Che materia stai cercando?

Psicologia dei processi cognitivi: percezione e metodi, transazionalismo e new look of perception, memoria

Appunti di Psicologia dei processi cognitivi: percezione e metodi, transazionalismo e new look of perception, memoria basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Giannini dell’università degli Studi La Sapienza - Uniroma1. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Psicologia dei processi cognitivi dal corso del docente Prof. A. Giannini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La percezione è una transazione (scambio) tra percipiente e percetto.

New look of perception

Ogni atto percettivo dipende dal percipiente e dai suoi bisogni, il bisogno guida la percezione.

Macchie ambigue di Bruner: macchie ambigue a cui i soggetti danno un significato a seconda dei

loro bisogni e della loro condizione.

1. Bisogni fondamentali (Fame)

2. Influenza del bisogno di affermazione sulla strutturazione visiva di una figura rispetto ad

uno sfondo

3. Influenza del bisogno di denaro sulla valutazione delle dimensioni visive delle monete

4. Influenza del bisogno di denaro sulla valutazione delle dimensioni visive del simbolo del

dollaro

5. Influenza del bisogno di affermazione e di aggressività sulla valutazione delle dimensioni

visive del simbolo della svastica

6. Influenza degli interessi prevalenti sulla velocità di riconoscimenti visivo ed uditivo di

simboli verbali (Tachistoscopio)

7. Influenza degli interessi prevalenti sul contenuto di riconoscimenti visivi ed uditivi illusori

di simboli verbali

8. Influenza delle censure sullavelocità di riconoscimento visivo di simboli verbali (parole tabù

meno percepite)

9. Influenza del bisogno di sicurezza sulla velocità di riconoscimento visivo di simboli verbali

10. Influenza della familarità nella percezione

11. Influenza delle aspettative nella percezione

12. Influenza del bisogno di consenso sociale sulla valutazione della direzione e dell'ampiezza

visiva del movimento di un punto luminoso

13. Influenza del bisogno di consenso sociale sulla valutazione dell'altezza visiva di segmenti

verticali

14. Influenza del bisogno di consenso sociale sulla valutazione dell'ampiezza di un quadrato

Il limite di queste ricerche è il ruolo dell'esperienza passata

Suggestione da maggioranza o da prestigio => leader positivo per competenza o popolarità + leader

negativo

Bisogno di consenso sociale:

Presenza di un partner solidale

• Ritirata di un partner solidale

• Arrivo ritardato di un partner solidale

• Partner di compromesso

Soggetti indipendenti Soggetti cedevoli

Fiducia in se stessi Distorsione esperienza

• •

Isolamento Distorsione del giudizio

• •

Essere fedeli al compito Distorsione dell'atto (arrendersi)

• •

La memoria

Codifica => processo attivo che trasforma lo stimolo in una forma utilizzabile da parte della

memoria

Ritenzione => processo che consente di conservare l'informazione all'interno della memoria

Recupero => processi attivi necessari per individueare ed utilizzare le informazioni

immagazzionate in memoria

"La capacità di un organismo vivente di conservare tracce della propria esperienza passata e di

servirsene per relazionarsi col mondo e con gli eventi futuri"

Memoria => Ricordo

Reminescienza – Oblio - Interferenza retroattiva (influenza di nuovo materiale su materiale già

appreso) - Interferenza proattiva (influenza di vecchio materiale su materiale da apprendere)-

Transfer (facilitazione dell'apprendimento da parte di un apprendimento precedente).

Effetto Von Restorff: Ciò che tende ad essere ricordato e riconosciuto è un elemento isolato

piuttosto che un elemento ripetuto ed omogeneo rispetto agli altri

Modello di Atkinson e Shiffrin (1968):

Acquisizione => Reiterazione => Recupero

L'informazione passa dal deposito sensoriale al deposito a breve termine che può contenere 7+/-2

elementi per un tempo di 15"-20".

Se l'informazione viene ripetuta – elaborata messa in funzione – in maniera adeguata puù passare al

deposito a lungo termine dove si può conservare indefinitivamente.

L'informazione entra a far parte del deposito a lungo termine solo in seguito ad una ripetizione di

mantenimento (mantenimento nella memoria a breve termine per un tempo indefinito) o ad una

ripetizione elaborativa (organizzazione agisce su informazione).

Memoria sensoriale => memoria in cui si registrano le rappresentazioni delle caratteristiche fisiche

di uno stimolo per un tempo brevissimo

Memoria a breve termine => memoria immediata dello stimolo appena percepito

Memoria a lungo termine => memoria in cui le informazioni sono rappresentate in maniera

permanente. Le informazioni nella memoria a lungo termine non

devono essere ripassate in continuazione

Memoria sensoriale: Iconica = memoria sensoriale visiva, persistenza della traccia visiva

Ecoica = memoria sensoriale uditiva

Quando ascoltiamo una parola, ascoltiamo singoli suoni, uno alla

volta. Non possiamo individuare la parola fino a che non abbiamo

ascoltato tutti o quasi tutti i suoni, quindi l'informazione acustica deve

essere immagazzinata fino al momento in cui tutttii suoni sono stati

percepiti.

