Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Economia  del  mercato  mobiliare    

Nel  mercato  ci  sono   due  categorie  di  

soggetti:  i  soggetti  in  surplus  e  i  soggetti  in  

deficit.  I  soggetti  in  surplus  sono  quei  soggetti  

che  hanno  risorse  finanziarie  in  eccesso  

(famiglie).  I  soggetti  in  deficit  sono  quei  

soggetti  che  hanno  bisogno  di  disponibilità  

finanziarie  (imprese,  PA).  Le  imprese  sono  

fisiologicamente  in  deficit  ma  ciò  deve  essere  

correlato  alla  sussistenza  di  flussi  di  cassa  

capaci  di  raggiungere  e  superare  il  Break  Even  

Point  (=punto  di  pareggio  di  bilancio),  cioè  

correlato  alla  produzione  di  ricchezza  reale.  

Come  detto,  lo  Stato  è  un’altra  unità  in  

deficit.  Esso  ha  la  funzione  di  produrre  servizi  

e  quindi  ha  lo  scopo  di  aumentare  la  ricchezza  sociale.  

 

 

 

 

 

 

 

 

Gli  intermediari  servono  a  fornire  tutte  le  informazioni  che  il  soggetto  ha  bisogno  per  effettuare  un  

investimento.  

L’analisi  di  un  sistema  finanziario  implica  la  valutazione  delle  diverse  componenti  che  lo  determinano  come  

intermediari  finanziari,  mercati,  attività  finanziarie,  norme  e  autorità  di  vigilanza.  Agli  intermediari  finanziari  

e  ai  mercati  compete  la  creazione  dei  rapporti  fra  gli  agenti  economici  nel  sistema  finanziario,  basatosi  sulla  

produzione  di  attività  finanziarie.  Il  problema  è  quello  dell’equilibrio  tra  mercati  e  sistemi  finanziari  che  

comporta  la  valutazione  comparata  di  due  differenti  strutture  di  collegamento  fra  più  unità  in  surplus  ed  in  

deficit:  

 

A)   circuito  indiretto:  tipicamente  la  banca,  che  opera  una  intermediazione  indiretta,  vale  dire  che  si  

frappone  tra  unità  in  surplus  e  unità  in  deficit  operando  una  trasformazione  della  rischio  intrinseco  

nell’operazione  (=asset  transformer):  si  pone  dunque  come  operatore  diretto  tra  le  due  categorie  che  non  

si  incontrano.  È  una  funzione  di  pubblica  utilità.  

 

B)   circuito  diretto:  opera  attraverso  i  mercati  finanziari.  Il  soggetto  in  surplus  consegna  i  propri  risparmi  al  

soggetto  il  deficit  direttamente  (sceglie  lui).  Il  soggetto  in  surplus  si  assume  in  pieno  tutto  il  rischio  

dell’investimento  accollandosi  sulle  proprie  spalle  il  rischio  di  solvibilità  (es:  Titoli  obbligazionari,  titoli  

azionari)  

 

 

Condizioni  di  stabilità  

Inflazione  è  il  tasso  di  incertezza  più  immediato:  nel  momento  in  cui  entra  nel  mercato  finanziario  

ho  che  fare  con  l’incertezza.    

Io,  soggetto  in  surplus,  mi  attendo  una  crescita  del  mio  investimento  in  termini  reali:  cioè  una  

remunerazione  aggiuntiva  per  ripararmi  dal  rischio  di  inflazione.  

Nel  mercato  finanziario  ci  sono  due  soggetti:  in  surplus  e  in  deficit.  Il  soggetto  in  surplus  impiega  

risorse  finanziarie,  li  investe  e  si  assume  in  pieno  il  rischio  dell’investimento  (che  non  ha  garanzie  o  

riduzioni  del  rischio  come  nel  caso  dell’intervento/interposizione  bancaria).  

