Che materia stai cercando?

Politica economica Appunti scolastici Premium

Appunti di Politica economica. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Equilibrio di breve e di lungo periodo, Il comportamento dell’impresa: aspetti generali, Lo scenario di breve periodo: il comportamento della singola impresa. Lo scenario di breve periodo: dall’impresa al mercato, ecc. Vedi di più

Esame di Politica economica docente Prof. A. Cristofaro

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1

Antonio Cristofaro – Equilibrio di breve e di lungo periodo.

(Dispense di politica economica)

Indice

1. Il comportamento dell’impresa: aspetti generali

1.1 Lo scenario di breve periodo: il comportamento della singola impresa.

1.2 Lo scenario di breve periodo: dall’impresa al mercato

Appendice (file in pdf)

Domanda, offerta e benessere sociale

1.3 L’equilibrio di breve periodo: occupazione, moneta ed incertezza.

2.La politica economica

3.4 L’equilibrio di lungo periodo

3.4.1 Le condizioni di efficienza nella produzione e nello scambio.

3.4.2. La determinazione dell'equilibrio 2

1. Il comportamento dell’impresa: aspetti generali

I beni sono prodotti da imprese mediante l’impiego di altri beni, di macchine (K)e di lavoratori (L);

la produzione di un bene ha un costo, poiché normalmente gli “altri beni”, definiti tecnicamente

come beni intermedi (B), non sono gratis e per l’uso delle macchine e dei lavoratori (definiti come

fattori di produzione) occorre pagare una remunerazione (interesse r e salario w) ai rispettivi

proprietari. L’imprenditore quindi produce un bene solo se il ricavo che ottiene dalla vendita è

superiore al costo di produzione.

Immaginiamo il seguente scenario, l’impresa non ha alcun potere sul prezzo di vendita dei propri

prodotti, né sulle remunerazioni da pagare ai fattori di produzione; può soltanto variare la quantità

prodotta, in modo che la differenza tra il ricavo complessivo (quantità per prezzo, RT) ed i costi

complessivi ( costo dei beni intermedi, interessi e salari) sia massima. Tale differenza prende il

nome di profitto ()

Tale scenario corrisponde all’ipotesi di concorrenza perfetta in cui esiste completa libertà di entrata

e di uscita dal mercato, i beni sono perfettamente identificabili e tra loro sostituibili e l’acquisto di

un bene non importa per il consumatore costi aggiuntivi (per esempio di trasporto).

La determinazione della quantità da vendere per ottenere il massimo profitto, viene poi influenzata

dalla possibilità che l’imprenditore possa variare la combinazione dei fattori di produzione, in modo

che il costo di produzione, per ciascuna quantità di prodotto sia minimo.

A tale proposito bisogna distinguere il caso in cui la quantità di entrambi i fattori, entro i limiti della

tecnologia, possa essere modificata (scenario di lungo periodo), da quello in cui la quantità di uno

dei fattori sia fissa (usualmente K) e quella dell’altro sia variabile (scenario di breve periodo).

1.1 Lo scenario di breve periodo: il comportamento della singola impresa.

Immaginiamo quindi un’impresa che deve decidere quale quantità (Q) produrre di un determinato

bene; l’impresa utilizza un certo numero di macchine, che è costante, qualunque sia la quantità

prodotta ed il cui costo complessivo è pari a CF; l’impresa impiegherà un certo ammontare di beni

intermedi (B), che possiamo considerare proporzionale alla quantità prodotta, il cui prezzo unitario

sia P ed un certo numero di lavoratori (L) il cui salario sia pari a w. Il prezzo di vendità del bene

B

sia pari a P.

Il profitto sarà quindi uguale alla differenza tra i ricavi totali (PQ) ed i costi totali (CF + BP + wL)

B

Come varia il profitto man mano che l’impresa aumenta la quantità prodotta ?

