Che materia stai cercando?

Ragioneria e contabilità aziendale, riassunti

Il metodo della partita doppia accompagna il corso lungo tutta la sua durata ed è applicato
alle diverse classi di operazione:
• operazioni di gestione;
• operazioni di regolamento;
• operazioni di investimento e finanziamento;
• scritture di assestamento; chiusura, e redazione del bilancio; riapertura del
bilancio.
Il corso affronta inoltre i... Vedi di più

Esame di Ragioneria e contabilità aziendale docente Prof. C. Caserio

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-­‐   liquidazione   dell’acquisto   all’atto   dell’acquisto   viene   ricevuta   la   fattura   dal   fornitore   nella  

à  

quale,   oltre   a   rilevare   il   costo   integrale   dell’acquisto,   si   procede   allo   storno   dell’anticipo   già  

corrisposto   e   alla   rilevazione   dell’iva   sulla   differenza   tra   il   valore   totale   dei   beni   acquisiti   e  

l’imponibile  dell’anticipo  già  corrisposto;  

-­‐  pagamento  a  saldo    viene  corrisposta  la  differenza  ancora  dovuta.  

à

 

2)  Pagamento  immediato:  rilevazione  dell’acquisto  e  successivamente  dell’estinzione  del  debito.  

 

3)  Pagamento  differito:  rilevazione  dell’acquisto  e  successivamente  dell’estinzione  del  debito.  

 

 

LEZIONE  19  

 

Operazioni  di  vendita    iniziano  contabilmente  con  l’emissione  della  fattura  determinando:  

à

-­‐   flusso   reale   in   uscita   (cioè   la   vendita   di   beni   o   servizi)   che   determina   un   ricavo   a   favore  

dell’azienda;  

-­‐  flusso  finanziario  attivo  (il  sorgere  di  un  credito)  che  sostituisce  provvisoriamente  l’incasso.  

 

Riscossione  delle  fatture  di  vendita    permutazione  finanziaria:  

à

-­‐  flusso  finanziario  attivo  (aumento  di  liquidità);  

-­‐  flusso  finanziario  passivo  (estinzione  di  un  credito  di  funzionamento).    

 

Mezzi  tecnici  per  l’incasso  dei  crediti:  

1)  contanti;  

2)  assegno  circolare;  

3)  conto  corrente  bancario;  

4)  emissione  di  ricevute  bancarie.  

5)  emissione  di  cambiali  attive.  

 

Sconti  su  vendite  =  variazione  economica  negativa;  se  documentati  rilevano  iva  a  credito.    

 

Resi   su   vendite:   variazione   economica   negativa;   attraverso   l’emissione   della   nota   di   credito   si  

rileva  l’iva  a  credito.  

 

 

LEZIONE  20  

 

4)   Emissione   di   ricevute   bancarie:   la   ricevuta   bancaria   è   un   documento   che   consente   ad  

un’impresa   di   incassare   crediti   commerciali   dai   propri   clienti   e   rappresenta   una   dichiarazione   di  

quietanza  emessa  dall’impresa  fornitrice  e  consegnata  alla  banca  per  la  riscossione.  

 

Riscossione  delle  ricevute  bancarie  (necessaria  presenza  di  un  istituto  di  credito):  

1.  compilazione  della  ricevuta  da  parte  dell’impresa  fornitrice,  vantante  un  credito  verso  l’impresa  

cliente;  la  ricevuta  bancaria  deve  contenere  gli  estremi  della  fattura  a  cui  si  riferisce  e  le  generalità  

del  cliente;  

2.   invio   e   presentazione   della   ricevuta   alla   banca,   la   quale   si   assume   l’incarico   di   incassare   dal  

debitore  la  somma  indicata  sul  documento;  

3.  la  banca  invia  al  debitore  un  avviso  per  comunicargli  lo  sportello  presso  il  quale  dovrà  avvenire  il  

pagamento;  

4.  pagamento  da  parte  del  debitore;  la  banca  gli  consegna  la  ricevuta  quietanzata.  

 

Modalità  di  trasferimento  delle  ricevute  bancarie  alla  banca:  

a)   accredito   della   ricevuta   bancaria   dopo   l’effettivo   incasso   consiste   in   un   servizio   di   incasso  

à  

reso  dalla  banca;  

b)  accredito  della  ricevuta  bancaria  con  la  clausola  “salvo  buon  fine”  à  forma  di  finanziamento  a  

breve  termine;  

c)  richiesta  alla  banca  di  anticipi  su  ricevute  bancarie    forma  di  finanziamento  a  breve  termine.  

à

 

Per   rilevare   contabilmente   l’avvenuta   emissione   di   ricevute   bancarie   ed   il   loro   trasferimento   in  

banca  per  l’incasso  si  può  utilizzare  il  sistema  dei  “conti  d’ordine”.  

 

 

LEZIONE  21  

 

Incasso  dei  crediti  con  riferimento  al  tempo:  

1)  anticipato  =  antecedente  alla  data  di  vendita;  

2)  immediato  =  concomitante  con  la  data  di  vendita;  

3)  differito  =  successivo  alla  data  di  vendita.  

 

1)  Incasso  anticipato  anticipato:  

-­‐  ricevimento  dell’anticipo  dal  cliente  à  comporta  la  riduzione  di  un  credito  futuro  e  si  considera  

comprensivo  di  iva;  

-­‐  emissione  della  fattura  dell’anticipo    obbligo  di  emissione  della  fattura  di  anticipo  comprensiva  

à

di  iva;  

-­‐  liquidazione  della  vendita  à  all’atto  della  vendita  viene  emessa  la  fattura  al  cliente  nella  quale,  

oltre  a  rilevare  il  ricavo  integrale  della  cessione,  si  procede  allo  storno  dell’anticipo  già  ricevuto  e  

alla   rilevazione   dell’iva   sulla   differenza   tra   il   valore   totale   dei   beni   venduti   e   l’imponibile  

dell’anticipo  già  riscosso;  

-­‐  riscossione  a  saldo    viene  incassata  la  differenza  ancora  dovuta.  

à

 

2)  Pagamento  immediato:  rilevazione  della  vendita  e  successivamente  della  riscossione  del  credito  

 

3)  Pagamento  differito:  rilevazione  della  vendita  e  successivamente  della  riscossione  del  credito.  