 

Vigono  due  tipologie  di  rapporto:  

Titoli   azionari:  rappresentanti  di  un  rischio  di  impresa,  il  valore  del  rischio  rispecchia  il  valore  

dell’impresa  e  in  caso  di  fallimento  si  annulla.  I  possessori  hanno  diritto  alla   governance,  le  azioni  

non  hanno  scadenza  e  prevedono  una  remunerazione  a  discrezione  del  management.  

Titoli   obbligazionari:  rapporto  di  finanziamento:  l’operatore  in  surplus  dovrà  valutare  la  capacità  

di  rimborso  è  soggetto  il  deficit  prima  di  investire  (questo  principio  vale  anche  per  i  titoli  di  Stato)  

 

La   finalità  della  regolamentazione  è  consentire  all’investitore  di  valutare  bene  i  possibili  

investimenti  fornendogli  le  informazioni  necessarie  per  valutare  con  coscienza  il  da  farsi.  

Nel  caso  delle  obbligazioni,  per  il  lasso  di  tempo  in  cui  abbiamo  affidato  il  denaro,  vogliamo  

interessi.  Ma  il  punto  focale  della  relazione  (sogg  surplus/deficit)  è  la  restituzione  del  capitale  a  

scadenza:  perciò  centrale  sarà  la  fiducia    Perché  in  caso  di  fallimento  non  ci  sarà  il  rimborso  (e  

à

questo  è  un  rischio  anche  per  gli  stati)  

 

Attività finanziarie  

=  Rapporto  contrattuale  in  cui  le  parti  fissano  diritti  e  obblighi  in  relazione  allo  scambio  di  flussi  di  

cassa  differenziati  nel  tempo.  

 

I  principali  contratti  finanziari  sono:  

- contratti  di   debito:  chi  investe  deve  aspettare  che  gli  venga  pagato  il  suo  credito  alla  scadenza.  Il  

 

prestatore  non  ha  voce  in  capitolo  nel  pagamento  degli  interessi  (es:  obbligazioni).

- Contratti  di   partecipazione:  si  sostanziano  nelle  azioni  e  possono  consentire  al  soggetto  di  

influenzare  l'impresa.  Questo  strumento  partecipativo  assumerà  valore  se  il  valore  della  stessa  

 

impresa  crescerà,  con  la  possibilità  che  l'impresa  fallisca  (rischio  di  impresa).

- Contratti   assicurativi:  contratti  aventi  ad  oggetto  la  garanzia  contro  il  verificarsi  di  un  evento  

 

futuro  ed  incerto,  generalmente  dannoso  per  la  propria  salute  o  per  il  patrimonio.

- Contratti   derivati:  contratto  il  cui  prezzo  di  mercato  si  basa  sull’andamento  di  un  altro  

 

strumento  finanziario  definito  sottostante.

 

Tipologie  di  mercato  

 

Una  sezione  a  parte  del  mercato  dei  capitali  è  costituita  dal  mercato  mobiliare:  il  luogo  nel  quale  si  svolgono  i  

trasferimenti  di  saldi  finanziari  attraverso  la  negoziazione  di  strumenti  finanziari  (azioni,  obbligazioni  e  titoli  del  debito  

pubblico).    

La  differenza  con  gli  altri  mercati  sta  quindi  nel  mezzo  impiegato  per  il  trasferimento  e  l'investimento  delle  somme  

 

in  surplus.  Non  è  quindi  sbagliato  identificare  il  mercato  finanziario  con  il  mercato  mobiliare.

 

Il  mercato  finanziario  si  divide  in:  

- mercato  degli  Strumenti  Finanziari  ( diretto    passa  attraverso  il  mercato)  

à

- mercato  del  Credito  ( indiretto    il  flusso  ha  luogo  attraverso  gli  intermediari  finanziari)  

à

  Il  mercato  diretto  è  quello  in  cui  i  soggetti  contrattano  

personalmente  le  condizioni  di  

concessione  del  credito.  Qui  ci  sono  più  tipologie  di  intermediari:  il  diretto,  a  differenza  

dell’indiretto,  sarà  più  sofisticato  perché  l’investitore  oltre  a  cercare  un  surplus  sul  surplus  

ha  la  facoltà  di  scegliere  tra  un  ampio  ventaglio  di  possibilità.  Questi  intermediari  

forniscono  vari  servizi  ma  nessuno  di  essi  assume  direttamente  il  rischio:  essi  favoriscono  

l’incontro  I  soggetti  in  deficit  con  quel  surplus  e  il  rischio-­‐rendimento  dell’operazione.  

