Che materia stai cercando?

Non profit

Appunti di economia sul non profit basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Peralta dell’università degli Studi Maria SS. Assunta - Lumsa, facoltà di Scienze della formazione, Corso di laurea in scienze del servizio sociale e del no-profit . Scarica il file in formato PDF!

Esame di Economia docente Prof. M. Peralta

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L’acquisizione del lavoro avviene, quindi, a fronte del salario, mentre il capitale è

ottenuto a fronte del pagamento di interessi.

La cessione di beni avviene invece mediante il corrispettivo di un prezzo per la

vendita di un bene o di un servizio.

Nel caso delle ONP invece, l’acquisizione di risorse non comporta una contro

prestazione di ugual valore, il capitale viene ottenuto , mediante donazioni volontarie

e contributi volontari di alcuni membri delle organizzazioni.

L’acquisizione del lavoro è volontario, non prevede pertanto alcuna forma di salario,

la cessione dei beni è invece gratuita non c’è pertanto un prezzo di vendita o

comunque qualora vi fosse sarebbe inferiore ai costi, pertanto non vi sarebbe alcuna

forma di profitto.

Weisbrod ed altri studiosi, ritengono inoltre che le ONP risolvano alcuni problemi

legati alla produzione di particolari beni e servizi collettivi in presenza di

consumatori con preferenze non omogenee.

Per comprendere l’impostazione di Weisbrod, lo stesso approfondisce alcuni

concetti , che in economia , riguardano le caratteristiche di un bene pubblico.

Occorre infatti, introdurre i concetti di escludibilità ed rivalità nel consumo dei beni.

Si parla di escludibilità di un bene quando è possibile escludere mediante qualsiasi

meccanismo dalla fruizione di un bene o di un servizio un altro soggetto.

Pensiamo ad un soggetto titolare di un appartamento , che può escludere dall’accesso

alla propria proprietà un altro individuo, mediante l’uso di porte blindate o di cani da

guardia, ciò nonostante non tutti i beni sono escludibili , pensiamo infatti ad un

soggetto che installa nel proprio giardino delle luci per illuminare l’atrio, di fronte a

tale situazione il proprio vicino non potrà essere escluso dai godimenti

dell’illuminazione presente nel cortile, oppure pensiamo a tutti coloro che si

vaccinano per una malattia contagiosa, questi soggetti avvantaggeranno tutti coloro

con cui quest’ultimo entrerà in contatto, in quanto non verranno contagiati.

Dall’escludibilità altra caratteristica da tenere in considerazione è la rivalità nel

consumo del bene.

La rivalità nel consumo del bene si caratterizza, quando il consumo di un bene da

parte di un individuo impedisce il relativo consumo ad altri soggetti, es: se io mangio

il fico, tutti gli altri individui saranno impossibilitati dalla possibilità di consumarlo.

La sussistenza di entrambi le caratteristiche, avranno particolari implicazioni sul

mercato, si ritiene infatti che l’escludibilità di un bene, faccia si che il trasferimento

di un bene avvenga in corrispondenza di una contro prestazione economica, mentre la

rivalità nel consumo dei beni, fa si che un individuo che voglia consumare un dato

bene, debba assicurarsene il possesso attraverso delle offerte e quando l’ammontare

di queste offerte è maggiore dei costi di produzione, si avranno degli incentivi per

l’impresa che riuscirà ad aprire così un attività.

Possiamo pertanto affermare che quando un bene è escludibile e rivale , ci troveremo

di fronte ad un bene privato, ma esistono anche casi in cui un bene oltre ad essere non

escludibile e non rivale.

In questi casi dato che non è possibile escludere alcun individuo dal godimento di

quel bene, gli operatori economici non potranno avere alcuna convenienza a produrre

quel bene, perché non potranno stabilire alcun prezzo di vendita e non potranno

recuperare i costi per la produzione di quel bene.

In questo caso pertanto la gestione di quel servizio dovrà essere affidata allo stato.

Pertanto in presenza di un bene non escludibile e non rivale ci troveremo un bene

pubblico.

Un esempio di bene pubblico è la difesa nazionale, se infatti si vuole assicurare un

qualche meccanismo di difesa, lo stato non può affidare la gestione e la cura del

sistema antimissile ai privati, perché dei risultati della difesa ne usufruirebbero tutti i

cittadini anche coloro che non intendono contribuire al costo, pertanto il privato non

potendo escludere nessuno, non potrà fissare un prezzo e non potrà recuperare i costi

per la realizzazione del sistema antimissile, ed è per questo che questo servizio sarà di

fornitura pubblica.

Esiste infine la possibilità che un bene non sia rivale ma mantenga la caratteristica

della rivalità, in questo caso si avrà il fallimento del mercato.

Pertanto, la soluzione per gli economisti, dovrebbe essere ,quello della fornitura

pubblica del servizio, previa decisione pubblica della collettività che avviene sotto

forma referendaria e che porta ciascun cittadino a contributi al costo attraverso un

prelievo.

Oggi la maggior parte dei servizi è affidato alle organizzazioni governative, pensiamo

all’amministrazione della giustizia e altre infrastrutture , salvo poi i cittadini dover

contribuire per l’erogazione dei medesimi mediante le imposte.