Memoria a breve termine/di lavoro :

Capacità limitata, la maggior parte delle informazioni contenute vengono dimenticate.

Baddeley e Hitch : mantenimento temporaneo e manipolazione informazione durante compiti

cognitivi (comprensione – apprendimento – ragionamento )

Memoria di lavoro fonologica o visiva

Articolazione subvocalica= espressione linguistica afona

Modello della WM (working memory)

Processo articolatorio

(voce interna, rehersal)

Esecutiva centale

(elaboratore centrale)

Magazzino fonologico Visualspatial sketchpad

(orecchio interno) (occhio interno)

Effetto primacy (o di priorità) => tendenza a ricordare parole iniziali e presentate per prime

Effetto recency (o di recenza) => tendenza a ricordare parole presentate per ultime

Chunking: particolare forma di codifica dell'informazione. L'informazione da ricordare viene resa

più semplice grazie all'uso di alcune regole. Organizzare le informazioni per ricordarle.

Apprendimento e codifica nella LTM:

Hebb: STM→consolidamento→LTM

Craik e Lochart: STM→Ripasso di mantenimento (ripetizione meccanica di informazioni verbali)

+ Ripasso di elaborazione (cercare collegamenti con ciò che già si conosce)

→LTM

Elaborazione: Superficiale – Profonda, Automatica – Volontaria,

Specificità della codifica: il modo in cui codifichiamo le informazioni determina la capacità di

ricordarle

Mnemotecniche: basate sulla codifica o sull'organizzazione

Metodo dei loci + Metodo della parola aggancio + Srorie e canzoni

Memoria a lungo termine:

Memoria semantica => registro delle informazioni concettuali, magazzino a lungo termine di dati,

fatti, informazioni incluso il vocabolario

Memoria episodica => registro esperienze personali, ricordo cose specifiche fatte, viste, sentite

Memoria esplicita (dichiarativa) => memoria di cui siamo consapevoli, sappiamo di aver appreso

una cosa e possiamo parlarne

Memoria implicita (procedurale, non dichiarative) => conoscenze acquisite inconsapevolmente, il

saper fare (andare in bici)

Recollection (Baddley): favorita da variabili legate al contesto tra cui oggetti fisici, indicazioni,

stimoli verbali. (Variabili contestuali = richiami)

Conoscenze generali

(semantica, informazioni

concettuali)

Dichiarativa Episodica

(aspetti autobiografici)

Memoria a lungo termine Procedurale Abilità, gesti

(informazioni procedurali,

abitudini, schemi cognitivi-

comportamentali)

La memoria non èun magazzino ma un processo ricostruttivo

Intervista cognitiva => raccogliere testimonianze

Ricostruzione ambientale – Riferire dettagli – Rievocazione libera dell'evento – Cambiare

prospettiva – mettere a proprio agio intervistato e garantire riservatezza e scopo (personalizzare

intervento, minimizzare ansia, trasferimento del controllo).

Misurare la memoria => scala WAIS per misurare l'intelligenza

L'oblio può essere non funzionale, quindi patologico a seguito di malattie:

Amnesia primaria: globale

Amnesia secondaria: disturbi specifici della memoria

Amnesia transitoria o pura

Deficit di immagazzinamento = non vengono consolidate tracce, rapido oblio, problema di codifica

semantica

Deficit di richiamo

Amnesia retrograda o anterograda

La ricostruzione (il ricordo come processo creativo)

Gli schemi ci aiutano a codificare le informazioni in maniera più significativa

Nel ricordo possono esserci interferenze retroattive o proattive (capacità di ricordare nuove

informazioni è ridotta a causa di informazioni apprese precedentemente)

Suggestionabilità => prestazione di memoria inferiore dopo aver ricevuto un'informazione errata. Si

parla di Misleading post event information :agginta di un'informazione errata successiva ad un

evento può portare a distorcere il ricordo


PAGINE

11

PESO

260.83 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in psicologia e processi sociali
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher AliceDP97 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dei processi cognitivi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Giannini Anna Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dei processi cognitivi

Psicologia dei processi cognitivi: attenzione e coscienza, intelligenza, lingue linguaggio e comunicazione, il pensiero e la soluzione dei problemi, stile di vita stress e salute
Appunto
Riassunto esame Psicometria, prof. Areni, libro consigliato "Elementi di statistica per la psicologia", Ercolani, Areni, Leone
Appunto
Riassunto esame Antropologia Culturale, prof. Padiglione, libro consigliato "Etnografi in famiglia", Padiglione
Appunto
Riassunto esame Psicobiologia, prof. De Gennaro, libro consigliato "Fisiologia del comportamento", Carlson
Appunto