I ricavi totali aumentano nella stessa misura in cui aumenta la quantità prodotta, poiché l’impresa

non può “manipolare il prezzo”; i costi totali hanno una componente fissa rappresentata dal costo

delle macchine, una componente variabile rappresentata dal costo dei beni intermedi che aumenta

nella stessa proporzione della quantità prodotta ed un’altra componente variabile rappresentata

dall’ammontare dei salari, il cui andamento, in relazione alle variazioni della quantità prodotta può

essere diverso.

Immaginiamo che la quantità prodotta raddoppi; poiché il salario è dato, l’ammontare complessivo

dei salari varia soltanto a seconda delle variazioni di L.

Si possono fare tre ipotesi:

 se la quantità prodotta raddoppia anche il numero dei lavoratori raddoppia; in tal caso anche

l’ammontare complessivo dei salari raddoppia e di conseguenza il rapporto tra ricavi totali e

costi variabili rimane costante; l’ammontare complessivo dei profitti dipende esclusivamente dai

costi fissi, se fossero nulli anche i profitti raddoppierebbero;

 se la quantità prodotta raddoppia il numero dei lavoratori non raddoppia; questo è un caso molto

raro in quanto significa che aumentando il numero dei lavoratori la quantità prodotta aumenta

3

più che proporzionalmente; se non ci fosero i costi fissi i profitti aumenterebbero

indefinitamente,

 se la quantità prodotta raddoppia il numero dei lavoratori aumenta più del doppio; ogni

lavoratore in più produce meno del precedente (principio della produttività marginale (PMA)

decrescente); il rapporto tra ricavi totali e costi variabili tende a diminuire ed i profitti, in

relazione al valore dei costi fissi, aumentano fino ad una certa quantità di prodotto e poi

diminuiscono.

Gli studi empirici sulle funzioni di produzione hanno rilevato che questo è il caso normale, specie

se si considera l’industria manifatturiera.

Assumendo quindi quest’ultima ipotesi si può costruire una tabella in cui sono esplicitate le

relazioni tra la quantità prodotta, i lavoratori impiegati, i ricavi totali i costi totali ed i profitti. 4

TAB.1 Costi e profitti per un'impresa in concorrenza Simboli

1/2 2

Q = (L/c)^ L = cQ^ B = b*Q Costo medio CME

Costo marginale CMA

CT = e CT = CF + CMA = w2cQ+bP

B

2

CF+wL+B*P sostituendo wcQ^ +B*P

B B

L

CF w c P b P PMA in equilibrio

B

150 40 0,25 10 0,2 112 0,36

Q L CT CME CMA PMA RT 

2 1 194 97 224 30

2,2 1,21 202,8 92 44 0,95 246,4 43,6

2,4 1,44 212,4 89 48 0,87 268,8 56,4

2,6 1,69 222,8 86 52 0,80 291,2 68,4

2,8 1,96 234 84 56 0,74 313,6 79,6

3 2,25 246 82 60 0,69 336 90

3,2 2,56 258,8 80,9 64 0,65 358,4 99,6

3,4 2,89 272,4 80,12 68 0,61 380,8 108,4

3,6 3,24 286,8 79,7 72 0,57 403,2 116,4

3,8 3,61 302 79,47 76 0,54 425,6 123,6

4 4 318 80 80 0,51 448 130

4,2 4,41 334,8 79,7 84,0 0,49 470,4 135,6

4,4 4,84 352,4 80,09 88 0,47 492,8 140,4

4,6 5,29 370,8 80,6 92 0,44 515,2 144,4

4,8 5,76 390 81,3 96 0,43 537,6 147,6

5 6,25 410 82,0 100 0,41 560 150

5,2 6,76 430,8 82,8 104,0 0,39 582,4 151,6

5,4 7,29 452,4 83,8 108 0,38 604,8 152,400

5,6 7,84 474,8 84,8 112 0,36 627,2 152,400

5,8 8,41 498 86 116 0,35 649,6 151,6

6 9 522 87 120 0,34 672 150,0

6,2 9,61 546,8 88,19 124 0,33 694,4 147,6

Nella prima colonna (Q) sono indicate diverse possibili quantità; nella seconda colonna sono

