzate

 all’interno del decreto legge, le piu importanti viste anche da noi sono :

 EIP : enti d’interesse pubblico , società che saranno individuate dall’art 16;

 GRUPPO : insieme delle società incluse nel consolidamento ai sensi del decreto legge

9/4/91 n 127 questa legge è quella della società che rispetta i criteri economici degli

articoli 2424/2425 ecc.

 REGISTRO DEI REVISORI LEGALI : registro nel quale sono iscritti i revisori legali e le società

di revisione legale;

 RELAZIONE DI REVISIONE LEGALE : il revisore per svolgere la sua professione svolge tante

ore di lavoro alla fine delle quali riassume il suo giudizio professionale in questa paginetta

– è il documento che contiene il giudizio sul bilancio espresso dal soggetto cui è stato

conferito incarico di revisione;

 RESPONSABILE DELLA REVISIONE : la sua responsabilità è talmente forte che quasi

eguaglia quella dell’amministratore 1,2) è una persona fisica alla quale viene conferito

l’incarico e va scritto nel registro delle imprese ma se viene incaricata una società di

revisione va comunque indicata la persona fisica responsabile della revisione (questa puo

anche cambiare);

 RETE (concetto molto importante) : io non posso fare revisione in un’azienda dove ho

interessi economici (es dove lavorano miei parenti) infatti bisogna essere INDIPENDENTI e

CORRETTI/TRASPARENTI. Questo di rete è un concetto ampio ma non immediato. Se c’è

una copartecipazione di utili si dice di essere in RETE, e quindi chi fa revisione non deve

essere in rete con la società o con altri soggetti che operano all’interno di essa ;

 REVISIONE LEGALE : include anche la revisione contabile ma è piu importante dato che

essa è fatta ai sensi di una legge;

 REVISORE LEGALE : persona fisica abilitata a esercitare la revisione legale ai sensi del

codice civile e delle disposizioni del decreto legislativo 39/2010. Esso deve essere iscritto

all’albo dei revisori e deve sostenere anche un esame;

 SOCIETA’ DI REVISIONE LEGALE : bisogna essere iscritti al registro e ci s’iscrive come

società di professionisti (la maggior parte dei soci della società deve essere iscritto come

revisore). Questa società è abilitata a esercitare la revisione legale ai sensi del seguente

decreto legislativo.

ARTICOLO 2 – Abilitazione all’esercizio della revisione legale : il revisore è un professionista

 infatti bisogna fare tirocinio, esame di stato e studio periodico;

 Il revisore legale deve essere un soggetto iscritto nel registro;

 Possono essere iscritte al registro persone fisiche che sono in possesso di una laurea

almeno triennale, è stato un concetto di uniformità con la comunità europea anche se la

preferenza è quella di attendere il 5 anno per essere pronti ad entrare in azienda anche se

la legge di per se non lo dice; oltre alla laurea deve essere svolto un tirocinio ai sensi

dell’art 3 , è la societa di revisione che te lo deve far fare e ti fa partecipare a concorsi

(solo dopo puoi effettuare l’esame di stato);

 Possono chiedere l’iscrizione a registro anche persone non italiane ma comunque abilitate

all’esercizio della revisione legale in uno degli stati membri dell’unione europea dopo aver

superato una prova attitudinale in lingua italiana.

 Le SOCIETA’ che possono chiedere l’iscrizione al registro devono 1) avere la maggioranza

dei componenti del loro consiglio di amministrazione che siano abilitate all’esercizio della

revisione legale, 2) ci deve essere una maggioranza numerica e per quote di soci abilitati

a essere revisori , 3) le azioni devono essere nominative e non trasferibili perche la

societa non deve essere fonte di speculazione e quindi non deve fare business, 4) la

maggioranza dei diritti di voto deve essere in mano a soci revisori.

 L’iscrizione nel registro da titolo di revisore legale, quindi è una professione riconosciuta a

livello europeo.

ARTICOLO 3 – Tirocinio :

  Il tirocinio 1) non è in aula, ma è un tirocinio di lavoro finalizzato all’acquisizione della

capacita di applicare concretamente le conoscenze teoriche necessarie per il

superamento dell’esame e per l’esercizio dell’attivita di revisore; 2) dura 3 anni (essendo

un titolo europeo non puo durare meno di 3 anni), 3) deve assicurare la formazione

pratica del tirocinante e quindi o si va in una società di revisione o si va in uno studio che

deve avere incarichi di revisione contabile.

