Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ESAME DELLE URINE

Evitare contaminazione di secrezioni

- - Pulizia meato urinario

- Scartare primo getto

- Raccolta in contenitore asciutto e pulito

- Inoltro sollecito al laboratorio ( o sollecito

esame )

- Un ritardo nell’ esame può provocare:

- alterazione degli elementi cellulari e

distruzione dei cilindri (in circa 2 ore ) ++

in urine ipotoniche 

- crescita batterica con glucosio e

alcalinizzazione per scissione di urea in

acqua e ammoniaca con ulteriore

distruzione cellulare ( alta t° ambiente )

- precipitazione fosfati e urati

- ossidazione dei pigmenti alla luce

- Preferibile esaminare le prime urine del mattino

( elementi figurati più concentrati, urine

formate durante varie ore )

- Cercare di evitare raccolte con catetere

vescicale ( anche se occasionalmente è

necessario )

- Per esami culturali uso di contenitori sterili e

raccolta con la massima asepsi

ESAME DELLE URINE

In senso lato include:

1. Caratteri macroscopici dell'urina e

anamnesi della diuresi

2. Caratteri chimico-fisici delle urine

3. Esame del sedimento urinario (al

microscopio o più modernamente in

citofluorimetria)

4. Ricerca e misurazione di particolari

sostanze nelle urine

5. Ricerche batteriologiche

CARATTERI DELLE URINE

- Quantità 1000-1800 ml/24 h (valori medi)

- Aspetto limpido

- Colore da giallo paglierino a giallo carico o

giallo oro (urocromo, urobilino-

geno, coproporfirine )

- Odore sui generis

- Densità 1015-1025

(Peso specifico) 

Reazione acida (pH 6 ) (ruolo della dieta)

-

COSTITUENTI NORMALI DELLE URINE

- Urea

- Creatinina

- Acido urico

- Aminoacidi

- Ammonio

- Creatina

- Minerali (Na, Cl, K, P, S, Ca etc)

ALTERAZIONI DEI CARATTERI DELLE

URINE

- QUANTITA’ 

Oliguria 500 ml/die - da cause

renali

Anuria 100 ml/die

2000

Poliuria ml/die - da cause

extrarenali

- ASPETTO

-A) Torbidità dopo raffreddamento ( tempo )

Deposizione sali sul fondo ( sedimento

spontaneo) 

Fosfati colore biancastro

Urati colore rossastro

Discriminazione mediante metodi che ne

provochino il discioglimento

- calore urati

- ac. acetico fosfati

- ac. cloridrico ossalati

- B) Torbidità già all’ emissione

- Muco

- Pus

- Grassi

- Sangue ( se Hb - uria le

urine per lo più sono

scure ma limpide)

Renella sabbia finissima costituita da sali

-

minerali

- Calcoli :

- acido urico giallo ocra

- fosfato ammoniaco- magnesiaco biancastri

- fosf. di Ca e Mg bianco brunastri

- ossalato di Ca nerastri o verdastri

- cistina giallastri

- Frammenti di feci e parassiti intestinali (da fistole )

COLORE

- - variazioni di intensità (fisiologiche per lo più)

- colorazioni abnormi

ROSSO SCURO

Sangue e Hb : da “ lavatura di carne “ a

rosso – nerastro

Stati febbrili

Farmaci : metildopa, nitrofurantoina,

fenotiazine, fenacetina,

desferroxamina, mercurocromo, difenil-

idantoina, rifampicina , ibuprofen.

Alimenti : barbabietole, bacche, fave, more,

coloranti alimentari, rabarbaro.

ROSSO BORDEAUX ( PORPORA)

Porfirine

MARSALA (in genere per aumento dell’urobilina)

mal.infettive, itteri

TIPO BIRRA SCURA CON SCHIUMA

SOVRASTANTE GIALLO-VERDASTRA

(in genere per aumento della bilirubina coniugata)

itteri in generale

VERDASTRO

itteri intensi

intossicazione da sulfamidici

NERO

anemie emolitiche con emoglobinuria e

emosiderinuria, alcaptonuria, melanomi,

porfirine, sangue.