indicate le unità di lavoro (L) necessarie a produrre le quantità indicate secondo la funzione di

produzione indicata nella prima casella della tabella. Come si vede man mano che le quantità

aumentano, occorrono un numero di unità di lavoro più che proporzionali; ciò significa che la

produttività marginale, ossia il rapporto tra l’incremento della quantità e l’incremento delle unità

di lavoro è decrescente, come indicato nella colonna PMA e di conseguenza, poiché il salario è

costante, indipendentemente dal numero dei lavoratori impiegati, il costo marginale sarà crescente;

il costo di una unità prodotta in più sarà maggiore di quella precedente, perché le unità in più di

lavoratori necessarie sono meno produttive.

Il costo totale, ossia la somma del costo fisso, dei salari e della spesa per i beni intermedi, sarà

sempre crescente, ma il costo medio (CT/Q) sarà prima decrescente e poi crescente, perché fino ad

un certo punto il costo fisso medio (CF/Q), che è sempre decrescente avrà un peso superiore a

quello del costo medio variabile. Per Q = 4 il costo medio sarà minimo ed uguale al costo

marginale. L’impresa raggiunge il massimo profitto per quella quantità in cui il costo marginale è

uguale al prezzo di mercato; nel nostro caso 5,6.

In condizioni di equilibrio quindi valgono le seguenti eguaglianze: 5

W = PMA*P;

P = CMA;

CMA = W/PMA

Il salario è uguale alla produttività marginale moltiplicata per il prezzo; il prezzo è uguale al costo

marginale e di conseguenza il costo marginale è uguale al salario diviso la produttività marginale.

Ovviamente se il prezzo cambia, cambia anche la quantità prodotta, che sarà più alta se il prezzo

sale e più bassa se il prezzo scende, data l’eguaglianza tra prezzo e costo marginale che è sempre

crescente.

1.2 Lo scenario di breve periodo: dall’impresa al mercato

Ovviamente non esiste una sola impresa, ma tante imprese ognuna delle quali, per ogni possibile

prezzo, offrirà sul mercato quella quantità per cui risultano soddisfatte le condizioni precedenti; la

quantità complessivamente offerta sarà quindi data dalla somma di tutte le quantità offerte da

ciascuna impresa e per quanto appena detto la curva di offerta sarà una funzione crescente del

prezzo.

Definiamo ora come prezzo di equilibrio quel valore per cui la quantità offerta è esattamente uguale

alla quantità domandata; per determinarlo una volta definita la curva di offerta dobbiamo analzzare

la curva di domanda.

Cominciamo ad osservare che è percezione comune che la quantità acquistata di una merce varia al

variare del prezzo; di solito decresce. Peraltro per la soluzione di svariati problemi economici una

affermazione così generica non è sufficiente, in quanto occorre determinare con una certa precisione

di quanto varia la quantità domandata al variare del prezzo, ossia occorre individuare la relazione

matematica che lega tra loro quantità e prezzo di una merce.

Si supponga ora di avere osservato su qualche mercato i valori delle quantità domandate (Q)

indicati nella prima colonna della tabella n.2, in relazione ai prezzi (P) indicati nella seconda

colonna della tabella. 6

Tabella 2. Quantità e Ricavi totali.

Q P QP

19 1 19

18 2 36

17 3 51

16 4 64

15 5 75

14 6 84

13 7 91

12 8 96

11 9 99

10 10 100

9 11 99

8 12 96

7 13 91

6 14 84

5 15 75

4 16 64

3 17 51

2 18 36

In altri termini si è osservato che quando il prezzo era pari ad 1 euro sono state acquistate 19 unità

della merce e quando il prezzo era pari a 18 euro sono state acquistate soltanto 2 unità della merce e

così per gli altri valori. Con procedimenti di carattere statistico, o anche, nel caso dell’esempio,

osservando attentamente l’andamento delle due serie numeriche, che mostrano come la quantità

domandata diminuisca di una unità per un incremento analogo del prezzo, la relazione che lega, in

questo caso, quantità e prezzo può essere descritta dalla formula Q = 20 – P, definita come funzione

di domanda, e più generalmente

1.Q = a – bP;

in cui a e b sono definiti come i parametri della funzione, che nel caso specifico assumono i valori

1

di 20 e di 1 .

