Che materia stai cercando?

Pedagogia generale – Bioenergetica Appunti scolastici Premium

Appunti di Pedagogia generaleBioenergetica. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: IL CONCETTO DI ENERGIA SECONDO WILHELM REICH, LA CORAZZA MUSCOLARE/ CARATTERIALE, Le emozioni bloccate nel corpo, Il segmento oculare, Il segmento orale, ecc.

Esame di Pedagogia generale docente Prof. R. Romano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA%20BIOENERGETICA

a decodificare le difese psichiche ed emotive che formano il carattere di una

persona.

Con un lavoro corporeo, attraverso l’espressione delle emozioni e il supporto di

una elaborazione analitica, porta a ristabilire l’equilibrio dell’unità

corpo-mente e a recuperare l’energia dentro di noi.

La respirazione

La bionergetica tende a ripristinare una respirazione profonda e calma, in cui

l’inspirazione proceda dalla zona pelvica e si diriga verso l’alto fino alla

bocca. L’espirazione parte dalla bocca e scende verso il bacino. Questo tipo di

respirazione è utile per sciogliere le tensioni profonde e permettere la libera

manifestazione delle emozioni.

Il rilassamento delle contrazioni muscolari

L’approccio bioenergetico prevede alcune tecniche corporee di espressione, di

movimento, di contatto, di manipolazione, volte allo scioglimento delle tensioni

e al rilassamento profondo.

Il grounding

Il grounding è la chiave del lavoro bioenergetico ed è strettamente collegato

alla respirazione. Letteralmente significa ristabilire il contatto dei piedi con

il terreno, che simbolicamente rappresenta la realtà. Questo significa

praticamente spostare il centro di gravità a livello dell’addome, imparare a

sentire e liberare la carica energetica delle gambe e dei piedi. La persona in

questo modo si sente più "radicata" e "centrata", trova il coraggio di "stare in

piedi sulle proprie gambe", diviene più in contatto con la realtà, più integrata

e responsabile.

LE TIPOLOGIE CARATTERIALI E LA LORO EVOLUZIONE

In bioenergetica le differenti strutture caratteriali sono classificate in

diversi tipi base di riferimento, definiti da Alexander Lowen.

Una evoluzione delle tipologie è stata messa a punto dal lavoro di ricerca di

Francesco Padrini, psicoterapeuta. In questo lavoro sono stati integrati agli

aspetti del carattere e del corpo, anche quelli del viso. In questo modo è stata

effettuata una felice sintesi "viso-corpo-carattere".

L’inquadramento tipologico rappresenta una utile griglia di riferimento per

sviluppare una ipotesi diagnostica più accurata per la lettura corporea e

caratteriale.

Lo studio delle tipologie in campo estetico, ha permesso di creare un nuovo

riferimento per gli operatori del settore che desiderano allargare il concetto

di estetica da un approccio unicamente superficiale ad uno più profondo

ridefinendo la bellezza nell’ottica della salute, della grazia e dell’armonia

bioenergetica.

Nel libro "Bellezza e benessere" sono state descritte queste tipologie.

IL MASSAGGIO BIOENERGETICO®

di Francesco Padrini

Il massaggio bioenergetico è stato elaborato a partire dall’analisi

bioenergetica di Alexander Lowen, allievo di Wilhelm Reich, il padre storico

delle terapie centrate sul corpo.

Reich, contemporaneo di Freud e affascinato dalle rivoluzionarie scoperte della

psicoanalisi, prese in considerazione le correlazioni esistenti tra la struttura

psichica del carattere e il corpo.

Il carattere si struttura durante l’infanzia, ed è il risultato del modo di

reagire alle situazioni della vita e degli atteggiamenti difensivi che si

oppongono alle provocazioni date dall’ambiente:

a ogni frustrazione, a ogni pulsione repressa, dall’infanzia in poi, corrisponde

nel corpo un irrigidimento, legato alla formazione di tensioni muscolari, che

Reich chiama blocchi energetici. Essi sono la conseguenza degli atteggiamenti

sviluppati dall’individuo per bloccare le proprie emozioni e sensazioni, come

l’angoscia, la rabbia, l’eccitazione, in situazioni conflittuali. Queste

tensioni croniche che si somatizzano con gli anni, danno luogo, quando il

bambino diventa adulto, alla cosiddetta corazza muscolare, una specie di

armatura che è nel contempo fisica ed emotiva. Essa ha in sé una funzione

difensiva, ma se diventa troppo rigida riduce anche la possibilità di essere in

contatto con le proprie emozioni e limita la libera espressione dei sentimenti.

Questa corazza tende a crescere di anno in anno, per l’accumulo delle tensioni,

e non è facile riuscire a liberarsene, anzi, qualcuno non si accorge nemmeno di

Pagina 3

LA%20BIOENERGETICA

averla. In situazioni sgradevoli l’armatura si irrigidisce, in situazioni

piacevoli si allenta. Possedere una corazza caratteriale è quindi indispensabile

per poter affrontare i conflitti ma essa deve conservare un sufficiente grado di

elasticità per poter essere "messa" o "tolta" in funzione del bisogno.