Purtroppo però la fornitura pubblica di un servizio è valida in presenza di preferenze

omogenee della collettività.

Purtroppo però oggi le società sono multietniche e questo fa si che le preferenze delle

comunità siano eterogenee, pertanto la fornitura pubblica del servizio farebbe si che

molti soggetti rimarrebbero delusi dal servizio e pertanto sostituirebbero il bene

pubblico o un bene privato .

Come afferma Weisbrod, i beni privati non sono perfetti sostituti dei beni pubblici,

come sappiamo la fornitura privata, comporterà grandi costi per il consumatore e

avrà, come vantaggio, quello di assicurare loro il pieno controllo nella fruizione del

servizio senza dall’altro lato essere sottoposti al potere decisionale della collettività.

Weisbrod , ritiene che esista una soluzione alternativa per evitare la fornitura privata

del servizio dei soggetti insoddisfatti del servizio erogato dallo stato, questi ultimi

infatti potrebbero, unirsi e formare un organizzazione no profit con lo scopo di

integrare l’offerta pubblica con servizi aggiuntivi.

Questo consentirà di ridurre i costi perché ciascun individuo risponderà di quel

servizio solo con la sua quota di partecipazione, purtroppo però anche la teoria di

Weisbrod si caratterizza per alcuni limiti, inanzitutto bisogna chiedersi quale

categoria di beni può essere sottoposta alla cura delle ONP?

Il carattere della non rivalità dovrebbe portare a ritenere che sia i beni pubblici puri

che quelli spuri dovrebbero essere oggetti della cura delle ONP, tuttavia se

confrontiamo le OP e le ONP, non è possibile cogliere per i beni spuri alcun

vantaggio nell’affidare il bene alle ONL(organizzazione non lucrativa).

Se nel consumo di un bene non è possibile escludere altri soggetti dal relativo

godimento è possibile facendo economia di scala, ridurre i costi e estendere quel

servizio a tutti i soggetti, che ne sono interessati.

Ma a questo risultato si potrebbe arrivare anche, affidando il bene ad un

organizzazione lucrativa.

Pertanto rispetto ai beni spuri non risulta più vantaggioso l’affidamento del servizio

da parte di un organizzazione non lucrativa rispetto a quella lucrativa.

Discorso diverso si realizza quando invece facciamo riferimento a beni pubblici puri ,

in questo caso sono chiari i vantaggi nell’affidare il bene ad un ONP piuttosto che , ad

un OP.

Se infatti è vero che sia le ONP che le OP hanno il problema di indurre i consumatori

a contribuire al costo per l’erogazione del servizio, e pur vero che tutti gli individui

ne godranno anche se non vogliono contribuirvi economicamente perché non possono

essere esclusi.

Pertanto i vantaggi delle organizzazioni non lucrative, sta nel fatto di saper essere in

grado di attrarre donazioni e contributi volontari degli operatori economici, questo

porta a preferire che la gestione dei beni pubblici sia affidata ad organizzazioni non

lucrative, rispetto alle organizzazioni lucrative.

Queste considerazioni però si caratterizzano per alcuni limitazioni , come spiegare

infatti il carattere della gratuità della prestazione da parte degli operatori economici,

perché , i consumatori danno liberamente i propri contributi volontari senza chiedere

in cambio una controprestazione economica.

A queste domande , ha cercato di dare una risposta Hansmann, il quale ritiene che la

scelta dei soggetti nel versare i propri contributi volontari dipende dalla forma

organizzativa.

La paura infatti che le organizzazioni lucrative attratte dalla possibilità di fare utili,

utilizzano questi contributi per fare profitti e l’incapacità di controllo da parte di

questi , di come i soldi vengano utilizzati, porta a rivolgersi alle organizzazioni non

lucrative, che si ritiene non avendo fini di lucro, utilizzeranno questi contributi per

garantirgli servizi di qualità per la collettività.

Ma il contributo di Hansmann non si è ridotto a questo, egli ha esteso il proprio

ragionamento anche nei casi di asimmetria informativa, che si realizza quando di

fronte ad una transazione, c’è un soggetto(il venditore) che ha maggiori informazioni

sulle caratteristiche qualitative di un bene, rispetto al cliente che dovrà affidarsi alle

credenziali del venditore .

Pensiamo ad esempio ad un potenziale cliente che voglia rivolgersi ad un

organizzazione privata, che fa assistenza per lasciare loro le incombenze di cura e di

tutela della salute.

Quasi sempre in queste situazioni il cliente non saprà mai quali sono le caratteristiche

di qualità del servizio che solo l’amministratore conosce.

Quest’ultimo potrebbe infatti controllare le qualità di alcune prestazioni per esempio

possono verificare il loro stato fisico dal loro grado di nutrimento.


PAGINE

11

PESO

26.52 KB

PUBBLICATO

6 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Economia
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze del servizio sociale e del no-profit (PALERMO, ROMA, TARANTO)
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher antogreenday di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Maria SS. Assunta - Lumsa o del prof Peralta Mario.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!