Che materia stai cercando?

Metrica e Retorica - nozioni Appunti scolastici Premium

Appunti di Metrica e retorica per l’esame del professor Capaci. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il discorso stilistico della metrica, le parti della retorica, l'inventio, la dispositio, l'elocutio, la memoria, l'actio, il modello e l'anti-modello.

Esame di Metrica e retorica docente Prof. B. Capaci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ti voglio un mondo di bene: iperbole di spazio |

sei più bella di monica bellucci: iperbole tramite similitudine

sei uno scorfano: iperbole metaforica

sei un verme: tapinosi: iperbole in dispregiativo

8/2

nella VII novella della VI giornata c'è una metafora continuata: si fa continuo riferimento ai termini della pittura e v'è,

in più, il rilievo prosopografico: alla descrizione del volto proporzionato si oppone il volto asimmetrico. Al centro della

novella c'è un'analogia a quattro termini:

Dio : uomini = pittore : ritratti

nel caso dei baronci c'è un'ulteriore elaborazione

Dio : baronci = pittore maldestro : ritratti

metafora continuata : creazione = pittura

l'entimema che si può ricavare è arbitrario: chi è più brutto è più antico, i baronci sono i più brutti, quindi i baronci

sono i più antichi. È una fallacia: la premessa è fallace per divertimento.

La sesta giornata è dedicata a coloro che sono esperti nel motto di spirito:

Arguzia

l'arguzia sta nel mettere insieme attraverso una metafora o analogia elementi in sé lontani e rappresenta in qualche

modo un atto d'ingegno: rappresenta il polo attivo, creativo. L'arguzia è propria di chiunque sia bravo a parlare. La

persona arguta ha bisogno di un'altra persona, una persona che sia perspicace

la perspicacia sta nel rendere esplicabile l'arguzia

Luogo di reciprocità

il luogo di reciprocità sta nel recitare un'azione e simmetricamente recitarne un'altra: se è lecito parlare di certi

argomenti è lecito ascoltarli. La reciprocità è importante quando c'è una figura di pensiero come l'ironia o l'allusione,

perché senza la perspicacia altrui non è possibile renderla.

Antanaclasi

Botta e risposta in retorica è l'antanaclasi, che consiste nel rigirare la frittata. È una ripetizione rovesciata in senso

polemico: quello che tu implichi a me, io te lo rigiro contro.

Metafora

Meccanismo : orologio = atteggiamenti : cortigiano

il meccanismo è spesso nascosto nelle parti interne e visibile nelle lancette, che ritornano sempre allo stesso posto; il

cortigiano è nascosto in alcuni atteggiamenti (sprezzatura), in altri no (affettazione), e ritorna sempre al punto di

partenza: non ha, ad esempio, problemi a rivedere le proprie posizioni.

Dama : cavaliere = foglia : albero = ombra : corpo = fondamenta : casa

sistema di analogia a foro multiplo, il foro deve essere semplice ed efficace. Proprio perché il foro è così ampio,

suggerisce molte, troppe ipotesi e si perde l'idea fondante. La foglia dà l'idea di decoro, l'ombra quella della parte

impalpabile, quella di pietra angolare.

Pianto : cuore = pioggia : città

il luogo di superamento

il luogo di superamento è un'argomentazione che prende atto della situazione, della realtà, non la nega, ma vuole in

qualche maniera andare oltre, dirigersi oltre la situazione attuale. L'argomentazione sul luogo di superamento indica gli

altri a non fermarsi, ad andare oltre. È in qualche maniera parte di una visione che non s'arresta al presente ma disegna e

designa una speranza, un valore aggiunto. Tutto quello che è un discorso rivoluzionario porta in sé un luogo di

superamento. L'argomentazione attraverso il luogo di superamento è portata a coinvolgere, perché è dare una metà

all'uditorio, indicandola e ponendola al di là di un presente che può essere anche sconsolante.

Luogo del superfluo

L'opposto del luogo di superamento è il luogo del superfluo: quando noi diciamo a qualcuno che è inutile tentare, è

inutile ostinarsi, e descriviamo i suoi tentativi come superflui. È inutile ostinarsi.

Il luogo di superamento sfrutta una condivisione di una comune ragione superiore.

Quando noi facciamo in modo di rispondere preventivamente alle domande dell'avversario, otteniamo un'occupatio.

Luogo di paragone: mi autostimo stimando il nemico.

9/2

le figure retoriche possono avere radice in diverse parti della retorica. es.: l'alliterazione ha radici nella dispositio.

