Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Prefazione per insegnare?

Ricette

Uno degli aspetti più importanti è rappresentato dalla capacità personale di elaborare/rielaborare ipotesi progettuali.

• →

Questa personalizzazione dell’insegnamento concreto vs possibile (tra ciò che si potrebbe fare e tra ciò che si

può effettivamente fare)

La formazione di un buon insegnante è di riuscire a “staccarsi dalla ricetta, per procedere in modo sempre più

• →

autonomo, per iniziare a fare a occhio e, pian piano, a provare nuove soluzioni e inedite combinazioni”

ricordandosi che non si arriva mai agli stessi risultati perchè non si può ripetere più volte la stessa ricetta

Vi sono quindi molteplici variabili:

→ individuale: l’apprendimento è diverso non solo tra i soggetti, ma anche negli stessi a seconda del momento

→ contestuale: l’ambiente di formazione cambia

→ relazionale: si trasformano le dinamiche di relazione

→ adattiva: gli ambienti di formazione non vanno a buon fine solo n base a dei criteri progettuali, ma vanno seguiti

perchè un’azione può essere facilmente dirottata.

La formazione è un processo dinamico, mai uguale a se stesso e da una ricetta sbagliata, ne può nascere un’altra,

• magari migliore

Vi sono delle suddivisioni riguardo il susseguirsi dei vari modelli d’insegnamento

1) Nel corso del 1900: comportamentismo - cognitivismo, che porteranno poi al post-cognitivismo

2) Riguarda il ruolo del docente con impostazione asimmetrica dei ruoli, e riguardanti lo studente e sulla relazione

formativa

Docente vede lo studente come “mente” che apprende come una spugna, elabora informazioni, è una tabula rasa

• perchè senza strutture proprie.

Riguardo lo studente vi sono diverse interpretazioni

1) Natura razionalista: evidenzia una mente parzialmente strutturata; ambiente: contesto adattivo

2) Storico-sociale: evidenzia come lo studente può diventare una mente a sé stante; ambiente: contesto sociale,

ecologico

Nota introduttiva

Obiettivo che ciascuno si riconosca nei modelli proposti e rifletta sul suo metodo di insegnamento; approfondire

• aspetti positivi e negativi

Schede inizio percorso --

Le ricette tradizionali →

Nel corso del 1900: comportamentismo, cognitivismo e metariflessivo che condivide alcuni aspetti caratteristica

• →

comune: relazione insegnante-discente è asimmetrica. Evidente differenza docente-classe docente trasmette →

informazioni e la classe le riceve. L’efficacia si basa sulla quantità di informazioni che possono essere trasmesse

natura trasmissiva da chi ne sa di più a chi ne sa di meno

Modello comportamentista: rilievo insegnante e ambiente di apprendimento; apprendere significa associare stimoli a

• →

risposte si controlla che l’alunno sa ripetere la lezione

Modello cognitivista: focalizza il discente; apprendere significa elaborare individualmente informazioni al fine di

• →

svolgere un determinato compito alunno deve conoscere e usare strategie individuali per organizzare le nozioni

Modello metariflessivo: non è svolta radicale, riflettere sulle modalità di apprendimento proprie; focalizzato sul

• →

discente e il metalivello della riflessione individuale e non riguarda la comunità di apprendimento; apprendere

significa riflettere sul funzionamento dei processi di acquisizione e organizzazione di nozioni e strategie alunno

deve riflettere sui suoi apprendimenti e avere strategie per gestire le nozioni

MODELLO COMPORTAMENTISTA

TEORIA →

Apprendimento è risposta a uno stimolo alunno sollecitato da stimolo, da una risposta.

• →

La mente non può essere conosciuta perchè è una scatola nera lo studente è l’insieme delle azioni che manifesta,

• si valuta solo ciò che si può osservare

Stimolazione è esterna (insegnamento), mentre la risposta varia al variare del soggetto (apprendimento)

• Ruolo dell’ambiente: definisce e condizioni e le opportunità per imparare.