BLU farmaci : blu di metilene, amitriptilina,

triamterene

.

LATTESCENTE

lipuria, chiluria, giuria

ODORE

- - acre, intensamente ammoniacale :

fermentazione urea da parte di

microrganismi.

- fetido: 1) putrefazione ( idrogeno

solforato ) es. da E.coli

2) necrosi (neoplasie vescicali)

con

- odore di frutta (diabete chetoni

chetosi dell'infanzia)

- odore di rancido ( fenilchetonuria )

PESO SPECIFICO (DENSITA’)

-

In linea di principio:

poliuria PS ( salvo diabete )

- 

oliguria PS ( salvo grave insuff. renale )

-

Definizioni: ( VALORI ORIENTATIVI! )

Ipostenuria PS 1018

Isostenuria PS ca 1010 ( a questo punto il FG è

ridotto al 10-20% )

SI MISURA CON L’URODENSIMETRO:

Densità riferita a H Od a 15°C

2

(necessità di correzione per la temperatura )

- REAZIONE

Conservare le urine in frigo e protette dall’ aria

(per conservare aggiungere canfora)

Si ricorre all’uso di cartine al tornasole ( o di un

pH metro )  pH

digiuno,dieta proteica, dieta ricca di grassi,

esercizio intenso, acidosi, farmaci.

 pH

dieta ricca di frutta e vegetali, piuria

(fermentazione ammoniacale), farmaci, acidosi

renale tubulare, conservazione prolungata del

campione, alcalosi sistemica, “ coda “ alcalina

postprandiale.

ESAME CHIMICO-FISICO DELLE URINE PER

RICERCA COSTITUENTI “ ANOMALI “

(identificabili rapidamente con stick )

Glucosio

-

- Chetoni

- Urobilina ( presente in modeste quantità

normalmente )

- Bilirubina

- Sangue ( Hb )

Proteine ( esiste una modesta proteinuria

- fisiologica )

- Nitriti diagnosi di infezioni da coliformi

Uso di strisce reattive ( DIPSTICK ) per singoli

- tipi (ad esempio per glucosio o per sangue) o per

batterie di test

- Conservare le strisce in un recipiente ben chiuso in

luogo fresco, asciutto e buio

- Controllo dell’aspetto della striscia

- Immersione per tempo non eccessivo (seguire le

istruzioni)

- Far scolare l’eccesso di urina

- Paragonare con scale di colore

- Conferma ( a volte ) con test quantitativi

Non fa parte dell'esame standard delle urine la ricerca

di sostanze particolari :

- Sali biliari

- Farmaci e tossici

- Porfirine

- 5HIAA ( ac. 5 idrossiindolacetico )

- Elettroliti urinari ( ++ Na, K, Cl )

ESAME MICROSCOPICO DEL SEDIMENTO URINARIO

Urine del mattino

Sedimentazione spontanea o centrifugazione a bassa

velocità

Piccolo ingrandimento ( 150 x )

Oggi uso della citofluorimetria consente valutazioni quantitative

Reperti normali :

scarso sedimento

1) Cellule di sfaldamento di vie urinarie e genitali: sono

cellule epiteliali poligonali a piccolo nucleo

( più piccole quelle renali, più grandi quelle delle basse

vie. )

2) Minerali ++ in urine acide : - cristalli di acido urico

- urati amorfi

- cristalli di ossalato di Ca

Elementi

Non

Organizzati ++ in urine alcaline

cristalli di fosfato ammonico

- magnesiaco ( o fosfato triplo )

- cristalli di fosfato di Ca

- fosfati amorfi

3) Altri cristalli

cristalli di tirosina e leucina (epatopatie)

cristalli di cistina (cistinuria)

cristalli di solfuro (sulfamidici)

3)Spermatozoi


PAGINE

27

PESO

100.25 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Patologia clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Orlando Claudio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Patologia clinica

Patologia Clinica – Emocromo
Dispensa
Patologia Clinica – POCT
Dispensa
Patologia Clinica – Emostasi
Dispensa
Patologia Clinica – Rene
Dispensa