Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Chi è il potenziale donatore

Ogni soggetto in cui sia stata fatta diagnosi di

morte in seguito a lesioni cerebrali esclusi i

soggetti per i quali esistano cause di inidoneità

assoluta alla donazione, legate al rischio di

trasmettere gravi patologie al ricevente

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

DONATORI: CAUSE DI

MORTE

5 55

40

VASCULOPATIE CEREBRALI

TRAUMI CRANICI

ALTRO

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

NITp (Anno 2000)

Criteri di idoneità degli organi : il fattore età

Gli organi più “anziani” trapiantati nel NITp

(al 31/12/2002)

☺ 58 anni (polmoni)

☺ 71 anni (cuore)

☺ 89 anni (fegato)

☺ 89 anni (reni)

L'età avanzata non costituisce di per sè

criterio di esclusione !

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

% donatori utilizzati in Italia nel 2001

per classe di età* Classi di età

4

7,7 (anni)

16,8 0-14

25,9 15-29

30-44

45-59

60-74

18,6 >=75

27,1

* dati pubblicati dal CNT

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

L’identificazione del donatore

N° “morti

encefaliche” 1. Idoneità

2. “Consenso”

3. Diagnosi / acc. morte

Non 4. Trattamento

identificazione? … n. trapianti

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Limiti intrinseci del processo di valutazione del

rischio

Fattore tempo

Urgenza del ricevente

Scarsa disponibilità di organi

Rischio ineludibile (“standard”)

Possibilità di errori

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

ORGANS PROCUREMENT

IDONEITA’

DEL DONATORE

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Documenti di riferimento

D.M. 2 agosto 2002 – Disposizioni in materia di criteri e

modalità per la certificazione dell’idoneità degli organi

prelevati al trapianto (Articolo 14, comma 5, Legge 1 aprile

1999, n. 91)

Rivalutazione dei criteri di sicurezza del donatore di organi

e tessuti - Gruppo di lavoro del Nord Italia Transplant

Guide to safety and quality assurance for organs, tissues

and cells – 1st edition – Council of Europe Publishing

Linee guida per l’accertamento della sicurezza del donatore

di organi – (Agosto 2003) Gruppo di lavoro Centro

Nazionale Trapianti–.

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

La valutazione del rischio è un

processo multi-disciplinare

Medici ed infermieri delle rianimazioni

Coordinatore Locale

Coordinatore Regionale

CIR

Consulenti (anatomopatologo, infettivologo,

neurologo, ecc.)

“Trapiantatori” (chirurgo, nefrologo, epatologo,

cardiologo, ecc.)

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Definizione dei livelli di rischio

1. Rischio di trasmissione “inaccettabile”

Criteri di esclusione : assoluti

2. Rischio aumentato ma accettabile

Utilizzo degli organi giustificato dall’urgenza

clinica del ricevente

3. Rischio “calcolato“

Protocolli sperimentali per trapianti elettivi

4. Rischio “non valutabile“

Es. anamnesi non disponibile

5. Rischio standard

Assenza di fattori di rischio documentati

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Chi sono i potenziali donatori con

“rischio inaccettabile” ? HIV+

HBsAg+ HDV+

I soggetti deceduti

che presentano Neoplasie

controindicazioni maligne

assolute alla Infezioni

donazione sistemiche

refrattarie alla

terapia

La segnalazione di

tali donatori al CIR Malattie

ha scopo statistico da prioni

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Donatori con rischio Reg. Naz.

di trasmissione aumentato CNT

HBsAg pos.

Anti-HCV pos.

Anti-core HBV pos

Per riceventi Per riceventi portatori

dello stesso agente

sensibili virale o dotati di

all’agente virale: anticorpi protettivi

solo urgenza (vaccinazione,

pregressa infezione)

Rischio aumentato Rischio “calcolato“

Sempre con consenso informato

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Rischio non valutabile

Mancanza di uno o più elementi di indagine

Solo urgenza?

Consenso

informato

Anamnesi non disponibile

Esecuzione di esami non possibile

(es. biopsia epatica in donatore con steatosi)

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Rischio ineludibile (standard)

Quando

la valutazione

del donatore

non evidenzia

fattori di rischio

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

NEOPLASIE MALIGNE COMPATIBILI

CON LA DONAZIONE

BASALIOMA

CA SPINO CELLULARE CUTE

CA IN SITU COLLO UTERINO

CA IN SITU CORDE VOCALI

CA PAPILLIFERO UROTELIALE

ALTRE NEOPLASIE:

GUARIGIONE > 10 ANNI

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

NO

CA MAMMELLA

MELANOMA

LEUCEMIA

LINFOMA

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

NEOPLASIE PRIMITIVE SNC

COMPATIBILI CON LA DONAZIONE

GRADO I – II (OMS)

GLIALI

ASTROCITOMA

OLIGODENDRO GLIOMA

EPENDIMOMA NO

NEURONALI – MISTI DERIVAZIONE V-P

GANGLIOCITOMA

GANGLIOGLIOMA

NEUROCITOMA

NEURINOMA

MENINGIOMA

CRANIO FARINGIOMA

ADENOMA IPOFISARIO

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Idoneità del donatore cadavere

Modalità di valutazione del rischio

Anamnesi

Esame obiettivo (in rianimazione e al

tavolo operatorio)

Screening clinico-strumentale

Screening sierologico

Screening microbiologico

Eventuali esami istopatologici

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Modalità operative del processo di

valutazione del rischio

ANAMNESI

Malattie pre-esistenti (autoimmuni,

neoplastiche, infettive, degenerative,

ad eziologia ignota)

Valutazione di eventuali “fattori di

rischio” per malattie trasmissibili (fase

finestra: abitudini sessuali, uso

stupefacenti ecc.)

Documentare le fonti delle informazioni !

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Modalità operative del processo di

valutazione del rischio

ANAMNESI

Se non è possibile raccoglierla,

bisogna eseguire indagini

biomolecolari orientate a ridurre il

periodo finestra.

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA

Modalità operative del processo di

valutazione del rischio

ESAME OBIETTIVO

Cicatrici cutanee

Lesioni pigmentate Consulenze

Ittero specialistiche

Tatuaggi

Esantemi

Segni di uso di stupefacenti

Palpazione tiroide, mammella, testicoli,

linfonodi superficiali

Esplorazione rettale, vaginale

CENTRO COORDINAMENTO TRAPIANTI REGIONE LIGURIA


PAGINE

47

PESO

486.99 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - durata 6 anni) (CASERTA, NAPOLI)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Medicina Legale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Seconda Università di Napoli SUN - Unina2 o del prof Della Pietra Bruno.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Medicina legale

Medicina legale - Costituzione Repubblica Italiana
Appunto
Anatomia umana - apparato locomotore
Appunto
Igiene - acqua
Appunto
Ginecologia e ostetricia - ciclo mestruale
Appunto