• Se apprendere è un condizionamento, ogni comportamento può essere appreso dall’ambiente, tranne riflessi innati e

• le emozioni primarie

Individuo come spugna che assorbe dall’ambiente

• La motivazione si sviluppa solo in conseguenza a stimoli esterni

• →

Responsabilità dell’insegnante: motivare gli alunni allo studio (teacher centred) attenzione posta all’insegnante

• →

come figura trasmissiva, e ruolo dell’alunno passivo: chi insegna trasmette e chi apprende usa procedure imitative

alunno riceve informazione e cerca di rifarsi all’esempio avuto (imita) →

Aspettative dell’insegnante: risultato comune a tutti (aspettativa standard di mastery performance) concetto

• base: tutti possono imparare tutto in tutti i modi e nello stesso tempo. Dato uno stimolo, tutti possono e devono

avere un risposta. Se non tutti riescono, il difetto è dello stimolo.

No diversità individuale

• 1

PRATICA

Ob. dell’insegnante: condizionate l’apprendimento con associazioni stimolo-risposta.

• →

Assunti gesti convenzionali quasi sempre associabili alle stesse risposte alcuni atteggiamenti abitudinari

• dell’insegnante condizionano il comportamento degli studenti.

L’insegnante si aspetta risposte comportamentali disciplinate anche attraverso elogi e meriti o con punizioni per

• gli errori. →

(si pensa che) Stati emotivi a favore dell’apprendimento, anche se ansiosi tensione emotiva dà potenziamento

• cognitivo. Uso però dell’emozioni può avere effetto negativo sul rapporto studente-ambiente

Studente ideale: reagisce in modo positivo agli stimoli ambientali lo studente che si auto-controlla diventa

• →

autonomo nello studio eventuale aiuto da casa è ostacolo al raggiungimento dell’autonomia personale

Apprendimento del tipo 1+1+1+1...: punto iniziale e finale hanno stesso valore di difficoltà. Programmazione della

• didattica predefinita all’inizio del percorso. →

Come sapere se ha studiato? Lo manifesta. Se lo esprime con parole o comportamenti il docente si aspetta che

• →

mostri tutto ciò che sa se parla è perchè è studioso.

Interrogazioni subito dopo la spiegazione perchè secondo la relazione stimolo-risposta bisogna che l’insegnante lo

• → →

controlli subito verifiche immediate per vedere se attento e se recepito risposte come manifestazione del

comportamento. Chi risponde subito è qualificato come studioso; chi parla lentamente o indugia prima di

rispondere, è ovvio pensare che forse non ha studiato

Prevede un tempo che deve essere ridotto e minimizzato

MODELLO COGNITIVISTA

TEORIA →

Apprendimento come forma di elaborazione gestita da processi mentali riconosciuta la presenza di fenomeni

• →

mentali anche se non indagabili con certezza processo elaborativo

Oltre a stimolo-risposta c’è la variabile organismo: stimolo-organismo-risposta

• →

Mente come PC uno stimolo (input) sollecita l’organismo e vengono elaborate le informazioni che daranno un

• →

output, che è l’apprendimento lo stimolo percettivo dall’ambiente viene filtrato dal soggetto con processi di

codifica e traduce le informazioni esterne in un proprio codice di apprendimento personale. Se non traduce in modo

personale o c’è un problema di ingresso o nel corso dell’elaborazione. Le informazioni codificate diventano così

delle rappresentazioni mentali (simboli, codici, numeri..) che sono il patrimonio cognitivo di ciascuno.

Spesso è il linguaggio corporeo a esprimere idee e concetti

• →

I dati elaborati vengono archiviati in due memorie: breve termine e lungo termine mente come contenitore che

• →

può tenere un numero predefinito di informazioni possibile valutazione con test delle potenzialità intellettive

Apprendimento come sequenza crescente di acquisizione di informazioni non è più 1+1+1+..allo stesso livello, ma

• → →

somma crescente 1,2,3,4,.. dal semplice al complesso, visione ascensionale della conoscenza dalla percezione

alla concettualizzazione →

Apprendimento che deve essere significativo perchè prodotto da un elaboratore razionale, la mente scatola

• apribile, cioè indagabile.