 

[Il  mercato  diretto]  secondo  una  distinzione  riguardante  il  momento  di  emissione  si  

suddivide  in:  

- Mercato   primario:  Titoli  arrivano  per  la  prima  volta  sul  mercato.  Il  mercato  delle  nuove  

emissioni.  Quando  un  soggetto  in  deficit  ha  bisogno  di  fondi  (attraverso  emissione  titoli  

     

obbligazionari/azioni)  viene  definita  operazione  in  un  mercato  primario.

 

Ipotizziamo  di  fare  una  nuova  emissione:  ciò  implica  che  se  i  soggetti  in  surplus  aderiscono,  questi  

scambiano  mezzi  finanziari  con  questi  strumenti  finanziari  che  mettono  in  portafoglio.  Se  però  il  soggetto  in  

surplus  fa  un  investimento,  i  soldi  vengono  spesi.  E  se  voglio  comprare  un  quadro  con  gli  stessi  soldi,  non  

posso  portare  all'artista  l'obbligazione/azione.  Allora  per  incrementare  il  rapporto  soggetti  deficit/surplus  

nel  mercato  primario  è  necessario  che  a  fianco  del  mercato  primario  si  sviluppi  il  cosiddetto  mercato  

 

secondario.

 

- Mercato   secondario:  È  secondo  rispetto  al  primo,  non  per  importanza  ma  per  ottica  

temporale.  Cosa  serve  dunque  il  mercato  secondario?  Devo  avere  la  possibilità  di  

smobilizzare  l'obbligazione  di  prima  (vendita,  ricerca  della  controparte).  La  ricerca  della  

controparte  avviene  in  questo  mercato.  Il  più  efficace  mercato  secondario  E  quello  dei  

titoli  di  Stato:  in  questo  mercato  si  è  reso  più  facile  lo  smobilizzo  di  emissioni  precedenti  

 

per  accaparrarsi  emissioni  nuove.

 

Nessun  investitore  vorrebbe  mai  comprare  un'azione/obbligazione  sapendo  che  se  la  tiene  a  vita.  Nel  

mercato  secondario  si  fa  il  "passaggio  di  proprietà".  Il  mercato  secondario  è  un  incentivo  a  sottoscrivere  

 

nuove  emissioni  nel  primario.

 

 

Siamo  già  in  grado  di  capire  che  mentre  gli  attori  del  mercato  primario  sono  i  soggetti  in  

deficit/surplus,  nel  mercato  secondario  non  ci  sono  i  soggetti  in  deficit,  ma  solo  i  soggetti  

in  surplus  (quelli  che  vogliono  vendere  AF  e  quelli  che  le  vogliono  acquistare).  

 

Secondo  una  distinzione  di  natura  temporale,  il  mercato  può  essere  suddiviso  in  mercato  

monetario  (strumenti  finanziari  12/18  mesi)  e  mercato  dei  capitali  (>  12/18  mesi)  

 

 

 

 

 

 

 

Il  mercato  degli  strumenti  finanziari  

 

Tale  mercato  non  deve  essere  inteso  come  mercato  autonomo:  trova  giustificazione  nel  fatto  che  

serve  a  migliorare  e  

incentivare  “n”  mercati  sottostanti:  incentiva  l’utilità  di  prendere  soggetti  che  

operano  in  tali  mercati  sottostanti.  Per  utilità  si  intende  la  funzione  di  utilità  microeconomica;  ogni  

soggetto  in   surplus  spera  di  migliorare  il  suo  rendimento  evitando  il  rischio  di  inflazione:  questa  è  

la  sua  funzione  di  utilità.  Ogni  soggetto  in  

deficit  cerca  finanziamenti  per  effettuare  investimenti  

produttivi  di  ricchezza  reale  (o  sociale  se  si  tratta  dello  stato)    

à questi  due  soggetti  hanno  interessi  

contrapposti:  perché  ci  sia  uno  scambio  si  devono  incontrare  le  due  funzioni  di  utilità  delle  due  classi  di  soggetti.  

