Che materia stai cercando?

Psicologia dell'adolescenza – Tempo

Appunti di Psicologia dell'adolescenzaTempo. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: organizzare la vita quotidiana e progettare il futuro, ESPERIENZA Temporale e prospettiva temporale, PROSPETTIVA Temporale e adolescenza, L'AGENDA Individuale,... Vedi di più

Esame di Psicologia dell'adolescenza docente Prof. R. Larcan

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

CAPITOLO 5 ORGANIZZARE LA VITA QUOTIDIANA E PROGETTARE IL

FUTURO

L'adolescente ha cm obiettivo principale quello di raggiungere un equilibrio armonico fra i molti

percorsi intraresi o da intraprendere.Ha la necessità di definirsi.delinea progetti di azione al

centro dei quali vi sono esigenze di incidere sulla realtà in modo efficace.

Nuttin sostiene che la persona nn può svilupparsi senza un intreccio attivo di interazioni attuali e

potenziali col mondo e che i processi cognitivi sono alla base delle relazioni uomo-mondo.

Una delle caratteristiche principali del comportamento umano è che ogni condotta riceve il suo

significato nel quadro di un progetto più esteso articolato e complesso. La prospettiva temporale

acquista in tal modo una notevole importanza: viene rappresentato un orientamento di ogni

individuo verso il futuro.

1.ESPERIENZA TEMPORALE E PROSPETTIVA TEMPORALE

La psicologia si è occupata di tre aree di indagine relative all'esperienza temporale:

-ricerche sull'adattamento biologico dell'organismo ai cambiamenti periodici dell'ambiente

-ricerche sui contenuti fenomenici dell'esperienza temporale

-ricerche su aspetti più comuni.

Fra i tanti contributi quelli più importanti ci vengono dati da Janet,Fraisse,Lewin e Nuttin.

Janet afferma che il problema non è sapere che cos'è il tempo ma comprendere come l'uomo

reagisce alla situazione in cui è posto al fatto cioè di vivere in una realtà mutevole. Egli identifica

la base del sentimento del tempo che implica l'integrazione tra passato presente e futuro.

Introduce il problema della temporalità in rapporto al processo di socializzazione nel quale

interviene lo <sforzo di continuità> in cui il tempo diviene l'ostacolo da superare per il

compimento dell'azione quando l'impulso iniziale si è estinto. Lo sforzo di continuità consiste nella

ristrutturazione della condotta secondo un nuovo sistema di regolazione.

Fraisse si attiene ad una psicologia della condotta e si propone di studiare sotto la

denominzaione di <condotte temporali> le diverse manienre in cui l'uomo si adatta e crea le

condizioni temporali della sua esistenza. L'intento di Fraisse è quello di vedere ciò che l'uomo fa

per conoscere il tempo,utilizzarlo e i modi con cui si adatta alle condizioni temporali della sua

esistenza. Tali modalità vengo osservate a tre livelli di adattamento:

-cambiamenti sincronici dell'organismo dinnanzi alla regolarità e periodicità dei cambiamenti

ambientale

-piano fenomenico

-dal piano percettivo a quello esperienziale.

Il rapporto fra uomo e tempo viene analizzato a livello di <vissuto> e considera l'interazione di

fattori cognitivi e motivazionali.

Il concetto di prospettiva temporale è stato introdotto da Frank intesa come dimensione

temporale vissuta nella quale un individuo inserisce il suo comportamento,l'estensione della

rappresentazione degli avvenimenti passati o futuri della sua esistenza.

Lewin aveva considerato il problema dell'estensione della condotta nello spazio e nel tempo con

riferimento allo sviluppo infantile osservando ocme le unità d'azione del bambino hanno poca

ampiezza e breve durata. Lo sviluppo va quindi preso come ampliamento della dimensione

temporale. Lewin osserva che le azioni le emozioni e il morale di un individuo in un certo

momento dipendono dalla sua prospettiva temporale totale essa viene consierata come una delle

dimensioni basilari dello spazio vita in quanto ciascun progresso modifica l'estensione del futuro

e del passato psicologici.

Lewin e colleghi mettono quindi in relazione la prospettiva temporale e diversi fenomeni

comportamentali sottolineando il ruolo dell'ambiente sociale.

Nella nostra cultura occidentale la tendenza a proiettare i propri obiettivi in tempi lunghi

costituisce l'esito delle comuni tecniche di socializzazione.

In definitiva l'articolazione della prospettiva temporale dipende dalle modalità d'azione

dell'ambiente sociale sul soggetto in relazione ad una rete di variabili individuali ed

extraindividuali.

Dunque parlare di prospettiva temporale significa far riferimento al processo di formazione dei


PAGINE

4

PESO

19.40 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Psicologia dell'adolescenzaTempo. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: organizzare la vita quotidiana e progettare il futuro, ESPERIENZA Temporale e prospettiva temporale, PROSPETTIVA Temporale e adolescenza, L'AGENDA Individuale, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dell'adolescenza e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Larcan Rosalba.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dell'adolescenza

Psicologia dell'adolescenza – Palmonari
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Teorie
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Adolescenza
Appunto
Psicologia dell'adolescenza – Comportamento disadattivo
Appunto