Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1. Variazione situazionale o diafasica: dipende dalla situazione comunicativa nella

quale si usa la lingua. (es: registro familiare o informale).

2. Variazione diatopica: dipende dalla regione proveniente dei parlanti e dalla loro

distribuzione geografica. (es: varietà regionali)

3. Variazione sociale o diastratica: determinata dalla posizione che il parlante occupa

nella stratificazione sociale. (es: gergo). Quando i bambini cominciano a parlare non

scelgono la lingua da imparare, ma acquisiscono la lingua con la persona più vicina, che in

genere è la madre. È la nostra lingua materna, chiama varietà primaria (Primärvarietät),

che caratterizza la provenienza geografica, etnica e socioculturale della persona.. accanto

ad essa si aggiungono varietà secondarie (Sekundärvarietäten), che riguardano gli

interessi, le occupazioni, le scelte intenzionali di appartenere ad un determinato gruppo.

Queste varietà sono come degli strati che si vanno a sovrapporre alla varietà primaria e si

caratterizzano sul piano del lessico e della fraseologia. Le varietà sono quindi

caratterizzate da tratti linguistici e allo stesso tempo sociali.

Linguaggio dei giovani (Jugendsprache)Fenomeni che si registrano e che vengono

lamentati:

a. Sprachwandel: Beispiele (indica un cambiamento, parola usata dai linguisti)

b. Bewertung des Sprachwandels: Positionen und Akteure

c. Sprachgeschichte

Il linguaggio giovanile non è un vero e proprio linguaggio ma un modo di comunicare che

rappresenta uno stile nelle modalità conversazionali e può avere funzione di delimitazione

dagli adulti, di identificazione per i membri di uno stesso gruppo giovane, di interessi e valori

in comune. La varietà giovanile viene usata a seconda delle persone coinvolte nella

comunicazione e delle situazioni. I giovani contribuiscono al cambiamento della lingua, poiché

producono via via delle varietà linguistiche che si offrono come alternative alla lingua

standard, o ne entrano a far parte. Negli anni ’80 , la parola <Geil> (eccitante sessualmente),

era la parola più utilizzata dai giovani. 10 anni dopo, la si poteva leggere sui giornali, o sentire

in televisione. Altri esempi: Affengeil – Endgeil – Krass Endgeil (Molto Forte, Figo)/ Cool (Figo)/

Karriero (Persona Che Pensa Solo A Fare Carriera)/ Voll Der Hammer (Martello)/ Meghart(Molto).

Il linguaggio giovanile cerca di differenziarsi dallo standard grazie al ricorso di elementi

sub-standard sia di ordine diatopico (dialetti), che di ordine diastratico (varietà gruppo-

specifiche). Per ciò che riguarda il livello diastratico, si parla della strategia del <bricolage>,

procedimento attraverso cui i giovani si appropriano delle diverse culture o subculture,

decontestualizzandole, di voci(polifonia), provenienti dai più diversi scenari del mondo

circostante, per poi formare qualcosa di nuovo, ben identificabile con il gruppo. La lingua

giovanile non è unitaria, ma è costituita da un insieme di varietà giovanili. Esse si

differenziano dalle varietà standard in 3 dimensioni:

 diversi mezzi linguistici, per es. specifiche norme di routine

Pragmatica

conversazionale. Es: formule di saluto (Hallo> Hi), in cui viene spesso usata la ripetizione

(Halli Hallo), formule(es tut mir leid> sorry habe), allocuzioni usate in maniera marcata,

per dimostrare vicinanza o appartenenza al gruppo (Hallo Boris> Hey Boris/ Hey Mann).

 comprende strutture morfosintattiche nuove. Es:

Struttura linguistica:

composizione(Bassist > Bassmann, troncamento in “i”(die Touristen> die Touris))o la

sintassi dell’intensificazione (scheißegal > kackegal).

 : riguarda i campi della semantica quotidiana, inventari di

Semantico-lessicale

vocabolario espressivo (wau!), (einschlafen> einknacken), intensificatori (sehr schön >

voll schön), contaminazione e integrazione di diverse lingue (language crossing) come il

notevole uso di Charts /Der Flop,-s /Dokusoap/ Clean Power Diesel / Das

ANGLIZISMEN

Meeting,-s (die Beschprechung)/ Relaxen(entspannen) /Chillen/ Job center/ There’s no

better way to fly (tipo di pubblicità della “Lufthansa” impresa tedesca)

/ Sinn machen (to make sense). nei ragazzi si delinea una predilezione per un

Lingua dei ragazzi e delle ragazze:

comportamento verbale nettamente più aggressivo , anche nella presa di contatto con

l’altro sesso(flirten) rispetto alle ragazze, il cui linguaggio è caratterizzato da forte

emozionalità. è il gergo utilizzato dai giovani turchi, con il quale

Lingua dei giovani (kanack-sprack)

segnalano la loro non appartenenza nella società tedesca, ma affermano un’identità socio-

culturale propria. Questo gergo offre al parlante materiale nuovo e esotico, assume forme

linguistiche integrate nelle strategie discorsive della lingua dei giovani (es: bricolage), è

ormai veicolato in gran parte nella stilizzazione fattane dai media. (ç Testi

>ʃ es: ich >isch).

scritti sul linguaggio giovanili, sono più rari e tradizionalmente in forme specifiche come

fumetti o graffiti, legati spesso a elementi centrali del mondo giovanile, come sport e

musica. Negli utlimi anni si è verificato un incremento di questi testi grazie all’intenso uso

dei nuovi media (Neue Medien) Megaknuddel (un abbraccio forte)/ CU im East? (ci vediamo

a East) / *ggg* (grinsen sorridere in modo malizioso) / Nõ (nein) / *Luftschnapp*(respirare dopo

apnea)/*hdgdl*(habe dich ganz doll lieb ti voglio bene) / Inoltre usano i verbi non coniugati, ma

Sono forse fonti dannose per il tedesco, ma qualche linguista non si preoccupa,

all’infinito.

ritenendo il cambiamento, normale.

