Che materia stai cercando?

Malattie del sangue

Appunti di infermieristica specialistica basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Rasero dell’università degli Studi di Firenze - Unifi, facoltà di Medicina e Chirurgia, Corso di laurea in infermieristica. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Infermieristica specialistica docente Prof. L. Rasero

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Severa;

 Complicazioni: coliche biliare (se si presenta un pz di 13 anni accusando coliche

 renali e con Hb bassa si pensa all’anemia, perché è difficile che a 13 si abbiano

le coliche), la splenectomia migliora enormemente la qulità di vita del pa.

Togliendo la milza dove avviene a distruzione dei GR e quindi si allunga la vita in

circolo degli sferociti.

Anemia falciforme

Un soggetto potrebbe stare bene fino a ce non sale di quota e quindi può avere un

infarto.

Trattamento acuto:

ossigenoterapia, morfina per la terapia dolorosa perché cambiando gli atti respiratori

gli potrebbe dare dolore,

anemia da carenza di G6PDH, molto frequente in sardegna, rende i GR sensibili

all’emolisi. Questo enzima si trova sul cromosoma X quindi l’uomo può essere o sano o

malato…

può essere provocata dall’assunzione di fave o piselli…

Neoplasie linfoproliferative croniche.

Leuemie acute

Le cellule presenti in questa malattia sono le cellule blastiche.

Il sangue viene chiamato sangue bianco per l’accumulo di cellule mieloidi o linfoidi.

Per quanto riguarda il termine “leucemia acuta”, questo si riferisce sia all’insorgenza

improvvisa, sia alla progressione rapida.

Come abbiamo già detto le leucemie acute possono essere di tipo mieloide o linfoide,

oggi abbiamo delle metodiche per la distinzione, che è importante perché

determinano una scelta terapeutica diversa.

Sono patologie complesse ma rare (3% di tutti i tumori) ma sono i più frequenti in età

pediatrica (soprattutto LAL).

Nel bambino si riesce ad avere una risposta positiva alla terapia per la LAL del 70-80%

dei casi, mentre negli adulti nel 5-10% dei casi.

Nell’adulto prevale la LAM.

Nei pz che hanno subito un trattamento per un altro tumore la leucemia può essere un

tumore secondario dovuto alla prima chemio-terapia. Per es la cura del tumore di

Hodking dopo 10-20 anni portava ad alcune leucemie secondarie.

Alcuni chemioterapici hanno tossicità epatica, per cui l’anziano non riesce a tollerarli

allo stesso modo dei più giovani.

Eziologia, fattori ambientali:

Leucemie secondarie a benzene (componente di collanti utilizzati per incollare

 le scarpe, che prima veniva fatto a casa, magari in cucina, e la concentrazione

di questi benzene raggiungeva livelli elevati, che non erano raggiunti nelle

fabbriche, e queste danne ad un certo punto sviluppavano una forma di anemia,

tolti questi collanti è scomparso questo tipo di leucemia).

Farmaci antineoplastici.

 Agenti virali.

 Fattori genetici, S down (con incidenza superiore a quella dei bambini di stessa

 età senza sindrome di down), anemia Fanconi…

Al microscopio ciò che colpisce è l’eterogeneità, quindi nascono da una sola cellula

blastica, che poi non maturano e quindi non muoiono.

L’Ht è basso in una persona con leucemia.

In un pz con leucemia acuta le manifestazioni possono essere riportate a tre punti:

Insufficienza midollare, perché i blasti leucemici finiscono per inibire l’emopoiesi

 normale, il midollo può essere completamente sovvertito e sostituito da cellule

blastiche. Il midollo non produce più cellule normali, quindi si avrà: neutropenia

-> infezioni (sono frequenti, per la leucemia stessa ma anche causate da

chemioterapia), anemia -> pallore, astenia…, piastrinopenia -> emorragie

(epistassi, o ematomi, che possono essere sintomi di esordio e a volte causa di

morte del pz);

Segni e sintomi sistemici, compromissione sistemica, sudorazioni profuse,

 febbre non settica, …

Infiltrazione d’organo, perché la leucemia è in grado di metastatizzare (questo

 termine è improprio per le leucemie, perché le cellule del sangue solitamente

stanno in tutti gli organi, per questo, infatti, viene chiamata, è un’infiltrazione),

sono più tipiche in quelle leucemie il cui progenitore è un monocita, perché nella

normalità questi si trasformano in macrofagi (è una funzione, quindi, che i blasti

hanno conservato della cellula normale, perché fa quello che avrebbe fatto la

cellula normale dalla quale originano). Milza efegatoi -> epato-splenomegalia;

linfonodi -> linfoadenomegalia, mucose -> ipertrofia gengivale, cute -> lesioni

papulari, SNC-> meningosi (tipica soprattutto nelle LAL, ma anche nelle LAM.

Testicoli e SNC -> santuari (perché le cellule blastiche in queste non vengono

attaccate, sembrano protette, infatti oggi, nell’adulto, ma soprattutto nei

bambini viene fatta la profilassi del SNC, e questo ha aumentato la prognosi di

guarigione, soprattutto nei bambini, a distanza di anni), possono essere la causa

di recidiva della malattia.

