Che materia stai cercando?

Riassunto esame Media: Storia e Teoria, prof. Ortoleva, libro consigliato I Giochi e gli Uomini di Caillois Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Media: Storia e Teoria, basato su appunti personali e studio autonomo del testo I Giochi e gli Uomini di Roger Caillois consigliato dal docente Ortoleva. Gli argomenti trattati sono i seguenti: ognuno dei quattro atteggiamenti che presiedono ai giochi: competizione, caso, imitazione, vertigine.

Esame di media: storia e teoria docente Prof. P. Ortoleva

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Entrambe richiedono criteri meticolosi sebbene la modalità di designazione del vincitore è opposta

perché abbiamo visto che in una il giocatore conta solo su sé stesso e nell’altra su tutto tranne che

su sé stesso. Vi sono però giochi come le carte o il domino in cui si trae il piacere di vincere

lottando contra la forza della fortuna .

Agon e alea in questi casi occupano l’ambito della regola. All’altro polo mimicry e ilinx

presuppongono un mondo privo di regola in cui sì vi è la coscienza da parte di chi si traveste ma

anche il raggiungimento dell’oblio .Tuttavia la totalità della vita collettiva poggia su un equilibrio

precario fra l’agon e l’alea , cioè fra il merito e il caso.

I giochi sono dipendenti dalle culture in cui vengono praticati. Ogni comunità ha un gioco preferito

che manifesta i gusti e le tendenze di quel gruppo, ma ha anche lo scopo di educare, di definire le

sue caratteristiche morali o intellettuali. Agon, alea, mimicry i ilinx segnano profondamente i

diversi tipi di società. Mimicry e ilinx sono prerogative di società primitive, mentre alea e agon

sono caratteri tipici di società burocratiche, ossia società ordinate e basate sulla contabilità.

Per passare da una società primitiva ad una burocratica è importante eliminare il primato dell’ilinx e

della mimicry. Ogni qual volta che una cultura cerca di progredire si riscontra una sensibile

regressione delle forze di simulacro e vertigine.

In tutte le società non appena si è raggiunto un certo grado di sviluppo si contrappongono ricchezza

e miseria , potere e schiavitù e l’uguaglianza fra gli uomini resta giuridica ma fittizia . In larga parte

il destino è segnato dalla propria condizione di nascita e molti si rendono conto di poter fare poco

affidamento sui propri meriti. Dunque il ricorso alla fortuna appare come una soluzione e di qui i

giochi d’azzardo o le lotterie. L’alea è di nuovo uno strumento di compensazione dell’agon. Il

ricorso alla fortuna aiuta a sopportare l’ingiustizia di essere nati in condizioni svantaggiate rispetto

ad altri. Teniamo in considerazione anche tutti i concorsi che possono procurare notorietà anche se

in un piccolo gruppo,per un breve periodo.I quiz televisivi non sono altro che una serie di

scommesse in cui la probabilità di vincere diminuisce man mano che la posta in gioco si alza.

Basti pensare alla conseguente partecipazione del pubblico che si identifica nel vincitore ( delega ) .

La delega è una forma degradata della mimicry la sola che possa prosperare in un mondo retto dai

principi del merito e della fortuna . Il vincitore può essere solo uno ed è per questo che molti non

partecipano condividendo la gioia di chi ce la fa ed identificandosi in questi .Di qui il culto della

diva o del campione che senza appoggi sociali ce la può fare .

Dunque il nuovo gioco sociale è definito dalla dialettica fra la nascita ed il merito.

In una società che riesce a liberarsi di mimicry e ilinx, la maschera perde la sua funzione di

metamorfosi. Assume ora un ruolo più basilare, quello di proteggere un’identità.

Le antiche maschere degli stregoni continuano ad esistere nel loup (bautta = maschera tipica.

Presiede ai giochi equivoci di sensualità e mistero) e nel carnevale (esplosione di licenziosità e

scherzi grossolani) oltre che nell’uniforme (nella società moderna rappresenta sempre un

travestimento, ma ufficiale e fa l’individuo servitore di una regola); mentre la vertigine continua a

vivere nei luna park con la copresenza di lotterie e gare. Al luna Park ci si trova in un mondo fuori

dall’ordinario: una folla eccitata e rumorosa, luci e colori e un pandemonio continuo. Viene

spontaneo associare il circo al luna Park, ma il circo ha delle regole ben fisse, ha una sua comunità

ed il suo orgoglio, non si può parlare di gioco ma di connivenza di ilinx (acrobazie) e mimicry

(clown) .

L’importanza ed il fascino del gioco d’azzardo sono indubbi, anche in una società civilizzata in cui

il denaro lo si guadagna lavorando, non tutto insieme e senza fatica. La fortuna è disprezzata perché

si presenta come in lotta e offesa al lavoro ed al merito, rappresenta la pigrizia e tutto quello che

non è impegno. L’arbitrio della sorte è il contrappeso della competizione e per quanto molti stati

l’aborriscano devono comunque concedere un posto.

Schiller è uno dei primi ad aver sottolineato l’importanza del gioco per la storia della cultura

ritenendo il gioco e l’arte frutto di esuberanza e libertà poste all’imitazione della vita reale.

Spencer : “ il gioco è drammatizzazione dell’attività degli adulti “

Wundt : “ Il gioco è figlio del lavoro “. L’idea poi della gratuità e della libertà del gioco venne

ripresa da Karl Gros : il gioco è una creazione di cui il giocatore resta padrone.

Tuttavia Groos insiste sull’aspetto istintuale del gioco e analizzando il comportamento animale

suddivide i giochi in giochi: dell’apparato sensoriale , motorio , dell’intelligenza e del sentimento .

Viene ignorato che il gioco sia fatto di regole e tempo , aspetto questo approfondito da Huizinga ma

già accennato da Piaget ma nessuno di loro accenna al gioco d’azzardo. Certo perché si tratta non di

giochi da bambini ma per esempio Chateau accenna alle biglie il cui gioco presuppone una posta .

Dunque il rischio , l’alea , non è del tutto eliminato. Tuttavia tale aspetto è ignorato nella

classificazione dei giochi come se il bambino non fosse attratto dalla fortuna .

Funzione specifica del gioco non è mai quella di sviluppare una capacità . Le attitudini che sviluppa

sono le stesse che servono per studiare o lavorare.

Chateau classifica i giochi in figurativi,obiettivi e astratti che portano all’arte , al lavoro a allo sport.

La vertigine invece è trascurata tanto quanto il gioco d’azzardo.

La prima è tralasciata alla medicina e l’azzardo alla matematica sviando però l’attenzione dalla

natura del gioco. Quindi può ogni disciplina trarre interesse nel gioco ma perché è il mondo stesso

del gioco ad essere circolare.


PAGINE

5

PESO

52.34 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in culture e letterature del mondo moderno
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher simosuxyeah di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di media: storia e teoria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Ortoleva Peppino.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in culture e letterature del mondo moderno

Riassunto esame Storia dell’arte medievale, Prof. Fabrizio Crivello, libro consigliato Arte delle Città, arte delle corti, autore Enrico Castelnuovo
Appunto
Riassunto esame Storia del cinema, prof. Tomasi, libro consigliato Lezioni di regia, Tomasi
Appunto
Riassunto esame Lingua e traduzione e francese, prof. Cifarelli, libro consigliato La pratica della Traduzione, Podeur
Appunto
Riassunto esame storia dell'arte contemporanea, Prof. Contessi, libro consigliato Filosofie della Metropoli, autore M. Vegetti
Appunto