Tale  incontro  non  è  scontato:  richiedere  fondi  comporta  costi  ed  esso  è  uno  dei  problemi  più  importanti  nell’ambito  

dei  mercati  finanziari  che  comporta  le  valutazioni  più  difficili.  I  soggetti  in  surplus  vogliono  che  il  rendimento  sia  il  più  

lontano  possibile  dal  rischio.  L’investitore  potenziale  sarà  interessato  a  valutare  i  progetti  del  soggetto  in  deficit  e  le  

caratteristiche  del  soggetto  in  deficit:  effettuerà  una  valutazione  asistematica  e  una  valutazione  sistematica  (cioè  sul  

soggetto  e  sul  settore  mercato).  

 

Variabile  fondamentale  nel  mercato  degli  strumenti  finanziari  informazione:  l’esistenza  del  

mercato  si  basa  sull’informazione.  

È  solo  con  adeguate  informazioni  che  soggetti  in  surplus  possono  effettuare  scambi  di  risorse  

massimizzando  l’utilità.  

 

Come  possiamo  far  sì  che  le  informazioni  siano  prodotte/riportate  nel  mercato  degli  strumenti  

finanziari,  essendo  adeguato  un  processo  informativo  per  l’esistenza  di  un  mercato  efficiente?  

 

Le  informazioni  sono  riportate  sul  mercato  finanziario  dai  soggetti  in  deficit  stessi  che  richiedono  

fondi  finalizzati  a  un  processo  produttivo.  Ma  i  soggetti  in  surplus  non  possono  sapere  se  i  soggetti  

in  deficit  nascondano  o  meno  dei  particolari  importanti;  quindi  tutto  ciò  comporta  un’allerta  

costante.  Abbiamo  informazioni   di  base  ed  

informazioni  che  si  aggiornano  sempre  con  il  processo  

produttivo  e  devono  essere  sempre  più  recenti,  grazie  al  processo  informativo  che  produce  

costantemente  informazioni.  

 

Il  legislatore  perciò  considera  il  soggetto  in  surplus  un  individuo  maturo,  a  differenza  che  nel  

circuito  indiretto  e  si  preoccupa  di  nutrirlo  di  informazioni.  

 

Costi  delle  informazioni  

 

Per  creare  informazioni  si  deve  stabilire  quali  informazioni  standard,  nuove  devono  essere  fruibili  

da  tutti  per  le  proprie  valutazioni  di  investimento.  Una  società  che  vuole  accedere  al  mercato  

finanziario   deve  presentare  informazioni  sulla  sua  reddittività  e  sul  suo  patrimonio:  cioè  il  

bilancio  

degli   ultimi  tre  anni.  

Queste  informazioni  standard  hanno  un  costo  di  produzione,  perché  devono  essere  spiegate  al  

potenziale  investitore  e  create  anche  in  copie  cartacee  oltre  che  in  copie  digitali;  Oltre  a  ciò  è  

prevista  la  creazione  di  bilanci  futuri.  La  controparte  del  

costo  di  produzione  è  il  

costo  di  accesso  

alle  informazioni  per  gli  investitori  che  è  sostenuto  per  reperire  questo  materiale  informativo  

prodotto.  

 

  COSTO  DI  PRODUZIONE  

  COSTI  DI  ACQUISIZIONE  

Quindi      

à COSTO  DI  ACCESSO  

  DIRETTO  

 

 

Supponiamo  che  le  informazioni  siano  rese  pubbliche  e  create  per  la  

massa.  Un  investitore  dovrà  

valutare  tali  informazioni:  ma  tali  valutazione  non  è  fatta  dal  mercato  o  dal  regolamentatore;  

la  

sintesi  di  tali  informazioni  può  essere  solo  nostra!  Ogni  soggetto  in  surplus  deve  valutare  

singolarmente  l’idoneità  di  ogni  investimento.  

