Che materia stai cercando?

Psicologia dinamica – Bion

Appunti di Psicologia dinamicaBion. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Appunti lezione Psicologia Dinamica 08-09. Contiene i concetti essenziali del pensiero di Bion, per cui è utile consultare questi appunti solo dopo la lettura del Manuale di psicologia dinamica.

Esame di Psicologia dinamica docente Prof. F. Calamoneri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Appunti lezione Psicologia Dinamica 08-09. Contiene i concetti essenziali del pensiero di Bion, per

cui è utile consultare questi appunti solo dopo la lettura del Manuale di psicologia dinamica.

Wilfred Ruprecht Bion (Muttra, 1897 – Oxford, 1979) è stato uno psicoanalista britannico.

Studioso assai noto e discusso, figura di spicco della ricerca psicoanalitica, fu artefice di importanti

elaborazioni della teoria psicodinamica della personalità tali da istituire un filone "bioniano" della

moderna psicoanalisi che grazie anche ai suoi contributi, decorrendo dal fondamento freudiano,

estende i contenuti teorici e metodologici all'area delle psicosi - particolarmente della schizofrenia -

e ai fenomeni di gruppo.

Trascorse l'infanzia in India e di quel tempo sentì sempre la nostalgia, come scrive in "La Lunga

Attesa", un'autobiografia dei primi vent’anni; all'età di otto anni fu trasferito in Inghilterra per

entrare in college. Dopo la scuola superiore, si arruolò come ufficiale carrista, partecipò ai

combattimenti nelle Fiandre durante l'ultimo anno della Prima Guerra Mondiale meritandovi una

decorazione; l'esperienza di questo periodo segnò la sua vita e il suo pensiero.

Dopo la guerra, conseguì la Laurea in storia all'Università di Oxford e insegnò per un breve

periodo, studiò quindi medicina all'Università di Londra e, conseguito il titolo accademico, iniziò ad

interessarsi di psicoterapia. Dal 1932 frequentò la Tavistock Clinic, nel 1938, iniziò, con John

Rickman, un'analisi che fu interrotta dallo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e abbandonata

quando i due colleghi si trovarono a lavorare insieme all'ospedale militare di Northfield, dove erano

incaricati del supporto ai militari colpiti da PTSD; in tale contesto Bion cominciò a sviluppare la

sua teorizzazione sui gruppi, che avrebbe trovato una formulazione definitiva in "Experiences in

Groups" (1961). Nel 1945 intraprese un'analisi con Melanie Klein.

Il lavoro di Bion con i gruppi terapeutici si concluse sul finire degli anni 1950, tuttavia della

concezione che l’individuo sia profondamente radicato nel gruppo è intriso tutto il suo lavoro di

psicoanalista e di teorico. In tale periodo divenne una figura di spicco nella Società Psicoanalitica

Britannica, ricoprendo le cariche di Direttore della Clinica Psicoanalitica londinese dal 1956 al 1962

e di Presidente della Società dal 1962 al 1965. Si trasferì a Los Angeles nel 1968 e tornò in

Inghilterra pochi mesi prima di morire nel novembre del 1979.

Fasi del lavoro:

- gruppi

- psicoanalisi individuale

E’ ricordato soprattutto per la teoria del pensiero. Si occupa di stabilire cosa siano le verità e le

bugie e che rapporto abbiano tra loro. Sostiene che:

- le verità preesistono al pensatore

- le bugie hanno bisogno di un pensatore per essere tali.

Ciò rovescia il “cogito ergo sum” cartesiano.

La mente tramuta e trasforma i pensieri, non li produce semplicemente.

Vengono distinti:

- pensieri, esistono a prescindere da chi li pensa

- apparato per pensare, come l’apparato digerente (metafora utilizzata da Bion), serve a

“digerire” i pensieri e a non renderli tossici

Si occupa, a differenza dei suoi predecessori in campo psicoanalitico, di psicosi, e quindi di

schizofrenica, con i suoi sintomi caratteristici che sono le allucinazioni ed i deliri.


PAGINE

3

PESO

81.86 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dinamica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Calamoneri Filippo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dinamica

Psicologia dinamica – pensiero freudiano
Appunto
Psicologia dinamica – Psicologia dei gruppi
Appunto
Psicologia dinamica
Appunto
Psicologia dinamica – HEINZ HARTMANN
Appunto