Uso linguistico:

 incidenza di espressioni figurate, in cui per donne e uomini

Uso linguistico asimmetrico:

sono fissate determinate connotazioni stereotipiche. Le donne appaiono come

estremamente emozionali e loquaci (Heulsuse= piagnucolona), gli uomini come

sessualmente attivi (Schürzenjagär= Uso di tra cui

donnaiolo).

 un sostantivo maschile diventa femminile tramite il suffisso “in”.

Movierung o motion:

 (Angestelte f. / Angetselter m. impiegato).

Nominalizzazione di aggettivi o participi:

 (generisches Maskulin) che comprende sia maschile che

Forma del maschile generico

femminile, quindi semanticamente neutra. Tale forma è spesso soggetta a

fraintendimenti che svalorizzano le donne. Per questo si utilizza il plurale.

(es: Landsleute= compatrioti).

 (Feuerwehrmann / Putzfrau: donna delle

Formazione di parole per composizione:

pulizie); oggi si nota un incremento di composti contenenti (frau: Feuerwehrfrau).

Il comportamento conversazionale maschile si delinea prototicamente come pubblico, con

l’obbiettivo di affermare il proprio status, che in genere privilegia uno stile oggettivo. Per le

donne, invece, si osserva un comportamento conversazionale privato, che tende a stabilire

rapporti e che privilegia uno stile relazionale.

IL TEDESCO OGGI : In Italia non esistono osservatori linguistici neanche credo nelle

riviste specializzate, che regolarmente, sistematicamente, intensamente, si pongono come

rilievi socio-linguistici, e , con la puntualità dei bollettini meteorologici che dicono che

tempo che fa, ci dicano “che lingua fa”. (Pasolini, marzo 1965).

Questo vuol dire che ci preoccupiamo sempre del tempo, ma mai della lingua, non ci sono

esperti tali da capire come è fatta una lingua così come esistono meteorologi che invece

prevedono il tempo futuro. Secondo lui è un problema socio-culturale, perché la classe

dominante rovina le persone e la lingua.

der Spiegel

Rivista tedesca (rettet dem Deutsch/ (retten salvare)). ; (die

  

Verlotterung der Sprache trascurare la lingua ); nello sfondo muro pieno di graffiti

(rappresentano i giovani quindi i giovani rovinano la lingua perché influenzati dalla

cultura anglo-americana e perché n on prestano attenzione). In un’altra pagina c’è un

edifico destinato a crollare, come la lingua; poi scritto DEUTSCH FOR SALE! I TEDESCHI

VENDONO LA LORO LINGUA ALLA GLOBALIZZAZIONE, ALL’AMERICANIZZAZIONE. (I

tedeschi parlano in tedesco in modo non curato come prima. Il sintomo evidente di questa

trascuratezza è la moda di usare molte parole inglesi.). l’inglese è usato per dare più

immagine alla lingua tedesca.

Una lingua che non c’è più l’ultimo vecchietto che la parlava è morto (così ci si pone la

 

stessa domanda per il tedesco).

Forma corretta rettet das Deutsche!

 Polemica del fatto che i tedeschi non usano bene i casi.

PARTICOLARITÀ DELLA LINGUA TEDESCA OGGI:

 SAZLANGE: I periodi sono molto più brevi rispetto al tedesco dell’800. Una frase nell’800

era composta da 30 0 36 parole oggi se si legge un giornale le parole vanno dalle 5 alle 13

parole. Questo spiega anche la complessità dei pensieri. Con la complessità del linguaggio

aumentano i periodi. Anche se un paragone di questo tipo è molto tendenzioso non si può

paragonare un giornale con un’opera dell’800 come quella di Goethe.

 KONJUNKTIVSCHWUND: si usa sempre meno il congiuntivo. Con i Konjunktiv 1 si esprime

il discorso indiretto (Muller meinte, Meier sei ein Schuft) prendo le distanze perché riporto il

pensiero di un altro attraverso il discorso indiretto. La differenza sta nell’atteggiamento del

parlante. Il fatto che si usa sempre meno dipende dal fatto che in molti contesti le persone non

vogliono prendere le distanze oppure trovano un altro modo per esprimere il congiuntivo. La

riduzione dell’uso di una forma è una riduzione di complessità e di differenziazione

dell’espressione.

 si usano di meno i verbi forti. (hat gerufen statt rief)

PRATERITUMSCHWUND:

(backen-buk- gebacken).

oggi backte

„da werden sie geholfen“ usata per le pubblicità (è scorretta)

Cosa succede con il tedesco? (conseguenze):

 Verkürzung: abbreviazione

 Vereifachung: semplificazione

 Vulgarisierung: volgarizzazione

Così il tedesco perde d’importanza anche a livello nazionale. Il tedesco ha 100 milioni di

parlanti. Tendenza negativa riguardo all’ apprendimento della lingua tedesca all’estero.

Conseguenza anche del fatto che i tedeschi preferiscono parlare inglese piuttosto che tedesco.

Quindi perde peso anche a livello culturale ma a livello lavorativo ha molto peso.

Il tedesco è una lingua destinata a morire?

Oppure ridotta solo alle F-DOMANEN Familie, Freunde, Folklore? se fosse così la lingua

viene usata come un dialetto.

 (posizione pessimista riguardo

Sprachpuristen /kulturpessimisten/apokalyptiker

alla lingua tedesca in Germania).

 (posizione intermedia).

Sprachpflegen/ Sprachkrittiker

 (non preuccupante che una lingua cambia , è sempre

Sprachforscher/ Linguisten

successo).

 persona che usa il tedesco con ingredienti inglesi che

Sprachpanscher

tendenzialmente sono velenosi per la lingua tedesca.