 

Per  agevolare  l’investitore  nella  valutazione,  il  legislatore  suddividere  le  informazioni  in:  

- informazioni   rilevanti  (=  informazione  che  incide  sul  prezzo  del  flusso  finanziario  futuro  dato  allo  

strumento  finanziario)  

- informazioni   non  rilevanti  

 

In  questo  modo  risultano  parzialmente  diminuiti  i  costi  di  interpretazione  delle  informazioni.  Le  

parti  contrapposte  nello  scambio  si  incontrano  più  facilmente  e  si  riducono  anche  i  costi  di  verifica  

delle  informazioni  acquisite.  Inoltre  il  mercato  finanziario  perché  sia  efficiente  deve  essere  

collegato  ai  mercati  reali  sottostanti.  

 

Riducendo  ai  minimi  teminià  a=f(b)   dove         a =mkt  dei  capitali       b=mkt  delle  informazioni  

 

Vincolo  di  efficienza  informativa  del  mercato  

 

Dobbiamo  capire  come  il  mercato  sia  efficiente  dal  punto  di  vista  informativo  analizzandolo  e  proponendo  

tre  categorie  di  efficienza  osservando  le  loro  correlazioni.   Ricordiamo  che  il  legislatore  impone  e  può  il  

irrigidire  gli  obblighi  informativi:  tale  griglia  informativa  individua  le  cosiddette  informazioni  standard.  Esse  

devono  essere  portate  a  conoscenza  del  mercato  ma  il  mercato  legge  ed  elabora  in  vari  gradi  a  seconda  

della  sua  efficienza.  Si  sono  elaborati  tre  gradi  di  efficienza  con  cui  si  cerca  di  valutare  il  grado  di  continuità  

e  di  efficienza  informativa  delle  stesse,  dalla  nascita  al  loro  raggiungimento  del  mercato.  

  tipi  di  efficienza

Vediamo  dunque  i   :  

 

- Efficienza   debole:  tutti  i  prezzi  degli  strumenti  finanziari  incorporano  le  informazioni  passate  su  questi  

strumenti  cioè  tutte  le  informazioni  sui  prezzi  del  passato  ( àporta  un  vero  prezzo  di  mercato).  Questa  

efficienza  va  intesa  in  modo   puntuale:  con  esso  intendiamo  che  in  ogni  istante  i  prezzi  puntualmente  

incorporano  tutte  le  informazioni  passate  sullo  strumento  finanziario.  La  debolezza  di  tale  efficienza  è  la  

mancanza  di  essere  in  grado  di  dare  prospettive  future  (vista  miope).  

 

Se  l’efficienza  debole  analizza  come  le  informazioni  sono  incorporate  nei  prezzi,  Forte  e  segni  forti  si  concentrano  sui  canali  

convogliamento  delle  informazioni  sul  mercato.  

 

- Efficienza  in  forma   semi-­‐forte:  L’efficienza  semi-­‐forte  verifica  che  tutti  i  prezzi  incorporino  oltre  alle  

informazioni  storiche  tutte  le  informazioni  pubbliche  nuove  disponibili.  Per  ottenere  tale  nuovo  grado  

d’efficienza,  è  utile  analizzare  infrastrutture  come  Internet:  nel  mondo  occidentale  tale  efficienza  è  

quindi  un  obiettivo  fisiologicamente  già  raggiunto  con  lo  sviluppo  tecnologico.  Nota  bene:  ricordiamo  

l’abbattimento  dei  costi  con  tali  infrastrutture:  è  logico  supporre  che  si  aumenti  sempre  più  l’efficienza.  

- Efficienza  in  forma   forte:  L’efficienza  forte  mette    a  disposizione  dei  soggetti  che  li  devono  valutare  tutte  

le  possibili  valutazioni  che  vengono  originate  dai  mercati  sottostanti.  Tutte  le  informazioni  si  dividono  in  

informazioni  pubbliche  e  info  private.  Apparentemente  potremmo  dire  che  tutte  le  informazioni  

pubbliche  e  private  sono  a  disposizione.  

