Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

sottoinsiemi  autonomi  costituiti  a  loro  volta  da  sottoinsiemi  e  così  via.   Quindi  le  unità  funzionali  ad  

ogni  livello  della  gerarchia  sono  a  due  facce:  agiscono  come  totalità  quando  sono  rivolte  verso  il  

basso,  come  parti  quando  sono  rivolte  verso  l’alto.  

Le  proprietà  dei  sistemi  aperti  

a. Totalità:  un  sistema  non  è  un  semplice  composto  di  elementi  indipendenti,  ma   ogni  parte  di  un  

sistema  è  in  rapporto  tale  con  le  parti  che  lo  costituiscono  che  qualunque  cambiamento  in  

una  parte  causa  un  cambiamento  in  tutte  le  parti  ed  in  tutto  il  sistema.  Totalità  non  significa  

sommatività.    

b. Non-­sommatività:  un  sistema  non  può  essere  fatto  coincidere  con  la  somma  delle  sue  parti    

c. Non-­unilateralità:  il  concetto  di  totalità  esclude  l’esistenza  di  rapporti  unilaterale;  i  rapporti  sono  

sempre  interazioni.  A  influenza  B  e  suscita  in  lui  una  reazione  che  a  sua  volta  influenza  A…  

d. Retroazione:  ciò  che  tiene  unito  un  sistema  è  la  retroazione,  la  correlazione  circolare  complessa.  

Retroazione  e  circolarità  sono  il  modello  causale  appropriato  per  la  teoria  dei  sistemi  interattivi.  

La  natura  specifica  di  un  processo  di  interazione  è  molto  più  interessante  della  sua  origine  e  dei  

suoi  risultati.  

e. Equifinalità:  in  un  sistema  circolare  e  autoregolantesi   i  ‘risultati’  (modificazioni  dello  stato  

dopo  un  certo  tempo)  non  sono  determinati  dalle  condizioni  iniziali,  ma  dalla  natura  del  

processo.  Secondo  il  principio  di  

equifinalità  gli  stessi  risultati  possono  avere  origini  diverse  

perché  ciò  che  è  determinante  è  la  natura  dell’organizzazione,  il  processo,  la  modalità  di  

comunicazione.  Nei  sistemi  aperti   il  sistema  la  propria  migliore  spiegazione.  

Sistemi  interattivi  in  corso  

·   "Un  sistema  è  stabile  rispetto  a  certe  sue  variabili  se  tali  variabili  

(relazioni,  amicizie,  

gruppi  vitali  con  storie…)  tendono  a  restare  entro  limiti  definiti".  

·  Concetto  di  

limitazione:  "

In  una  sequenza  di  comunicazione,  ogni  scambio  di  messaggi  

restringe  il  numero  delle  possibili  mosse  successive".    

·   Regole  di  relazione:  in  ogni  interazione  gli  individui  definiscono  la  propria  relazione:  

la  

regola  di  una  relazione  è  lo  stabilizzarsi  delle  definizioni  della  relazione  stessa  

La  famiglia  in  quanto  sistema:  in  essa  valgono  i  concetti  di:  

-

Ø   Totalità:  il  comportamento  di  ogni  individuo  è  in  rapporto  con  il  comportamento  di  tutti  gli  altri  

membri  

Ø   non-­sommatività:  l’analisi  di  una  famiglia  non  è  la  somma  dell’analisi  dei  suoi  individui;  esistono  delle  

caratteristiche  che  sono  proprie  del  sistema.  

Ø   retroazione  e  omeostasi:  il  sistema  famiglia,  come  ogni  sistema  organico  tende  alla  stabilità  e  tale  

stato  è  mantenuto  da  meccanismi  di   retroazione  negativa.  

Ø   Calibrazione:  è  la  messa  a  punto  del  sistema  ed  ha  un  effetto  stabilizzatore;  si  ottiene  con  le  

Ø   funzioni  a  gradino  

 La  natura  del  paradosso  

Il  paradosso  è  una  contraddizione  che  deriva  dalla  deduzione  corretta  da  premesse  coerenti.  E’  

diverso  da  una  semplice  contraddizione  

Tre  tipi  di  paradosso:   5

1. Paradossi  logico-­matematici   (antinomie),  Es.:  " La  classe  di  tutte  le  classi  che  non  sono  

membri  di  se  stesse".  

2. Paradossi  semantici  (definizioni  paradossali)   Es.:  " Io  sto  mentendo".  

"Ogni  linguaggio  ha  una  struttura  della  quale  nulla  può  dirsi  in  quel  linguaggio,  ma  vi  può  essere  un  altro  

linguaggio  che  tratti  della  struttura  del  primo  linguaggio  e  possegga  a  sua  volta  una  nuova  struttura;  una  

tale  gerarchia  di  linguaggi  può  non  avere  alcun  limite"  

(Wittgenstein).  

Teoria  dei  livelli  del  linguaggio,  linguaggio  come  oggetto.  

