Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

DIVERTICOLI ESOFAGEI

Test di autovalutazione

Come si possono classificare i diverticoli esofagei?

 Quali sono i sintomi di un diverticolo di Zenker?

 l’endoscopia

Perché deve essere eseguita con particolare

attenzione in caso di diverticoli esofagei?

Quali sono le complicanze di un diverticolo esofageo?

 ACALASIA

dell’esofago

Alterazione neuro-muscolare causante un alterato

rilasciamento dello sfintere esofageo inferiore (LES).

“ rilasciamento”)

(Dal Greco: mancato

 Malattia presente a tutte le età ma più frequente tra i 30 e i 50

anni

Il sesso maggiormente colpito è quello femminile (67%)

 Eziopatogenesi

Il primum movens è ignoto (Distruzione del nucleo ambiguo?

Vagotomia?).

E’ stato osservato una riduzione dei neuroni dei plessi mioenterici

di Meissner e Auerbach in corrispondenza del LES.

Tutta la meccanica motoria della parete esofagea è alterata:

assenza di onda peristaltica primaria

 onde peristaltiche terziarie inefficienti

Mancata apertura dello sfintere esofageo inferiore con ostacolo al

normale transito del bolo alimentare

Anatomia patologica

a

I fase: Parete esofagea normale con ipertrofia della tonaca

muscolare del segmento esofageo inferiore

fase: Iniziale dilatazione dell’esofago a monte del tratto

a

II ipertrofico

fase: Dilatazione massiva dell’esofago con assottigliamento

a

III della tonaca muscolare e della tonaca mucosa.

Parete esofagea a “carta velina”

Sintomatologia

• Alternanza di periodi di esacerbazione e di

remissione, anche in rapporto allo stato psichico

del pz.

• Spesso paradossa: maggiore per i liquidi che per

i solidi (* d.d. con neoplasia)

DISFAGIA

 (“a scatto”

• Si risolve quando si apre il LES per il

peso del cibo)

Rigurgito

 Non sempre presente

Diagnosi

Allargamento del mediastino

Rx torace

 Aumentato diametro esofageo

Alterato transito cardiale

Esofagografia

 Megaesofago atonico (sfiancamento

e allungamento dell’esofago)

Rivela l’atonia e la distensione della parete

Esofagoscopia

 Evidenzia al gravità di un’eventuale esofagite

Onde peristaltiche primarie assenti

Manometria esofagea

 Mancato rilascio del LES

Immagini radiologiche

ACALASIA

Manometria esofagea

Complicanze

• Dimagrimento

• Anemia

• Cachessia

• Bronchite cronica

 GENERALI • Polmonite ab ingestis Rigurgito

• Ascesso polmonare

• Esofagite > ulcere croniche > cancro

 • Emorragie

LOCALI • Perforazione > ascesso mediastinico paraesofageo

Terapia

• Nifedipina: Calcio antagonista che impedisce la

contrazione del LES

 Medica • Nitroderivati: provocano il rilasciamento del LES

• Infiltrazioni intraparietali di tossina botulinica:

provocano la paralisi flaccida del LES

• Sonda + palloncino dilatabile

 Dilatazioni Lacerazione della

pneumatiche parete esofagea

• Complicanze: Incontinenza cardiale con

esofagite da reflusso

 Chirurgia

Cardiasmiotomia extramucosa

longitudinale sec. Heller

+

Plastica antireflusso

(vedi MRGE)

Vie d’accesso:

• Toracica

• Laparotomica

• Laparoscopica (consigliata!!)

ACALASIA

Test di autovalutazione

Che cos’è l’acalasia esofagea?

• Quali sono i sintomi caratteristici?

• Quali esami diagnostici sono maggiormente indicati?

• Quali sono le strategie terapeutiche possibili?

MALATTIA DA REFLUSSO

GASTRO-ESOFAGEO

La malattia da reflusso gastro-esofageo (MRGE) è dovuta al

nell’esofago.

passaggio del contenuto gastrico

E’ spesso confusa con patologie affini ma non coincidenti, come

l’ernia l’esofagite.

iatale da scivolamento e l’equilibrio

La MRGE insorge quando fisiologico tra fattori

aggressivi e protettivi si altera a favore dei primi, consentendo un

prolungato contatto del materiale di provenienza gastrica con la

mucosa esofagea. Fisiopatologia

 Disfunzioni dello sfintere esofageo inferiore (LES)

La maggior parte (60-70%) degli episodi di reflusso sono correlati

con rilasciamenti transitori, spontanei ed inappropriati del LES,

non evocati dalla deglutizione.