Sprachpuristen :

esprimono una parola inglese che non c’erano nella lingua tedesco. È

Ergänzend:

 un’integrazione . e sono parole che accettano. (es: baby)

esprimono delle differenze (es: e-Post für e-mail)

Differenzierend:

 parole inglesi che fanno sparire le parole tedesche. In questi casi l’inglese si

Verdrängen:

 sostituisce al tedesco e non dà niente di nuovo rispetto alla parola tedesca.

Secondo una loro statistica le parole inglesi rovinano essenzialmente il tedesco, lo

sostituiscono (79%).

Siamo contrari all’americanizzazione del tedesco. Vogliamo ricordare la bellezza della loro

lingua madre e non volgiamo perdere la capacità del tedesco di creare nuove parole,

poiché sostituite dall’inglese. Non sono nazionalisti e nemmeno anti-americani. Accettano

delle parole straniere, ma quello che non vogliono è Prahlwörter (farsi più grandi di quello

che si è).

Sprachloyalitàt(lealtà alla nostra lingua):

Tedesco perde valore nelle scienze(inglese) quindi propongono misure per combattere

 la molteplicità linguistica. Usando l’inglese si perde una grande ricchezza intellettuale e

sentimentale

Chi parla una lingua ha una sua prospettiva del mondo (Humboldt 800)

 Chi parla solo una lingua non riesce a concepire punti di vista diversi rispetto alla sua.

 Imparare una nuova lingua significa imparare nuove esperienze concettuali, nuove cose.

Se tutto si riduce all’inglese, si perde questa ricchezza.

Con l’introduzione dell’inglese in un’altra lingua Globalesisch cioè non s’impara bene

 l’inglese e in più si perde l’importanza del tedesco.

Dobbiamo fare di più per proteggere il tedesco. Ci sono anche iniziative per promuovere il

 tedesco fuori dalla GERMANIA e internamente. Jurgen ha scritto dei libri sulla lingua. Uno

si chiama: Der Dativ Ist dem genitiv sein Tod (il dativo è la morte del genitivo).

Der Tod des genitivs (forma corretta).

Sprachforscher:

i cambiamenti delle lingue esistono sempre da quando esistono le lingue, mai nessuno ha

 mai visto una lingua che si è rovinata. Il latino è ancora vivo nelle lingue romanze,

adeguandosi alle esigenze della comunicazione.

La lingua si dice, era pessima prima, ed la si considera pessima oggi, ma solo perché ci

 sono stati dei cambiamenti, questo non vuol dire che la lingua è pessima.

Le parole straniere sono sempre state in contatto tra di loro. (esempio integrazioni inglesi

 nella lingua tedesca) quindi non c’è di che da lamentarsi.

(Le lingue settoriali riguardano i settori non specialistici, come i giornali e la

televisione.)Lingue specialistiche o speciali (denominazione più ampia)(come l’economia) :

lingue relative a discipline ad alto grado di specializzazione, come la chimica, la medicina e la

biologia. Caratteristiche:

 Precisione (tecnicismi: termini tecnici) (uso si sintagmi nominali rispetto ai verbali,

perché glie elementi nominali precisano di più).

 Oggettività

 Astrattezza

 Generalizzazione

 Densità di informazione (lunghezza e complessità di frasi)

 Sinteticità (uso dei participi rispetto alla frase relativa).

 Neutralità emotiva

 Mancanza di ambiguità

 Impersonalità

 Correttezza logica

 Uso di termini tecnici definiti da simboli o figure (come grafici).

4. Variazione diamesica: riguarda l’attivazione del canale fisico, attraverso cui la lingua

viene usata. è la 1° forma di linguaggio che ogni essere umano incontra

La lingua parlata

nel suo sviluppo individuale (ontogenesi). La lingua parlata, poi, si sviluppa di pari passo

con le capacità cognitive di base. Nella storia dell’evoluzione dell’uomo (filogenesi), il

parlato è la forma primaria rispetto ala lingua scritta.

Forme della lingua scritta che presentato tratti tipici della lingua parlata hanno larga

diffusione grazie alle nuove tecnologie (posta elettronica o chatt-line).Uno dei tratti tipici della

lingua parlata è il contesto comunicativo, influenzato dal grado di intimità o formalità.

Analisi della conversazione:

lo scambio di opinioni e informazioni può avvenire solo in accordo con l’interlocutore.

L’analisi conversazionale, nata negli anni ’60, grazie ad alcuni sociologi, tra cui Goffman,

studia i tratti più tipici che emergono durante una conversazione:

Lingua parlata Lingua scritta

 

Relazione diretta col destinatario Assenza di relazione

 

Contesto situazionale Distacco dal contesto

 

Ridondanze (ripetizioni) Nuove informazioni

 

Bassa densità lessicale: Halliday intende il Alta densità lessicale: tende a

n° di elementi lessicali per frase. comprimere il + possibile le informazioni.

 

Alta complessità grammaticale(strutture Bassa complessità

non pianificate). grammaticale(controllo delle strutture)

 

dialogo monologo

 

Interlocutore intimo sconosciuto

 

Interazione faccia a faccia Separazione spazio-temporale

 

Comunicazione privata Comunicazione pubblica

 

Elaborazione spontanea Elaborazione mediata

 

coinvolgimento distacco

 

Ancoraggio alla situazione Distacco referenziale dalla situazione

 

Elevato peso emozionale Minimo peso emozionale

 

Lingua della vicinanza (Sprache der Lingua della distanza(Sprache der

Nahe)(oralità concettuale chi scrive o Distanz)

parla utilizza un registro che esprime

vicinanza).

 

Codice fonico Codice grafico

1. Le conversazioni sono costituite da sequenze alternate (a e b =interlocutori a,b,a,b,a)

2. Alternanza dei turni(Sprecherwechsel). Turno si ha quando il parlante lascia la parola.

Le domande servono per alternare i turni.

