Che materia stai cercando?

Linguistica applicata - Favretti - Appunti

Appunti di Linguistica applicata comprendenti riassunti del libro redatto da Favretti con particolare attenzione ai seguenti argomenti trattati: mediazione tra teoria ed empirismo, l’atto comunicativo immerso nella realtà socio-culturale, storia della linguistica applicata, iodioma, codice frutto di convenzioni sociali,... Vedi di più

Esame di Linguistica italiana docente Prof. P. Scienze letterarie

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Precedente e il successivo (formanti gruppi per suffisso,desinenza,

analogia di significato)

L.ESTERNA analisi delle realtà extra-linguistiche (etnica, geografia, cultura)

__ Secondaria e trascurata

5

CIRCUITO DELLA PAROLA

A (soggetto parlante) B

(soggetto parlante)

1 PROCESSO PSCICHICO 4 PROCESSO

FISIOLOGICO

un CONCETTO viene associato ad una l’orecchio trasmette

l’IMMAGINE

IMMAGINE ACUSTICA ACUSTICA al cervello

2 PROCESSO FISIOLOGICO 5 PROCESSO PSICHICO

L’IMM.AC. viene trasmessa agli organi l’IMMAGINE viene associata ad

un fonatori CONCETTO

3 PROCESSO FISICO 6

Le onde sonore si propagano da A a B se B parla a sua voltasi ri-ha il processo

di A

STRUTTURALISMO AMERICANO

DISCIPLINA SCIENTIFICA e LINGUISTICA

ANTROPOLOGICA

Empirismo: studio sulle popolazioni lingua legata alla cultura

Indigene

Insufficienza della grammatica a ________________ necessità di una

prospettiva

Spiegare la lingua sociale

VS Chomsky IPOTESI SAPIR-WHORF

Concezione deterministica della lingua

-l’uomo è capace di concettualizzare solo

tramite le categorie della lingua natia;

-le categorie sono imposte dalla collettività;

-NO attività indipendente dell’individuo;

L. BLOOMFIELD

Influssi del Positivismo:

- PROCEDIMENTO INDUTTIVO osservazione dei dati alla base dello studio linguistico

- MECCANICISMO

1

FISICISTA adozione di tecniche e procedure della Fisica

2

COMPORTAMENTISTICA l’atto comunicativo è imprevedibile data la

complessità del corpo umano e impossibilità di conoscere ogni

evento (stimolo) dell’individuo sin prima della nascita

DISCORSO = STIMOLO + RISPOSTA

il SIGNIFICATO del discorso è dato dagli stimoli ricevuti dal parlante

è necessario analizzare la SITUAZIONE in cui si svolge l’evento comunicativo

(analisi delle componenti esterne in relazione a quelle interne all’atto comunicativo)

Il DISCORSO è diviso in 3 parti:

A - PARLANTE muove le corde vocali, forma onde sonore;

B - TRASMISSIONE delle onde sonore ai padiglioni auricolari dell’ascoltatore;

C - ASCOLTATORE riceve le onde sonore che hanno effetto sui nervi;

B è il discorso - A e C sono la situazione e forniscono il significato di B

3 DISTRIBUZIONALISTA le limitazioni poste dalla conoscenza di ogni evento

dell’ Individuo dalla nascita è superata dall’osservazione di una

(corpus)

Massa di dati campionando gruppi di possibili

eventi Comunicativi: CLASSI DISTRIBUZIONALI

ANALISI DELLA STRUTTURA - CONCEZ.

SINTAGMATICA ESEMPIO DI JACK e JILL

A - Jill ha fame. Vede una mela sull’albero.

B - Emette un rumore con la laringe, la lingua e le labbra.

C - Jack capisce, sale sull’albero, prende la mela, la da a Jill. Jill mangia la mela.

