Che materia stai cercando?

Pedagogia - educazione e pedagogia

Appunti di Pedagogia sull'educazione e sulla pedagogia. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: le culture d’alto livello, come in Cina, in India, in Mesopotamia, in Egitto, l'Iliade e l'Odissea di Omero, i valori apprezzati dalla gerarchia guerriera erano il coraggio, l'eroismo a costo della vita, la forza e la resistenza al dolore e al sapere, l'aggredire il nemico.

Esame di Pedagogia docente Prof. P. Scienze Storiche

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

“EDUCAZIONE E PEDAGOGIA”

“NEL MONDO ANTICO”

Nel mondo antico si sono sviluppate civiltà e relative culture d’alto livello,

come in Cina in India in Mesopotamia in Egitto, in cui si conosceva la

scrittura che era trasmessa dagli scribi, o membri di caste specifiche o

privilegiate. Gia dal XV secolo vi era questa gran civiltà Egeo cretese e

poi sostituite da quella micenea (da micenea) che ebbe com’epicentro il

Peloponneso. In seguito tra il XI e il VIII secolo, gli Achei furono

sottomessi da altre stirpi i Dori e gli Ioni e si estesero fino a tutto il

territorio Greco. Nel IX secolo Omero compose i due poemi, L’Iliade e

L’Odissea. L’educazione di quel tempo descritta da Omero, era di tipo

militaresco, cera una gerarchia da rispettare. Al vertice si poneva

L’aristocrazia cioè Re e Principi, poi c’era l’aristocrazia guerriera il cui re

affidava ai guerrieri, alcune aree o feudi per ricompensarli dei servizi resi

in guerra, poi veniva la massa, formata dagli agricoltori, artigiani, succubi

dall’aristocrazia. I valori apprezzati dalla gerarchia guerriera erano il

coraggio, eroismo a costo della vita, forza e resistenza al dolore, e al sapere

aggredire il nemico. Come ricompensa ai giovani che erano addestrati con

questi ideali, erano accettati ed integrati nel proprio gruppo sociale. Le

ragazze erano educate dalle madri all’interno della cassa, si occupavano

delle faccende domestiche, altri luoghi per educare erano i templi dove con

la preghiera imploravano gli dei a scopo di risaldare i valori.

Esiodo parallelo ad Omero proponeva un altro modello di vita. Egli visse

fra VIII e VII secolo parla dei contadini e dei piccoli commercianti e

marinai. I valori essenziali erano quello di svolgere bene il proprio lavori,

L’educazione imposta era quella d’appartenenza della famigli dei clan.

Tutta questa cultura collettiva era trasmessa oralmente dagli oratori. Verso

1

la fine del VII secolo si svilupparono le città stato dette POLIS. La società

agricola, fece sì che l’insieme dei vecchi villaggi vicini si costituissero in

un solo nucleo, e crearono alle nuove città dette POLEIS. Le cause furono

l’aumento demografico, quindi la necessità di coltivare nuove terre, che

generò un’eccedenza di risorse: lo scambio commerciale lo sviluppo della

marina e l’irrigazione. All’inizio le Polis erano tenute dai nuclei

aristocratici, successivamente, queste cariche pubbliche di tipo democratico

furono passate ai DEMOS, che sono l’’insieme di cittadini ad eccezione

degli schiavi, stranieri (meteci) e le donne. Le due città stato erano Sparta

Sparta era una città che viveva sull’agricoltura, era dominata dagli

e Atene.

aristocratici e si occupavano anche di essere degli abili guerrieri, mentre

Atene siccome era una città marittima, viveva delle risorse che gli forniva il

mare. I governanti erano scelti dai cittadini, ed e qui che nacque la prima

forma di democrazia, ma non intesa come quell’odierna. L’educazione dei

giovani era ispirata ai valori di forza, abilità guerresca e coraggio.

I ragazzi fino ai sette anni, restavano nel nucleo famigliare, poi era inserito

nelle strutture educative statali, fino ad undici anni rientravano a casa,

successivamente fino ai trenta anni restavano in caserma. C’era un iter

vi era l’utilizzo dell’educazione fisica

formativo sul piano morale, e quindi

e della musica, a scopo d’incitamento guerresco. Le ragazze seguivano un

iter simile: praticavano educazione fisica e sport, affinché potessero essere

sane forti e procreare i futuri spartani. Si dedicavano in parte alla musica e

alla danza, Il cittadino spartano era utile al sistema spartano, e doveva

salvaguardare gli interessi della polis. La società era totalmente educante,

gli anziani dovevano educare i giovani, che erano considerati figli di tutti, e

gli anziani avevano il potere di abusare tramite lo sguardo e il corpo, dei

ragazzi, la pratica della pederastia, era molto diffusa. Nel VI, V IV secolo

ad Atene, proprio per lo stato democratico, Solone poetico legislatore,

istituì in favore dei ceti più deboli delle riforme e pose ai ceti medio a

2


PAGINE

5

PESO

205.27 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Pedagogia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in psicologia clinica dello sviluppo e delle relazioni
SSD:
Università: Bari - Uniba
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher franc3sco92 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Pedagogia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bari - Uniba o del prof Scienze Storiche Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in psicologia clinica dello sviluppo e delle relazioni

Riassunto esame Interventi a sostegni dell'individuo, prof. De Caro, libro consigliato Storie teorie e tecniche della psicoterapia cognitiva, Semerari
Appunto
Riassunto esame Psicopatologia, prof. Stella, libro consigliato I destini di Narciso, Stella
Appunto
Psicologia forense oggi
Dispensa
Memoria per i volti
Dispensa