Che materia stai cercando?

Politica economica europea - i modelli d'integrazione

Appunti di Politica economica europea sui modelli di integrazione. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: la politica monetaria nei Trattati costitutivi, le aree valutarie ottimali, cosa è un’area valutaria ottimale, i costi dell’integrazione monetaria.

Esame di Politica economica europea docente Prof. U. Triulzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Facoltà di Scienze Politiche

Università “La Sapienza di Roma”

CORSO DI POLITICA ECONOMICA EUROPEA

AA. 2007-2008

MODULO DI APPROFONDIMENTO

PARTE I

I MODELLI DI INTEGRAZIONE ECONOMICA E MONETARIA

UEM

AREA VALUTARIA OTTIMALE?

DOCENTE

PIERLUIGI MONTALBANO

p.montalbano@dte.uniroma1.it

Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”

La politica monetaria nei Trattati costitutivi

Nonostante l'importanza riconosciuta alla politica economica e monetaria,

la “questione monetaria” assume scarso rilevo nel Trattato

Perché?

L’unione monetaria rappresenta una fase di integrazione da considerarsi

successiva rispetto all’integrazione commerciale e dei fattori della

produzione (obiettivo del Trattato: UD e MEC)

Fino al 1971 la stabilità monetaria è stata garantita dal sistema monetario

internazionale nato dagli accordi di Bretton Woods (luglio 1944), tramite

condizioni monetarie stabili, parità fisse (ma aggiustabili) ed il ruolo del FMI

nel caso di squilibri commerciali di natura strutturale

Le profonde differenze esistenti negli indirizzi e nel grado di intervento delle

autorità di governo nelle rispettive economie impedivano di definire azioni e

politiche comuni d’intervento Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”

LE TAPPE DELL’UEM

1969 - Conferenza dell’Aja

1970 - Piano WERNER

1972 - Accordi di Basilea ( “serpente monetario”

fino al 1979))

1977 - Progetti Mc Dougall e Jenkins

1979 - Il Sistema Monetario Europeo (SME);

1989 - Piano DELORS

1992 – Trattato di Maastricht

1.1.1999 – UEM

1.1.2002 – Passaggio EURO

Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”

Le aree valutarie ottimali

Cosa è un’area valutaria ottimale

2 questioni distinte:

1. quando si può parlare di area valutaria

2. quando tale area può dirsi ottimale

1. Quando si può parlare di area valutaria?

Una area valutaria o monetaria è basata su due elementi essenziali:

Assenza tassi di cambio irreversibilità dei

tassi di cambio

Moneta unica

Politica Monetaria Unica (problema della

“credibilità”)

Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”

Le aree valutarie ottimali (segue)

2. Quando un’area valutaria è ottimale?

Un’area valutaria si considera ottimale quando l’assenza dei tassi di cambio e la

politica monetaria unica non comporta alcuna perdita di benessere per i paesi

aderenti.

Affinché ciò accada, tre elementi sono di importanza cruciale:

1) deve esistere elevata mobilità dei fattori all’interno dell’area

2) eventuali shock devono avere effetti analoghi su tutta l’area (shock

simmetrici) elevata interdipendenza in termini di scambio di

3) deve esistere una

prodotti e servizi

In sintesi:

Definiamo Area Valutaria Ottimale economie strettamente legate fra loro in

termini di scambio di prodotti e servizi e mobilità dei fattori (Krugman ed

Obstfeld, 1995) Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”

I benefici dell’integrazione monetaria

Guadagno di efficienza monetaria

Eliminazione rischi di cambio (incertezza e costi

transazione)

Incentivo alla specializzazione produttiva (crescita

dei flussi di commercio e di investimento intra-area)

Migliore sfruttamento delle economie di scala nella

produzione derivante dall’ampliamento del mercato

Maggiore disciplina politica monetaria e fiscale

Incentivo alla convergenza ed alla stabilità dei prezzi

Pierluigi Montalbano – Università di Roma “La Sapienza”


PAGINE

14

PESO

549.02 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche e relazioni internazionali (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Politica economica europea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Triulzi Umberto.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Politica economica europea

Politica di coesione economica e sociale
Dispensa
Mercato interno europeo
Dispensa
Integrazione economica e monetaria - Modelli
Dispensa
Integrazione commerciale e Unione Europea
Dispensa