Che materia stai cercando?

Linguistica - integrazione creta minoica - il disco di festo Appunti scolastici Premium

Appunti per l'esame di linguistica, professor GIulio Facchetti, corso di laurea in scienze della comunicazione. L'argomento trattato è il disco di festo, plasmato con argilla e cotto intenzionalmente dopo la scrittura, con spiegazioni e interpretazioni a riguardo.

Esame di Linguistica italiana docente Prof. G. Facchetti

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Appendice II

Il contenuto del disco di festo si attiene a registrazioni o assegnazioni di quantità di generi

alimentari, quindi è di tipo non amministrativo.

Il verso di lettura del disco va dalla periferia al centro e la faccia A precede nell’ordine di lettura la

faccia B.

Sul disco tutti i segni asimmetrici raffiguranti umani o animali “guardano” verso quella che

sarebbe l’origine del rigo, e non verso la fine, come è norma ben nota per altre scritture con

caratteri iconici.

Il carattere è quasi certamente di tipo sillabico e la cosa più sconcertante è la mancanza di

qualsiasi connessione attendibile con altre scritture cretesi o dell’intero bacino del Mediterraneo.

Il disco di Festo è stato plasmato con argilla e cotto intenzionalmente dopo la scrittura. Il testo si

svolge a spirale e la linea che delimita il rigo è stata incisa con una specie di stilo; si tratta

probabilmente del primo caso di iscrizione realizzata con l’aiuto di caratteri mobili.

L’interpretazione di un testo scritto non pone problemi al soggetto che conosce la scrittura e la

lingua ma, quando queste conoscenze vengono a mancare, sorgono grosse difficoltà, classificabili

su tre livelli:

scrittura nota e lingua ignota è il caso in cui la documentazione disponibile sia scritta in

- un codice conosciuto, ma la lingua, estinta, sia poco o per niente comprensibile.

scrittura ignota e lingua nota è il caso in cui la documentazione scritta è composta da

- un codice sconosciuto o “dimenticato”, ma si conosce come dato certo o altissimamente

probabile qual è la lingua soggiacente.

scrittura e lingua ignote ne è un esempio il disco di Festo, in cui si legge e non si

- capisce.

Possiamo identificare due gruppi fondamentali di “approcci” al problema della “lettura” dei segni

1. ipotesi del codice puramente ideografico

2. ipotesi del codice propriamente scrittorio (ideografico o fonetico)

il 1° “metodo”, assume che la scrittura del disco di Festo non sia una scrittura vera e propria,

bensì una sequenza di ideogrammi. Tale “metodo” consiste nel reputare che ogni segno trascriva

una parola o un concetto.

Il 2° metodo, o “del codice scrittorio”, identifica la scrittura del disco in uno dei due grandi gruppi

dei sistemi di scrittura; cioè tra i codici ideografici oppure tra i codici fonetici.

I problemi sorgono quando si cercano di attribuire valori fonetici o semantici ai segni. Quando

l’attribuzione del valore a ciascun segno non è spudoratamente ingiustificata, essa è ottenuta

tramite uno di questi sistemi:

I. attribuzione basata sulla più o meno remota rassomiglianza dei segni del disco con quelli di

un’altra forma di scrittura viene impiegato, come termine di confronto, l’insieme dei

sillabogrammi delle scritture lineari minoica o micenea.

II. attribuzione basata sul metodo acrofonico attribuisce dei valori ai segni. Si fonda sul

presupposto di aver “intuito” quale sia la lingua soggiacente.

Un attento confronto tra i gruppi del disco permette di ipotizzare l’identificazione di elementi

morfematici, la loro ricorrenza si può verificare attraverso accostamenti diversi.

Finchè disporremo di questo solo documento isolato, la via da percorrere verso un eventuale

tentativo di interpretazione si potrà immaginare come una specie di labirinto. Una volta entrato

nel “labirinto” del disco la prima scelta è di doverlo considerare un documento autentico o una

falsificazione. Non esistono motivi per sospettare che sia un falso.

Proseguendo, ci troviamo di fronte ai due cunicoli relativi al sistema di scrittura: ideografico o

fonetico. Le scritture sono fonetiche.

Dopo questo bivio continuando la nostra “traversata” ci troviamo di fronte ad una serie infinita di

cunicoli. Infatti bisogna scegliere fra il numero mostruosamente alto delle combinazioni di valori

sillabici che si possono attribuire ai segni.

Appendice III


PAGINE

2

PESO

58.14 KB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Facchetti Giulio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Linguistica italiana

Riassunto esame Linguistica Italiana, prof. Facchetti, libro consigliato Le Lingue e il Linguaggio, Graffi, Scalise
Appunto
Riassunto esame Linguistica Italiana, prof. Facchetti, libro consigliato Manuale di Linguistica Generale, Berruto
Appunto
Linguistica - fondamenti di tipologia linguistica
Appunto
Linguistica - Creta Minoica
Appunto