 

 

LEZIONE  22  

 

Fattore  produttivo  lavoro  (o  capitale  umano)  =  è  costituito  dalle  prestazioni  di  lavoro  manuale  o  

intellettuale   svolto   dal   personale   dipendente,   fornitore   di   forza   lavoro,   il   quale   in   cambio   riceve  

dall’impresa   un   flusso   di   denaro   denominato   retribuzione,   calcolata   su   diverse   basi   (a   tempo,   a  

cottimo,  a  provvigione,  a  premio).  

 

Costo  del  lavoro  in  azienda:  

1)  la  retribuzione  diretta;  

2)  la  retribuzione  indiretta;  

3)  i  contributi  sociali  e  assicurativi;  

4)  il  trattamento  di  fine  rapporto  di  lavoro.  

 

Registri  del  lavoro  obbligatori:  

1.   libro   unico   del   lavoro   vi   sono   indicati   i   dati   anagrafici   dei   lavoratori   subordinati   assunti  

à  

dall’impresa  e  il  dettaglio  delle  liquidazione  delle  loro  spettanze;  

2.  registro  degli  infortuni  sul  lavoro  à  contiene  l’annotazione  cronologica  degli  infortuni  avvenuti  

all’interno  dell’impresa  e  dei  relativi  estremi,  oggettivi  e  soggettivi.  

 

1)  Retribuzione  diretta:  

a)  paga  base    risultante  dai  contratti  collettivi  nazionali;  

à

b)  indennità  di  contingenza    adeguamento  automatico  delle  retribuzioni  in  base  all’indice  ISTAT;  

à

c)  eventuali  scatti  di  anzianità  di  servizio;  

d)   eventuali   superminimi   integrazioni   retributive   accordate   ad   personam   per   gratificare   un  

à  

professionalità  particolarmente  utile  ed  apprezzata  dall’impresa;  

e)  altri  elementi  specifici  per  mansioni  o  per  contratto.  

 

Oltre   al   pagamento   delle   spettanze   “nette”   occorre   rilevare   ad   ogni   liquidazione   di   retribuzione  

diretta  alcune  altre  operazioni  di  carattere  eventuale  od  obbligatorio:  

-­‐  la  liquidazione  degli  assegni  familiari;  

-­‐   lo   storno,   dalla   retribuzione   “lorda”,   di   somme   che   l’impresa   è   autorizzata   o   obbligata   a  

prelevare  dalla  fonte  a  vario  titolo  (es.  ritenute  previdenziali,  sindacali  o  fiscali);  

-­‐  il  versamento  di  tali  ritenute  agli  enti  deputati  a  riscuoterle.  

 

Liquidazione  delle  retribuzioni  

 

Retribuzioni   lorde   =   importo   calcolato   al   lordo   di   tutte   le   ritenute   di   qualsiasi   natura   che   l’impresa  

è  chiamata  ad  operare.  

 

Ritenute   =   somme   prelevate   dalle   retribuzioni   lorde   che   non   alterano   la   misura   del   costo   per  

l’impresa   in   quanto   realizzano   soltanto   trasferimenti   di   somme   fra   enti   percettori   diversi;  

rappresenta  un  minor  debito  verso  i  lavoratori  e  un  maggior  debito  verso  gli  enti  percettori.  

 

Retribuzioni  nette  =  ammontare  effettivamente  percepito  in  busta  paga  dai  lavoratori.    

 

Assegni  familiari  =  forma  di  integrazione  salariale  per  dipendenti  aventi  familiari  a  carico,  erogata  

dai   datori   di   lavoro   per   conto   dell’INPS;   rappresenta   un   maggior   debito   verso   i   lavoratori   e   un  

credito  per  l’impresa  verso  l’INPS.  

 

2)   Retribuzione   indiretta:   componente   del   costo   del   lavoro   corrispondente   a   retribuzioni   non  

commisurate   a   prestazione   lavorative   (es.   13°/14°   mensilità   e   giornate   di   ferie   godute)   viene  

à  

corrisposta   la   retribuzione   lorda   mensile,   decurtata   delle   ritenute   alla   fonte   obbligatorie  

(previdenziali  e  fiscali).  

 

 

 

 

 

LEZIONE  23  

 

3)  Contributi  sociali  e  assicurativi:  

-­‐  sono  disposti  per  legge  a  carico  dell’azienda  à  l’azienda  è  obbligata  a  versare,  presso  appositi  

enti   di   previdenza   e   assistenza,   somme   che   garantiscono   ai   lavoratori   assunti   una   copertura  

pensionistica  e  sanitaria;  

-­‐  maggior  costo  per  l’azienda  per  acquisire  unità  del  fattore  produttivo  lavoro;  

-­‐   il   debito   per   l’azienda   non   sorge   con   il   fornitore   del   fattore   produttivo   ma   bensì   con   soggetti  

terzi,  di  natura  pubblica,  che  erogano  prestazioni  sociali  nei  confronti  dei  lavoratori.  

 

Contributi  sociali  anticipati:    

-­‐   parte   dei   contributi   sociali   versati   ogni   mese   dall’impresa   ricomprendono   una   quota,   pari   allo  

0,5%  delle  retribuzioni  lorde,  a  carico  dei  dipendenti  e  si  tratta  del  contributo  che  incide  sul  TFR;    

-­‐  l’azienda  versa  mensilmente  lo  0,5%  come  se  fosse  a  suo  carico,  ma  a  fine  anno  lo  recupera  in  

capo  ai  dipendenti  nel  momento  in  cui  determina  il  TFR;  

-­‐  la  scrittura  relativa  ai  contributi  anticipati  dà  origine  ad  uno  storno  di  contributi  e  ad  un  sorgere  

di  crediti  (di  rivalsa)  verso  i  dipendenti;  il  recupero  avviene  in  un’unica  soluzione,  a  fine  anno,  in  

cui  si  storna  il  credito  verso  i  dipendenti  e  si  diminuisce  il  debito  nei  loro  confronti  per  il  TFR.  