3. Punti di rilevanza condizionale : punti in cui potrebbe avvenire un cambio di locutore.

4. Coppie adiacenti: sequenze di turni conversazionali, proferiti da un parlante diverso che

ricorrono abitualmente abbinate a coppie(es: salutarsi a: ciao/b: ciao ; scusarsi..).

5. Tra i diversi turni conversazionali si stabiliscono delle connessioni . Le particelle che

svolgono la funzione di connettere prendono il nome di connettori fatici.

CARATTERISTICHE DELLA LINGUA PARLATA:

FONETICA Legature

 Elementi dialettali

 Parole onomatopeiche lessicalizzate (imitano o suggeriscono suoni).

SINTASSI Ellissi

 Parallelismi sintattici

 Congiunzione per asindeto, cioè l’assenza di subordinate, che ha come risultato

una struttura paratattica (uso di “und”, “aber”,”also”).

 Forme di dimostrativo anziché pronominali

 parentesi

 anacoluto, cioè fratture della costruzione sintattica.

 L’aposiopesi: una frase che non viene completata

 Contaminazioni: incrocio di diverse costruzioni, che si può spiegare come il

prodotto di due frasi entrambe costruite in parte.

PROCEDIMENTI Ripetizioni sul piano:

DI - Frastico

FORMULAZIONE - lessicale

 Funzione intensificante

 Particelle modali (es: so, Ja..)

PRAGMATICA Allocuzioni

 Interiezioni

 Espressioni di registro colloquiale.

 Marcatori pragmatici: elementi polifunzionali(uno stesso elemento può ricoprire

funzioni anche molto diverse.), come interiezioni o particelle modali.

 Elementi mitigatori (hedges), sfumano e mitigano l’enunciato (so, irgendwie).

 Fenomeni di esitazione (pause, ripetizioni, autocorrezioni..), dovuti all’emotività,

alla ricerca di una formulazione adeguata, recupero di elementi dalla memoria.

PROSODIA Imitazione, per esempio di altre voci dà origine alla polifonia (+ suoni).

schemi linguistici che contribuiscono a rendere la comunicazione

Rituali conversazionali

più scorrevole e sicura (chiedere un’informazione, salutarsi, congedarsi, ecc..). conoscere le

differenze interculturali nei rituali comunicativi aiuta a svolgere compiti, creare contatti, a

riempire pause comunicative o a sbloccare situazioni in cui emergono problemi di

espressione e dunque di intercomunicazione.

autoidentificazione (ricevente che dice il suo cognome),

saluti interessamenti

reciproci(hallo, ja), (tipici delle conversazioni fatiche, tra conoscenti): scambio

di formule convenzionali, su come vanno le cose (passaggio dal “lei” al “tu”).

esempi di lessico

LE VARIANTI NAZIONALI:

Italiano Tedesco (BDR) Tedesco Austria Tedesco Svizzera

patata Die Kartoffel,-n Eradpfel Kartoffel

Patata arrosto Bratkartoffel Gerostete Rösti

Cavolfiore Blumenkohl Karfiol Blumenkohl

Melanzane Aubergine Melanzani Aubergine

Cena Abendessen Abendessen Nachtessen

Stinco di maiale Eisbein/Schweinshaxe Schweinestelze Wadli

affumicato Geräuchert Geselcht Geraucht

• Austriatismus : varianti nazionali che esistono solo in Austria, non in

Germania, né in Svizzera (Melanzani, influenza dell’italiano). Molti

Lo sviluppo di una sono legati al dialetto bavarese, altri all’italiano, all’ungherese e al

variante dipende ceco (paesi confinanti all’Austria, facenti parte dell’ipero austro-ungarico).

anche dal contatto • Helvetismus,-en: varianti che esistono solo in Svizzera, non in

linguistico con zone Austria, né in Germania (nachtessen). Svizzera più influenzata dalla

confinanti e dipende Francia.

dall’origine storica. • Teutonismus,-en: varianti che esistono solo in Germania, non in

Austria né in Svizzera.

Le varianti si dividono:

• Specifiche: a un paese corrisponde una particolare forma

• Non specifiche: una stessa forma vale per due paesi.

Nel 2004 è stato pubblicato un dizionario comprendente tutte le varianti

(Variantenwörterbuch des Deutschen ) in modo da rilevarle e documentarle sia a livello

nazionale che subnazionale, un’opera fondamentale per cogliere le varietà del lessico tedesco e

la sua distribuzione.

Beispiele für Großformen

pragmatische Varianten:

OSTERREICH SCHWEIZ DEUTSCHLAND

Grub Gott Grüezi Hallo

Servus Salü (influenza francese). Tschau, o Ciao, solo quando ci

si congeda.

Habe die Ehre Guten Morgen

Kuss die Hand Guten Tag

Deutschland Guten Abend

Più interazione nell’interazione sociale Vanno + all’essenziale.

come prima annunciato nella varietà diatopica, possiamo distinguere due

I DIALETTI:

macroaree:

• basso-tedesco(Niederdeutsch) della lenizione: l’occlusiva

fonologia:Fenomeno

“g” semivocale “j”(dialetti bassotedeschi) / Passaggio dalla “b” interconsonantica in

“v”(la pronuncia di silber è silver) pronome personale “er””he”.

morfosintassi:

• questa poi si distingue in :

alto-tedesco(Hochdeutsch);

- tedesco centrale(Mitteldeutsch): Fenomeno della delabializzazione (le

fonologia

vocali arrotondate Y,y:,œ,ø i,i:,Ɛ,e:)

- (Oberdeutsch):

tedesco superiore pronome personale “er” er. / uso

morfosintassi:

del piùccheperfetto / sincope nella forma del part. Passato (gesagt gsagt).

I confini delle zone dialettali si chiamano (sud – centro - nord).