L'elogio dell'avversario è stabilire un paragone che si stabilisce a favore di chi parla, di chi ha vinto. Il luogo

dell'avversario è partecipante del luogo di paragone. Essere primi, ad esempio, significa sapere su quale gerarchia si è

stabilito il paragone. L'elogio dell'avversario rientra in una strategia pubblicistica personale per dar conto di quanto si è

stati bravi. Il luogo di superamento.

Lo scopo persuasivo cambia tra retorica politica e letteraria: nella prima la persuasione è finalizzata al consenso, ha fini

pratici; nella seconda è scevra da fini pratici , come il raggiungimento della bellezza, e ha lo scopo di rappresentare la

sintomatologia psicologica dell'autore (es.: petrarca utilizza figure retoriche basate sul dissidio come l'ossimoro)

climax:

-gradatio: scala che verte verso una definizione ripetendo sempre lo stesso concetto e approfondendolo in maniera

successiva. (se è più lento di una lumaca, che dico...più lento di un bradipo, macché, più lento di..) ogni volta che ho

ripetuto un concetto, s'è detto due volte, una volta sul gradino ultimo, una volta su quello successivo

-semantico: percezione del tempo e del fervore, dell'azione che sale e cresce. (es. cotto, stracotto, biscottato) uno

successivo all'altro

L'illustrazione non trasmette la conferma di una regola, trasmette la partecipazione emotiva, la tensione.

La metafora del nuovo sole è biblica: la nuova alba è l'idea della finalità.

Le metafore si dividono in:

-catacresi:metafore tutt'uno con il lessico, costituiscono una riserva lessicale (letto del fiume, collo della bottiglia) si è

fatto di una metafora parte del lessico e pertanto viene percepita come parola

- metafore non più percepite come tali perché addormentate da uso e abuso (passioni sopite) ma possono essere

recuperate tramite diverse strategie (comunicazione pubblicitaria, contrasto con metafore opposte, slogan, battuta...)

-metafore continuate: rappresentano una costellazione di metafore, questo insieme ha una grande efficacia

argomentativa perché serve a ribadire un'idea più e più volte creando anche un effetto di straniamento (dante: la

navigazione, il naufragio, il folle volo)

perché ci sia una metafora deve porsi un effetto di straniamento, non deve confondersi con il lessico.

Lo scandire del tempo come struttura è detto cronografia

luogo di incompatibilità

il luogo di contraddizione riguarda aspetti formali: premesse tradite da conseguenze del discorso; affermazioni

contraddette nel loro stesso valore scientifico: è l'errore che deriva dal passaggio di una legge alla sua applicazione; il

luogo di incompatibilità, invece, è il rilievo di una condizione la cui contraddizione non è sul piano della forma del

discorso, dell'enunciazione, della logica in senso stretto, ma è sul piano della realtà. es. ogni volta che una persona dà le

dimissioni dichiara la propria incompatibilità tra i suoi incarichi e qualche manifestazione di pensiero da lui avute: io mi

dimetto perché tra le mie idee e il mio posto di lavoro non c'è più compatibilità. L'argomento di incompatibilità può

essere usato in termini come: se tu dici questo, non puoi continuare a svolgere questo compito. L'incompatibilità

costituisce un contrasto tra due figure presenti nella stessa persona.

Lo strumento logico è un modo per risolvere prevedibili incompatibilità, è il luogo tramite cui si afferma una serie di

applicazioni possibili con cui si limita l'applicazione di una legge: con essa si afferma l'incompatibilità e la si supera. È

un'occupatio delle possibili obiezioni. Non solo la regola, ma l'estensione della legge, una volta che va a incontrarsi col

reale, può dare luogo a fenomeni di incompatibilità, di inattualità (interpretazione autentica di una legge).

L'impossibilità pragmatica è quella di chi si trova a limitare a un caso specifico, facendo un'operazione di occupatio di

possibili altre interpretazioni.

La malafede è una delle possibilità per sfuggire all'incompatibilità: è la riserva mentale, è dire qualcosa di non vero. La

malafede ha un livello accettabile che è chiamato scusa diplomatica: devo presenziare a una cerimonia in cui la mia

presenza sarebbe incompatibile, quindi mi do malato. C'è anche il silenzio diplomatico: due amici, uomo e donna,

hanno un rapporto sviluppato su loro dichiarate impostazioni di rapporto. Sono compatibili perché amici.

Improvvisamente uno dei deu comincia a spostare il rapporto su un piano sentimentale. La mossa di molte donne è

quella di non rispondere alle avances o di non presentarsi in certi momenti per evitare l'incompatibilità tra lo statuto di

amica e quello di amante.