 Per ogni tirocinante bisogna compilare il REGISTRO DEL TIROCINIO (generalita del

tirocinante, data inizio tirocinio, soggetto dove è svolto il tirocinio ecc);

 Queste informazioni sopra elencate si possono trovare tranquillamente su internet;

 Entro 60 giorni dalla fine di ciascun anno di tirocinio, il tirocinante deve fare una relazione

sull’attività svolta durante il tirocinio stesso, essa verra poi sottoscritta dal soggetto

presso il quale si è svolto il tirocinio.

ARTICOLO 4 – Esame di idoneità professionale :

  Lo scopo do accertare il possesso delle conoscenze teoriche necessarie all’attività di

revisione e della capacita di applicare concretamente tali conoscenze verte su diverse

materie (…);

ARTICOLO 5 – Formazione continua :

  Gli iscritti prendono parte a programmi di aggiornamento professionale per mantenere a

perfezionare conoscenze teoriche e capacità professionali;

ARTICOLO 6 – Iscrizione nel registro :

  Stabilisce contenuto e modalità di presentazione delle domande e il termine entro il quale

presentare la richiesta per iscriversi nel registro ;

 Il MEF se accerta che c’è un’insussistenza dei requisiti per l’abilitazione ne da

comunicazione all’iscritto dandogli piu tempo (non piu di 6 mesi) per cercare di sanare le

mancanze, in caso non si riesca a sanare l’insussistenza, ci sara la cancellazione dal

registro i risultati degli ammessi invece vengono pubblicati sulla gazzetta che è visibile su

internet;

ARTICOLO 8 – Selezione del registro per i revisori inattivi : cioè per coloro che non svolgono

 attivita di revisione da qualche anno :

 I soggetti iscritti devono comunicare al soggetto incaricato alla tenuta del registro per i

revisori inattivi gli incarichi di revisione legali assunti;

 Chi non svolge la professione legale per 3 anni puo riprendere gli incarichi di revisione

solo dopo la partecipazione a un corso di formazione (pero c’è sempre da dire che se non

hai incarichi per 3 anni vuol dire che hai un problema e rischi di non fare piu revisione);

ARTICOLO 9 – Deontologia professionale, riservatezza e segreto professionale :

  Non si parla mai dei propri clienti , infatti bisogna essere riservati e avere il segreto

professionale. La DEONTOLOGIA significa che bisogna avere una separazione netta tra

revisore e ruolo in azienda (es non accettare regali, non fidanzarsi con qualcuno che

lavora in azienda, ecc.) – non bisogna mettere in mezzo i sentimenti e quindi

sostanzialmente nessuno deve pensare che il mio atteggiamento generi un problema di

indipendenza.

 L’accettazione di un incarico di revisione fa presumere che chi l’accetta ne abbia valutato

il rischio e quindi ci sono delle verifiche per capire se tu hai realmente capito il rischio.

Prima di tutto devi capire cosa rischi a prendere in mano quell’azienda (es se fa frode..)e

quindi devo cercare di prendere piu informazioni possibili e di conseguenza il revisore

uscente deve dare informazioni al revisore entrante.

A causa dei limiti intrinseci dell’attività di revisione contabile vi è un inevitabile rischio che alcuni

errori significativi presenti in bilancio non siano individuati anche se la revisione è stata

correttamente pianificata e svolta in conformità ai principi di revisione.

ARTICOLO 10 – Indipendenza e obiettività (questo va a braccetto con articolo 9) :

  Il revisore e la soc di revisione devono essere indipendenti e non devono essere in alcun

modo coinvolti nel processo decisionale aziendale (non devono essere in rete) – loro

possono capire i problemi dell’azienda revisionata ma poi deve essere l’imprenditore a

decidere cosa fare e come attuare i tuoi consigli, dato che io faccio consulenza e

nient’altro.

