Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

                               "Pragmatica  della  comunicazione  umana"  di  Watzlavick  

Nella  comunicazione  si  apre  la  relazione,.  L'identità  personale,  si  mette  assieme,  pezzo  dopo  pezzo,  in  

tutti  gli  scambi  di  parole  e  azioni  che  abbiamo  con  gli  altri  esseri  umani.    

"ogni  comunicazione  implica  un  impegno  e  perciò  definisce  la  relazione    una  comunicazione  non  

soltanto  trasmette  informazione,  ma  al  tempo  stesso  

impone  un  comportamento."    

Presupposti  teorici  

Un  fenomeno  resta  inspiegabile  finché  il  campo  di  osservazione  non  è  abbastanza  ampio  da  includere  il  

contesto  in  cui  esso  si  verifica.  

Nel  comportamento  disturbato  è  utile  spostare  l’interesse  dalla  monade  isolata  dell’individuo  "malato"  al  

contesto,  alla  relazione,  estendendo  l’indagine  fino  a  includere  gli  altri,  gli  effetti  del  comportamento  

disturbato  sugli  altri,  le  reazione  degli  altri  al  comportamento.  

Esistono  tre  settori  nello  studio  della  comunicazione  umana:  

1. sintassi  (trasmissione  dell’informazione)  

2. semantica  (si  occupa  del  significato)  

3. pragmatica  (si  occupa  del  comportamento)  In  questo  testo  i   termini   comunicazione  e  

comportamento  sono  usati  come  sinonimi.   Viene  presa  in  considerazione  sia  l’effetto  della  

comunicazione  sul  ricevitore,  che  l’effetto  che  la  reazione  del  ricevitore  ha  sul  trasmettitore,  

poiché  in  questo  lavoro  si  ritiene  che  i  due  effetti  siano  inscindibili.  

Funzione  e  relazione  

Funzione  è  un  concetto  matematico;  con  la  comparsa  graduale  di  un  nuovo  concetto  di  numero  (ad  es.  

negativo),  si  comprende  che  il  numero  non  è  solo  espressione  di  grandezze  concrete,  ma  astratte;  sorge  il  

concetto  di  

variabile  

che  ha  valore  solo  in  rapporto  ad  un’altra  variabile  (non  rappresenta  una  

grandezza  intuitiva  come  il  numero).  La   funzione   è  il  rapporto  tra  le  variabili.  

Relazione  ( psicologia)   è  un  concetto  che  può  essere  assimilato  a  quello  di  funzione.  Da  Aristotele  in  poi  

la  mente  umana  è  stata  concepita  come  una  monade  di  cui  una  persona  si  trovava  più  o  meno  dotata  dalla  

nascita.  Alla  fine  del  secolo  scorso  cresce  un  interesse  per  i  vari  aspetti  della  mente  umana  e  Ashby  ha  

dimostrato  come   l’acquisizione  di  memoria  sia  in  rapporto  diretto  con  l’osservabilità  di  un  sistema  

dato:  un  osservatore  che  è  in  possesso  di  tutta  l’informazione  necessaria  non  ha  bisogno  di  

riferirsi  al  passato,  gli  basta  lo  stato  attuale  del  sistema  per  poterne  spiegare  il  comportamento.  

La  consapevolezza  che  l’uomo  ha  di  se  stesso  è  sostanzialmente  consapevolezza  delle  funzioni,  

delle  percezioni,  delle  relazioni  in  cui  si  trova  implicato.  A  livello  di  relazione  gli  individui  non  

comunicano  su  fatti  esterni  alla  relazione,  ma  definiscono  la  relazione  implicitamente  se  stessi  (ecco  

come  mi  vedo;  ecco  come  ti  vedo;  ecco  come  vedo  che  mi  vedi;  ecco  come  vedo  che  mi  vedi  che  ti  vedo…)  

Informazione  e  retroazione  

Freud  introdusse  la  teoria  psicodinamica  nel  comportamento  umano:  il  comportamento  è  conseguenza  di  

un’ipotizzata  azione  reciproca  di  forze  intrapsichiche  che  seguono  le  leggi  della  fisica  sulla  conservazione  

e  trasformazione  dell’energia.  La  psicoanalisi  trascura  l’interdipendenza  tra  l’individuo  ed  il  suo  

ambiente,  lo  scambio  di  informazione,  la  comunicazione:   nei  rapporti  umani  non  c’è  trasmissione  di  

energia,  ma  comunicazione  (es.  del  cane).  Quindi  l’interesse  si  sposta  al  campo  dell’informazione.  Non  

si  considera  il  comportamento  umano  in  termini  lineari  (causa-­‐effetto)  ma  si  introduce  il  concetto  di  

retroazione  ( che  può  essere  positiva  o  negativa).  