 

 

LEZIONE  24  

 

4)  Trattamento  di  fine  rapporto  di  lavoro  (TFR):  forma  di  retribuzione  personale  a  corresponsione  

differita,   rinviata   di   regola   alla   fine   del   rapporto   di   lavoro;   matura   in   diretta   proporzione   alla  

durata  del  rapporto  stesso  e,  per  l’impresa,  costituisce  un  costo  aggiuntivo  per  acquisire  il  fattore  

lavoro.  

 

Ipotesi  di  accantonamento  dopo  la  riforma  della  previdenza  complementare  (2007):  

1.  accantonamento  e  utilizzo  del  TFR  tradizionale  nelle  aziende  con  meno  di  50  dipendenti;  

2.  accantonamento  e  utilizzo  del  TFR  tradizionale  nelle  aziende  con  più  di  50  dipendenti;  

3.  destinazione  e  utilizzo  del  TFR  maturato  a  fondo  pensione.  

 

1.  Accantonamento  e  utilizzo  del  TFR  tradizionale  nelle  aziende  con  meno  di  50  dipendenti  à  si  

provvede   ogni   anno   all’accantonamento   in   un   apposito   “fondo   TFR”   delle   somme   maturate   a  

favore  del  personale,  comprensivo  di  2  quote:  

-­‐   quota   maturata   nell’esercizio   =   si   equipara   approssimativamente   al   valore   di   una   mensilità   di  

retribuzione,  dividendo  cioè  il  totale  delle  retribuzioni  lorde  annue  per  13,5;  

-­‐   rivalutazione   del   fondo   TFR   =   si   tratta   di   rivalutare   il   valore   del   fondo   preesistente   con   la   somma  

di  2  coefficienti,  su  cui  applicare  una  ritenuta  erariale  dell’11%:  

1,5%  in  misura  fissa;  

• 75%  dell’aumento  annuale  segnato  dall’indice  ISTAT  del  costo  della  vita.  

 

Fondo   TFR   e   contributi   anticipati:   i   contributi   anticipati   versati   ogni   mese   dall’impresa   nella  

percentuale   dello   0,5%   vengono   recuperati   in   capo   ai   dipendenti   nel   momento   in   cui   si   determina  

il  TFR.  

 

 

 

LEZIONE  25  

 

2.  Accantonamento  e  utilizzo  del  TFR  tradizionale  nelle  aziende  con  più  di  50  dipendenti  à  il  TFR  

non  è  più  accantonato  in  azienda  ma  è  obbligatorio  versarlo  all’INPS  che  se  ne  farà  carico  verso  i  

lavoratori  generando:  

-­‐  un  fondo  TFR  maturato  al  31/12/2006  in  azienda,  rivalutato  anno  per  anno;  

-­‐   un   fondo   TFR   maturato   dall’01/01/2007   confluito   nelle   casse   dell’INPS   l’azienda   mese   per  

à  

mese  provvederà  al  versamento  delle  quote  TFR  maturate  all’INPS.  

 

3.  Destinazione  e  utilizzo  del  TFR  maturato  a  fondo  pensione  à  i  lavoratori  possono  optare  per  il  

versamento  del  TFR  a  partire  dall’01/01/2007  a  dei  fondi  pensione,  investiti  ad  integrazione  della  

loro   pensione   futura,   nei   quali   confluirà   mensilmente   da   parte   dell’azienda   la   quota   di   TFR  

maturata.  

 

Al   termine   dell’attività   lavorativa   ed   al   raggiungimento   dell’età   pensionabile   è   facoltà   del  

lavoratore:  

-­‐  ricevere  una  rendita  vitalizia  erogata  dal  fondo,  affiancandola  alla  pensione  pubblica;  

-­‐   chiedere   al   fondo   pensione   la   metà   della   somma   accumulata   ed   una   rendita   vitalizia   per   la  

restante  parte.  

 

Utilizzo  del  fondo  TFR:  

-­‐  al  raggiungimento  dell’età  pensionabile;  

-­‐  in  corso  d’esercizio  nel  caso  di  licenziamento  o  dimissione  del  lavoratore.  

 

 

LEZIONE  26  

 

Immobilizzazioni:  

-­‐   si   identificano   con   i   fattori   produttivi   a   utilizzazione   pluriennale,   impiegati   come   strumenti   del  

processo  produttivo,  non  destinati  alla  vendita;  

-­‐  costituiscono  beni  ad  uso  durevole  cioè  con  utilità  economica  pluriennale;  

-­‐  danno  luogo  a  costi  anticipati  comuni  a  più  esercizi;  

-­‐   finanziariamente   sono   fattori   a   “lento   rigiro”   in   quanto   l’investimento   si   ripresenta   il   forma  

liquida  in  tempi  lunghi  e  in  modo  indiretto  sotto  forma  di  ricavi  derivanti  dai  processi  produttivi  

che  alimentano.  

 

Tipi  di  immobilizzazioni:  

-­‐  materiali    beni  immobili  e  beni  mobili  durevoli;  

à

-­‐  immateriali.  

 

Modalità  di  acquisto:    

1)  acquisto  in  senso  stretto;  

2)  permuta;  

3)  conferimento  da  parte  di  soggetti  proprietari;  

4)  leasing;  

5)  costruzioni  in  economia.  

 

Oneri   accessori   di   acquisto   delle   immobilizzazioni   se   riferibili   alle   singole   immobilizzazioni   e  

à  

sostenuti  per  l’ingresso  del  bene  nel  processo  produttivo,  tramite  il  processo  di  “capitalizzazione”  

vengono  portati  ad  aumento  dell’immobilizzazione  a  cui  si  riferiscono.  

 

 

LEZIONE  27  

 

Costruzioni  interne  (o  costruzioni  in  economia)  =  le  imprese  invece  di  acquistare  fattori  produttivi  

all’esterno,  mediante  scambi  con  aziende  esterne,  possono  ritenere  necessario  o  conveniente  od  

opportuno   ottenere   il   fattore   produttivo   di   cui   hanno   bisogno   sfruttando   i   processi   produttivi   ed   i  

materiali  presenti  internamente.  

 

Rilevazione  contabile:  l’azienda  che  ricorre  alle  costruzioni  interne  si  deve  servire  di  attrezzature,  

materiali   e   manodopera   di   cui   già   dispone   per   l’attività   tipica.   I   problemi   contabili   e   di   valutazione  

legati  alle  costruzioni  in  economia  riguardano  l’impossibilità  di  valorizzare  il  cespite  con  precisione.  