Si tende ad indentificare il dialetto con la cultura, le caratteristiche e la mentalità interna di

quel paese. DIE MUNDART/ DER DIALEKT,-E/ PLATT.(= dialetto). Confini di ISOGLOSSE 

quella più importante è quella che divide il sud dal nord è LA “Benrath Linie” (attraversa il

Reno) l’inventario fonetico di questa zona si è sviluppato in un certo modo mentre al nord

non è arrivato. i dialetti del nord assomigliano molto all’inglese.

Dialetti più simpatici: Dialetti più antipatici:

• Bavarese • Sächsisch

• Svevo (Schwäbisch): uno dei dialetti più noti. I parlanti • Bayrisch

di questo dialetto tendono a rafforzarlo, mentre molti • Berlinisch

imprenditori cercano di bloccarne l’avanzamento,

promuovendo l’avvicinamento al tedesco standard. Spießig (pignolo)

• Tedesco del nord(Plattdeutsch).

• Sassone, zona di Dresda(Sächsisch).

 ZWEISPRACHIGKEIT (bilinguismo) in BODEN-WÜRTTEMBERG

 DIALETTI TEDESCHI IN ITALIA (a Lucerna)(piccole e isolate comunità linguistiche).

DIALETTI, parlati in diverse zone:

a) BAVARESE (BAVARIAN)(Baviera, Alto Adige e Austria)(fenomeno della dittongazione

che ha raggiunto il tedesco centrale e superiore).

b) AUSTRO-BAVARESE (Bairisch-Osterreichisch),composto da:

Bavarese settentrionale:(

• Nordbairisch) (Amberg e Ratisbona).

Bavarese centrale

• :(Mittelbairisch) (Monaco, Salisburgo e Vienna).

Bavarese meridionale

• :(Südbairisch) (Innsbruck, Bolzano e Klagenfurt).

ALEMANNO (ALLEMANNISCH)( sud-ovest Germania, Svizzera c’è il fenomeno

 della 2° mutazione consonantica: cioè la trasformazione delle occlusive sorde

“p””k””t” in spiranti sorde “f””s””x o nelle corrispondenti affricate “pf””ts””kx” e le

La

occlusive sonore “b””d” in sorde “p””t”; mantenimento delle vocali lunghe).

caratteristica di questa lingua è la seconda rotazione consonantica (2.

Lantverschiebung).

GERMANICO ANTICO ALTO GERMANICO

Occlusive sorde [p], africate sorde [pf], [fs], [kx] ; posizione iniziale o

[t], [k] postconsonantica

fricative sorde [f], [s], [x]; posizione postvocalica o

finale

BEISPIELE ENGLISCH HOCHDEUTSCH NIEDERDEUTSCH

Sleep Schlafen Slapen

Pound Pfund Pund

Water Wasser Water

Time Zeit Tide

Make Machen maken

c) DANESE(DANISCH) è una vera e propria lingua che ha uno stato di lingua di

d) FRISONIA DELL’EST (FRISAIN),

minoranza, insegnata a scuola, si allontana dallo statuto dialettale. I parlanti della Frisonia

dell’est non si capiscono con quelli dell’ovest. Somiglianza con tedesco standard 70%.

e) DIALETTO DI COLONIA (KOLSCH)

f) DIALETTO DI LIMBURG(LIMBURGISCH)

g) DIALETTO DI LUSSEMBURGO (LUSSEMBURGEOIS)

h) MAINFRÄNKISCH

i) PFAELZISCH

Esempi di dialetti:

 per dire Groβmutter, la maggior parte dei tedeschi in tutta la Germania dicono Oma.

Si vede dalla cartina che la Svizzera si distingue molto, il centro è caratterizzato dalla

vocale breve “Omma”.

 Per dire Tag, ci sono diverse pronunce Tach, Taach (Dooch), Tack

Il sud è piuttosto omogeneo e distinto dal nord.

 Nel nord dicono :“Ich habe gesessen“

 Nel sud:“ ich bin gesessen“

 In aclune parti usano anche il Pluskeparfekt ich war gesessen.

WORTE AUF GUTEN TAG:

ANTWORT AUF DANKE! 

 Guten tag

Bitte schon 

 Hallo

Bitte 

 Grub gott (sud)

Kein Probleme 

 Servus (Austria)

Da nicht fur 

 Moin (Hamburg)

 Hoi

 „SIE IST NOCH AM SCHLAFEN“ forma non accettata dal tedesco standard per il quale si

dovrebbe dire „SIE SCHLàFT NOCH“ La sfumatura del significato è diversa, la prima

sottolinea che lei sta ancora dormendo e lo sta facendo da un po’.

 „SIE IST NOCH AM SCHLAFEN“

Si usa da sempre (immer schon üblich)

 Si usa da non molto tempo (neuerdings üblich)

 Non si usa per niente(unüblich)

Qui c’è una differenza non tar nord e sud ma tra est e ovest,che è dovuta all’influenza di

nazioni confinanti: nell’ovest fa parte del linguaggio normale e siccome è un modo di dire

abbastanza utile per distinguere i due casi , si è diffuso perché con questo modo di costruzione

si capisce meglio.

È uno sviluppo che parte da un angolo, poi gli altri lo trovano utile e lo usano e così

diventa normale anche in altre regioni (SIE IST NOCH AM SCHLAFEN).

La diffusione di certe forme è un processo lento e graduale, che sta alla base della

formazione del tedesco standard : è un processo di cambiamento quello dello standard

che è partito dal sud e che si è diffuso al nord, ma alcune zone hanno resistito.

“DARAUF HABE ICH KAINE LUST”

DARAUF

 DA… DARAUF

 DA… AUF

 MOLTE PAROLE CREANO ALCUNI PROBLEMI tra nord e sud ES : schwätzen al nord

 

significa chiacchierare a vanvera(significato negativo), mentre al sud significa parlare.