Ridondanza   1

Esempio   dell’omeostato  di  Ashby   (isomorfismo):  un  congegno  di  quattro  sistemi  autoregolantisi  ed  

interconnessi;  in  esso  il  movimento  di  ognuno  influenza  gli  altri  e  a  sua  volta  ciascuno  reagisce  attraverso  

gli  altri;  ha  un  numero  elevatissimo  di  possibilità  di  adattamento  a  qualsiasi  cambiamento,  ma  certi  

raggruppamenti  di  configurazioni  diventano  ripetitivi  e  più  probabili  di  altri.Tale  procedimento  si  chiama  

processo  stocastico:   esso  mostra   ridondanza       o   vincolo  

o

 modello,  

cioè  probabilità  di  ripetitività,  di  

scelta  delle  soluzioni  già  sperimentate.   Il  concetto  di  processo  stocastico  e  ridondanza  valgono  anche  

nel  sistema  del  comportamento  umano.  

E’  possibile     leggere    i  modelli,  le  regole  di  ridondanza  di  

taluni  comportamenti  di  un  ambiente    

Metacomunicazione  e  concetto  di  calcolo  

Metacomunicare       calcolo  della  pragmatica  della  comunicazione  umana  le  cui  regole  vengono  

osservate  nella  comunicazione  efficace,  violate  in  quella  disturbata.  

Conclusioni  

a)  Il  concetto  di  scatola  nera:  la  difficoltà  della  ricerca  sulla  mente  umana  consiste  soprattutto  

nell’assenza  di  un  punto  archimedeo  fuori  della  mente  stessa.  Psicologia  e  psichiatria  riflettono  se  stesse  

ed  ogni  ipotesi  tende  ad  autoconvalidarsi.  L'analogia  della  scatola  nera    Il  cervello  è  chiuso  nelle  ossa  

del  cranio.  

b)  Consapevolezza  e  non  consapevolezza:  attribuire  un  significato  ai  messaggi  della  comunicazione  è  

senza  dubbio  importante,  ma  impossibile  poiché  tale  attribuzione  dipende  necessariamente  dalla  

personale  valutazione;  pertanto  il  significato  è  indecidibile  ed  esula  dai  fini  dello  studio  della  

comunicazione  umana.  

c)  Presente  e  passato:  nella  nostra  memoria  del  passato  siamo  strettamente  legati  alle  mostre  relazioni  

in  corso;  osservando  quindi  direttamente  la  comunicazione  in  atto,  modelli  qui  ed  ora,  si  possono  

identificare  i  modelli  prevalenti  di  comunicazione  sia  dal  punto  di  vista  diagnostico,  che  per  la  terapia.  

d)  Causa  ed  effetto:  la  causa  ha  un’importanza  secondaria,  mentre  s’impone  l’effetto  del  comportamento  

come  criterio  estremamente  rilevante  nell’interazione.  

e)  Circolarità  dei  modelli  di  comunicazione:  impossibile  individuare  un  rapporto  di  causa-­‐effetto.    

f)   Relatività  delle  nozioni  di  "normalità"  e  "anormalità":  la  condizione  del  paziente  non  è  statica  (il  

malato),  ma  dinamica  e  potenzialmente  variabile  nel  contesto.    

Tentativo  di  fissare  alcuni  assiomi  della  comunicazione  

1°  assioma   della  comunicazione:   "non  si  può  non  comunicare".  

L’impossibilità  di  non  comunicare:  non  esiste  il  non-­‐comportamento,  quindi  non  esiste  la  non-­‐

comunicazione.  