  è

Il problema che si pone quello relativo all’effettiva efficacia delle informazioni riservate (private) ad

essere portate a disposizione dei soggetti valutanti, sia nei confronti dell'emittente sia nei confronti dei

soggetti che sono tenuti a valutarli.

Cosa si intende per informazione riservata?

È è

una informazione che si origina all'interno del soggetto emittente ma che non ancora completa.

È è è

una info che relativa ad un processo che andrà ad incidere sul prezzo ma che ora non È

completamente definita/formalizzata (es: AD che va in consiglio e dice di lasciare la carica per motivi di salute. una info

è è

vera che data dal soggetto, ma non completa a livello produttivo aziendale. Infatti i consiglieri, dato l'annuncio, devono trovarsi il

successore. Per la formalizzazione dell'informazione io non posso fermarmi allo stato iniziale, ma devo fornire anche una soluzione.

è

Es2: cambio al vertice di LUXOTTICA. L'annuncio stato dato così: via Guerra e arriva Del Vecchio. Se diamo solo un pezzo

dell'informazione (cioè: se ne va Guerra), questo pezzo di info potrebbe avere degli effetti devastanti del mercato: oddio, cosa

succede a LUXOTTICA ora?)

 

La  valutazione  delle  informazioni  

Ovviamente  tutte  le  informazioni  che  arrivano  sul  mercato  una  volta  complete  devono  essere  distribuite  e  

verificate.  Bisogna  interpretare  le  diverse  forme  di  efficienza  attraverso  meccanismi  di  trasmissione  

operanti  tra  mercato  dei  capitali  e  quello  delle  informazioni     quando  le  info  si  originano  e  arrivano  

à

tramite  internet  devono  essere  valutate.  

 

La   verifica  deve  essere  condotta   da  un  punto  di  vista  temporale:  

   

- Come   processo  dinamico  di  integrazione   continua  

- Come   velocità  di  integrazione  di  una  determinata  informazione

 

à  La  definizione  di  efficienza  del  mercato  ci  da  una  focalizzazione  su  tutte  le  informazioni  che  sono  idonee  

a  essere  valutate,  MA:  il  processo  valutativo  delle  info  è  comunque  lasciato  a  carico  dei  singoli  soggetti  in  

surplus.  

 

Per  vedere  come  si  caratterizza  il  mercato  dei  soggetti  in  surplus,  la  teoria  ci  fa  una  presentazione  di  

possibili  insiemi/classi  di  soggetti  in  surplus.  

 

La   divisione  delle  classi:  

 

-­‐ Operatori  perfettamente  informati  (parlare  di  perfezione  nei  mercati  finanziari  è  sempre  una  

semplificazione  molto  teorica):  qui  ci  vanno  i  soggetti  intermediari,  quelli  che  possono  operare  nei  

mercati  finanziari  come   investitori  istituzionali  =  quelli  che  lavorano  nei  mercati  finanziari.  Perché  questa  

semplificazione?  Parliamo  in  un  contesto  relativo    Questi  operatori  traggono  la  loro  esistenza  nel  

à

 

mercato  finanziario  in  sé.  

-­‐ Operatori  informati  professionalmente  (sotto  categoria):  sono  operatori  che  non  hanno  una  origine  

esclusivamente  finanziaria,  ma  sono  operatori  che  sono  consci  di  ciò  che  succede  nel  mercato  

finanziario.   (Es.  la  LUXOTTICA  non  è  un  mercato  finanziario,  ma  la  tesoreria  è  a  tutti  gli  effetti  un  soggetto  

.  Quindi,  qui,  vengono  inserite  tutte  le  grandi  società  che  operano  nel  

professionalmente  informato)

 

mercato  finanziario.