Il tartufo, o ipocrita (livello cattivo di malafede), professa una visione esterna, una ideologia, un consentimento a

determinati valori, ma nasconde la nullità che quei valori svolgono nella sua vita privata. Questo è un modo per evitare

l'incompatibilità: es. prete che parla di etica mentre a livello fisico si contraddice.

Analisi di un testo non fatto a lezione @ aprile.

14/2

bianca: candida,

nell'epiteto funziona l'aspetto retorico, nell'aggettivo no. L'epiteto ha in sé l'energia di elementi retorici, non è solo un

aggettivo, ma è qualcosa di non grammaticale. es. buffon è un grandissimo portiere (agg. Gra. Sup.); è una saracinesca

-ad ignorantiam: ripassa le risposte altrui (certo questo dice x, quell'altro dice y, quello z, però, noi che siamo w,

allora...)

-metalessi: errore voluto come es. scambiare candida con bianca, e sposta leggermente l'obiettivo del proprio discorso

Che ci fai qui? Ma davvero eri qui? Diff. Tra domanda aperta e domanda retorica

l'argomentazione è una convenzione intellettuale in base alla quale accettiamo un dialogo, e non è possibile senza che

ci siano punti di riferimento (i luoghi ): la conversazione interrompe il conflitto perché le persone coinvolte accettano

un punto di riferimento. Possiamo accettare bene o male una cosa ma le premesse sono comuni a tutti e fa quindi

convergere la maggioranza degli interlocutori su certi argomenti. Mette a tacere dei punti di vista individuali facendo

accettare punti di vista comuni (es. luogo di quantità);

luogo dell'esistente

luogo di chi conserva, di chi ha una certa età (i ragionamenti rerotrici sono legati allat esta ) tu vuoi un mondo, vuoi

abbattere quello che va male, però c'è e tu, cosa proponi? L'opposizione cerca sempre di non finire nell'angolo del luogo

dell'esistente.

Abbiamo un rapporto, è quello che è, ce ne può essere di migliori, però il nostro rapporto esiste, lo vuoi davvero

distruggere?

se la cosa esiste è giusto che ci sia: la tradizione è forte perché esiste, perché non c'è nessuno che ha trovato qualcosa di

meglio. I moderni sono nani sulle spalle dei giganti.

Chi sfrutta il luogo dell'esistente sfrutta la prudenza.

luogo dell'irreparabile

se no ora quando? Quando avremo le forze per cambiare le cose. È il momento. La vita è fatta di confini, ogni tanto ci si

trova al di là. Se non trovi ora lo spiraglio, l'irreparabile arriverà. È gesù che converte hic et nunc, è quando ti si chiede

di convertirti a qualcosa che credevi non esistesse. Il comandante nel discorso prima della battaglia rientra nel luogo

dell'irreparabile: è adesso il momento. Il luogo dell'irreparabile genera una distinzione tra chi è pro e chi è contro, non

accetta compromessi. L'irreparabile è un atto irrazionale, chi sfrutta il luogo dell'irreparabile sfrutta l'energia.

Il luogo di superamento accetta l'esistente ma vuole guardare oltre. È il luogo dei riformatori.

Dante fa vedere l'inferno per agire sulla conversione: l'inferno è l'irreparabile, sono le pene eterne. Tu guardi

l'irreparabile e poi decidi se stare lì o cercare di andare nel purgatorio. Esiste una strategia retorica dell'uso

dell'irreparabile: furono cacciati dal PCI i membri del manifesto; la scomunica, l'eresia: non siete più nella comunità dei

credenti: o abiurate alle vostre idee o state contro di noi. La scelta che viene chiesta è una scelta che annulla le

argomentazioni, trasforma la vita in un'antitesi culturale. L'intellettuale viene messo in crisi.

luogo di direzione e propagazione

se concediamo x, dobbiamo concedere anche y: è come immaginare la vita come un meccanismo progressivo. (non si

deve accettare di pagare un riscatto se no si legittima altri a ricattare)

ci si può difendere sostenendo che non è vero che ogni evento sia per forza finalizzato a un inasprimento, ma si può

stabilire questo come punto di arrivo

la condanna esemplare è il luogo che teme l'aggravamento

tra l'una e l'altra strada c'è la terza, quella propria di chi decide di non scegliere tra due scelte che non si confanno con le

proprie caratteristiche

la sincerità può essere un'arma retorica? Può esserci una sincerità usata retoricamente: indipendentemente dai contenuti

e per effetto persuasivo.