2°   assioma  "ogni  comunicazione  ha  un  aspetto  di  contenuto  ed  un  aspetto  di  relazione,  di  

modo  che  il  secondo  qualifica  il  primo  ed  è  quindi  Metacomunicazione."     Una  comunicazione  non  

soltanto  trasmette  l’informazione,  cioè  il  contenuto,  il  “cosa”  si  comunica,  ma  anche  ed  al  tempo  stesso  

determina  ed  impone  un  certo  tipo  di  relazione.   Contenuto  =  informazione;  relazione  =  istruzioni  o  

metainformazione  

3°  assioma   della  comunicazione:  "La  natura  di  una  relazione  dipende  dalla  punteggiatura  delle  

sequenze  di  comunicazione  dei  comunicanti"    

      2

 

 

  A B

     

 

 

Da  un  osservatore  esterno  la  comunicazione  può  essere  considerata  una  sequenza  ininterrotta  di  scambi:  

in  essa  la  punteggiatura  organizza  gli  eventi.  

4°assioma   della  comunicazione  Gli   esseri  umani  comunicano  sia  con  il  modulo  analogico  che  con  

quello  numerico.  

 

5°  assioma   della  comunicazione   Tutti  gli  scambi  di  comunicazione  sono  simmetrici  o  complementari,  

a  seconda  che  siano  basati  sull’uguaglianza  o  sulla  differenza.  

Comunicazione  numerica  e  analogica:  

L’uomo  è  il  solo  organismo  che  si  conosca  che  utilizza  moduli  di  comunicazione:  

Numerici    o  digitale,  è  costituito  da  simboli  che  noi  solitamente  utilizziamo  nel  parlare  e  nello  scrivere  

ed  ha  una  sintassi  logica  assai  complessa  e  di  estrema  efficacia.  

Analogici    Il  linguaggio  analogico  è  praticamente  espresso  in  ogni  comunicazione  non-­‐verbale  

Due  possibili  modi  di  mettersi  in  relazione  con  l'altro    

Relazione  simmetrica,  le  persone  coinvolte  si  misurano  con  l'assunto  di  essere   uguali.  Può  

• degenerare  in  patologia,  in  una  dinamica  di   competizione    

Relazione   complementarietà.    chi  partecipa  alla  relazione  si  situa  in  una  posizione  di  superiorità  

• oppure  di  inferiorità  nei  confronti  dell'altro.  quando  diventa  patologico,  allarga  la  

forbice  della  

differenza  fino  agli  estremi  –one  up  e  one  down-­   Tre  tipi  di  relazioni  sono  tipicamente  

complementari:  

a) relazione  educativa,  in  vista  della  maturità;  

b) relazione  terapeutico-­‐sanitaria,  

ad  tempus  per  la  malattia;  

c) istituzional-­‐politica,  

ad  tempus,  cioè  fin  tanto  che  dura  la  carica  governativa.  

La  

relazione  è  un  

sistema  dove  i  comportamenti  sono  circolari.  Ogni  comportamento  è,  insieme,  

azione  e  risposta  ad  un'altro  comportamento.  La  circolarità  mette  fuori  campo  il  dualismo  causa-­‐

effetto.  

 

 

La  comunicazione  patologica  

L’impossibilità  di  non  comunicare  

Il  comportamento  schizofrenico  proposti  dal  paziente  come  non  comunicazione,  in  realtà  comunicano  ed  

il  paziente  assume  il  compito  impossibile  di  negare  che  sta  comunicando.  

Il  sintomo  stesso  è  comunicazione,  è  un  messaggio  non  verbale  

La  struttura  di  livello  della  comunicazione  (contenuto  e  relazione)   3


ACQUISTATO

6 volte

PAGINE

8

PESO

136.01 KB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia del linguaggio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Zeroli Stefania.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia del linguaggio

Psicologia del linguaggio - Psicologia del linguaggio e della comunicazione
Appunto
Psicologia del linguaggio - neuropsicologia del linguaggio
Appunto
Psicologia del linguaggio - ES, IO e SUPER IO
Appunto
Psicologia del linguaggio - Psicologia Analitica Jung
Appunto