PROCESSO DI FORMAZIONE DELLO STANDARD E QUELLO DEI DIALETTI:

parte da una varietà particolarmente prestigiosa, la lingua utilizzata da

Lutero nelle sue traduzioni della Bibbia. Mentre la lingua italiana nasce da una lingua

letteraria, riservata solo alle persone colte (toscano), la lingua tedesca era rivolta a tutti i ceti

sociali. Fino a tutto il XVI sec. , il dialetto costituisce la forma normale e consueta di lingua

volgare tedesca, anche se già in precedenza si erano avute formazioni sovraregionali, ad es.

nel 1200 Mittelhochdeutsch Dichtersprache(lingua poetica dell’alto tedesco medio

nell’area sud-occidentale (alemanno). Le aree cattoliche, ad es. Colonia, rifiutarono la lingua di

Lutero e continuarono con la Germeines Deutsch a base tedesco superiore. La pace religiosa

di Augusta del 1555, che sancì il principio cuius regio, eius religio, ebbe come conseguenza la

territorializzazione delle forme linguistiche e cioè un’opposizione tra il tedesco centro-

orientale di Lutero nel nord protestante e il Germeines Deutsch tedesco superiore

dell’ortodossia cattolica del sud. Questo frenò a lungo la diffusione di una lingua tedesca

scritta nazionale, tanto che per 2 secoli si può parlare di un sistema bipolare, con 2 varietà

scritte standard. A partire dall’inizio del XVII sec. Cominciò ad avvertirsi sempre di più la

necessità di una forma linguistica standard, di una lingua tedesca “corretta” secondo norme

grammaticali chiare, adeguata ad essere strumento di comunicazione comune e che potesse

godere di un prestigio culturale.

Ciò non riuscì a concretizzarsi prima dell’illuminismo, quando Gottsched pubblicò la sua

“Grundlegung einer deutschen Sprachkunst”(1748), che presenta la varietà del

(basi)

tedesco centro-orientale, soprattutto quella usata dagli eruditi, dagli scrittori e dai poeti come

la norma ideale. L’opera di Gottsched è fondamentale per lo sviluppo del tedesco standard e

per la sua conseguente diffusione.

SPRACHE ODER DIALEKT? : In base a che cosa una lingua è considerata dialetto e non

lingua nazionale o ufficiale? 3 criteri permettono di distinguere una lingua da un dialetto:

1. ÄNLICHKEIT- VERSTÄNDLICHKEIT (somiglianza, comprensibilità)

2. ÜBERDACHUNG (autonomia)

3. SELBSTEINSCHÄTZUNG (autovalutazione)

Es: il lussemburghese(varietà vicina alla Germania e Francia) è un dialetto? I lussemburghesi

dicono che è una lingua.

Da quale famiglia proviene il tedesco?

Storia della lingua tedesca (Sprachgeschichte) e dei vari cambiamenti successi nei decenni

.

passati La lingua non è un’entità statica ma cambia continuamente:

1. cambia il lessico cambiano le parole, a volte perché cambiano gli oggetti, , si

aggiungono le parole nuove (internet).

2. cambia la sintassi il verbo in fondo in tedesco è recente,

3. cambia la morfologia le desinenze cambiano

4. cambia la pronuncia le parole si pronunciano in modo diverso oggi, rispetto a 200 anni

fa, ad esempio in tedesco dove si mette l’accento, una volta gli antenati tedeschi mettevano

l’accento ovunque, dopo si è creata una regola cambiamento nella pronuncia che ha delle

conseguenze, ad esempio la possibilità di costruire la rima nella poesia, legata anche alla

letteratura. Cambiano i tipi di testo, nel medioevo la lingua tedesca era più letteraria.

lingua cambia perché cambia la società. Ogni volta che cambia qualcosa nella società

La

si aggiungono delle parole nuove . ma non sempre il cambiamento della società determina

il cambiamento della lingua. Certi cambiamenti succedono anche se nessuno lo vuole 

Adam Smith MANO INVISIBILE (economia ci sono delle conseguenze che non si

spiegano). Le lingue cambiano in modo indipendente dalla volontà degli individui, noi

usiamo la lingua per comunicare e attraverso la nostra comunicazione sviluppiamo certe

tendenze che portano come conseguenza al cambiamento della lingua. La lingua è un

organismo, uno strumento nelle mani dell’uomo, che utilizza quando lo ritiene necessario.

La nascita del tedesco:

La lingua tedesca è una lingua indo-europea, NON SI SA SE è VERAMENTE ESISTITA, O è

UNA RICOSTRUZIONE di cui fanno parte.: (GUARDA 2 SLIDE)(spiega la familiarità tra le

lingue). Lingue indo-europee: L’indo-europeo si divide in:

 SANSCRITO • STATEM

 PERSICO • KENTRUM: ne fanno parte le lingue romanze e

 GRECO germaniche, le quali si dividono in :

 LINGUE SLAVE OSTGERMANISCH

 LINGUE ROMANZE WESTGERMANISCH

 LINGUE GERMANICHE NORDGERMANISCH

ENTWICKLUNGSSTADIEN DES DEUTSCHEN:

a. ancora no lingue

INDOEUROPÄISCH (3 millenni a.C) unificate, poi

b. GERMANISCH(2 millenni a.c) processi di

c. ALTHOCHDEUTSCH(600-1050) da qui abbiamo documenti

 unificazione della

d. MITTLEHOCHDEUTSCH(1050-1350) lingua usata per la letteratura

 lingua tedesca ad

e. esempio Marthin

Frühneuhochdeutsch(1350-1650) Luther King ha

f. NEUHOCHDEUTSCH(ab 1350) tradotto la Bibbia.

indo-europea aveva 8 casi

Lingua

tedesca: APOFONIA (ABLAUT) cambiamento sistematico della vocale

lingua a

: sehen-s h-gesehen

esempio

Cambiamento di vocale per preterito

Come nasce la lingua tedesca?(Ubergang Vom Indoeuropanischen Zum Germanischen)

 Slittamento sistematico di alcuni

ROTAZIONE CONSONANTICA(Lantverschiebung):

suoni che distingue le lingue germaniche dalle altre lingue indoeuropee.