LAM -> rischio emmorragico, petecchi, si cerca di trasfondere con piastrine intorno a

10.000-15.000 piastrine, altrimenti il pz potrebbe diventare refrattario alle trasfusioni,

ma se abbiamo presenza di febbre o sanguinamenti, in pz per es con 20.000 piastrine,

si trasfonde con livelli più elevati di piastrine.

I pz leucemici non hanno una buona risposta alle infezioni.

L’infiltrazione di cellule leucemiche nel SNC può portare a paralisi facciale.

Diagnosi:

Nella maggior parte dei casi la diagnosi si fa con il solo esame dello striscio di sangue.

Talvolta ci può essere un livello di GB normali, normopiastrinopenia ma ciò che non è

normale è che sono tutti blasti, quindi va osservata la forma.

*Aggiungere lo schema di classificazione FAB delle leucemie acute

mieloidi

Importante la leucemia M3 o promielocitica. Un nuovo tipo di leucemia acuta

molto aggressiva e con decorso rapidamente fatale con rischi di morte nel 50%

dei casi nel giro di 48h perché aveva un rischio di SINDROME DI

COAGULAZIONE DISSEMINATA (CID) elevata.

Questa leucemia prima rara è più frequente nella popolazione cinese.

2 ematologi cinesi allora hanno cominciato a cercare una cura, e la loro filosofia

era quella della “persuasione”, ovvero, non avendo un chemioterapico che

distruggesse la cellule blastiche l’obiettivo non era quello di distruggerlo ma

quello di far maturare, e quindi far trasformare in neutrofili le cellule blastiche.

Quello che è venuto fuori poi (antecdente nella storia di questa leucemia, nei

pz c’era una traslocazione dal cromosoma 15 al 17, scoperto da una

ricercatrice) la traslocazione avviene a carico di 2 geni che porta alla

formazione di una nuova proteina tumorale, la PML/RARα. Nel momento in cui

do al pz una quantità oltre quella fisiologica di acido ultransaretinoico permette

di bloccare il normale procedimento .. un’altra sostanza che funziona è

l’arsenico (triossido di azoto). Oggi si sta andando in un futuro dove questa

leucemia può essere curata senza chemioterapia.

È importante quindi la giusta diagnosi di leucemia. Il 5% dei pz non risponde

alla terapia con ATRA, perché presenta una variante genetica e quindi alla

diagnosi spesso si fa seguire l’esame genetico.

Prognosi delle leucemie acute:

La prognosi dipende da fattori:

 -…

Concetti generali di terapia:

Terapia di supporto;

 Terapia antileucemica di induzione;

 Terapia antileucemica di consolidamento / mantenimento;

 Profilassi delle sedi <santuario>

 Trapianto di cellule staminali (Allo/Auto).

Quello che non possiamo prevenire è il pz stesso, perché il pz ha addosso

diversi microrganismi che anche se noi prendiamo diverse precauzioni, quali

metterlo in una stanza singola, con acqua e condizionamento controllate, ecc,

non possiamo controllare la flora batterica del pz. O comunque il pz potrebbe

essere stato ricoverato in pneumologia perché si era sospettata una polmonite

e non una leucemia e quindi potrebbe avere addosso dei microrganismi

resistenti agli antibiotici che si trovano in pneumologia.

Oggi nei pz anziani si utilizzano chemioterapie a scopo palliativo.

*classif. LAM.

Sindromi mieloproliferative croniche

Derivano da una cellula emopoietica alterata, data questa derivazione abbiamo

un interessamento di intensità diversa di tutto il torrente circolatorio. Abbiamo

un interessamento dei linfociti B e talvolta anche di quelli T che derivano

appunto dalla cellula staminale, o una vicina a questa, molto immatura. Questa

sindrome può essere considerata “pre-leucemia acuta”.

Quello che è caratteristico è l’aumento dei basofili nel sangue, quindi

guardando la formula leucocitaria si può fare diagnosi subito, perché non esiste

altra patologia dove i basofili aumentano così.

Segni:

Astenia, anoressia, perdita di peso,

 Splenomegalia,

 Epatomegalia,

 40%asintomatici…

Segni di prograssione:

Astenia, anoressia, perdita di peso ingravescente,

 Splenomegalia progressiva, non responsiva alla terapia,

 Febbre non infettiva,

 Dolori ossei,

 Ridotta sensibilità…

Se prima non si riusciva a curare né evitare la progressione, oggi la terapia è

considerata il primo esempio di terapia diretta alle cellule tumorali.

Il cromosoma Philadelphia è un marcatore di sindrome mieloproliferativa

cronica.


PAGINE

9

PESO

26.48 KB

AUTORE

engyfro

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher engyfro di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica specialistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Rasero Laura.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica specialistica

Urologia medica
Appunto
Infermieristica Clinica Specialistica, Urologia
Appunto
Infermieristica Clinica Specialistica Reumatologia
Appunto
Infermieristica in ginecologia
Appunto