Reich dedusse che l’armatura muscolare è disposta a segmenti che attraversano il

corpo trasversalmente. Egli individuò sette segmenti: oculare, orale, cervicale,

toracico, diaframmatico, addominale e pelvico. Essi corrispondono a quegli

organi e a quei gruppi di muscoli che sono in contatto funzionale tra loro.

Quando una parte del corpo diventa sede di tensioni e conflitti emotivi, si

creano delle zone dove l’energia vitale non fluisce liberamente: significa che

ci blocchiamo, ci tratteniamo, ci corazziamo, diventando sempre meno sensibili

alla vita e al piacere. Inoltre, quando l’energia vitale è bloccata e trattenuta

cronicamente, quando cioè diventa stagnante, può provocare disfunzioni e

malattie.

Proprio per aiutare a liberarsi dal peso della corazza muscolare caratteriale e

far fluire l’energia vitale, Reich prima e i suoi allievi poi, svilupparono

quella che Alexander Lowen chiamò analisi bioenergetica.

La bioenergetica si serve soprattutto di tecniche respiratorie, esercizi fisici,

di posizioni, contatti corporei, pressioni controllate e massaggio per

realizzare un’integrazione fra corpo e mente, che fornisca all’individuo

l’energia sufficiente a permettergli di scoprire il piacere, anziché essere

costretto senza scampo a procedimenti difensivi. L’attenzione, nell’analisi

bioenergetica, viene focalizzata sul problema psicologico e sulla espressione

fisica che si manifesta nell’aspetto e negli atteggiamenti.

Il massaggio bioenergetico® è una tecnica terapeutica messa a punto dall’autore

(F.Padrini) nel suo lavoro di terapia psicorporea bioenergetica. Esso ha

soprattutto la funzione di individuare le parti del corpo bloccate o tese e i

punti carenti di energia per ristabilire un riequilibrio energetico.

Il massaggio bioenergetico può essere definito un tipo di massaggio "su misura";

esso tiene conto del carattere e della tipologia fisica della persona, che

emerge sulla base di un’ipotesi diagnostica di lettura corporea di tipo

bioenergetico.

Nel massaggio bioenergetico si considerano cinque strutture caratteriali: il

tipo cerebrale, il dipendente, il compresso, il dominante e il rigido. Questa

classificazione rappresenta solo una griglia di riferimento, perché ogni persona

è un carattere misto con elementi prevalenti di un tipo o dell’altro.

Questo massaggio si differenzia dagli altri essenzialmente perché usa le

manipolazioni in sincronia

con la respirazione. Esso porta ad ampliare il proprio schema respiratorio,

utilizzando la parte toracica, diaframmatica e pelvica, rendendo così la

respirazione più ampia, spontanea e libera. Inoltre in esso sono compresi i noti

benefici del massaggio quali: miglioramento della circolazione sanguigna e

linfatica, diminuzione dei depositi adiposi, in quanto una circolazione

migliorata accelera il loro metabolismo, facilitazione della digestione e della

funzione peristaltica dell’intestino, tonificazione del sistema nervoso,

miglioramento del sonno, che viene reso più profondo e ristoratore, effetto

rilassante a livello muscolare ed elasticizzante a livello articolare.

Per ogni tipologia sono previste manovre diversificate per quanto riguarda la

pressione, il ritmo e il tipo di contatto.

Per personalità più cerebrali che hanno bisogno di prendere consapevolezza del

proprio corpo, le manovre saranno di tipo "integrante": per esempio una mano

"calda", appoggiata su un ginocchio "freddo" darà una sensazione di sostegno, di

passaggio di energia e di congiungimento dell’articolazione, aiutando il

processo di unità corporea.

Per le personalità più dipendenti, bisognose di amore e calore, le manovre, con

l’utilizzo di un olio riscaldante (mix di olio vettore con essenze), assumeranno

la forma di contatto nutritivo, che dà energia; in un certo senso la persona

massaggiata si sentirà sorretta e unita.

Per personalità compresse, che hanno bisogno di liberarsi da tensioni profonde,

sono previste manovre più energiche e dinamiche, che si esercitano

prevalentemente nella fase espiratoria, con trazioni e stiramenti.

Per le personalità dominanti, che tendono a trattenere l’energia nella parte

alta del corpo, si effettuano manovre riequilibranti, che portano a percepire

anche la parte bassa del corpo e a sciogliere le tensioni accumulate nel

diaframma e nelle gambe.

Per tipologie più rigide le manovre sono invece chiare, dirette e precise, come

pressioni controllate, stiramenti, dondolii, scuotimenti ritmici, senza una

particolare tonalità emotiva, poco accettata da questa tipologia. Queste manovre

portano al graduale abbandono e al rilassamento.

Pagina 4


PAGINE

5

PESO

18.35 KB

AUTORE

Sara F

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in teorie della comunicazione e dei linguaggi
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Sara F di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Romano Rosa Grazia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Pedagogia generale

Pedagogia generale – Elementi
Appunto
Pedagogia generale – L'educazione non è finita
Appunto
Pedagogia generale – Bullismo
Appunto
Pedagogia generale
Appunto