Mancando   una   documentazione   esterna   (es.   fattura),   le   aziende   ricorrono   a   documentazione  

interna  (schede  di  commessa)  su  cui  annotano  i  costi  sostenuti  per  realizzare  il  cespite:  

-­‐  ore  uomo  per  la  manodopera  diretta;  

-­‐  quantità  di  materie;  

-­‐  costi  generali  industriali;  

-­‐  costi  amministrativi.  

 

 

LEZIONE  28  

 

Leasing   finanziario   =   consiste   nell’operazione   di   locazione   di   beni   mobili   e   immobili,   acquistati   o  

fatti  costruire  dal  locatore,  su  scelta  e  indicazione  del  conduttore,  che  ne  assume  tutti  i  rischi,  e  

con   facoltà   per   quest’ultimo   di   divenire   il   proprietario   dei   beni   locati   al   termine   della   locazione,  

dietro  versamento  di  un  prezzo  prestabilito.  

 

Rilevazione  contabile:  

1)  sostenimento  delle  spese  di  istruttoria  =  costi  iniziali  del  leasing  finanziario  à  se  assumono  un  

certo  rilievo  vanno  ammortizzati  per  la  durata  del  contratto,  sennò  vengono  interamente  spesati  

nell’esercizio  di  sostenimento;  

2)   pagamento   del   canone   nell’ambito   di   un   rapporto   contrattuale   che   prevede   numero   dei   canoni  

da  pagare,  le  scadenze  e  gli  importi  =  il  canone  di  leasing  costituisce  un  tipico  costo  dell’esercizio  

soggetto   ad   iva   nella   misura   propria   del   bene   ricevuto   in   locazione     i   beni   presi   in   leasing   vanno  

à

rilevati   nei   “conti   d’ordine”,   per   il   totale   dei   canoni   come   da   contratto,   e   stornato   il   valore   del  

singolo  canone  pagato;  

3)  riscatto  al  termine  del  rapporto  =  la  rilevazione  del  riscatto  del  bene  acquistato  in  leasing  deve  

evidenziare  l’inserimento  in  contabilità  dell’immobilizzazione  materiale.  

 

 

LEZIONE  29  

 

Immobilizzazioni  immateriali:  

1)   beni   immateriali   =   immobilizzazioni   immateriali   in   senso   stretto   (es.   avviamento,   brevetti   e  

marchi);  

2)   costi   ad   utilizzazione   pluriennale   =   costi   da   ripartire   in   più   esercizi   (es.   spese   d’impianto   e  

costituzione,  spese  per  pubblicità).  

 

1)  Beni  immateriali:  

a)  avviamento;  

b)  brevetti  =  tutela  giuridica  sulle  invenzioni  intese  come  soluzioni  a  problemi  tecnici;  i  brevetti  di  

acquisiscono   dall’esterno   per   cessione,   per   licenza   attraverso   le   royalties   (=   quote   da  

corrispondere  al  “fornitore”  del  brevetto  per  il  suo  utilizzo)  o  per  realizzazione  interna;  

c)   marchi   =   consistono   in   un   emblema   o   in   una   denominazione   con   cui   l’impresa   intende  

distinguere  i  propri  prodotti  e/o  servizi;  requisiti:  liceità,  originalità,  novità,  estraneità  al  prodotto.  

 

2)  Costi  ad  utilizzazione  pluriennale:  

-­‐   spese   d’impianto   ed   ampliamento   =   investimenti   irreversibili,   a   lungo   ciclo   di   utilizzo,   il   cui  

carattere   di   immaterialità   deriva   dall’attuazione   di   atti   giuridici   o   tecnico   amministrativi   che  

creano  le  condizioni  necessarie  allo  svolgimento  dell’attività  aziendale:  

-­‐   altre   spese   da   ammortizzare   =   costi   pluriennali   (=   investimenti   pluriennali)   sostenuti   dall’azienda  

ogni  qualvolta  essa  investa  delle  risorse  in  un  progetto  di  sviluppo  a  lungo  termine  (es.  spese  di  

ricerca  e  sviluppo,  spese  di  pubblicità  o  manutenzione  da  ammortizzare).    

 

 

LEZIONE  30  

 

Ammortamento   =   quando   un’immobilizzazione   viene   acquistata   inciderà   sul   risultato   economico  

mediante  le  quote  di  ammortamento.  

 

Quote  di  ammortamento  =    

-­‐   aspetto   economico   partecipano   come   costo   ai   fini   della   determinazione   dell’utile   o   perdita  

à  

d’esercizio  in  quanto  rappresentano  un  trasferimento  graduale  del  valore  dei  fattori  pluriennali  sul  

risultato  economico;  

-­‐   aspetto   finanziario   rappresentano   la   graduale   ricostituzione,   tramite   i   ricavi,   delle   risorse  

à  

finanziarie  impiegate  nell’acquisizione  dei  fattori  produttivi;  

-­‐   aspetto   patrimoniale   esprimono   una   graduale   diminuzione   di   valore   delle   immobilizzazioni,  

à  

determinando  così  il  valore  residuo  del  cespite.  

 

Elementi  costituenti  delle  quote  di  ammortamento:  

a)  valore  da  ammortizzare;  

b)  durata  utile;  

c)  criteri  e  metodi  di  ripartizione.  

 

a)   Valore   da   ammortizzare   =   è   dato   dal   costo   di   acquisizione   dell’immobilizzazione   (aumentato  

degli  oneri  accessori):  

-­‐  costo  d’acquisto;  

-­‐  valore  ottenuto  come  risultato  delle  costruzioni  in  economi;  

-­‐  valore  stimato  nei  conferimenti  in  natura.  

b)   Durata   utile   =   non   corrisponde   alla   “durata   fisica”   del   bene   ma   va   inteso   come   periodo   nel  

quale  si  esplica  la  sua  “utilità  economica”.    

c)   Criteri   e   metodi   di   ripartizione   =   i   criteri   sono   le   ipotesi   secondo   le   quali   le   immobilizzazioni  

vengono   fatte   partecipare   anno   per   anno   ai   costi   dell’esercizio;   i   metodi,   basati   sulla   “possibile  

utilizzazione  futura  del  bene”  (art.  2426  Codice  Civile),  possono  essere:  

-­‐  ammortamento  a  quote  costanti;  

-­‐  ammortamento  a  quote  crescenti;  

-­‐  ammortamento  a  quote  decrescenti.  