La necessità di conoscere la forma ed i valori dei parametri della funzione che lega le due variabili

nasce dal fatto che in tal modo possiamo conoscere il valore di Q per qualunque valore di P e non

soltanto per quelli che abbiamo osservato; così ad esempio se a P diamo il valore di 5,5 Q risulterà

pari a 14,5 e così via.

Ponendoci dal punto di vista di chi vende la merce il prodotto tra il prezzo e la quantità (QP)

costituisce il ricavo totale e lo si ottiene moltiplicando la funzione di domanda per il prezzo ossia

moltiplicando entrambi i termini della (1) per P; avremo quindi

–bP2;

2. QP = aP

i valori relativi sono esposti nella colonna 3 e possono ovviamente essere ricalcolati per qualunque

altro valore di P, come del resto per altri valori dei parametri.

Se adesso riportiamo su due grafici i valori di Q e di QP, con i valori delle quantità sull’asse delle

ascisse avremo le due seguenti figure:

1 Si noti che la curva di domanda può essere scritta in questo modo P = a/b – Q/b, che prende il nome di curva di

domanda inversa e viene usata nelle rappresentazioni grafiche in cui il prezzo è rappresentato sull’asse delle ordinate. 7

Funzione di domanda

20

18

16

14

12

Prezzo 10 P

8

6

4

2

0 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20

Quantità

Funzione dei ricavi totali

120

100

80

totale 60 QP

Ricavo 40

20

0 0 2 4 6 8 10 12 14 16 18 20

Quantità 8

Come si può vedere e come del resto risultava anche dai dati la funzione di domanda è

continuamente decrescente (la domanda aumenta sempre al diminuire del prezzo) mentre il valore

della funzione dei ricavi totali aumenta fino ad un certo punto, raggiunge un massimo in

corrispondenza di una quantità acquistata pari a 10 e poi decresce; questo strano comportamento

deriva dal fatto che la variazione proporzionale della domanda non è uguale alla variazione

proporzionale del prezzo. Quando il prezzo è molto alto una sua diminuzione provoca, di solito e

nell’esempio fatto, una variazione più che proporzionale della quantità domandata e viceversa

quando il prezzo è basso.

Nell’esempio quando il prezzo passa da 18 a 17 con un decremento pari a circa il 5,5% la quantità

domandata passa da 2 a 3 con un incremento pari ad un terzo e viceversa se consideriamo la

variazione della quantità domandata quando il prezzo passa da 2 ad 1.

La funzione che esprime questo comportamento prende il nome di elasticità della domanda e viene

calcolata come il rapporto tra la variazione percentuale della quantità domandata e la variazione

percentuale del prezzo; con la funzione di domanda ipotizzata tale rapporto, man mano che il

prezzo scende, è maggiore di uno all’inizio, diventa uguale ad uno per quella quantità per cui il

ricavo totale è massimo e successivamente diventa inferiore ad uno.

Nel grafico G.3 sono tracciate le usuali curve di domanda ed offerta per un determinato bene

derivanti dalle consuete ipotesi di massimizzazione del produttore e del consumatore in regime di

libera concorrenza.

Con il prezzo sull'asse delle ordinate, secondo la convenzione già ricordata, il prezzo di domanda,

indicato dalla curva di domanda inversa e il prezzo di offerta sono espressi dalle seguenti funzioni:

d

p = a-bq

o

p = c+dq;

d

dove p indica il prezzo unitario che i consumatori sono disposti a pagare per ogni data quantità del

o

bene e p quanto i produttori desiderano incassare per ciascuna unità venduta. Eguagliando le due

funzioni e risolvendo l'equazione risultante (lo studente dovrebbe farlo per esercizio) si ottiene la

quantità di equilibrio che sostituita in una delle due funzioni dà il prezzo relativo.

q** = (a-c)/(b+d)

p** = (ad+cb)/(b+d)

Nel grafico la quantità di equilibrio è pari a Q2 ed il prezzo a P1; nel punto A infatti si incontrano

le curve di domanda e di offerta.