 Quando parliamo del germanico parliamo della sillaba che è accentuata viene fissata che

rende possibile la .

RIMA

 Quando una viene diventa sillaba centrale delle parole e le altre

sillaba accentuata

sillabe perdono importanza non servendo più per indicare una funzione morfologica.

 cominciano ad indebolirsi.

Sillabe atone

 Tendenza ad una della lingua, una funzione grammaticale

STRUTTURA ANALITICA

viene realizzata attraverso l’uso di più parole(es: uso dell’arrticolo), mentre la lingua

sintetica ha le desinenze . Il tedesco sta diventando sempre più sintetico. (ich habe

gesehen sintetico; sah analitico). Oggi si usano forme sintetiche anche nei verbi.

 

 usata per nuovi verbi in cui si usa un nuovo metodo di coniugazione regolare

APOFONIA:

che è ad esempio “machen-machte-gemacht” la vocale è sempre la stessa (vocale

sempre “a” qui sono le desinenze che portano il peso di segnalare la forma giusta, quindi

sintetica) nuovo verbo SIMSEN seguono tutti questa logica, METODO REGOLARE

SINTETICO: “simsen-simste-gesimst”.

 , nostri antenati termini che riguardano

CONTATTI CON LA CULTURA ROMANA 

l’architettura, l’agricoltura derivano dal latino. Anche noi in italiano abbiamo preso parole

germaniche come elmo e guerra.

ALT – HOCH - DEUTSCH

 Zeit Raum Sprach (ogni termine che compone la parola ci dà delle informazioni)

Con il nascono fenomeni utilizzati anche oggigiorno. Quindi

MITTELHOCHDEUTSCH

 nasce una lingua di mediazione, più o meno comune in tutto il paese. Inoltre il

Mittelhochdeutsch diventa la lingua della letteratura, che si diffonde ora anche presso le

corti che diventano veri e propri centri culturali. È proprio in questo periodo che nascono i

cavalieri, che assumono un ruolo importante per quanto riguarda la lingua. Così i

monasteri non hanno più il monopolio culturale. Arriva poi in Germania l’ influenza

in particolare all’ interno delle corti. Proprio in esse nascono nuovi elementi che

francese,

vanno ad arricchire il lessico. Nasce un nuovo tipo di cultura tipico delle corti: Höflichkeit.

Nasce anche in seguito la borghesia e cresce l’ importanza delle città.

 Avvengono poi le prime migrazioni, in particolare i popoli germanici verso est, infatti

 tuttora vi è la presenza di una minoranza linguistica slava a est della Germania nella

città di Kottbus, denominata Sorbisch.

Aumentano anche i centri di scrittura, anche grazie ad una nuova invenzione: la

 stampa. Di conseguenza bisogna trovare una lingua compresa da tutti, in modo tale da

diffondere questa nuova invenzione in tutto il paese (si sviluppa più a sud). Nasce il

tedesco moderno in questo periodo.

Ci avviciniamo al momento in cui vi è l’ opposizione da parte di Luther alla religione

 cattolica. Questi si rivela una figura importante, non solo dal punto di vista religioso,

ma anche dal punto di vista linguistico. Egli infatti traduce la Bibbia in lingua tedesca.

Ciò significa che cambiano sia l’ approccio alla religione sia la lingua. L’ obiettivo della

sua traduzione era la comprensione della Bibbia da parte di tutto il popolo, ecco

perché Luther utilizza il tedesco parlato piuttosto di quello scritto. Questo è un

processo fondamentale che ha portato alla nascita del tedesco standard.

Nasce poi la codificazione, infatti alla fine del 1800 nascono le prime opere di

 codificazione dovute anche alla creazione dell’ impero. Viene scritta proprio in questo

periodo la prima edizione del Duden. Il nome deriva daKonrad Duden, insegnante di

tedesco., che ha proposto alle autorità un dizionario della lingua tedesca che vedeva l’

inserimento di molte parole del popolo. Tuttavia, inizialmente, il dizionario non viene

accettato, solo in seguito a diverse discussioni diventa dizionario ufficiale della lingua

tedesca. Possiamo inoltre affermare che il Duden rispecchia la storia della Germania.

IL TEDESCO IN GERMANIA:

Le opere di rappresentano la premessa fondamentale per

codificazione linguistica

l’identificazione e descrizione di una varietà nazionale. Il codice ha 4 elementi:

1. esistono diversi Aussprache Wörterbücher (dizionari della pronuncia). Il

Pronuncia:

primo (Reine und Gemäßtige Hochlautung mit Aussprachewörterbuch) fu pubblicato

nel 1898 da Theodor Siebs e non è molto lontano dalla nascita della Germania come paese.

Questo dizionario stabilisce la pronuncia corretta del tedesco importante elemento di

unificazione. La prima utilità di questo dizionario(il cui titolo, all’inizio, era Bühneauss) era

il teatro: serviva per insegnare agli attori come si pronunciava il tedesco dei grandi classici

della letteratura tedesca (Goethe, Schiller ..). Dava indicazioni rigide, rispettate solo a

teatro, lontano dalla realtà linguistica quotidiana. Le Edizioni successive di questo

dizionario servirono per avvicinarlo alla lingua tedesca realmente parlata. Si tratta di un

primo approccio normativo alla lingua tedesca: dire come il tedesco va pronunciato.

Approccio discutibile in quanto si impone una pronuncia ai tedescofoni, ma in quell’epoca

un discorso normativo di questo tipo era piuttosto comune e normale.

2. è l’ambito più importante e avanzato per ciò che riguarda la codificazione ,

Ortografia:

poiché molte persone, quotidianamente, fanno riferimento a un dizionario di ortografia.