 

 

LEZIONE  31  

 

L’ammortamento  in  contabilità:  

1)  procedimento  “in  conto”  o  “diretto”  =  la  quota  di  ammortamento  di  competenza  dell’esercizio  

viene  portata  direttamente  in  riduzione  del  valore  dell’immobilizzazione;  

1)   procedimento   “indiretto”   o   “fuori   conto”   =   la   quota   di   ammortamento   di   competenza  

dell’esercizio   viene   accreditata   in   un   conto   acceso   ad   un   “fondo   ammortamento”   opzione  

à  

migliore.    

 

Fondo   ammortamento   =   fondo   in   cui   si   raccolgono   le   quote   che   annualmente   partecipano   al  

risultato  d’esercizio.  Il  totale  del  fondo  rappresenta  la  parte  complessiva  degli  ammortamenti  già  

applicati   ad   un   bene   immobilizzato   e   misura   l’avanzamento   graduale   di   ammortamento  

dell’immobilizzazione  a  cui  si  riferisce.  

 

 

LEZIONE  32  

 

Dismissione  delle  immobilizzazioni  materiali:  

1)  eliminazione  dal  processo  produttivo  del  cespite,  ceduto  come  rottame  (=  iva  0%);  

2)  vendita  del  cespite;  

3)  permuta  del  cespite.  

 

1)  Eliminazione  dal  processo  produttivo:    

  -­‐  cespite  completamente  ammortizzato    nessun  valore  contabile;  

à

  -­‐  cespite  non  completamente  ammortizzato    valore  contabile.  

à

 

Valore   contabile   =   differenza   tra   il   costo   originario   (o   costo   storico)   del   cespite   e   l’importo   del  

fondo  ammortamento  dello  stesso.    

 

2)  Vendita  del  cespite:  

  -­‐  valore  contabile  <  prezzo  di  vendita  =  plusvalenza  (ricavo);  

  -­‐  valore  contabile  >  prezzo  di  vendita  =  minusvalenza  (costo).  

 

3)   Permuta   del   cespite   =   operazione   che   da   luogo   ad   uno   scambio   tra   cespiti,   basato   sul   loro  

valore  contabile;  in  teoria  al  prezzo  di  vendita  del  bene  si  sostituisce  il  valore  contabile  del  bene  

che  si  acquisisce  in  permuta  e  al  prezzo  di  acquisto  si  sostituisce  il  valore  contabile  del  cespite  che  

si  cede  in  permuta.  

 

 

 

LEZIONE  33/34/35/36  

 

Investimenti   finanziari   delle   imprese   =   attività   non   caratteristica   dell’impresa   ma   derivante   da  

disponibilità  finanziarie  provenienti  dalla  gestione  caratteristica.  Tipologie:  

1)  operazioni  di  prestito  attivo;  

2)  operazioni  in  titoli  a  reddito  fisso;  

3)  operazioni  in  titoli  a  reddito  variabile.  

 

1)  Operazioni  di  prestito  attivo:  

-­‐   concessioni   di   finanziamento   diretto   a   favore   di   soggetti   esterni   (es.   società   consociate)   e  

soggetti  interni  (es.  dipendenti);  

-­‐  concessioni  di  finanziamento  indiretto  (es.  depositi  cauzionali)  per  accordi  contrattuali.  

 

Finanziamenti  diretti  =  concessi  di  solito  ad  imprese  collegate  o  controllate,  cioè  appartenenti  ad  

uno  stesso  gruppo,  si  giustificano  nell’ambito  di  strategie  di  sviluppo  e  di  sinergie  tra  imprese.  

 

2)  Operazioni  in  titoli  a  reddito  fisso:  

a)   acquisizioni   durature   di   titoli   a   reddito   fisso   mediante   sottoscrizione   iniziale   in   attesa   di  

rimborso  alla  scadenza,  per  l’ottenimento  dei  rendimenti  periodici  (=  cedole);  

b)  acquisizioni  temporanee  di  titoli  a  reddito  fisso  e  loro  negoziazione  prima  della  scadenza,  per  

l’ottenimento  dei  proventi  da  realizzo.  

 

a)  Titoli  a  reddito  fisso  con  cedola:  

-­‐  BTP,  CCT  =  titoli  di  debito  pubblico  con  interessi  corrisposti  tramite  cedole;  

-­‐   obbligazioni   ordinarie   o   convertibili   in   azioni   =   titoli   privati   a   reddito   fisso   con   cedola   in  

maturazione    possono  essere  emessi  solo  da  Spa,  Sapa  o  Srl  (art.  2483  C.C.).  

à

 

Titoli:  

-­‐  corso  secco  =  esprime  solo  il  valore  del  capitale  del  titolo;  

-­‐  corso  tel  quel  =  il  titolo  porta  unita  la  cedola  in  corso  di  maturazione  che  il  compratore  riscuoterà  

alla  scadenza  à  il  venditore  viene  rimborsato  della  quota  di  interessi  di  sua  competenza  fino  alla  

data  della  vendita;  

-­‐   corso   ex-­‐cedola   =   il   titolo   è   privo   della   cedola   in   corso   di   maturazione   che   il   venditore   riscuoterà  

alla  scadenza  à  il  compratore  viene  rimborsato  della  quota  di  interessi  di  sua  competenza  dalla  

data  di  acquisto  fino  alla  scadenza  della  prima  cedola.  

 

b)  Titoli  a  reddito  fisso  senza  cedola:  

-­‐  BOT,  CTZ  =  titoli  di  debito  pubblico  con  interessi  corrisposti  anticipatamente  à  vendita  sotto  la  

pari,  rimborso  alla  pari;  

-­‐   obbligazioni   senza   cedola   =   titoli   privati   a   reddito   fisso   con   interessi   corrisposti   annualmente  

anticipatamente    vendita  sotto  la  pari,  rimborso  alla  pari.  

