Che materia stai cercando?

Psicologia del sonno: Fisiologia

Appunti su un singolo argomento d'esame: la fisiologia del sonno basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Giganti dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, della facoltà di psicologia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Psicologia del sonno docente Prof. F. Giganti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Manteniamo la nostra veglia grazie all’attività della formazione reticolare ascendente ma ci sono dei

 nuclei che attivamente ne inibiscono l’attività e ci portano allo stato di sonno.

Il sonno è regolato da diverse componenti:

-abbiamo visto a livello del tronco dell’encefalo la formazione reticolare, ma ci sono anche altre strutture.

Non c’è un unico centro del sonno o della veglia come si credeva all’inizio.

-componente prosencefalica e ipotalamica. L’ipotalamo si trova al di sopra del talamo, la stimolazione

elettrica di certe regioni basali preottiche produce sincronizzazione EEG e sonno comportamentale. Questo

è stato provato anche con stimolazione chimica. Inoltre in quest’area del prosencefalo basale è probabile

che ci siano dei neuroni gabaergici implicati nella sincronizzazione EEG. Questi neuroni probabilmente

vanno a inibire i neuroni attivatori della formazione reticolare nel mesencefalo

-componente talamica: il talamo filtra le info che riceviamo durante la veglia. Durante il sonno modula

l’attività di desincronizzazione e sincronizzazione dell’attività elettrica cerebrale e sembra essere implicato

nella formazione dei fusi in sonno NREM.

All’interno del talamo, andando a operare stimolazioni o lesioni a livello del nucleo reticolare talamico si può

mettere in evidenza la capacità di sincronizzare attività EEG. Se distruggo il nucleo reticolare del talamo

questo ha come conseguenza un insonnia e attività esplorativa continua fino alla morte.

Il passaggio dalla de sincronizzazione della veglia alla sincronizzazione del sonno è possibile grazie a una

variazione dei neuroni talamo corticali che da una scarica continua passano a una scarica a salve.

Queste oscillazioni sinaptiche sono il risultato dell’interazione di un circuito complesso dove probabilmente

è molto importante l’azione dell’attività inibitoria gabaergica.

E’ proprio nel nucleo reticolare del talamo che si modula l’attività sincrona dal talamo alla corteccia, i fusi

del sonno e le onde Delta.

Non esistono centri specializzati per il sonno e per la veglia, ma una serie di componenti: prosencefalica,

ipotalamica, talamica, tronco encefalica. In quest’architettura ci sono fenomeni sia neurofisiologici che

neurochimici.

Se vogliamo descrivere cosa succede nell’addormentamento e risveglio possiamo dire:

-Addormentamento: può essere dovuto all’attivazione dei neuroni probabilmente gabaergici delle regioni

ipotalamiche anteriori e mesencefaliche che iniziano delle sequenze sincronizzanti sia a livello del talamo

che della corteccia

-Risveglio e passaggio a sonno Rem: attivazione di neuroni reticolari a livello del ponte, che vanno a

interrompere le sequenze talamiche e quindi vanno a descincronizzare l’attività EEG.

All’interno del sonno REM ci sono manifestazioni regolate da strutture precise: Jouvet

-desincronizzazione EEG

-atonia muscoli antigravitali

- movimenti oculari rapidi

-irregolarità attività cardiaca e respiratoria.

Il sonno REM è caratterizzato da componenti fasiche e toniche:

-fasiche: solo in alcuni momenti (movimenti oculari rapidi,onde PGO)

-toniche:durante tutto il sonno REM (atonia,de sincronizzazione EEG)

In particolare sono stati svolti degli studi da Jouvet su quali strutture fossero implicate nello scatenamento

di queste componenti toniche e fasiche. E’ emerso che sono localizzati nel Ponte le strutture responsabili

della formazione e mantenimento di queste componenti.

Vengono operate delle lesioni:

-tra ponte e mesencefalo: perdita manifestazioni ascendentidesincronizzazione EEG e onde PGO

-tra ponte e bulbo: perdita delle manifestazioni discendenti (atonia posturale, irregolarità respiratorie e

movimenti oculari)

=>non è stata identificata una struttura separata per componenti toniche e fasiche, diciamo che è nel ponte

che si trovano le strutture che regolano queste manifestazioni.

In particolare nel ponte sono stati localizzati gruppi di neuroni, in particolare nel locus ceruleous che

sembrano essere responsabili dell’atonia posturale in REM, la prova speri mante viene da Jouvet che

va a operare lesione del locus ceruleous, osservo così nel gatto assenza di atonia muscolare ma

comportamento esplorativo di attacco-fuga.

Errore delle teorie passive:

Lesionando formazione reticolari non tolgo solo afferenze sensoriali, ma anche altri nuclei.

Ad esempio i nuclei del rafe che contribuiscono a innescare il processo di sonno.

E’ un errore comunissimo quello di dare per sicuro l’interpretazione di un dato.

Legame che c’è tra sonno e umori (intesi come sostanze circolanti):

C’è un legame molto forte tra sonno e sistema immunitario:le , prodotte dal sistema immunitario,

CITOCHINE

sono sostanze ipnogene, di fatto quando siamo malati dormiamo tanto. Durante il sonno l’organismo non

affronta tutte le problematiche della veglia e si può concentrare a combattere il nemico che in quel

momento è la malattia.

=>concentrazione e spostamento di t ruppe nel compartimento in cui c’è più necessità, tant’è vero che la

deprivazione prolungata di sonno porta ad ammalarsi.

Neurotrasmettitori coinvolti:

-Serotonina: prodotta da nuclei del rafe,

diminuzione serotonina diminuzione selettiva di sonno a onde lente. In effetti anche la PCPA che blocca la

sintesi della serotonina riduce il sonno.

=>È correlata positivamente alla quantità di sonno

-Adrenalina e Noradrenalina: prodotta a livello del locus ceruleous

Un aumento di Adrenalina e Noradrenalina sistemica porta a Risveglio, come deve essere, l’organismo

deve essere pronto ad affrontare una certa situazione.

Studi Oliver Sacks veniva data L-dopa, dopamina stessa sintesi enzimatica di adrenalina e noradrenalina.

Correlate positivamente al risveglio.

Non è un caso che la serotonina sia implicata nella depressione dove c’è un rallentamento dell’attività

serotoninergica.


PAGINE

5

PESO

20.63 KB

PUBBLICATO

10 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecniche psicologiche
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher JulieDeCorrencon di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia del sonno e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Giganti Fiorenza.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia del sonno

Psicologia del sonno: Neurochimica
Appunto
Psicologia del sonno: Memoria
Appunto
Sonno e ciclo di vita Anziano
Appunto
Domande Tipiche Esame
Esercitazione