-la reazione di Jack non era prevedibile – esiste un a gamma infinita di possibilità;

-si analizza il contesto (elementi che precedono e seguono nell’enunciato –

analisi del sintagma);

- ogni enunciato è segmentato in unità minori, COSTITUENTI IMMEDIATI

(CI);

- ogni CI è classificato nella rispettiva CLASSE DISTRIBUZIONALE

(ogni stimolo viene classificato e vi corrisponde una serie di reazioni

possibili);

NOAM CHOMSKY

1

MODELLO FILOSOFICO-DIALETTICO

2

PROGRAMMA MINIMALISTA

- riduce al minimo le nozioni non fondamentali;

- riduce le derivazioni sistematiche dei concetti basilari;

3

RIFIUTO DELLA DESCRIZIONE FISICISTA

- esiguità degli stimoli corporei rispetto alla ricchezza delle risposte comportamentali;

- NO classi distribuzionali \MA ricerca di standard universali;

- NO influsso del contesto socio-culturale\ MA ipotesi innatistica

INNATISMO CARTESIANO

Esiste una GRAMMATICA innata e universale negli uomini

COMPETENZA (langue) Saussure

PERFORMANZA (parole)

prestazione, attuazione

(ciò che auspica l’educazione linguistica) -

della

nozione intuitiva della lingua; competenza;

- esecuzione

imperfetta;

COMPETENZA GRAMMATICALE

- capacità creativa e innata dell’individuo

di capire, creare e decidere espressioni

linguistiche (PAROLE e REGOLE,coesione

e coerenza____”operazioni”);

- è GRAMMATICA GENERATIVA

intesa sia come teoria della lingua sia

come descrizione di questa;

- 3 componenti costitutive:

-SINTASSI (privilegiata);

-FONETICA;

-SEMANTICA;

COMPETENZA PRAGMATICA

- ritenuto secondario l’utilizzo di

Informazioni extra-linguistiche;

TRASFORMAZIONALISMO

- BASE ;

struttura P(rofonda) alla base di ogni frase

- TRASFORMAZIONI Operando combinazioni a partire dalla struttura P(rofonda)

Con altri elementi, strutture S(superficiali), si ottengono le altre frasi;

TEORIA REVISIONATA

Fenomeni linguistici spiegabili sulla base di regole:

-CORE GRAMMAR fenomeni principali;

-PERIFERICAL RULES fenomeni marginali;

SCUOLA BRITANNICA

- matrice antropologica: LINGUA + CULTURA (NO DETERMINISMO WHORFIANO)

JOHN RUPERT FIRTH

1

CONTESTO DI SITUAZIONE

(“just language turned back on itself”)

- Costruzione schematica da applicare nell’analisi dei fatti linguistici per

comprendere il SIGNIFICATO

- Fornisce un approccio globale alla comunicazione

categorie

È costituito da :

1 - caratteristiche delle persone e delle personalità:

atti verbali e non-verbali;

2 - oggetti rilevanti;

3 - effetti delle azioni verbali;

funzioni componenti

È composto da :

una determinata forma linguistica corrisponde a un determinato contesto

- le funzioni non sono organizzate gerarchicamente;

- unico collegamento fra loro la coerenza finale dell’analisi ;

(analisi spettroscopica)

2

PERSONALITA’ DEI PARTECIPANTI

- Fornisce un approccio psicosomatico ESSENZIALE all’analisi;

- Incontro fra componente: ed

LINGUISTICA EXTRA-LINGUISTICA

NATURE

NURTURE

Eredità biologica e fisica processo di socializzazione

3

ANALISI DEL TESTO

- interrelazioni fra fattori esterni ed interni;

- Ricerca delle TIPICITA’: stretto legame fra LESSICO e SINTASSI

COLLOCATION e

COLLIGATION

Analisi sintagmatica Analisi paradigmatica

relaz. lessicali relaz.

sintattiche

- Posizione delle parole nelle frasi - interrelazione fra categorie

più comuni sintattiche

- fornisce un significato diverso da - secondaria rispetto

all’analisi

quello contestuale sintagmatica

il SIGNIFICATO delle parole sta nel loro uso (trasmissione culturale)

FORMA e SIGNIFICATO sono inscindibili

LINGUISTICA FUNZIONALE

SCUOLA DI PRAGA

- LINGUA non solo come sistema unitario regolato da regole interne

ma anche da rapporti con l’esterno;

- approccio funzionale per descrivere la complessa attività linguistica;

