Che materia stai cercando?

Pedagogia - la programmazione nella scuola dell’autonomia

Appunti di Pedagogia per l'esame della professoressa Manno sulla programmazione nella scuola dell’autonomia. Il rapporto intercorrente tra programma, programmazione e valutazione nella scuola di base, tenendo conto sia dei principi pedagogici e didattici di riferimento sia del panorama normativo attualmente in vigore.

Esame di Pedagogia docente Prof. D. Manno

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Ministro Lombardi e una con la C.M. 491/96 emanata dal

Ministro Berlinguer. Ancora la progettazione e la

valutazione normativamente le ritroviamo nella Carta dei

Servizi, nel C.C.N.L. del 1998-2001, nella relazione della

del ’97 per un sistema

Commissione Tecnico Scientifica

nazionale di valutazione ed infine nel regolamento

dell’autonomia del 1999. Gli organi preposti

all’elaborazione dei documenti di progettazione e

valutazione sono: il Collegio dei docenti, il Consiglio di

circolo, il Consiglio di interclasse e il Team modulare. Il

P.O.F., cioè il Piano dell’Offerta Formativa, rappresenta il

documento essenziale per la progettazione e la valutazione. I

modelli della programmazione educativa e didattica in

generale si possono dividere in statunitensi, che sono quelli

che partono dagli obiettivi, ed europei, che sono quelli che

partono dall’esame della situazione, cioè dall’analisi dei

5

bisogni degli allievi. Più specificatamente abbiamo: la

programmazione curricolari, che anche partendo dall’analisi

della situazione si sviluppa nella determinazione più

specifica degli obiettivi; la Programmazione per sfondo

integratore, che tiene conto soprattutto dello sfondo, cioè

dell’ambiente nel quale si svolge la vita del fanciullo; la

Post-programmazione, trattata dallo studioso Boselli in un

libro dove l’autore sostiene il superamento di ogni schema

rigido e, quindi, afferma l’esigenza della massima

flessibilità. Poi abbiamo altri modelli come la progettazione

per situazioni, la programmazione clinica e quella per

mappe concettuali. Emerge, comunque, l’istanza di una

programmazione educativa e didattica non rigida, ma aperta

e flessibile, sensibile al lavoro per gruppi e al contratto

formativo. Per una corretta programmazione è necessario

procedere in modo rigoroso e preciso: si individuano i

6

bisogni emersi dall’analisi della situazione di partenza; si

definiscono gli obiettivi, che favoriscono i bisogni, tenendo

presenti le tassonomie cognitive, affettive e psicomotorie (Il

Bloom articola le tassonomie cognitive su sei livelli disposti

in ordine gerarchico: conoscenza, comprensione,

applicazione, analisi, sintesi e valutazione); poi si procede

alla definizione dei contenuti, alla scelta delle metodologie e

degli strumenti ed infine alla verifica e valutazione. È

opportuno, a questo punto, fare una breve distinzione tra

programmazione educativa e didattica; la prima è

caratterizzata più dagli aspetti generali collegati agli

obiettivi generali formativi e disciplinari; la seconda è

caratterizzata dalla specificità delle situazioni e degli

obiettivi, dai contenuti prescelti e dai metodi adottati. Oggi

si parla molto di valutazione in itinere in quanto si ritiene

poco proficua quella effettuata solo al termine dell’azione

7

educativa e didattica. La valutazione, infatti, si attua prima,

durante e dopo l’intervento educativo. Quella iniziale è

definita “valutazione diagnostica”, quella che si attua

durante è la “valutazione formativa”, quella finale è la

“valutazione sommativi”. La valutazione serve a migliorare

gli alunni e non a giudicarli; deve servire soprattutto per

rimuovere le cause che possono portare a discriminazioni.

Una delle forme di valutazione formativa è il Mastery

learning, esso è una strategia educativa che fa in modo che a

tutti gli alunni possano essere date le conoscenze o abilità

fondamentali di un corso di studi. Per l’attuazione del

Mastery learning viene richiesto al docente il massimo

impegno. La valutazione serve alla famiglia, all’allievo e

alla scuola stessa per valutare il suo operato e quindi per

autoregolarsi. Nel passato, la valutazione era svolta con

criteri selettivi e intellettuali, non tenendo conto né delle

8


PAGINE

10

PESO

245.09 KB

AUTORE

edlin57

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Pedagogia
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher edlin57 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Manno Daniela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia

Riassunto per l'esame di Pedagogia, prof. Gritti, libro consigliato Il disagio educativo al nido e alla scuola dell'infanzia di Giuseppe Nicolodi
Appunto
Pedagogia - Farsi carico della disabilità: un laboratorio per la scuola di base
Appunto
Pedagogia - Suono e movimento: metodologia dell’attività motoria
Appunto
Pedagogia - lavoro cooperativo in classe
Appunto