Che materia stai cercando?

Psicologia dei processi cognitivi: attenzione e coscienza, intelligenza, lingue linguaggio e comunicazione, il pensiero e la soluzione dei problemi, stile di vita stress e salute

Appunti di Psicologia dei processi cognitivi: attenzione e coscienza, intelligenza, lingue linguaggio e comunicazione, il pensiero e la soluzione dei problemi, stile di vita stress e salute basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Giannini dell’università degli Studi La Sapienza - Uniroma1. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Psicologia dei processi cognitivi dal corso del docente Prof. A. Giannini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

che dalla capacità comunicativa Processo attivo di l'esecuzione

scoperta di regole

Regole della struttura sintagmatica del LAD + Regole trasformazionali del LAD

Cognitivismo =>linguaggio riflette lo sviluppo cognitivo piuttosto he determinarlo. La

• maturazione del linguaggio avviene per maturazione dei processi cognitivi concomitanti alla

funzione linguistica.

Teorie socio-cognitive => quando il bambino comincia a sviluppare il dialogo interno (3

• anni) il pensiero comincia a corrispondere al linguaggio stesso.

Secondo l'ipotesi del relativismo culturale di Whorf, il linguaggio influenzando notevolmente il

pensiero, determina il modo in cui si percepiscono e si organizzano le informazioni provenienti dal

mondo circostante. Le persone che parlano lingue diverse pensano in modo diverso.

Le principali proprietà costruttive condivise da tutte le lingue naturali sono:

Utilizzo limitato di fonemi=> fonema (suono linguistico rappresentante il minimo elemento

distinguibile dagli altri all'interno di una sequenza fonica) di per se

non ha nessun significato intrinseco.

Combinatione ilimitata di fonemi in un morfema=> morfema (minima unità lessicale dotata di

significato) può essere una parola o una parte

di essa.

Combinazione illimitata di parole i discorsi=> a partire da un numero relativamente piccolo di

fonemi e di morfemi è possibile generare un numero

infinito di frasi

Comprensione e produzione => fonologia + lessico + morfosintassi

Struttura generale: Concettualizzazione (messaggio) + Formulazione linguistica (pianificazione) +

Escuzione (articolazione)

Disturbi del linguaggio:

Disfasia => mancanza di coordinazione nel discorso e incapacità di connettere le parole in

• modo comprensibile

Dislessia => incapacità di leggeree scrivere im modo fluente

• Disgrafia => difficoltà nella riproduzione di segni alfabetici e numerici

Ritardo mentale legato a ritardo acquisizione del linguaggio

QI 50/55-70 = lieve

QI 35/40-50/55 = moderato

QI 20/25-35/40 = grave

QI < 20/25 = gravissimo

Sindrome di Down: buone capacità pragmatiche e lessicali ma povere capacità sintattiche

Autismo infantile: mancanza di interesse per persone, attirati da oggetti, rifiuto cambiamenti,

linguaggio assente o alterato.

Il pensiero e la soluzione dei problemi

Con il termine pensiero si indica una realtà molto vasta che comprende la funzione dei processi

mentali superiori.

Il pensiero comprende fenomeni come ragionare, fantasticare, ricordare connessi a tutti gli altri

processi cognitivi in particolare alla modalità di rappresentazione interna della conoscenza:

categorizzazione + formazione dei concetti + livello di significato.

I concetti hanno tre pricipali funzioni:

1. Semplificare => Riconosciamo una certa configurazione percettiva come esemlare di una

categoria conosciuta stabilendo una continuità tra l'esperienza del presente e passata ed

orientando l'azione futura.

2. Inferire => Attraveso i concetti che già conosciamo possiamo inferire alcune caratteristiche

dell'oggetto percepito non necessariamnete disponibili in quel momento ai sensi.

3. Capire l'ambiente e comportarsi nela maniera appropriata => Quando valutiamo il

comportamento altrui le supposizioni che facciam si basano sul nostro modo di classificare

il comportamento.