R. JAKOBSON COMUNICAZIONE LINGUISTICA

1

6 FATTORI della comunicazione CONTESTO

A cui si riferisce il

MESSAGGIO

perché possa essere compreso

EMITTENTE-------------------------------------------------------------------------------

DESTINATARIO CODICE

io

tu almeno parzialmente comune agli interlocutori

CANALE

contatto fisico o psicologico fra i parlanti

sono universali a tutte le lingue;

-

- tutti ugualmente essenziali per la comunicazione;

2

6 FUNZIONI corrispondenti REFERENZIALE

POETICA

(Massima realizzazione del rapporto suono-senso)

EMOTIVA------------------------------------------------------------------------------

CONATIVA METALINGUISTICA

FATICA

M. A. K. HALLIDAY

- influenze della scuola di Praga e della scuola britannica;

- approccio funzionale, sistemico e grammaticale;

- nessuna distinzione fra linguistica teorica e applicata

- indirizzato a sviluppi pratici delle sue formulazioni;

1

GRAMMATICA FUNZIONALE

- Descrizione delle modalità d’uso del linguaggio;

- grammatica “naturale”- ogni spiegazione rimanda alle modalità d’uso ;

(VS formale)

- la funzionalità consiste nell’interpretazione di:

- testi (come si realizzano nel contesto d’uso);

- sistema linguistico (evoluzione del linguaggio che porta al sistema);

- elementi della struttura linguistica;

2

PROSPETTIVA PARADIGMATICA

- LINGUA come sistema, rappresentazione dei legami paradigmatici ;

(+ Firth)

- LINGUA non arbitraria;

- LINGUA regolata da METAFUNZIONI ( ):

manifestazioni dei compiti della lingua

1- IDEAZIONALE (significato riflessivo)

Comprendere l’ambiente (

rappresentazione mentale di processi

);

reali -processo ;

categorie semantiche (gruppo verbale)

-partecipanti ;

che spiegano come le (gruppo nominale)

-circostanza ;

astrazioni avvengono (sintagma preposizionale, avverbi…)

2- INTERPERSONALE (significato attivo)

Interazione con la società ( );

espressione comunicativa

3- TESTUALE (portatrice del messaggio)

Tramite fra discorso e ambiente;

3

SVILUPPO SEMIOTICO

- SIGNIFICATO come fenomeno sociale e culturale;

solo

- si impara a significare tramite l’interazione e l’esperienza fra individui:

(vs chomsky, ipotesi innatistica) DIALOGO

Momento centrale nella formazione del significato e del segno

Base per imparare ad imparare

Importanza della quotidianità e della pratica

PRAGMATICA

LINGUISTICA INTERNA +

LINGUISTICA ESTERNA

Lingua come sistema

contestualizzazione

Comprensione e competenza necessità di considerare

l’enunciato

( ) In un contesto per

Saussure Chomsky

interpretarlo (

Bloomfield, Firth, linguistica

funzionale)

C. MORRIS

SEMIOTICA = SINTASSI + SEMANTICA +

PRAGMATICA

Scienza dei segni rapporti fra segni rapporti fra segni e oggetti rapporti fra segni e

utenti (combinazioni) a cui si applicano (condizioni (utilizzo della

lingua) di verità della lingua)

il significato di un enunciato sta nel suo uso

LINGUISTICA DEL DISCORSO

1

DEISSI (o INDICALITA’)

- elemento universale a tutte le lingue;

- elemento di un enunciato che per la comprensione rimanda al contesto

situazionale;

- si costruisce un riferimento cartesiano attorno al PARLANTE;

Il sistema di riferimento

[origo, hic,ego, nunc]

Il PARLANTE diviene il centro del

discorso e attorno a lui costruisce

un sistema di coordinate

spazio-temporale e sociale entro il

quale assoggetta la realtà

DEISSI DI PERSONA identifica i ruoli dei partecipanti nel discorso

pronomi personali: “io” e “tu” del discorso;

flessioni verbali;

DEISSI TEMPORALE identifica i rapporti fra parlante e tempo dell’enunciazione o

dei fatti descritti

avverbi, espressioni temporali;

tempi verbali;

DEISSI SPAZIALE identifica i rapporti fra parlante e spazio in cui si svolge il

discorso Avverbi, dimostrativi;