 Il revisore legale e la società di revisione legale non effettuano la revisione legale dei conti

di una società qualora tra tale società e il revisore legale o la società di revisione legale o

la rete sussistano relazioni finanziarie, d’affari, di lavoro o di altro genere, dirette o

indirette, comprese quelle derivanti dalla prestazione di servizi diversi dalla revisione

contabile, dalle quali un terzo informato, obiettivo e ragionevole trarrebbe la conclusione

che l’indipendenza del revisore legale o della società di revisione legale risulta

compromessa;

 Se l’indipendenza rischia di essere compromessa il revisore o la societa di revisione deve

adottare misure volte a ridurre i rischi : AUTORIESAME ogni anno il revisore deve

chiedersi se è indipendente nei confronti della società e questo lo si deve dichiarare in un

documento il quale lui stesso firmerà in modo che esso dichiari in modo ufficiale la sua

indipendenza;

 Se c’è un problema di rilevante importanza di indipendenza il revisore non deve effettuare

la revisione legale e quindi deve abbandonare l’incarico;

 Nelle carte di lavoro si dichiarano rischi rilevanti per l’indipendenza del revisore stesso e

le misure adottate per ridurre tale rischio;

 Il corrispettivo della revisione non puo essere subordinato ad alcuna condizione, non puo

essere stabilito secondo i risultati della revisione. Se concordiamo un compenso, quello

rimane e non puo essere condizionato da nulla.

 Il corrispettivo è determinato in modo da garantire la qualità e l’affidabilità dei lavoratori.

Nella revisione legale infatti non c’è la tariffa ma il compenso è commisurato a ore di

lavoro, tariffa media (data dai professionisti che io coinvolgo , > impresa > tariffa e

viceversa);

 La retribuzione dei dipendenti non puo essere determinata dall’esito della revisione da

essi compiuta – posso dare bonus ma non sugli obiettivi raggiunti, ma su altre capacita

(es lavoro di gruppo, correttezza, buon lavoro ecc).

ARTICOLO 11 – Principi di revisione :

  Le regole per fare la revisione non sono italiane ma sono a livello europeo;

 Fino a quando non sono entrate in vigore le regole europee le regole utilizzate in italia

erano quelle elaborate dagli ordini di professionisti e queste regole/principi erano in vigore

fino al 2010 anche se non erano obbligatorie, ora invece se vuoi fare revisione legale devi

applicare i PRINCIPI DI REVISIONE A NORMA DI LEGGE.

ARTICOLO 12 – Elaborazione dei principi :

  In italia abbiamo una traduzione dei principi europei, pero su alcuni passaggi si sono fatte

piccole aggiunte per renderli piu coerenti con la realta italiana, ma non con questo non

vuol dire che si siano snaturati i principi europei, perche se cosi fosse non varrebbero piu

all’estero e questo non puo andar bene dato che la certificazione deve valere a livello

internazionale (europeo). Una delle differenze è quella della verifica periodica.

ARTICOLO 13 – Conferimento , revoca e dimissioni dell’incarico, risoluzione del contratto :

  Risponde alla domanda “chi nomina il revisore?” . esso viene nominato dall’assemblea dei

soci su proposta motivata dell’organo di controllo. Nella delibera dell’assemblea si precisa

quanto spetta al revisore per tutta la durata dell’incarico che deve essere di 3 anni. Non

c’è proroga per il revisore, dopo aver espresso il giudizio sul 3 bilancio , decade ed è

liberato dal suo incarico, pero dopo sei mesi deve comunque firmare la dichiarazione dei

redditi.

 REVOCA concetto nuovo ! fino al 2010 il revisore sembrava che fino alla fine dei suoi

giorni dovesse svolgere revisione. La revoca si ha quando ricorre una GIUSTA CAUSA e

non costituisce giusta causa la divergenza di opinioni su i trattamenti contabili o su

procedure di revisione. Giusta causa potrebbe essere quando si uniscono due societa e

l’altra ha gia una soc di revisione e quindi si revoca il revisore della prima societa.

 Io posso RECEDERE dal contratto nei casi e nelle modalità definite dal MEF, sentita la

consob. Le dimissioni devono essere sottoposte alla società in tempi e modi tali da

consentire ad essa di provvedere altrimenti.

 In caso di dimissioni, il revisore deve continuare a svolgere revisione legale nella societa

per non oltre 6 mesi, o comunque fino a quando la società non abbia trovato un nuovo

revisore legale (cio puo avvenire anche prima dei 6 mesi)

 La societa che aveva il revisore legale deve avvisare MEF e consob.