Nell’ambito ortografico la consultazione del dizionario è importante e molto frequente,

non solo per stranieri, ma anche per i tedeschi. Il più famoso e usato è il Duden ( casa

editrice che ha pubblicato molti dizionari) Non è un’istituzione ufficiale, ma è il più

usato. (Molto criticato poiché ogni 2 o 3 anni escono nuove edizioni che i tedeschi devono

comprare per essere aggiornati.) In Germania è stata fatta una riforma dell’ortografia

nel 1995 e entrata in vigore nel 1998 anche in Austria e in Svizzera, si tratta di una riforma

lieve, ma alcune cose sono cambiate e ancora oggi sono in atto discussioni sulla

correttezza o no di questa riforma ortografica. Esempi la congiunzione “dass”, prima

della riforma ortografica si scriveva “daß”; la vecchia forma del passato del verbo

“mussen” era “mußten”. Si tratta di un tentativo di avvicinare il modo di scrivere a quello

di parlare. Esiste anche una versione online di questo dizionario. Un errore frequente è

quello di sillabazione, nel dizionario ci sono indicazioni su come sillabare, sinonimi,

sfumature di significato ecc..

3. compresa tra i vari volumi del Duden, di cui i più importanti erano (Duden

Grammatica:è

Universalworterbuch, in 1 volume [2003] ; Großes Worterbuch der deutschen Sprache

[1999]. ). Sempre come conseguenza della riforma ortografica, possiamo notare alcune

differenze nella scelta dell’ausiliare per la formazione del perfetto. Nella variante standard

tedesca si usa “HABEN”(Ich habe gesessen); in Austria, in Svizzera e in Germania

meridionale si usa “SEIN”. *

Das Genus von Produktnamen.

Nutella die ,der o das

 L’articolo di alcuni prodotti dipende dall’articolo del prodotto

Pizza principale, superiore. Es si dice die Cola perché die Limonade.

Pasta Per le parole straniere si usa spesso DAS. Per le parole che

Sietsa finiscono in “er” articolo “der” es: Der Lehrer.

Come si assegna l’articolo ad un prodotto? Come si generalizza l’assegnazione di un articolo?

Grammatica : parte del codice che ci spiega questo meccanismo.

In realtà non esiste un meccanismo preciso per determinare gli articoli, ma si va in base a

quello che viene più usato. Ci sono tre principi : (guarda a casa).

4. in cui si riscontrano tutt’ora la maggior parte delle differenze linguistiche, dovute

Lessico:

alla divisione delle 2 Germanie ( = processo di allontanamento linguistico) e alla

loro riunificazione del 1990 ( = avvicinamento e livellamento linguistico e

comunicativo). Esempio: ddr kaufhalle / bdr Supermarket (DDR ha assunto parte del

lessico della BDR). Inoltre nella Germania dell’ovest alto numero di anglicismi(cool);

nella Germania dell’est parole legate all’economia socialista (kollektiv).

(Il dizionario più importante e più usato è quello scritto dai fratelli Grimm. Sono 33 volumi e esiste l’edizione

online. Anche altri dizionari sono utilizzati.)

è abbastanza avanzata, anche se non esiste un codice

La codificazione del tedesco

accettato in maniera ufficiale, ma ne esistono diverse istituzioni, finanziate con fondi pubblici,

che hanno un programma incentrato sulla lingua tedesca. L’obbiettivo è delineare la coscienza

critica dello stato di una lingua e non descriverne semplicemente le norme

Le istituzioni più importanti sono:

3. “Das Institut für Deutsche Sprache ”(IDS)(corrisponde all’Accademia della

Crusca in Italia). Si trova a Mannheim, fondato nel 1964, ha come compito lo studio e la

divulgazione della ricerca della lingua tedesca contemporanea e del suo uso; non è

università anche se collabora con esse; è un istituzione semi-ufficiale e non statale; i

finanziamenti vengono per una metà dal Bund, lo stato e per l’altra dalla regione.

[“Das Korpus” è un insieme di esempi testi esemplari della lingua tedesca che servono per

fare delle ricerche su aspetti sociolinguistici. Es: si può fare una statistica per vedere quale

articolo usano i tedeschi per Nutella la maggior parte usano DIE* ]

.

4. Goehte Institut ha un sito abbastanza grande, non è un istituto di ricerca sulla

lingua tedesca ma è un istituzione di mediazione della lingua tedesca all’estero, il suo

compito è quello d’ insegnare lingua e cultura tedesca all’estero e intensificare i contatti

con altri paesi all’estero. È finanziato da fondi ministeriali. Ha sedi anche in Italia, Bologna,

Torino, Ancona.

5. Daad INSIEME DELLE UNIVERSITA’ TEDESCHE il suo compito è quello di

 

promuovere la collaborazione con le altre università, dà borse di studio, promuove

progetti di finanziamento per lo scambio di docenti, ha un programma di scambio di

lettori. Anche il DAAD finanziato dal ministero dell’istruzione ma non è un’istituzione

statale.

6. Gfds (Gesellschaft für deutsche Sprache) fondata nel 1947 con sede a Wiesbaden, è

un’associazione più scientifica, la lingua non è statica ma si evolve in continuazione, il

compito del GFDS è quello della cura e della ricerca della lingua tedesca , e cerca di

diffondere in Germania, tra la popolazione tedesca, la consapevolezza della specificità

della lingua tedesca devono avere la consapevolezza sull’uso della loro lingua. Essa

pubblica le riviste “Der Sprachdienst e Muttersprache” e gestisce un servizio di consulenza

linguistica online.


PAGINE

36

PESO

1.71 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e culture straniere
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher consueloblasi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Lingua tedesca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Ehrhardt Michael C..

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Lingua tedesca

Riassunto per l'esame di Lingua Tedesca, prof Ehradt, libro consigliato Basiswissen Deutsche Phraseologie, Donalies
Appunto
Riassunto esame Cultura italiana, prof. Martelli, libro consigliato Gli Intellettuali Italiani e il Cinema, Brunetta
Appunto
Linguistica Generale
Appunto
Il fenomeno "itanglese"
Tesi