-­‐ Operatori  con  informazioni  derivate:  operatori  che  ottengono  le  informazioni  da  altri  operatori,  per  un  

motivo  di  costi.  Non  possiamo  comprarci  Bloomberg  per  sapere  come  investire,  allora  seguiamo  

l'andamento  e  interpretiamo  l'andamento.  I  primi  due  soggetti  comprano?  Bene,  noi  interpretiamo  cosa  

 

fanno  i  primi  due,  seguiamo  il  mercato  (Come  dei  “followers”)

- Operatori  inesperti  non  informati:  piccoli  investitori  che  non  sono  informati,  soggetti  che  non  hanno  

informazioni,  né  le  saprebbero  valutare.  Questi  piccoli  investitori  agiscono  molto  di  pancia,  su  

sollecitazioni  che  arrivano  su  comunicati  (addirittura  di  marketing).  Ci  si  accorge  dei  piccoli  investitori  

quando  si  ha  davvero  bisogno  di  fondi,  perché  non  si  ha  un  appeal  aziendale  e  allora  va  bene  tutto.  

Oppure  per  lo  Stato:  un  modo  per  incamerare  soldi  veloci  è  privatizzare.  Si  porta  sul  mercato  un  numero  

 

ingente  di  titoli  (stato  venditore),  e  i  piccoli  investitori  li  comprano.

 

Nei  primi  due  non  ci  sono  asimmetrie  informative.  Più  scendiamo  di  grado,  più  avremo  a  che  fare  con  una  maggiore  asimmetria  

informativa  e  incertezza  di  azione/valutazione  sul  mercato.  Le  prime  due  classi  sono  classi  più  chiuse  (Difficile  raggiungere  il  livello)  

mentre  le  altre  due  sono  più  aperte  (più  facile  raggiungere  il  livello).  

 

Trading  informativo  

 

In  una  ipotesi  dove  la  classe  degli  operatori  in  surplus  fosse  coincidente  con  la  classe  degli  operatori  perfettamente  

informati,  il  mondo  finanziario  potrebbe  essere  considerato  perfetto,  ma  così  non  è.  Non  siamo  in  questa  ipotesi.  

Non  esiste  una  situazione  del  genere  perché  c'è   incertezza  sul  mercato  e  questi  assunti  rimangono  assunti  di  pura  

teoria    Visto  che  sappiamo  che  non  siamo  in  un  mercato  perfetto,  ci  dobbiamo  aspettare  che  nella  logica  operativa,  

à

l'incontro  tra  domanda  e  offerta  non  sia  così  automatico.  

 

Una  questione  di  variabili  

 

Ci  sono  due  variabili  che  caratterizzano  il  processo  di  valutazione  delle  informazioni,  di  scambio  e  quindi  di  

trading  di  strumenti  finanziari  del  mercato:  

1)  La  prima  è  legata  al   tempo   col  quale  si  determinano  le  informazioni  

2)  La  seconda  variabile  è  relativa  all’effettivo   processo  di  formazione  dell'informazione  che  porta  allo  

scambio.  

 

In sintesi: trading informativo verifica

- chi per primo nel mercato dei soggetti in surplus valuta le info

- chi traduce queste info in una operazione di acquisto/vendita

- quindi quali conseguenze ciò porta sul mercato stesso.

 

Precisazione*curva  dei  rendimenti:  misura  il  rapporto  tempo-­‐rendimento  per  i  titoli  di  stato.  Il  fatto  di  analizzare  il  rapporto  tra  due  

variabili  (Indipendente:  tempo;  dipendente:  Rendimento)  prevede  che  gli  strumenti  finanziari  differenziati  per  scadenza  siano  

omogenee  per  tutte  le  altre  caratteristiche  (Es:  il  grado  di  solvibilità  dell'emittente  stesso)  

 

Se  il  mercato  fosse  rappresentato  dagli  operatori  perfettamente  informati  avremmo  una  situazione  di   efficienza  puntuale:  le  info  

arrivano  (non  abbiamo  problemi  di  logistica  delle  info)  e  gli  operatori  perfettamente  informati  le  accolgono,  le  valutano  e  decidono.  