1) Astrazione e generalizzazione (formazione di concetti)

La realtà ambientale è costituita da un gran quantità di oggetti ed eventi percettivi.

La categorizzazione (processo di assimilazione delle varianti fenomeniche ad una stessa categoria)

esemplifica l'universo delle esperienze. (cat identità ≠ cat equivalenza)

Un concetto corrisponde ad una categoria di oggetti, di eventi, di stati che condividono specifiche

caratteristiche. Gran parte del pensiero ha a che fare con relazioni ed interazioni tra concetti.

Concetti Formali : Categoria definita da un insieme di caratteristiche essenziali

Concetti Naturali : Categorie che si basano sulle percezioni personali e sulle interazioni con il

mondo reale. Rosch afferma che i concetti naturali sono costituiti da un

insieme di ricordi di particolari esempi (esemplari) che rappresentanole

caratteristiche importanti di un concetto.

I concetti sono di livello Sovraordinato (frutta) => Basico (mele) => Subordinato (Winesap)

Gli individui all'interno del continuum dell'esperienza selezionano unità discete in funzione delle

somiglianze e delle differenze costruendo categorie che aiutano ad interpretare l'esperienza.

Il presupposto è chenessun tipo di organizzazione sia determinato o fisso ma solo probabilistico.

Tale concezione si basa su due assunti fondamentali:

Economia cognitiva => I processi mentali avvengono nella maniera più efficiente e meno gravosa

possibile.

Struttura percettiva => Il mondo non si presenta come un insieme casuale e destrutturato di

informazioni a se stanti ma come un insieme di oggetti e di eventi unitari

che possiedono alcune caratteristiche salienti e definitorie correlate tra

loro.

Rosch e i sistemi categoriali

Gli esemplari a livello base sono dotati di una forma che vale per tutta la categoria (criteri

percettivi e morfologici) e di una funzione che vale per tutt ala categoria (criteri funzionali).

Gli elementi a livello base sono i più informativi perchè possiedono il più alto numero di attributi

significativi che gli oggetti di quella categoria hanno in comune e corrispondono ad i primi lessemi

che verranno imparati (criteri linguistici).

La struttura interna alle categorie è organizzata orizzontalmente attorno ad un prototipo, esemplare

che rappresenta i tratti più distintivi di quella categoria.

Ciascun esmplare della categoria, secondo le proprie caratteristiche, si trova più vicino o più

lontano dal prototipo.

Pensiero per immagini/operazioni per immagini => le operazioni mentali eseguite sulle immagini

semrano analoghe a quelle eseguite su oggetti visivi reali: rotazione mentale + esplorazione di

immagini mentali + creatività visiva.

2) Ragionamento (previsione, controllo,giudizio)

Insieme dei processi mentali in cui vengono ricercate le inferenze, cioè l'insieme dei processi

attraverso cui vengono elaborate nuove conoscenze a partire da conoscenze date.

Ragionamento deduttivo => Produce delle conclusioni specifiche a partire da principi o regole

generali. Impossibile che la conclusione di un ragionamento sia falsa

se le premesse sono vere.

Logica formale : Categorico – Ipotetico - Disgiuntivo

Logica intuitiva : Regole pragmatiche (quando dobbiamo risolvere

problemi deduttivi usiamo

regole meno astratte e più

pertinenti ai problemi

quotidiani)

Effetti del contenuto (le regole della logica non

spiegano tutti gli aspetti del

ragionamento deduttivo.

Queste regole sono

determinate dalla forma

logica delle proposizioni e dal

contenuto delle proposizioni.)

Modelli mentali (oltre alle regole i soggetti possono

risolvere il problema allestendo

una rappresentazione concreta

della situazione)

Ragionamento induttivo => Inferireprincipi generali a partire da fatti particolari. Regola della

probabilità primaria + Regola della congiunzione

(correlazione illusoria).

Un ragionamento può essere accettabile anche se non valido dal punto

di vista deduttivo. La logica induttiva si basa sulla teoria ingenua

della probabilità.

