Che materia stai cercando?

Medicina e chirurgia: 14 Aspetti generali del nursing perioperatorio

Appunto estratto dal programma di preparazione all'esame di Medicina, chirurgia e farmacologia del secondo anno del corso di laurea di infermieristica di Genova.
Il seguente riassunto tratta come da titolo di uno solo degli argomenti (o meglio macro argomenti) richiesti dal programma in chiave medica e chirurgica.
La scelta di introdurre il singolo estratto è data dalla possibilità... Vedi di più

Esame di Medicina docente Prof. G. Corsini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

→ L'esposizione a radiazioni va evitata a donne in gravidanza. Inoltre, vanno usati mezzi di protezione per aree

sensibili (ad esempio, grembiuli piombati per evitare l'irradiazione delle gonadi), limitando il più possibile

l'esposizione.

→ Le lesioni da farmaci sono evitabili ottenendo un'accurata anamnesi del paziente. Prima di ogni somministrazione

va attentamente verificata la prescrizione. Inoltre va seguita la regola delle 5 G (giusto: paziente, farmaco, dose, via

di somministrazione e orario).

→ Gli strumenti chirurgici vanno controllati prima dell'uso e poi maneggiati in modo responsabile, soprattutto se

taglienti od appuntiti. I (È un bendaggio elastico o manicotto di varie dimensioni che viene

TOURNIQUETS

impiegata per svuotare l'arto dal sangue) vanno usati usando procedure specifiche.

Un aspetto fondamentale per garantire la sicurezza del paziente è :

- l'esecuzione dei conteggi di garze, strumenti e taglienti. La garze vanno contate prima della procedura,

prima di chiudere le cavità, la ferita e alla fine della procedura. Il conteggio è eseguito in forma

collaborativa dalla strumentista e dall'infermiere di sala. È consigliabile usare solo garze radio-opache. Le

garze, le lenzuola e i rifiuti usati vanno tenuti in sala operatoria. Le garze bagnate vanno poste in un

contenitore resistente ai liquidi. Infine, i conteggi vanno documentati come da procedure dell'ente.

Analoghe procedure vanno dedicate anche ai taglienti. Per la sostituzione di tutti i taglienti vanno sempre

usate tecniche "hand-free (senza manipolazione diretta con le mani delle lame, bensì utilizzando pinze o

strumenti specifici per la loro rimozione dal portalama). Stesse considerazioni valgono anche per gli

strumenti, in particolare se vi sono parti removibili o se si dovesse rompere qualche pezzo, Infine, i

conteggi vanno riportati al chirurgo. In caso di conteggi non in pari, si procede alle necessarie verifiche del

caso (che generalmente si concludono con un esame radiologico) e poi si documenta accuratamente

l'episodio.

I CAMPIONI (per il laboratorio e l'anatomia patologica) vanno accuratamente identificati, etichettati,

depositati, preservati e trasportati. I contenitori devono essere adeguati e il materiale deve essere conservato

con appositi reattivi, se richiesto, oppure posti a temperature specifiche.

APPARECCHIATURE Tutte le apparecchiature devono essere utilizzate come da indicazioni della ditta

produttrice. Periodicamente si procederà alla richiesta di manutenzione e controlli specifici.

- In caso di impianto di protesi o altro materiale, va registrato il numero di lotto, la ditta produttrice, il tipo,

le dimensioni e altre eventuali informazioni necessarie.

PREVENZIONE DELLE INFEZIONI

L'infermiere realizza numerose azioni finalizzate a ridurre il rischio di malattie causate da microrganismi in

sala operatoria.

I fattori di rischio sono di diversa natura:

•  malattie croniche, alcolismo, immunodepressione, obesità, alterato stato mentale, anomalie

COMORBILITÀ

anatomiche, deprivazione di sonno, disfagia, alterazioni del sistema tegumentario, splenectomia, alterazioni

ematiche;

•  farmaci, chirurgia, radioterapia, dialisi, nutrizione parenterale totale, chemioterapia,

LEGATI A TRATTAMENTI

presenza di presidi invasivi, intubazione, nutrizione enterale, trapianti d'organo, trasfusioni, presenza di protesi;

• (personali o ambientali)  immobilità, traumi, postpartum, prolungata degenza ospedaliera, lesioni

SITUAZIONALI

termiche, scarsa igiene personale;

• resistenza ad antibiotici,

PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI TRASMISSIONI DI INFEZIONI NOSOCOMIALI 

tubercolosi, colonizzazioni da stafilococco aureus...

• RECENTE STORIA DI VIAGGI IN PAESI A RISCHIO.

E’ necessario controllare il paziente per rilevare segni e sintomi di infezioni già in atto, o fattori di rischio:

febbre, precedenti infezioni, dolore, gonfiore, presenza di ferite, dati di laboratorio anomali.

L'infermiere deve anche essere consapevole del tipo di ferita chirurgica.

Un noto sistema di classificazione delle ferite è quello proposto dal Center for Diseases Control (CDC) di

Atlanta. Le ferite sono distinte in quattro classi:

- classe I  ferite pulite,

- classe II  ferite pulite/contaminate,

- classe III  ferite contaminate e

- classe IV ferite sporche/infette

2

Un aspetto importante è la protezione del paziente dalle contaminazioni crociate endogene o esogene.

Generalmente si segue un programma formalizzato e multidisciplinare di controllo delle infezioni. Anche gli

aspetti ambientali (temperatura, umidità) vanno adeguatamente controllati.

IGIENE DELL’OPERATORE L'infermiere deve promuovere la propria salute e l'igiene. Il personale di sala

operatoria indossa divise pulite, cambiate giornalmente, e copre capelli e peli del volto. Inoltre, rimuove

l'orologio e i gioielli, evitando l'uso di unghie finte o lo smalto, e tenendo le unghie corte e pulite. In caso di

prevista contaminazione delle scarpe indossa dei calzari.