PRATICA →

Chi impara elabora in modo personale processo di comprensione piuttosto che di memorizzazione

• Mente come hard-disk di un pc con capacità limitata

• →

Ob. indagare quante informazioni possono entrare nella mente e come è possibile farle entrare in modo da

• essere personalmente decodificate

Compito dell’insegnante misurare la quantità di informazioni che possono essere apprese. Troppe fanno

• confusione, poche demotivano. Docente deve calibrare la giusta quantità

Come inserire “dati” nella mente trasmissione dati in modo graduale (sequenze) dal semplice al complesso, così si

• →

supportano sempre più dati anche se limitati comporta due implicazioni:

1) passaggio dal pensiero concreto a quello astratto all’inizio l’insegnamento è legato al gioco (coinvolgimento

corporeo), poi gradualmente diventa astratto →

2) nascita di idee, concetti in rapporto ai precetti percorso unidirezionale dalla percezione alla concettualizzazione

Ricerca neuroscientifica dice che i primi livelli di percezione sono già in grado di elaborare informazioni come i

• processi cognitivi

La formazione di concetti non dipende dalle molte conoscenze, ma anche dal patrimonio individuale

• →

Ruolo del docente: attribuire significati ai contenuti di apprendimento perchè posso memorizzare solo se

• →

comprendo a pieno per memorizzare a lungo termine, occorre comprendere a fondo tutti i nessi e le qualità

Lo studente deve dimostrare di saper rielaborare personalmente un concetto

• Prove di apprendimento:

capacità dello studente di produrre domande riguardo l’argomento da apprendere, e va considerata in base ai tempi e

ai modi attraverso i quali apprende ed elabora:

- →

Tempi dopo aver approfondito personalmente un argomento, lo studente può fare domande, ma non sempre sono

dopo lo stimolo e significano l’avvenuto apprendimento

- →

Modi se una studente pone una domanda non è detto che studia di più di uno che non le pone.

Frase classica del docente cognitivista “non è farina del tuo sacco” perchè non ha rielaborato

• 2

Per apprendimenti duraturi: stabilizzazione nel tempo delle informazioni nella memoria studente messo alla

• →

prova, nelle interrogazioni deve sapere anche le lezioni precedenti e non solo quella del giorno. consentire le

interrogazioni programmate così da non creare “zone d’ombra”

Aspetto da considerare: organizzazione linguistica dei concetti rappresentazione mentale come risultante di

• processi di codifica e di traduzione in simboli personali del linguaggio che viene assimilato

Bisogna differenziare? Si. Prima si pensava che la valutazione era solo in base alla quantità di intelligenza , mentre qui

• si pensa a come può essere intelligente lo studente. →

Ci si chiede quali sono i modi preferenziali attraverso cui lo studente apprende in relazione al tipo di intelligenza

• →

del soggetto riferimento ad aspetti di natura elaborativa, la mente elabora in modo differente in ciascun individuo

in relazione alle modalità preferite per l’apprendimento →

La didattica, quindi, andrebbe individualizzata e personalizzata nel concreto, dividere la classe in gruppi differenziati

• per livello e lezione uguale, proposta in modo differente..

MODELLO METARIFLESSIVO (postcognitivismo)

TEORIA →

Diffuso alla fine del 1900 rivisitazione del concetto di mente, apprendimento e insegnamento. Questo modello

• congiunge i modelli precedenti con quelli successivi →

Formula 1+3, cioè insegnamento asimmetrico con trasmissione da chi ne sa di più a chi ne sa meno. si focalizzano

• i processi attraverso i quali il sistema cognitivo gestisce la conoscenza di ciò che ha appreso e come lo ha appreso

Docente valuta le modalità di apprendimento valuta la capacità soggettiva di controllo delle informazioni.

• Incentiva lo sviluppo delle proprietà gestionali attraverso la riflessione.