Euristica della somiglianza + Euristica della causalità (la gente valuta

la probabilità di una situazione dalla forza delle connessioni causali tra

gli eventi della situazione stessa).

Il pensiero controfattuale è guidato essenzialmente dal criterio dela normalità: tanto più un evento

si discosta dalla normalità tanto più verrà facilmente modificato nella simulazione mentale di mondi

alternativi.

3) Problem solving (pensiero produttivo)

Il problem solving è un'elaborazione cognitiva volta a trasformare una situazione data in una meta

da raggiungere, quando nessun metdo scontato di soluzione è disponibile a chi si trova a dover

risolvere il problema.

Teorie: Prove ed errori (comportamentismo) + Insight (gestalt) + Elaborazione progressiva delle

informazioni (cognitivismo).

La metafora spaziale

Un problema esiste quando abbiamo un obiettivo ma non sappiamo come raggiungerlo (Holyoak).

Le metafore spaziali (Newell e Simon) possono spiegare il processo di selezione del problema:

condizione iniziale + operatori/azioni + spazio del problema + soluzioni + condizione finale.

Gli algoritmi sono procedure costituite da una serie di passi che eseguiti nella maniera corretta

forniscono una soluzione.

Le euristiche sono delle regole generali (regole del dito pollice) utili nel ricercare una possibile

soluzione del problema.

Risoluzione di un problema:

Spiegazione

Previsione = predizione di un evento futuro

Invenzione = il problema contiene un gran numero di sotto problemi necessitando di spiegazione

sul materiale e di predizioni sullo sviluppo dello stesso.

Stile di vita, stress e salute

Stile di vita => l'insieme di comportamenti di una persona o il modo in cui questa persona conduce

la propria vita. => Autocontrollo

Alimentazione

• Forma fisica

• Fumo

• Alcol e droghe

Stess => Lo stress è un pattern di risposte fisiologiche , comportamentali emotive e cognitive a

stimoli immagineari o reali che vengono percepiti come un ostacolo per l'obiettivo o come

minacce per il proprio benessere.

Questi stimoli sono di solito avversivi e vengono definiti Stressor.

Aumento frequenza cardiaca + respirazione più profonda e veloce + digestione si

interrompe e inizia traspirazione + ghiandole surrenali secernono adrenalina.

Sindrome generale di adattamento di Selye

L'esposizione cronica a vari stressor produce una sequenza di tre stadi fisiologici:

Allarme => La resistenza dell'organismo si abbassa temporaneamente e potrebbe

• presentarsi uno shock, un'interferenza con il funzionamento normale.

Resistenza => Con un'esposizione continuata allo stressor l'organismo entra nella fase della

• resistenza in cui il sistema nervoso autonomo ritorna al funzionamento normale.

Esaurimento => L'esposizione continuata allo stressor fa entrare l'organismo nella fase di

• esaurimento. L'organismo perde la propria capacità di adattamento e la resistenza crolla al d

sotto dei livelli normali, lasciando l'organismo suscettibile ala malattia e alla morte.

Lazarus sostiene che la nostra percezione dello strssor determini il grado di stress che

sprerimentiamo.

I livelli individuali di stress sono influenzati dalla relativa valutazione cognitiva (o percezione

della situazione stressante) che si articola in due fasi:


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

11

PESO

125.98 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in psicologia e processi sociali
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher AliceDP97 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Psicologia dei processi cognitivi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Giannini Anna Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Psicologia dei processi cognitivi

Psicologia dei processi cognitivi: percezione e metodi, transazionalismo e new look of perception, memoria
Appunto
Riassunto esame Psicometria, prof. Areni, libro consigliato "Elementi di statistica per la psicologia", Ercolani, Areni, Leone
Appunto
Riassunto esame Antropologia Culturale, prof. Padiglione, libro consigliato "Etnografi in famiglia", Padiglione
Appunto
Riassunto esame Psicobiologia, prof. De Gennaro, libro consigliato "Fisiologia del comportamento", Carlson
Appunto