Che materia stai cercando?

Metodi e tecniche di servizio sociale - collocamento lavorativo dei soggetti disabili Appunti scolastici Premium

Appunti di Metodi e tecniche di servizio sociale per l’esame della professoressa Spoto. Gli argomenti trattati sono i seguenti: il collocamaento lavorativo dei soggetti disabili e svantaggiati, il servizio provinciale per l’impiego contenente le caratteristiche dei lavoratori dipendenti, i posti e le qualifiche disponibili per i lavoratori disabili.

Esame di Metodi e tecniche di servizio sociale docente Prof. M. Spoto

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

COLLOCAMENTO LAVORATIVO SOGGETTI DISABILI E SVANTAGGIATI

L’inserimento lavorativo della persona disabile nel mondo del lavoro è stato oggetto di una significativa

produzione normativa. E’ stato a lungo disciplinato dalla legge 482/1968, che ha imposto ai datori di lavoro,

pubblici e privati, l’obbligo di assumere lavoratori appartenenti alle categorie protette. Successivamente la

legge 68/99 ha introdotto il collocamento mirato e, superando le logiche assistenzialistiche, ha riconosciuto

al disabile il ruolo di risorsa concreta valorizzando le sue competenze, aspirazioni e motivazioni

introducendo gli strumenti tecnici per l’applicazione del c.d. collocamento mirato. Si tratta di un metodo di

avviamento al lavoro di disabili in base alla valutazione delle capacità residue e all’elaborazione di un

progetto personalizzato. I requisiti per usufruire della legge sono. L’età minima di 15 anni, l’appartenenza a

una categoria protetta e lo stato sociale di disoccupato.

I beneficiari della normativa sul collocamento lavorativo dei soggetti svantaggiati sono le persone in età

lavorativa affette da minorazioni fisiche, psichiche o sensoriali ed i portatori di handicap intellettivo, che

comportino una riduzione della capacità lavorativa superiore al 45%, accertata dalle competenti

commissioni mediche di cui alla legge 104/92; le persone invalide al lavoro con grado di invalidità superiore

al 33%, accertata dall’INAIL; non vedenti o sordomuti; invalidi di guerra, civili e per servizio, con minorazioni

ascritte dalla prima all’ottava categoria del T.U. delle norme in materia di pensioni di guerra; vedove,

orfani, profughi, alle vittime di terrorismo e criminalità organizzata.

I datori di lavoro, che abbiano almeno 15 dipendenti, sono tenuti ad assumere ad assumere la c.d. quota di

riserva di lavoratori appartenenti alle categorie protette. Nelle aziende con più di 50 dipendenti essa è pari

al 7% dei lavoratori occupati, nelle aziende con 36 – 50 dipendenti è apri a 2 lavoratori, da 15 a 35

dipendenti corrisponde ad un solo lavoratore. Le esclusioni dell’obbligo sono indicate dalla legge e

riguardano mansioni e attività in cui è necessaria una totale idoneità fisica. Sono previsti degli esoneri

parziali per gli enti pubblici e privati che svolgono attività pericolose e faticose, per cui non possono

occupare l’intera quota di disabili, ma versano comunque un contributo economico al fondo regionale per

l’occupazione dei disabili.

Il primo passo per l’accesso ai benefici di legge è l’accertamento delle condizioni di disabilità attraverso la

presentazione della domanda per via telematica all’INPS, corredata dalla certificazione medica che riporti la

diagnosi e la tipologia della menomazione. Alla domanda è possibile allegare cartelle cliniche in possesso

del richiedente. La data della visita medica è fissata entro 30 giorni dalla presentazione della domanda,

mentre nei casi di patologia oncologica il termine è ridotto a 15 giorni.

La visita medica è svolta dalla commissione medica dell’Asl e da un medico dell’INPS, a cui compete il

giudizio definitivo. La Commissione, sulla base del verbale di visita, della documentazione clinica del

paziente e del suo profilo socio – lavorativo, elabora una relazione che viene invita al Comitato tecnico per

l’incontro tra le richieste delle aziende e le capacità lavorative del disabile. L’interessato deve presentare,

poi, al Centro per l’impiego della propria provincia una richiesta di iscrizione nell’elenco del collocamento

obbligatorio. A ciascun iscritto viene assegnato un punteggio sulla base dell’anzianità di iscrizione, del

reddito, della percentuale di invalidità, del numero dei familiari a carico, delle difficoltà di locomozione nel

territorio. Il datore di lavoro, invece, deve presentare dei prospetti informativi al servizio provinciale per

l’impiego contenente le caratteristiche dei lavoratori dipendenti, i posti e le qualifiche disponibili per i

lavoratori disabili.


PAGINE

2

PESO

206.18 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali
SSD:
Docente: Spoto Maria
Università: Catania - Unict
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Camelovera di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodi e tecniche di servizio sociale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Spoto Maria.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in programmazione e gestione delle politiche e dei servizi sociali

Servizi socioassistenziali: Appunti di Servizio sociale
Appunto