Una figura retorica argomentativa è caratterizzata per:

-essere indipendente dai contenuti e

-per uno scopo persuasivo (convince) e dimostra di apparire in un modo linguistico non convenzionale, quindi

-crea uno stacco rispetto all'attesa dell'interlocutore (sorprende)

la direzione è la previsione di un aggravamento; la propagazione è non solo la previsione ma anche una

generalizzazione del problema, un diffondersi dell'aggravamento

il cavaliere di ripafratta è passato da uno stato di misoginia e misantropia ad essere innamorato. Ne deriva un senso di

contraddizione interna, di incompatibilità.

ironia di pensiero o ironia partigiana è l'ironia che non svela tutto: sveliamo il nostro pensiero in modo che solo i più

vicini a noi possa comprendere la nostra ironia, e che la maggior parte delle persone possa avere dei dubbi.

La contraddizione si fonda su un pianto logico, o pentirsi, o volere; l'incompatibilità si fonda sulla realtà.

15/2

I tropi

i tropi sono corpi di parole che improvvisamente svoltano e vanno a indicare significati diversi da quelli precedenti.

Lausbergh usa l'espressione di svolta della freccia semantica: la parola che significava una cosa viene a significarne

un'altra. Nei tropi si riconosce un meccanismo per cui illetterale non è più illetterale, quel che ci si aspetta cambia di

significando andando a intercettare un'altra cosa.

Tropi conosciuti:

-metonimia

-sineddoche

-metafora

-ironia di pensiero

-metafora

la metafora ha un senso letterale che non è credibile, e che quindi è oltre la svolta semantica indicata come caratteristica

del tropo. es.: I capelli d'oro non sono realisticamente d'oro (svolta della freccia semantica)

Metafora: -

1° def. similitudine priva del termine di paragone (meno credibile)

es.: achille è un leone

non è la semplice sostituzione di un termine con un altro: non scompare achille e resta solo un leone, ma 'è l'idea di un

guerriero umano e zoomorfo allo stesso tempo.

2° def.

-Ground: le qualità in comune fra i due termini (achille-leone) che permettono il gioco del tropo

-veicolo: termine comparato (achille)

-tenore: termine che funge da misuratore di comparazione (leone)

graficamente la metafora è il composto di due sfera con un'ellissi che la interseca

l'arguzia è il ground: la combinazione posta tra gli elementi (sez. interna), l'insieme delle qualità che generano la

momentanea sovrapposizione.

Con questa definizione non si sostituisce, non è una metamorfosi: achille combatte con qualità meno che umane e più

che umani insieme.

Figli gioielli:

ground: idea dell'ornamento prezioso che appartiene alla madre

3° def.

1 3 2

Vecchiaia: vita = sera : al giorno

2 1 3

un elemento del tema e uno del foro vengono a sovrapporsi > la vecchiaia è la sera della vita, la sera è la vecchiaia della

vita

se questo ragionamento viene presentato come analogia, il consenso viene ricercato come forma di partecipazione al

ragionamento; se viene presentato sotto forma di metafora, stupisce l'interlocutore

l'analogia obbedisce a uno schema logico in quanto produce una proporzione

la vita è un sogno

2 1

sogno : vita = vita : vita eterna

il ground è l'incostanza: la vita che viviamo, rispetto alla vita eterna, è un'apparenza che muta, così come un sogno

viene meno alla vita reale.

-Sineddoche

parte che vale per un tutto e tutto che vale per una parte: è un tropo che ha una caratterizzazione di genere spaziale

-minore: la parte per il tutto

-maggiore: il tutto per la parte.

Per un innamorato una parte del corpo dell'innamorata è un tutto: quella parte non è una delimitazione fisica del corpo,

ma è un intreccio tra

nella seduzione c'è il contrario: si loda il tutto, si parla di una totalità, per avere una parte.

La sineddoche di spazio maggiore serve a non distinguere nelle parti, a generalizzare

se si parla degli universitari per indicare parti distinte come gli studenti con borse di studio

si sa che gli italiani sono.... non si specifica quale parte dell'insieme.

La sineddoche di spazio maggiore ritorna a significare una forma di enfasi o antonomasia

due tipi di antonomasia dipendono dalla sineddoche

-di spazio maggiore: termine generico che indica un determinato individuo (Il Cavaliere per dire Berlusconi)

-di spazio minore: termine particolare che indica una categoria generale (Russia per indicare URSS; è Sharon Stone,

per indicare belle donne)


PAGINE

13

PESO

31.04 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher username_yo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metrica e retorica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Capaci Bruno.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Metrica e retorica

Metrica e retorica - Appunti
Appunto
Riassunto esame Analisi del Film, prof. Guerrini, libro consigliato Il Viaggio dell'Eroe, Vogler
Appunto
Romanticismo - Appunti
Appunto
Vittorini e Pavese, Letteratura italiana contemporanea
Appunto