Nelle fasi sterili indossa vestaglie e guanti. Nella sala operatoria può accedere solo il personale autorizzato.

Le porte vanno tenute chiuse e i nomi di tutti i presenti vengono registrati sulla documentazione clinica.

MATERIALE DI SALA OPERATORIA  Tutto il materiale è portato in sala rimuovendo prima i contenitori

esterni. Inoltre, si separano i materiali sporchi da quelli puliti, seguendo i percorsi indicati con traffico

unidirezionale e usando le aree di lavoro per lo scopo indicato.

Il materiale usato è preparato usando la classificazione di Spaulding che distingue articoli critici, semicritici e

non critici.

PREVENZIONE INFEZIONI In base al contatto previsto con la cute integra, le mucose o gli organi interni,

il materia le è disinfettato o sterilizzato.

In caso di malattie a trasmissione ematica (diagnosticate o sospettate), vanno seguite precauzioni specifiche,

come da protocollo.

COMPITI INFERMIERISTICI PREOPERATORI  L'infermiere si occupa di somministrare i trattamenti

profilattici (doccia, preparazione intestinale e clistere), soprattutto gli antibiotici prescritti all'orario adeguato.

La preparazione della cute va preceduta da un approfondito accertamento delle sue condizioni. Il sito è poi

pulito con una doccia e uno shampoo preoperatorio, oltre ad un lavaggio immediatamente prima

dell'applicazione dell'antimicrobico. In alcune circostanze va eseguita la tricotomia, immediatamente prima

dell'intervento, preservando l'integrità cutanea. Il metodo meno traumatico è l'uso del clipper (un rasoio

elettrico che taglia i peli molto corti), seguito dall'uso di creme depilatorie; meno sicuro è l'uso dei rasoi a

lama. Il materiale per l'antisepsi è sterile e serve per preparare il sito chirurgico e le aree circostanti. Il sito di

incisione dovrà essere protetto mediante applicazione di antisettico ad ampio spettro applicato con garze

sterili.

Le ATTIVITÀ INFERMIERISTICHE INTRAOPERATORIE devono essere organizzate in sequenza

logica, riducendo le interruzioni e garantendo il rispetto delle priorità. In caso di variazioni dello stato del

paziente, si procede ad immediate modifiche del progetto assistenziale. Inoltre, l'infermiere opera per

massimizzare l'efficienza del chirurgo, anticipandone i bisogni.

In caso di raccolta di materiale per esami microbiologici, questo va posto in contenitori sterili, idonei per il

trasporto. POST INTERVENTO

Il prima possibile, dopo la conclusione della procedura, in base all'intervento eseguito e alle condizioni del

cliente, l'infermiere incoraggia ed assiste:

- nell'uso dello spirometro incentivo (Triflò),

- nell'esecuzione della respirazione diaframmatica e nella tosse.

- Può essere utile anche cambiare la posizione del paziente.

Durante tali attività continua a valutare la tolleranza al trattamento, attraverso il monitoraggio dei parametri

vitali e il controllo delle condizioni del paziente.

CURA DELLA FERITA  La cura delle ferita è fondamentale per una buona gestione del paziente. La ferita

è ricoperta con il materiale più adatto (per esempio, assorbente, di supporto, favorente l'emostasi), in modo

sterile. Inoltre, l'infermiere osserva regolarmente la ferita e i drenaggi per evidenziare eventuali complicanze.

In caso di necessità di eseguire una rimedicazione, si procede con una detersione con fisiologica e la

riapplicazione di una nuova medicazione. L'infermiere può anche collaborare alla rimozione di suture ed

agraphes.

I siti di ingresso e di impianto di presidi invasivi (per esempio, sistemi di drenaggio, tubo endotracheale,

cannula tracheostomica, cateteri percutanei, presidi vascolari) sono controllati e medicati, seguendo strette

regole di asepsi, ed applicando coperture protettive.

3


PAGINE

5

PESO

210.41 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunto estratto dal programma di preparazione all'esame di Medicina, chirurgia e farmacologia del secondo anno del corso di laurea di infermieristica di Genova.
Il seguente riassunto tratta come da titolo di uno solo degli argomenti (o meglio macro argomenti) richiesti dal programma in chiave medica e chirurgica.
La scelta di introdurre il singolo estratto è data dalla possibilità per chi non fosse interessato a tutto il tomo di risparmiare acquistandolo solo in parte potendo essere utilizzato in tutti i corsi che richiedono un programma simile.

Elenco di tutti gli altri capitoli:
1 addome acuto
2 parete addominale ed ernie
3 patologie dell’esofago e dello stomaco
4 patologie dell’intestino
5 patologie epatopancreatiche
6 patologie della mammella
7 ustioni
8 patologie delle ghiandole endocrine
9 nutrizione
10 approccio al pz traumatizzato
11 lesioni dei tessuti molli
12 complicanze post operatorie
13 post operatorio
14 perioperatoio
15 infezioni ed infezioni di interesse chirurgico


DETTAGLI
Esame: Medicina
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (CHIAVARI, GENOVA, IMPERIA, LA SPEZIA, PIETRA LIGURE, SAVONA)
SSD:
Università: Genova - Unige
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher andrepigreco di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Medicina e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Genova - Unige o del prof Corsini Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Medicina

Medicina e chirurgia: 15 Infezioni di interesse chirurgico
Appunto
Medicina e chirurgia: 3 Patologie dell'esofago e dello stomaco
Appunto
Medicina e chirurgia: 12 Complicanze post operatorie
Appunto
Medicina e chirurgia: 13 Paziente post operatorio
Appunto