ARTICOLO 14 – Relazione di revisione e giudizio sul bilancio :

  Il revisore legale deve ESPRIMERE UN GIUDIZIO sul bilancio, certifica il bilancio, esprime

un giudizio professionale sul bilancio. Ogni 4 mesi si fanno verifiche nell’azienda dove si

chiede se si pagano tasse, si si stanno tenendo le scritture di bilancio ecc.. e l’azienda

naturalmente deve tenere le scritture contabili.

 La relazione di cui l’articolo 11, comprende 1) paragrafo introduttivo, 2) dichiarazione

della revisione svolta, 3)giudizio sul bilancio, 4)eventuali richiami di informativa che il

revisore sottopone all’attenzione dei destinatari del bilancio – questo avviene quando si

vuole far vedere con maggiore enfasi certe situazioni, 5) un giudizio sulla coerenza della

relazione sulla gestione con il bilancio;

 Giudizio con RILIEVI : significa dire che va tutto bene ad eccezione di qualcosa (es su SP,

CE e nota integrativa). Ci sono 4 tipologia di relazioni : POSITIVA (bilancio veritiero e

corretto), NEGATIVA o IMPOSSIBILITA DI ESPRIMERE UN GIUDIZIO.

 I termini e le modalità di deposito sono iscritti all’articolo 2429 (Il bilancio deve essere

comunicato dagli amministratori al collegio sindacale e al soggetto incaricato della

revisione legale dei conti, con la relazione, almeno trenta giorni prima di quello fissato per

l'assemblea che deve discuterlo.)

 I revisori hanno il diritto di ottenere documenti utili per la revisione, essi sono responsabili

dell’espressione del relativo giudizio. I documenti e le carte devono essere conservate per

10 anni dalla data della relazione di revisione.

 Il revisore deve conservare una copia delle carte di revisione di paesi terzi e per far questo

mi devo avvalere di uno studio di revisione locale internazionale.

ARTICOLO 15 – Responsabilità : questo lavoro è pieno di responsabilità. È un livello di

 responsabilita che quasi non trova uguali e tale responsabilità è similare a quello

dell’amministratore. Naturalmente la responsabilita è entro i limiti del proprio contributo al

dato cagionato.

NORMATIVA PER GLI EIP (enti d’interesse pubblico)

ARTICOLO 16 – Enti di interesse pubblico : società quotate con azioni o obbligazioni ;

 ∙ Società che trattano soldi con la gente, prestano e ricevono denaro da parte del pubblico;

∙ La revisione sociale non puo essere fatta dal collegio sindacale se la società è in qualche

modo collegata o è proprio un ente pubblico;

∙ Pero se la soc è controllata o posta in comune accordo con gli EIP, allora la revisione puo

essere fatta dal collegio sindacale.

ARTICOLO 17 – Indipendenza :

 ∙ L’incarico di revisione legale ha la durata di 9 esercizi per le società di revisione e di 7

esercizi per i revisori legali. Esso non può essere rinnovato o nuovamente conferito se non

siano decorsi almeno tre esercizi dalla data di cessazione del precedente incarico;

∙ C’è una maggiore rigidità per quando riguarda l’indipendenza per quanto riguarda gli EIP

dato che sono società che lavorano con i soldi;

∙ Se sei revisore di un EIP non puoi fare per la stessa EIP certe attività , infatti puoi fare

sostanzialmente solo revisione contabile, e forse un po di organizzazione contabile, ma

niente di piu !

∙ L’incarico di responsabile della revisione dei bilanci di un ente di interesse pubblico non

può essere esercitato dalla medesima persona per un periodo eccedente sette esercizi

sociali, né questa persona può assumere nuovamente tale incarico, neppure per conto di

una diversa società di revisione legale, se non siano decorsi almeno due anni dalla

cessazione del precedente. L’unica soluzione è quella di cambiare la persona fisica che fa

revisione, allora l’incarico puo durare oltre i 7 anni;

∙ Per rafforzare l’indipendenza, una volta che non sei piu revisore contabile, devi lasciare

l’ente, non puoi diventare un dipendente dello stesso;

∙ La violazione dei divieti è punita con SANZIONI SALATE.

ARTICOLO 18 – Relazione e trasparenza:

 ∙ Deve essere pubblicata entro 3 mesi dalla fine di ogni esercizio sociale. Deve esser e

pubblicata sul sito internet e deve contenere informazioni riguardanti il revisore o la

societa di revisione.