à

 

3)  Operazioni  in  titoli  a  reddito  variabile:  

-­‐  acquisizioni  durature  di  partecipazioni  azionarie  mediante  sottoscrizione,  in  una  logica  di  gruppo;  

-­‐   acquisizioni   temporanee   di   titoli   azionari   e/o   partecipazioni   e   loro   negoziazione   prima   della  

scadenza,  per  l’ottenimento  dei  proventi  da  realizzo.  

 

Partecipazioni  =  da  un  punto  di  vista  civilistico  (art.  2424  bis),  sono  considerate  immobilizzazioni  

finanziarie  insieme  agli  altri  titoli  destinati  ad  essere  utilizzati  durevolmente.  

Titoli   azionari   =   non   sono   considerate   immobilizzazioni   finanziarie   in   quanto   destinati   ad   essere  

negoziati.  

 

Analogie:  

-­‐   sia   per   le   partecipazioni   sia   per   i   titoli,   l’operazione   di   sottoscrizione   (=   acquisto)   mostrerà   un  

valore  economico  negativo  che  rappresenta  le  quote  della  società  in  cui  si  investe;  

-­‐  entrambi  sono  rilevati  al  costo  di  acquisto.  

Diversità:  

-­‐  partecipazioni  =  investimenti  finanziari  durevoli;  

-­‐  titoli  =  investimenti  finanziari  a  carattere  temporaneo.  

 

Formule  degli  interessi:  

-­‐  interessi  annuali  =  (capitale  *  tasso  annuo  *  tempo )  /  100  

anni

-­‐  interessi  mensili  =  (capitale  *  tasso  annuo  *  tempo )  /  1200  

mesi

-­‐  interessi  giornalieri  =  (capitale  *  tasso  annuo  *  tempo )  /36500  

giorni

 

 

LEZIONE  37  

 

Il   ricorso   al   finanziamento   di   terzi   trova   la   sua   ragione   fondamentale   nella   necessità   di   tutte   le  

imprese  di  “garantire  l’equilibrio  della  gestione  in  tutte  le  sue  aree  che  a  questa  danno  contenuto,  

fra  cui  quella  monetario-­‐finanziaria”.  

 

Il   perseguimento   di   tale   equilibrio   può   essere   assicurato   da   una   costante   ed   economica   copertura  

del  fabbisogno  finanziario  dell’impresa.  

 

Le   fonti   di   finanziamento   a   titolo   di   credito   possono   provenire   da   diverse   categorie   di   soggetti  

finanziatori  ma  trovano  nelle  banche  un  interlocutore  privilegiato.  

 

Conseguenze  per  l’impresa:  

1.  accresce  le  proprie  disponibilità  liquide  al  momento  dell’accensione  del  finanziamento;  

2.  subisce  una  diminuzione  al  momento  della  restituzione  e  del  pagamento  degli  interessi  passivi.  

 

Componenti  del  finanziamento  bancario:  

1.   componente   puramente   finanziaria   =   si   riferisce   al   valore   nominale   del   prestito   in   entrata   ed   in  

uscita  alla  scadenza  del  rimborso;  

2.  componente  puramente  economica  =  riguarda  l’interesse  che  l’impresa  corrisponde  alla  banca  

quale  remunerazione  del  finanziamento  fruito.  

 

Tipologie  di  finanziamenti:  

1)  a  breve  termine  =  durata  non  superiore  a  12  mesi;  

2)  a  medio-­‐lungo  termine  =  durata  superiore  ai  12  mesi.  

 

1)  Operazioni  di  finanziamento  a  breve  termine:  

a.  apertura  di  credito  in  conto  corrente;  

b.  sconto  di  cambiali  passive  finanziarie  (=  pagherò  diretti);  

c.  sconto  cambiario  commerciale;  

d.  anticipi  s.b.f.  su  effetti  e  ricevute  in  portafoglio;  

e.  anticipazione  su  fatture;  

f.  smobilizzo  di  crediti  con  il  factoring.  

 

a.  Apertura  di  credito  in  conto  corrente:  

-­‐   alla   base   vi   è   un   contratto   mediante   il   quale   l’impresa   ha   a   disposizione   dalla   banca   una  

determinata  somma  di  denaro  da  utilizzarsi  secondo  necessità;  

-­‐  può  essere  a  tempo  determinato  o  indeterminato,  garantita  o  meno;  

-­‐   l’estrema   facilità   di   utilizzo   la   rende   idonea   alla   soddisfazione   di   fabbisogni   dell’impresa   non  

facilmente  prevedibili;  

-­‐   con   questa   forma   di   finanziamento   il   credito   è   usufruito   attraverso   lo   “scoperto”   di   conto  

corrente;  la  liquidazione  periodica  e  posticipata  degli  interessi,  segna  il  rinnovo  del  finanziamento.  

 

 

LEZIONE  38  

 

b.  Sconto  di  cambiali  passive  finanziarie  (=  pagherò  diretti):  

-­‐  operazione  di  investimento  a  breve  termine  attivata  da  particolari  aziende  di  credito;  

-­‐   avviene   attraverso   lo   sconto   in   banca   dei   “pagherò   diretti”   cambiali   emesse   dall’azienda  

à  

richiedente  all’ordine  della  banca  che  eroga  il  finanziamento;  

-­‐  si  differenzia  dallo  sconto  di  cambiali  attive  perché  non  costituisce  un’operazione  di  smobilizzo  

dei  crediti,  manca  infatti  la  cessione  di  un  credito  commerciale  vantato  nei  confronti  di  terzi;  

-­‐   il   costo   dell’operazione   dipende   dal   tasso   di   sconto   applicato   dalla   banca,   da   eventuali   oneri  

accessori  e  dall’applicazione  del  bollo  sull’effetto  (11‰).  

 

 

LEZIONE  39  

 

c.  Sconto  cambiario  commerciale:  

-­‐   contratto   con   il   quale   la   banca   scontante,   dedotti   gli   interessi   e   altri   oneri,   anticipa   all’azienda  

scontataria  l’importo  di  cambiali  commerciali,  con  clausola  salvo  buon  fine  (s.b.f.);  

-­‐  occorre  far  riferimento  al  “castelletto  di  sconto”,  ovvero  il  limite  massimo  di  credito  concedibile  

all’azienda,   ed   al   requisito   di   “bancabilità”   dei   titoli,   ovvero   la   loro   accettazione   da   parte   degli  

istituti  di  credito;  

-­‐   il   costo   dell’operazione   dipende   dal   tasso   di   sconto   applicato   dalla   banca   e   da   eventuali   oneri  

accessori.  

