Che materia stai cercando?

Procedura civile - procedimento di convalida di sfratto Appunti scolastici Premium

Appunti sul procedimento di convalida di sfratto in Procedura civile. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: procedimento in titolo, l'impiego delle forme del procedimento speciale per convalida, l'atto introduttivo, la notificazione.

Esame di Procedura civile docente Prof. P. Scienze giuridiche

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

accelerate del procedimento di convalida per ottenere il provvedimento di

rilascio, che naturalmente implica la pronuncia della risoluzione e che perciò ha,

al tempo stesso, natura costitutiva e di condanna. Inoltre offre anche la

possibilità di fruire contemporaneamente delle forme proprie del procedimento

ingiuntivo per ottenere «il pagamento dei canoni scaduti».

L'impiego delle forme del procedimento speciale per convalida implica, innanzi

tutto, l'osservanza di regole inderogabili circa la competenza. Sotto il profilo

della materia, la competenza spetta, inderogabilmente al tribunale. Sotto il

profilo del territorio, è inderogabilmente competente il giudice de1luogo in cui

si trova la cosa locata.

L'atto introduttivo è l'atto di citazione che tuttavia può avere un contenuto più

ampio di quello dei normale atto di citazione poiché può includere, nel suo

contesto, anche un atto di portata sostanziale ossia l'intimazione della licenza o

dello sfratto. La quale intimazione costituisce, anzi, l'elemento che concreta il

contenuto anche della domanda al giudice davanti al quale l'intimato viene

citato, ed al quale viene chiesta, per l'appunto, in contraddittorio con l'intimato,

la convalida dell'intimazione.

La notificazione di questo atto va effettuata con maggiori cautele; perciò, da un

lato, è esclusa la validità della notificazione al domicilio eletto e, dall'altro, si

dispone che quando la notificazione non avviene «in mani proprie», l'ufficiale

giudiziario deve avvertire l'intimato dell'effettuata notificazione, con lettera

raccomandata, allegandone la ricevuta all'originale dell'atto.

Nell'atto di citazione, il locatore deve dichiarare la propria residenza o eleggere

domicilio nel comune dove ha sede il giudice adito; altrimenti, le notificazioni

delle opposizioni o di ogni eventuale altro atto possono avvenire nella

cancelleria.

In questo procedimento, la prima udienza assurge a particolare importanza,

poiché è appunto in relazione al comportamento delle parti in tale udienza che il

procedimento può sfociare in una immediata pronuncia sommaria, oppure

trasformarsi in un ordinario processo di cognizione.

Avuto riguardo alla suddetta possibilità di pronuncia sommaria, l'art. 660

dispone che, nell'atto di citazione, l'invito e l'avvertimento che, per il giudizio

ordinario sono configurati dall'arto 163,3° comma n. 7, siano formulati in

maniera diversa; dispone, cioè, che la citazione per la convalida contenga, nei

confronti del convenuto, «l'invito a comparire nell'udienza indicata» e

«l'avvertimento che, se non comparisce, o comparendo non si oppone, il giudice

convalida la licenza o lo sfratto ai sensi dell'art. 663».

Il nuovo 4 comma dispone che «tra il giorno della notificazione dell'intimazione

e quello dell'udienza debbono intercorrere termini liberi non minori di venti

giorni», salva abbreviazione alla metà su istanza dell'intimante; mentre il nuovo

5° comma dispone che «le parti si costituiscono depositando in cancelleria

l'intimazione con la relazione di notificazione o la comparsa di risposta oppure

presentando tali atti al giudice in udienza». Il che implica che la costituzione

dell'una e/o dell'altra parte è tempestiva, anche agli effetti delle preclusioni

conseguenti, anche se effettuata all'udienza.

Le diverse situazioni che possono verificarsi alla prima udienza: può accadere,

innanzi tutto, che alla prima udienza non compaia l'intimante: in tale ipotesi -

dispone l'art. 662 - l'intimazione perde efficacia,

Ma l'ipotesi più importante è quella della mancata comparizione dell'intimato,

alla quale la legge equipara, sotto ogni profilo, l'ipotesi in cui l'intimato, pur

essendo comparso davanti al giudice, non si opponga alla convalida. Per queste

ipotesi la legge (art, 663) dispone che il giudice, previo ordine di rinnovare la

citazione ogni qualvolta sussista il dubbio che l'intimato non comparso non ne

abbia avuto conoscenza o non sia potuto comparire per caso fortuito o forza

maggiore, «convalida la licenza o lo sfratto e dispone, con ordinanza in calce

alla citazione: "apposizione su di essa della formula esecutiva». In pratica, ciò

significa che il giudice pronuncia, seduta stante, un provvedimento con la forma

dell’ordinanza ed il contenuto, assai semplice, della convalida dell’intimazione

con la conseguente apposizione, in calce ad essa, della formula esecutiva. In tal

modo l'ordinanza assume la portata d/una condanna immediatamente esecutiva

al rilascio, riferita, per ogni suo elemento e modalità, all'intimazione; perciò il

titolo esecutivo è costituito, in quanto documento dall'intimazione, integrata

dalla stesura, in calce, dell'ordinanza di convalida, e dall'apposizione della

formula esecutiva.