 

Nel  momento  in  cui  ci  discostiamo  dalla  situazione  perfetta,  dobbiamo  considerare  che  il  primo  

impulso/atto  di  trading  che  viene  generato  da  una  nuova  informazione,  sia  in  grado  di  creare  un  

input/segnale  informativo.  

Perché  si  parla  di  trading  informativo?  Su  questo  input  si  innescano  gli  operatori  che  seguono,  che  arrivano  

in  un  secondo  tempo.  

 

Quando  una  info  viene  portata  sul  mercato,  in  una  situazione  di  mercato  fisiologico,  dove  convivono  tutte  

le  classi  di  operatori,  l'informazione  stessa  continua  a  rimbalzare  per  un  intervallo  temporale  variabile  a  

seconda  del  differente  peso  che  gli  operatori  “ follower”  delle  prime  classi  o  quelli  non  informati  danno  a  

questa  informazione.  Questa  coda  che  da  adito  ad  altre  operazioni  di  acquisto/vendita  avrà  un  tempo  (di  

vita)  nel  mercato  più  o  meno  lungo  fino  a  che  non  sarà  completamente   assorbita  dal  mercato.  

Quindi  l'effetto  delle  informazioni  va  ad  esaurirsi  nel  tempo.  

Quando  abbiamo  a  che  fare  con  operatori   follower  dobbiamo  considerare  che  questi  soggetti  non  valutano  

le  informazioni  originali,  ma  le  informazioni  valutate  (informazioni  digerite)  da  altri.  

 

Es:  i  soggetti  non  entrano  sulla  valutazione  delle  info  fatta  dall'emittente.  Entrano  sula  base  delle  azioni  messe  in  atto  da  chi  ha  

valutato  le  informazioni.  Io  entro  perché  seguo  un  trend.  Entro  quindi  in  ritardo  e  entro  con  guadagni  marginali  meno  rilevanti.  Se  

entro  seguendo  un  trend,  a  mia  volta,  contribuisco  a  formare  il  trend  (Se  acquisto  anche  io,  nel  mio  piccolo  contribuisco  a  far  

aumentare  il  prezzo).  

 

Informazione   esogena/endogena:  prima  valutazione  che  fanno  gli  investitori  delle  prime  due  classià  

l'informazione  è  di  tipo  esogeno  (non  c'era  prima,  nei  mercati  finanziari).  

Il  segnale  che  fa  scattare  l'interesse  degli  operatori  follower    è  di  tipo  endogeno,  è  una  informazione  di  

à

trading,  ossia  di  scambio.  

 

Elementi  di  stocasticità  

La  variabile  tempo  

Quando  si  parla  d  informazioni,  necessariamente  ci  troviamo  a  che  fare  con  una  componente  di  errore,  non  

per  forza  coincidente  con  l'incertezza.  Certamente  l'errore  di  trading  è  anche  imputabile  all'incertezza  

(come  saranno  i  trend  economici?),  ma  la  componente  principale  è  l'errata  valutazione  del  processo  

informativo.    

 

L'informazione  in  grado  di  incidere  sul  prezzo  arriva  sul  mercato,  ma  non  è  valutata  correttamente  (es:  gli  

analisti  sbagliano).   L'inserimento  della  variabile  temporale  implica  l'introduzione  di  un  elemento  di  

stocasticità  ( noise)   riconducibile  proprio  alle  discrasie  temporali  nell'interconnessione  tra  i  due  mercati.  

Questo  discorso  si  traduce  in  una  formula:   ! !


ACQUISTATO

14 volte

PAGINE

27

PESO

985.40 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia delle imprese e dei mercati (MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher ilMignoloColProf di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia del mercato mobiliare e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Fandella Paola.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia del mercato mobiliare

II parziale, Economia del mercato mobiliare
Appunto
Appunti Economia del mercato mobiliare
Appunto
Parziale Economia del Mercato Mobiliare
Appunto
Economia del mercato mobiliare, prof. Massimiliano dell'Acqua
Appunto