Si noterà che il prezzo di equilibrio non necessariamente corrisponde al prezzo

rilevato in un determinato momento storico; il modello (come tutti quelli del genere) mostra che, in

caso di divergenza, esistono dei meccanismi, che in un adeguato periodo di tempo, tendono a far

coincidere il prezzo effettivo con quello di equilibrio 9

. G.3 Equilibrio in un mercato concorrenziale

Prezzi Offerta

A

P1 Domanda

O Q2

1.3 L’equilibrio di breve periodo: occupazione, moneta ed incertezza.

Nel modello di concorrenza illustrato in precedenza la piena occupazione dei fattori di produzione e

assicurata dalla piena flessibilità delle remunerazioni e dei prezzi con la sola condizione che i valori

nominali delle remunerazioni dovessero essere comunque diversi da zero.

Fenomeni di disoccupazione possono esistere solo come fatto temporaneo, in relazione a

spostamenti delle domande dei consumatori da un bene all’altro e quindi di relativi spostamenti dei

fattori di produzione da un settore all’altro (c.d. disoccupazione frizionale) oppure in conseguenza

di particolari condizioni tecnologiche, per cui con lo stock di capitale esistente (K) non tutto il

lavoro esistente può essere occupato ad un salario positivo (c.d. disoccupazione tecnologica). E’

questo il problema tipico dei paesi sottosviluppati, in cui la mancanza di capitali impedisce di

raggiungere soddisfacenti livelli di reddito. Il caso inverso di abbondanza di capitale e scarsità di

lavoro è meno frequente.

Inoltre nel modello precedente l’assenza di beni di investimento, connessa all’assenza del tempo

(tutto si produce e si consuma nello stesso periodo), portava a prendere in considerazione la moneta,

soltanto nei suoi aspetti transattivi, per facilitare gli scambi commerciali, con la sola funzione di

determinare i prezzi assoluti (misura dei valori).

In questo modello il ruolo dello Stato è limitato alla produzione di “beni pubblici” in senso stretto

(di cui si tratta nel Cap.III par. 2 del libro di testo) o a politiche redistributive.

Possiamo immaginare un modello più realistico, prendendo in considerazione non più due beni di

consumo, ma un solo bene di consumo ed un bene di investimento, introducendo il tempo, ossia

prendendo in considerazione più periodi e di conseguenza introducendo le aspettative degli

imprenditori ed in misura minore dei consumatori sui prezzi ed i profitti che potranno verificarsi nei

periodi successivi a quello corrente.

I beni di investimento sono sostanzialmente i beni capitali, che vengono prodotti nel periodo

corrente, ma che entrano nella produzione di altri beni solo nei periodi successivi. In altri termini la

produzione di beni di investimento, modifica nei periodi successivi l’ammontare di K, per cui per

ogni periodo si avrà una curva di trasformazione diversa da quella del periodo precedente.


PAGINE

22

PESO

144.00 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Politica economica. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Equilibrio di breve e di lungo periodo, Il comportamento dell’impresa: aspetti generali, Lo scenario di breve periodo: il comportamento della singola impresa. Lo scenario di breve periodo: dall’impresa al mercato, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze politiche
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Politica economica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Napoli Federico II - Unina o del prof Cristofaro Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Politica economica

Riassunto esame politica economia, libro consigliato Macroeconomia: le fondamenta
Appunto
Politica economica – Scienza delle finanze
Appunto
Riassunto esame politica economia, libro consigliato Macroeconomia: le fondamenta
Appunto
Economia Internazionale – Moneta
Appunto