Riflessione visione delle proprie conoscenze e modi attraverso le quali le conoscenze stesse sono state acquisite

• →

Docente come esempio di organizzazione dei concetti visione decisamente asimmetrica

• →

Riflessione di II livello usata dal docente per rendere esplicite le conoscenze implicite che vi sono tra le

• →

acquisizioni (← ob.) perchè ogni studente ha questi due tipi di apprendimenti. Apprendimenti impliciti spesso non

si apprende consapevolmente (sia a livello corporeo che mentale) e sono comportamenti abitudinari, quindi senza

elaborazione. Significativo per la formazione di un pensiero proprio. Quando è negativo quando disturbano il

funzionamento dell’intero sistema.

Conseguenze al fatto di rendere gli studenti in grado di gestire il proprio apprendimento

1) Apprendimento implicito negativo e vengono valutati i disturbi alla formazione. L’insegnate quindi fa emergere idee,

teorie e concetti e considerazioni personali, lasciandoli esprimere facendoli diventare espliciti

2) Si tende a considerare la dimensione dell’implicito in sè, senza far leva sugli aspetti impliciti dell’apprendimento.

PRATICA →

Ruolo del docente: rendere gli alunni consapevoli dei modi attraverso i quali apprendono devono essere in grado

• →

autonomamente di valutare la propria preparazione insegnare in base alla gestione cognitiva (riflessioni)

Studio personale sostenuto da processi di monitoraggio:

- → →

Ease of Learnign (EOL) facilità di apprendimento dell’offerta formativa prima di acquisire Chiedere agli alunni,

prima della spiegazione, quanto può essere difficile la lezione che si sta per avere; dopo la lezione chiedere

nuovamente. lo studente si rende così conto del suo giudizio ed è consapevole sul proprio modo di studiare. Lo

scoraggiamento si ha quando non appena si applica a un compito, dice di non capire e abbandona con sfiducia in se

stesso

- →

Judgement of Learning (JOL) valutazione riguardo la probabilità di ricordare una cosa appresa. Processo che si

attiva durante lo studio personale: se non calcola il tempo giusto per studiare può riservare troppo poco tempo

studiando male e il JOL infierisce sull’attenzione. Come migliorare? Far scrivere agli alunni il voto che essi stessi a

casa si sarebbero dati mentre ripetevano per poi vedere che voto effettivamente conseguono in classe.

- →

Feeling of Knowing (FOK) misura la sensazione di conoscere un’informazione che tuttavia non si riesce a

ricordare causa possibile: l’emotività, che poi con fa ritornare in mente le cose; ritenzione mnemonica a breve

termine, che le info non sono disponibili all’immediato richiamo

- →

Prediction of Total Recall (PTR) regola la previsione della quantità del ricordo finale rispetto alla sessione di

apprendimento autovalutazione di quando l’alunno ricorda ciò che ha studiato. (perchè spesso credono di aver

dato molto tempo allo studio, ma magari non è stato sufficiente). Insegnate può indicare il tempo medio di studio

della lezione assegnata, o far scrivere loro quanto ci hanno impiegato e discuterne poi.

Tempi di apprendimento: non si possono ben definire

• →

Sì allo studio collaborativo degli studenti autovalutazioni reciproche

• Docente: rivede le sue strategie e le migliora

Le ricette attuali

Premessa → →

Ultimo 1900 costruttivista, culturalista, contestualista post cognitivismo: modo diverso di rapportarsi a chi

• apprende. → →

Critica ai modelli precedenti: conoscenza avviene in modo astratti e senza contesto in ambito ideale solo

• parte razionale della mente e a livello individuale →

Spostamento dell’asse dallo studio in vitro (studio microscopico) a in vivo emotività si lega al cognitivo in modo

• da essere al pari 3


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

8

PESO

67.99 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Diana Artemide di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia generale con laboratorio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Kanizsa Silvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia generale con laboratorio

Riassunto esame Pedagogia generale con laboratorio, prof. Kanizsa, libro consigliato La paura del lupo cattivo
Appunto
Riassunto esame Pedagogia generale, prof. Kanizsa, libro consigliato Il lavoro educativo
Appunto
Riassunto esame Pedagogia generale, prof. Kanizsa, libro consigliato Il lavoro educativo
Appunto
Riassunto esame pedagogia generale, prof.ssa Kanizsa, libro consigliato Relazioni educative e apprendimento, Capurso
Appunto