3. Paradossi  pragmatici  (ingiunzioni  paradossali  e  predizioni  paradossali).  

.  In  ogni  evento  comunicativo  vi  sono  dunque  componenti  verbali  (formali)  e  non  verbali  (materiali);  vi  è  

inoltre  un  aspetto  di  contenuto  (notizia,  informazione,  dati,  oggetto,  ecc.)  e  uno  di  relazione  (le  istruzioni,  

il  comando,  la  richiesta).  L'aspetto  di  contenuto  è  normalmente  veicolato  in  prevalenza  dai  componenti  

verbali  (formali),  mentre  quello  di  relazione  dai  componenti  non  verbali  (materiali).  

È  importante  capire  che  in  ogni  situazione  comunicativa  non  si  trasmette  mai  semplicemente  

un'informazione  ma  anche  delle  istruzioni  su  come  trattare  l'informazione,  secondo  quale  codice  

interpretarla,  se  prenderla  sul  serio  ecc.    

1)  Ingiunzioni   Non  è  possibile  comportarsi  in  modo  logico  e  coerente  in  un  contesto  illogico  e  

incoerente.  Dove  il  paradosso  contamina  i  rapporti  umani  compare  la  malattia.    

2)  La  teoria  del  doppio  legame"Lo  schizofrenico  deve  vivere  in  un  contesto  in  cui  i  suoi  comportamenti  

non  convenzionali  risultano  appropriati"   (Bateson  e  altri,  1956);  si  crea  cioè  un  doppio  legame   i  cui  

elementi  paradossali  sono:  

1. due  o  più  persone  sono  coinvolte  in  una  relazione  intensa  che  ha  un  alto  valore  di  sopravvivenza  

fisica  e/o  psicologica  

2. in  tale  contesto  viene  dato  un  messaggio  che    

a) asserisce  qualcosa,    

b) asserisce  qualcosa  sulla  propria  asserzione,    

c) queste  due  asserzioni  si  escludono  a  vicenda  

3. si  impedisce  al  ricettore  del  messaggio  di  uscire  dallo  schema  (o  metacomunicando  o  chiudendosi  

in  se  stesso)  

Il  doppio  legame  ha  qualità  interattiva,  non  può  essere  unidirezionale;  è  un  modello  di  interazione  ben  

preciso;   non  causa  la  schizofrenia,  ma  dove  il  doppio  legame  è  il  modello  predominante  di  comunicazione  

si  osserva  che  il  comportamento  dell’individuo  disturbato  soddisfa  i  criteri  diagnostici  della  schizofrenia.  

Il  doppio  legame  non  è  solo  un’ingiunzione  contraddittoria,  ma  paradossale:  nella  1°  è  slava  la  scelta,  

nella  seconda  fallisce  il  principio  stesso  della  scelta,  nulla  è  possibile  e  viene  messa  in  moto  una  serie  

oscillante  e  autoperpetuantesi.  

3)  Le  predizioni  paradossali   Elementi  fondamentali:  

1. annuncio  che  contiene  una  predizione  nel  linguaggio  

2. e  contiene  una  predizione  nel  metalinguaggio  che  nega  la  predicibilità  (cioè  la  predizione  –  

l’oggetto  predetto  –  sarà  impredicibile)  

3. le  due  predizioni  si  escludono  a  vicenda  

4. chi  manda  il  messaggio  può  impedire  a  chi  lo  riceve  di  uscire  dalla  situazione  creata  dal  suo  

annuncio  

Lo  schizofrenico  può  essere  sia  nella  posizione  dello  studente  (intrappolato  in  quanto  intelligente,  

preso  

nel  dilemma  logica-­fiducia),  che  del  direttore  impegnato  in  messaggi  di  comunicazione  che  sono  indicibili.  

6

Limitazioni  dell'esperienza  sensoriale  on-­line  e  processi  psicologici  compensativi  in  atto  

Le  tecnologie  comunicazionali  ad  alta  velocità  possono  essere  concepite  come  un  contesto  culturale  in  cui  

l'interazione  sociale  viene  considerata  "normale",  e  può  essere  studiata  al  pari  dell'interazione  che  

caratterizza  altri  sistemi  sociali.  Di  fatto,  però,  le  interazioni  proprie  dei  sistemi  virtuali  sono  diverse.    

La  differenza  principale  sta  nell'effetto  del  cambiamento  di  densità  della  comunicazione,  cioè  dell'  

ampiezza  di  banda.    

Per  ampiezza  di  banda  si  intende,  la  quantità  di  informazione  scambiata  nell'unità  di  tempo.     7


ACQUISTATO

6 volte

PAGINE

8

PESO

136.01 KB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia del linguaggio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Zeroli Stefania.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia del linguaggio

Psicologia del linguaggio - Psicologia del linguaggio e della comunicazione
Appunto
Psicologia del linguaggio - neuropsicologia del linguaggio
Appunto
Psicologia del linguaggio - ES, IO e SUPER IO
Appunto
Psicologia del linguaggio - Psicologia Analitica Jung
Appunto