 Pilastri diaframmatici

un’ernia

La presenza di iatale impedisce ai pilastri del diaframma

una corretta opposizione agli aumenti pressori intraddominali.

dall’acido

 Clearance esofageo un’alterazione

Una peristalsi esofagea insufficiente ed della

secrezione salivare provocano un prolungato tempo di contatto fra

il materiale gastrico e la mucosa esofagea.

 Agenti lesivi e resistenza della mucosa esofagea

L’acido gastrico, i sali biliari, la pepsina e gli enzimi pancreatici

provocano un danno alla mucosa esofagea, causando una diminuita

efficienza della barriera epiteliale.

Le ghiandole mucosecerneti esofagee svolgono un ruolo protettivo

nei confronti degli agenti lesivi, specialmente durante il sonno.

 Svuotamento gatrico

Un ritardato svuotamento dello stomaco, con ritenzione di acido e

alimenti per lungo tempo nel lume, è un fattore importante nella

patogenesi della MRGE.

 Reflusso duodeno-gastrico

(E’ un’alterazione

dovuto ad della coordinazione antro-piloro-

duodenale. Il ruolo el reflusso duodeno-gastrico è controverso)

Anatomia patologica

ESOFAGITE DA REFLUSSO

all’irritazione

Lesione legata chimica della mucosa esofagea in

seguito al contatto con il contenuto acido gatrico e/o alcalino

duodenale (per acloridria, gastrite atrofica, dopo chirurgia gastrica,

ecc.).

E’ indicativa di MRGE.

Aspetti MICROSCOPICI

 allungamento delle papille

 aumento di spessore dello strato basale epiteliale

 presenza di infiltrato infiammatorio

 comparsa di cellule squamose ingrandite, di aspetto pallido

 strato squamoso con spessore diminuito

Aspetti MACROSCOPICI

 Esofagite eritemato-edematosa (I° GRADO)

 Esofagite ulcero-emorragica (II° GRADO)

 Esofagite sclero-cicatriziale (III° GRADO)

ESOFAGO DI BARRETT

Lesione caratterizzata da metaplasia ghiandolare (con epitelio

cilindrico colonnare) della mucosa esofagea.

dell’esofagite

Viene considerata una conseguenza da reflusso

cronica e una lesione a rischio per lo sviluppo di

un’adenocarcinoma dell’esofago (5-6% dei casi).

Sintomatologia

SINTOMI TIPICI SINTOMI ATIPICI

• Anemia

• Pirosi • Ematemesi

• Rigurgito • Disfagia

• Eruttazione • Chest pain (dolore retrostenale)

• Nausea, vomito • Disturbi respiratori

• Odinofagia • Disturbi ORL

Diagnosi

 ESOFAGO-GASTROGRAFIA (con bario)

Successione di radiogrammi che possono evidenziare il momento

del reflusso del materiale gastrico in esofago.

 ESOFAGOSCOPIA

Rivela: la beanza del cardias ed il reflusso gastro-esofageo

dell’esofagite

la presenza ed il grado (+ biopsie)

l’eventuale stenosi cicatriziale

 MANOMETRIA ESOFAGEA

Documenta l’ipotono del LES

 pH-METRIA

Documenta la presenza e la durata di un pH anomalo in sede

esofagea

La pH-metria nelle 24 ore evidenzia il numero e la durata degli

episodi di reflusso gastro-esofageo.

 COLESCINTIGRAFIA (con Tc marcato)

Evidenzia la presenza di acidi biliari in esofago in caso di reflusso

bilio-gastro-esofageo (causante esofagite alcalina)


PAGINE

44

PESO

1.28 MB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodologia Clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Ambrosi Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Metodologia clinica

Semeiotica Medica - Cartella Clinica
Dispensa
Anamnesi - Semeiotica medica
Appunto
Addome Acuto - Semeiotica Chirurgica
Appunto
Semeiotica Chirurgica - Tiroide parte 2
Dispensa