 

 

LEZIONE  40  

 

d.  Anticipi  s.b.f.  su  effetti  e  ricevute  in  portafoglio:  

-­‐   avviene   sia   con   crediti   di   natura   cambiaria   sia   legati   all’emissione   di   ricevute   bancarie   à  

attraverso   questa   operazione   l’impresa   ottiene   anticipatamente   l’importo   nominale   degli   effetti   o  

delle  ricevute  bancarie  da  incassare;  

-­‐   iter:   compilazione   delle   ri.ba.   dall’impresa   -­‐>   consegna   alla   banca   delle   ri.ba.   -­‐>   invito   al  

pagamento  dalla  banca  al  debitore  -­‐>  incasso  della  ri.ba.;  

-­‐  a  differenza  delle  cambiali  allo  sconto,  per  il  debitore  si  tratta  di  un  invito  a  pagare;  se  ciò  non  

avvenisse,  con  la  ricevuta  bancaria  non  sarebbero  esperibili  nei  suoi  confronti  azioni  esecutive;  

-­‐  è  necessario  disporre  di  un  conto  corrente  presso  la  banca  per  poter  ottenere  l’anticipo  s.b.f;    

-­‐  i  costi  dell’operazione  comprendono  le  commissioni  bancarie  e  gli  interessi  applicati  dalla  banca.  

 

 

LEZIONE  41  

 

e.   Anticipazione   su   fatture   =   altra   modalità   per   smobilizzare   crediti   commerciali   chiedendo   alla  

banca   l’anticipazione   sulle   fatture   che   li   documentano;   si   tratta   di   un’operazione   di   finanziamento  

a  breve  termine,  con  clausola  s.b.f.,  praticata  per  le  seguenti  motivazioni:  

-­‐  di  carattere  finanziario    per  disporre  di  risorse  liquide  altrimenti  immobilizzate  per  il  periodo  di  

à

dilazione  negoziata  con  il  cliente;  

-­‐   di   carattere   commerciale   per   concedere   dilazioni   particolarmente   concorrenziali   a   sostegno  

à  

delle  proprie  strategie  di  vendita.  

 

Soggetti  coinvolti:  

-­‐  impresa  emittente  le  fatture;  

-­‐  banca  finanziatrice;  

-­‐  debitore  indicato  sulla  fattura.  

 

Fasi:  

1.  applicazione  da  parte  della  banca  di  uno  scarto  prudenziale  sull’importo  delle  fatture,  secondo  il  

grado  di  affidabilità  dell’impresa-­‐cliente;  

2.  comunicazione  al  debitore  dell’avvenuta  cessione  del  credito  alla  banca;  

3.  la  banca  procede  all’apertura  di  un  conto  transitorio  intestato  al  impresa-­‐cliente  definito  “conto  

anticipi  su  fatture”,  mentre  gli  interessi  vengono  addebitati  sul  c/c  ordinario  dell’impresa.  

 

 

LEZIONE  42  

 

f.  Factoring  =  contratto  che  prevede  la  cessione  dei  crediti  aziendali  ad  una  società  specializzata  

nella  loro  gestione  e  riscossione  denominata  “factor”.  

 

Classificazione  in  base  al  momento  dell’accreditamento:  

-­‐   con   accredito   alla   scadenza   non   si   tratta   di   uno   smobilizzo   dei   crediti,   ma   di   un   servizio  

à  

riguardante  la  loro  gestione  ed  il  loro  incasso;  

-­‐   con   accredito   anticipato   il   factor   anticipa   una   parte   consistente   dei   crediti   ceduti,   oltre   a  

à  

curarne  la  gestione  e  l’incasso.  

 

Classificazione  in  base  al  rischio  assunto:  

-­‐  pro-­‐solvendo    rivalsa  sull’azienda  finanziata  se  il  debitore  è  insolvente;  

à

-­‐  pro-­‐soluto    senza  rivalsa  sull’azienda  finanziata  e  con  il  rischio  di  insolvenza  a  carico  del  factor.  

à

 

Costo  del  factoring:  

-­‐  commissioni  di  riscossione  (imponibili  iva);  

-­‐  commissioni  per  la  cessione  e  la  gestione  dei  crediti  (imponibili  iva);  

-­‐  commissioni  pro-­‐soluto  (imponibili  iva);  

-­‐  interessi  maturati  nel  caso  di  factoring  con  accredito  anticipato.  

 

 

LEZIONE  43  

 

2)  Operazioni  di  finanziamento  a  medio-­‐lungo  termine:  

a.  mutui  passivi;  

b.  prestiti  obbligazionari.  

 

a.  Mutui  passivi  =  operazione  di  finanziamento  con  capitale  di  credito  a  titolo  oneroso,  di  durata  

comunque   pluriennale;   può   essere   erogato   con   garanzie   reali   (=   ipotecario)   o   senza   (=  

chirografario).    

 

Effetti  economico-­‐aziendali:  

-­‐   prevede   che   l’azienda   che   contrae   il   finanziamento,   versi   gli   interessi   e   rimborsi   la   somma  

mutuata;  

-­‐   il   rimborso   può   avvenire   in   un’unica   soluzione   o   gradualmente   attraverso   un   piano   di  

ammortamento  del  prestito  pre-­‐concordato;  

-­‐  le  rilevazioni  contabili  vengono  effettuate  all’erogazione  del  mutuo  e  alla  restituzione.  

 

Restituzione  del  mutuo  mediante  rimborso  graduale:  

-­‐  viene  redatto  un  piano  di  ammortamento  in  cui  sono  indicate  le  rate  del  rimborso;  

-­‐  ogni  rata  contiene:    

quota  capitale  da  rimborsare;  

• quota  interesse  da  pagare  come  onere  del  servizio  di  finanziamento  ricevuto.  