L'efficacia esecutiva viene in essere, tuttavia - nel caso che l'intimato non sia

comparso - soltanto dopo trenta giorni dalla data di apposizione della formula.

L'ordinanza di convalida costituisce un provvedimento di condanna - che, tra

l'altro, in quanto definisce un procedimento di cognizione, sia pure speciale:

deve pronunciare sulle spese - dotato di immediata efficacia esecutiva (salva la

protrazione di cui si è appena fatto cenno), e con l'ulteriore caratteristica che,

quando si tratta d'intimazione prima della scadenza, costituisce una condanna in

futuro.

Ma, oltre che di efficacia. esecutiva, l'ordinanza di convalida è dotata, come il

decreto ingiuntivo non opposto, di autentica efficacia di cosa giudicata.

Contro l'ordinanza in discorso, l'intimato può proporre opposizione (c.d.

opposizione tardiva da proporsi innanzi al tribunale che ha pronunciato

l'ordinanza e con le forme dell'opposizione tardiva al decreto ingiuntivo) in

quanto provi di non aver avuto conoscenza dell'intimazione, per irregolarità

della notificazione o per caso fortuito o forza maggiore e sempre in quanto non

siano decorsi dieci giorni dall'inizio dell'esecuzione.

Questo significa che, .quando non sussistono le suddette circostanze eccezionali

non è possibile proporre l'opposizione. E poiché la legge non contempla alcun

altro mezzo d'impugnazione contro l'ordinanza in discorso, salve solo le

impugnazioni straordinarie rese ora ammissibili dalla Corte costituzionale, ne

deriva la sua definitività e idoneità al giudicato.

Secondo la Cassazione, la pronuncia al di fuori dei presupposti di legge, e

quindi con una forma diversa da quella con la quale il provvedimento avrebbe

dovuto essere pronunciato, dovrebbe fondare l'applicazione della regola c.d.

della prevalenza della sostanza (che qui sarebbe di sentenza) sulla forma, con la

conseguente impugnabilità del provvedimento con l'appello.

Ma le riserve che si debbono sollevare contro la suddetta regola, insieme con le

riserve che, d'altra parte, impediscono di accettare l'opinione di coloro che

considerano proponibile, contro l'ordinanza de qua, l'actio nullitatis,

eventualmente con le forme dell'opposizione all'esecuzione, ed insieme, infine,

col rilievo che siamo di fronte ad un provvedimento su un diritto configurato

dalla legge come idoneo al giudicato ancorché pronunciato con forme diverse

da quelle che passano attraverso i mezzi ordinari di impugnazione, porterebbero

a ritenere preferibile la soluzione (per la verità non molto accreditata in dottrina

e giurisprudenza) dell'impugnabilità col ricorso straordinario per cassazione ex

art. 111 Cost.

Nel caso dello sfratto per morosità, il locatore può chiedere anche la condanna,

con decreto ingiuntivo, al pagamento dei canoni scaduti c da scadere fino

all'esecuzione dello sfratto. In tal caso, il giudice pronuncia un decreto

ingiuntivo, che costituisce un provvedimento autonomo da stendersi in calce ad

un'altra copia dell'intimazione da conservarsi in cancelleria; il decreto è

immediatamente esecutivo, ma suscettibile di opposizione nel termine consueto

di quaranta giorni. D'altra parte la richiesta del decreto ingiuntivo per il

pagamento dei canoni costituisce, per l'intimante, una semplice facoltà e non un

onere (v, art. 669), Un vero e proprio onere per l'intimante è invece previsto

dall’art. 663, 3 comma, sempre con riguardo all'intimazione di sfratto per


PAGINE

9

PESO

33.89 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2006-2007

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Novadelia di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Procedura civile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze giuridiche Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Procedura civile

Riassunto esame procedura civile, prof Consolo. Libro consigliato Spiegazioni di diritto processuale civile, Consolo
Appunto
Procedura civile - prove d'esame
Esercitazione
Riassunto esame Diritto Processuale Civile, prof. Vaccarella, libro consigliato Principi Generali, Luiso
Appunto
Riassunto esame Istituzioni di Diritto Romano, docente Brutti, libro consigliato "Il Diritto Privato nell'antica Roma", Massimo Brutti
Appunto