ARTICOLO 19 – Comitato per il controllo interno e la revisione contabile :

 ∙ Negli EIP il comitato per il controllo interno e il revisore si identificano con : il consiglio

sindacale, il consiglio di sorveglianza e comitato per il controllo sulla gestione.

∙ Il revisore crea un contatto con il comitato per il controllo interno dato che devono

scambiarsi info e per gli EIP devono consolidarlo ancora di piu questo rapporto e gli

devono fare una comunicazione per iscritto lettera dei suggerimenti.

CONTROLLO DELLA QUALITA

ARTICOLO 20 – Controllo della qualità : da regole generali richiamate nei principi di revisione :

 ∙ I revisori che svolgono attività non su EIP sono soggetti a controllo di qualità ogni 6 anni;

∙ I revisori che svolgono attivita su EIP sono soggetti a controllo ogni 3 anni;

∙ Non si puo far fare controllo di qualita da amici, bisogna chiamare comunque terzi;

∙ Il controllo della qualità, basato su una verifica adeguata dei documenti di revisione

selezionati, include una valutazione della conformità ai principi di revisione e ai requisiti di

indipendenza applicabili, della quantità e qualità delle risorse impiegate, dei corrispettivi

per la revisione, nonché del sistema interno di controllo della qualità nella società di

revisione legale ;

∙ lo spunto di questo articolo è che la revisione non è un lavoro come tutti gli altri e chi lo fa

deve sottostare a un controllo di qualita previsto per legge, ma la legge non dice chi lo

deve fare ma da degli spunti su chi deve essere → per gli EIP è la consob, per gli altri non

c'è regola.

ARTICOLO 21 – Competenze e poteri del MEF (non molto importante):

 ∙ Il MEF puo avvalersi di enti pubblici o privati per lo svolgimento di indagini e

accertamento, connessi all'abilitazione dei revisori, per il tirocinio, per il controllo.

∙ Lo svolgimento delle funzioni attribuite al Ministero dell’economia e delle finanze e al

Ministero della giustizia dal presente decreto è finanziato dai contributi degli iscritti nel

Registro ;

∙ La cifra è fissa pero si chiede una percentuale sui lavori consobbati, per quanto riguarda

gli EIP questa è il 1/2% del fatturato.

Il MEF ha una serie di compiti che puo dare in concezione e il soggetto ultimo per il controllo

pero rimane sempre lui e la Consob per gli EIP.

ARTICOLO 22 – Competenze e poteri per CONSOB

 ∙ La consob è molto piu avanti rispetto al MEF;

∙ fino al 2010 le soc di revisione per le soc quotate erano 20 perche c'era una lista fatta

appositamente dalla consob. Questa legge dice che non è la consob che dice tu si, e tu no

, ma dice tutti possono fare revisione, ma chi lo fa (per gli EIP) deve comunque sottostare

alla consob e ai suoi controlli a tuo rischio e pericolo perche essa controlla e se ci sono

problemi ci sono Grosse Sanzioni → i controlli della consob sono stringenti e comunque

essi vanno pagati.

∙ Se voglio fare revisione ad EIP so gia che la mia padrona è la conson quindi devo avere

trasparenza con lei.

ARTICOLO 24 – Provvedimenti del MEF :

 ∙ Se il MEF vede irregolarita, tenendo conto della gravità puo : 1) applicare sanzioni

amministrative pecuniarie, 2) sospendere per un periodo di tempo non superiore a 5 anni

il responsabile della revisione → gli tronca la carriera, 3) revocare e quindi togliere

l'incarico al revisore, 4) togliere il lavoro di revisore per 3 anni, 5) cancellare il revisore dal

registro e quindi cavargli la licenza → questo viene deciso dal MEF , capo supremo;


PAGINE

13

PESO

145.50 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia
SSD:
Università: Ferrara - Unife
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher leti.presentati di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Revisione aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ferrara - Unife o del prof Fogarolo Andrea.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Revisione aziendale

Revisione aziendale - doc 450
Appunto
Revisione aziendale (1 Parziale)
Appunto
Revisione aziendale 2 parziale
Appunto
Revisione aziendale Dlgs 39 2010 + principi fino al doc 330
Appunto