 

Piano   di   ammortamento   alla   francese   =   prevede   la   corresponsione   periodica   di   rate   costanti  

composte  da  quote  capitali  crescenti  e  quote  di  interessi  decrescenti,  per  la  durata  del  rimborso.  

 

 

LEZIONE  44/45/46  

 

b.   Prestiti   obbligazionari   =   operazione   di   finanziamento   a   medio-­‐lungo   termine   mediante  

l’emissione  di  titoli  di  credito  denominati  “obbligazioni”;  tali  titoli  vengono  acquistati  da  soggetti  

interessati  a  finanziare  l’impresa  (=  obbligazionisti)  i  quali  versano  il  controvalore  in  denaro.  

 

Costo  del  prestito  obbligazionario  per  l’azienda:  

-­‐  interessi  passivi  corrisposti  periodicamente  ai  possessori  dei  titoli  obbligazionari  fino  alla  data  del  

rimborso;  

-­‐   l’eventuale   costo   aggiuntivo   legato   all’emissione   dei   titoli   “sotto   la   pari”,   cioè   accettando   una  

somma  di  denaro,  derivante  dalla  vendita  del  titolo,  inferiore  al  suo  valore  di  rimborso.  

 

Prestiti  obbligazionari  convertibili  =  le  obbligazioni  possono  essere  sostituite,  sulla  base  di  rapporti  

di   cambio   prestabiliti,   con   azioni   della   medesima   società   trasformando   il   prestito   in   una  

sottoscrizione  di  capitale  sociale.  

 

Procedura  dei  prestiti  obbligazionari:  

1.  emissione  di  titoli  obbligazionari;  

2.  collocamento  dei  titoli  obbligazionari;  

3.  liquidazione  e  pagamento  degli  interessi  maturati;  

4.  rimborso  dei  titoli  obbligazionari.  

 

1.  Emissione  di  titoli  obbligazionari  =  è  in  questa  fase  che  l’azienda  fissa  il  prezzo  di  emissione:  

-­‐  “alla  pari”  =  prezzo  di  emissione  uguale  al  valore  nominale  di  rimborso  delle  obbligazioni;  

-­‐  “sotto  la  pari”  =  prezzo  di  emissione  inferiore  al  valore  nominale  di  rimborso  delle  obbligazioni    

à

costo  ulteriore  per  l’azienda  denominato  “disaggio  di  emissione”;  

-­‐  “sopra  la  pari”  =  prezzo  di  emissione  superiore  al  valore  nominale  di  rimborso  delle  obbligazioni  

à  ricavo  per  l’azienda  denominato  “aggio  di  emissione”.  

 

Disaggio/Aggio  su  prestiti  =  costo/ricavo  pluriennale  da  ammortizzare.  

 

2.  Collocamento  dei  titoli  obbligazionari:  

-­‐  nello  stesso  giorno  di  decorrenza  degli  interessi  à  la  società  emittente  incassa  solo  il  prezzo  di  

emissione  delle  obbligazioni;  

-­‐  in  data  posteriore  rispetto  al  giorno  di  decorrenza  degli  interessi    la  società  emittente  incassa  il  

à

prezzo  di  emissione  maggiorato  degli  interessi  già  maturati  sul  capitale  obbligazionario  (=  dietimi);  

-­‐   in   data   anteriore   al   giorno   di   decorrenza   degli   interessi   la   società   emittente   incassa   una  

à  

somma   inferiore   al   prezzo   di   emissione   poiché   deve   rimborsare   agli   obbligazionisti   gli   interessi  

relativi  al  periodo  in  cui  il  capitale  obbligazionario  è  rimasto  infruttifero.  

 

3.  Liquidazione  e  pagamento  degli  interessi  maturati  =  tra  le  condizioni  di  emissione  del  prestito  

obbligazionario   è   prevista   la   periodica   remunerazione   delle   obbligazioni   mediante   liquidazione   e  

pagamento   degli   interessi   maturati   sul   capitale   obbligazionario,   interessi   soggetti   a   ritenuta   del  

20%  se  la  società  non  è  quotata  in  mercati  regolamentati.  

 

4.  Rimborso  dei  titoli  obbligazionari:  

-­‐  mediante  estrazione  di  un  lotto  di  obbligazioni;  

-­‐  mediante  rimborso  graduale;  

-­‐  mediante  rimborso  totale  alla  scadenza;  

-­‐   mediante   acquisto   di   propri   titoli   sul   mercato   e,   alla   scadenza   prevista   per   il   rimborso,  

all’annullamento  dei  titoli  acquisiti.  

 

 

LEZIONE  47  

 

Capitale  di  costituzione  =  entità  dei  finanziamenti  vincolati  inizialmente  all’attività  aziendale  ed  è  

formato   dal   Capitale   d’apporto   =   conferimenti   effettuati   dai   proprietari   sotto   forma   di   fattori  

produttivi  specifici  o  generici.  

 

Al  momento  della  costituzione  il  capitale  d’apporto  assume  il  valore  di  capitale  netto  (=  attività  e  

passività).  

 

Inserimento  in  azienda  del  capitale  d’apporto:  

1)  sottoscrizione  del  capitale  da  parte  dei  soci;  

2)  effettiva  introduzione  in  azienda  dei  conferimenti  stabiliti.  

 


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

32

PESO

536.59 KB

AUTORE

Crikia95

PUBBLICATO

9 mesi fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Il metodo della partita doppia accompagna il corso lungo tutta la sua durata ed è applicato
alle diverse classi di operazione:
• operazioni di gestione;
• operazioni di regolamento;
• operazioni di investimento e finanziamento;
• scritture di assestamento; chiusura, e redazione del bilancio; riapertura del
bilancio.
Il corso affronta inoltre i temi inerenti ai principi di redazione del bilancio, al contenuto dei
prospetti di bilancio, ai criteri di valutazione del bilancio, così come regolamentati dal codice
civile.


DETTAGLI
Corso di laurea: corso di Laurea in Economia e Commercio
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Crikia95 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Ragioneria e contabilità aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ecampus - Uniecampus o del prof Caserio Carlo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e commercio

Domande esame storia economica
Appunto
Appunti Economia applicata
Appunto
Domande esame microeconomia
Appunto
Domande esame Macroeconomia
Appunto