DEISSI PROSSIMALE vicino al locutore;

DEISSI DISTALE lontano dal locutore;

DEISSI SOCIALE pronomi di cortesia, forme onorifiche

DEISSI TESTUALE (o del discorso) identifica parti del testo a cui si riferisce

2

TEORIA DEGLI ATTI LINGUISTICI

J. L. AUSTIN

- Empirismo oxionense \ filosofia analitica;

ENUNCIATO

PERFORMATIVO - per FARE

CONSTATATIVO - per DIRE

Felicità \ infelicità dell’enunciato verità \ falsità

dell’enunciato

-PERFORMATIVO ESPLICITO

1° persona singolare-indicativo presente

“ti prometto che ci sarò”

-PERFORMATIVO IMPLICITO primario

Tempi e avverbi differenti

“ci sarò” Superamento della dicotomia

CONSTATATIVI integrabili nei PERFORMATIVI e nel criterio di felicità \ infelicità

DIRE e FARE parti integranti dell’ ATTO DI DISCORSO GLOBALE

1

ATTO LOCUTORIO (DIRE)

Enunciazione di una frase

ATTO FONETICO

Produrre suoni (indipendente dagli altri atti)

ATTO FATICO

Impostare tono, scegliere vocaboli(necessita a. fonetico)

ATTO RHETICO

Attribuire significato ai termini pronunciati (necessita a. fatico)

2

ATTO ILLOCUTORIO (FARE)

Azione compiuta nell’enunciazione

Promettere, ordinare…

varia in base al contesto di enunciazione

3

ATTO PERLOCUTORIO (EFFETTO)

Effetto prodotto dall’atto locutorio

Persuadere, ordinare, irritare…

J. S. SEARLE

- rielaborazione delle tesi austiniane;

1 ATTO LINGUISTICO = ATTO ILLOCUTORIO

Contenuto preposizionale forza illocutoria dell’enunciato

BASE DELLA COMUNICAZIONE

ATTO FONETICO e ATTO FATICO = ATTO ENUNCIATIVO;

ATTO RHETICO = ATTO PREPOSIZIONALE

- RIFERIMENTO AL MONDO ESTERNO

- PREDICAZIONE

2

ENUNCIATI PERFORMATIVI

Nuova sistematizzazione – classificazione per gruppi:

-rappresentativi sostenere comunicare annunciare (presuppone conoscenze ante-discorso)

-direttivi pregare ordinare annunciare (far compiere delle azioni)

-commissivi promettere offrire minacciare (impegnarsi in una azione futura)

-espressivi ringraziare salutare augurare (esprimere stati psichici)

-dichiarativi nominare battezzare (chi parla ha un determinato potere)

3

ATTI LINGUISTICI INDIRETTI

- forza illocutoria non diretta;

- necessita CAPACITA’ INFERENZIALI del destinatario per la comprensione;

- presuppone una INTENZIONALITA’ dell’emittente nel proferire un messaggio;


PAGINE

27

PESO

156.87 KB

AUTORE

Exxodus

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Linguistica applicata comprendenti riassunti del libro redatto da Favretti con particolare attenzione ai seguenti argomenti trattati: mediazione tra teoria ed empirismo, l’atto comunicativo immerso nella realtà socio-culturale, storia della linguistica applicata, iodioma, codice frutto di convenzioni sociali, segno linguistico.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere moderne
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Exxodus di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Scienze letterarie Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lettere moderne

Riassunto Esame: storia del cinema. Libro consigliato: Il cinema percorsi storici e questioni teoriche
Appunto
Dispense esame Dialettologia italia, prof. Ugo Vignuzzi, A.A. 2014/2015
Dispensa
Riassunti esame Storia romana I, prof. Thornton, libro consigliato Storia di Roma dalle origini alla tarda antichità, Arcuri, Caliri, Giuffrida, Lewin, Marino, Mastrocinque, Mecella, Molè, Motta, Pinzone, Roberto, Sassu, Thornton
Appunto
Riassunto esame Letteratura italiana, prof. Zancan, libro consigliato Breve storia della letteratura italiana II, L’Italia della Nazione, Asor Rosa
Appunto