Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

9

A questa cultura appartengono anche esempi di ceramica grigia, marrone, nera e bianca con i quali

vengono prodotti tripodi, giare e coppe. Alcuni disegni sulle ceramiche sono ipoteticamente delle

10

forme di scrittura .

Intanto, nella fase tarda Yangshao comincia la fusione dei metalli.

Dal 3.500 al 2.600 a.C circa gli insediamenti si differenziano in grandezza. Vengono costruite zone

11

religiose, zone abitative più piccole e zone produttive . Un esempio importante è il sito di

Dadiwan Locus II nel Gansu.

→ Dadiwan Locus II: copre un’area di 360.000 mq. Le case hanno un alto standard architettonico,

soprattutto la n°901, con un’area di 420 mq compreso il cortile. Composta da una serie di stanze che

evidenziano una parte frontale ed una retrostante. Il pavimento è composto da vari strati d’argilla e

di fronte all’abitazione vi è un cortile ampio ad uso probabilmente pubblico o religioso. Le strutture

del sito evidenziano un allargamento generale dei nuclei familiari.

Due siti dimostrano in questo periodo la nascita di attività economiche specializzate:

1. Yidu (Hubei), sulla riva occidentale dello Yangzi, centro di produzione litica vicino a zone

ricche di pietre adatte alla lavorazione. L’esportazione era eseguita in un’area estesa fino a

qualche centinaia di km.

2. Baidaogouping, vicino a Lanzhou (Gansu), zona di grande produzione ceramica. Nel sito i

pochi forni rimasti intatti mostrano che erano suddivisi in gruppi di tre con apertura verso

una fossa comune centrale. La ceramica veniva esportata.

Allo stesso modo nascono centri atti principalmente alle funzioni religiose:

1. Niuheliang (nel Liaoning), della fase tarda Hongshan. Qui è stato rinvenuto un tempio con

12

varie camere semisotterranee, circondato per circa 2 kmq da tombe . Le pareti delle stanze

avevano dipinti rossi su un fondo giallo; il tetto era costituito da un insieme di paglia, argilla

e legno. All’interno del tempio vi erano statue in argilla a misura umana o maggiore, talvolta

femminili e di animali. Collegata al tempio a nord grazie ad un sentiero, vi era una grossa

piattaforma formata da grosse pietre ammassate al centro.

2. Dongshanzui (nel Liaoning), della fase tarda Hongshan. A sud è stato ritrovato un piccolo

cerchio fatto di pietre e molte figure antropomorfe in argilla rappresentanti forme femminili.

A nord del cerchio due altari, uno all’interno dell’altro. In essi molti oggetti cilindrici

d’argilla e vari oggetti in giada.

9 La ceramica bianca dimostra l’uso del caolino e di temperature di cottura attorno ai 1200 C°.

10 Nel 1973 lo studioso Yu Xingwu identificò un pittogramma dan (= alba o tramonto) su un’urna Dawenkou. All’epoca

più tarda di questa cultura appartengono altri 20 pittogrammi.

11 A questo periodo appartengono la cultura Majiayao (nel Gansu e Qinghai), la fase tarda della cultura Hongshan (sud-

est della Mongolia interna e Liaoning occidentale), la fase tarda Dawenkou (nello Shandong e nord Jiangsu), la fase

tarda della cultura di Daxi (parte centrale del Fiume Azzurro - Hubei) e la cultura di Songze (parte bassa dello Yangzi).

12 Nelle tombe erano presenti corredi composti da maiali, draghi e ornamenti in giada; inoltre oggetti cilindrici in

ceramica dipinta.

La cultura Longshan

Cultura Longshan o “Montagne del Drago”, iniziata nel sito di Chengziyai (Shandong occidentale)

dal 3.000 a.C, probabilmente deriva in alcune zone dalla Dawenkou (nello Shandong) e dalla

Yangshao (nello Shaanxi ed Henan). La separazione delle classi sociali è qui piuttosto netta. La

produzione ceramica, destinata in prevalenza alla classe al potere, raggiungeva tecniche molto

elevate ed era composta da impasti finissimi cotti a temperature molto elevate.

Tra i siti più importanti di questa fase vi sono:

→ Lianyungang (provincia del Jiangsu): in un’area di circa 14.000 kmq, è una delle città più

antiche della Cina (circa 4.000 anni fa). Sono venuti alla luce: un fossato, mura esterne ed interne,

due strade, fondamenta di 35 abitazioni circa, 2.000 oggetti in ceramica circa e riso carbonizzato.

→ Pingliangtai: di area quadrata circondato da mura di 185 m circa. Le mura sono in terra battuta e

avevano un apertura a nord ed una sud. All’interno della città sono stati rinvenuti forni per la

fusione del rame e fornaci per la cottura ceramica.

→Guchengzhai (vicino a Xinmi (Henan): città fortificata più ampia scoperta finora e con cinta

murario meglio conservata. In un’area di circa 176.000 kmq. Le sezioni sud nord ed est della città

sono circondate da un fossato. Portati alla luce: forni, abitazioni, pozzi, fosse per granaglie, tombe

ed utensili in pietra.

La cultura Longshan dello Shandong si distingue dalla Dawenkou per le produzioni più alte e

slanciate, la ceramica sottilissima (detta a guscio d’uovo), per i motivi decorativi, le mura in terra

battuta che circondano le case e le ossa usate per la divinazione. Questa fase ha prodotto anche

oggetti in legno.

 Il vasellame (per la gran parte probabilmente ad uso rituale) è elaborato e presenta incisioni

13

e trafori. Le nuove tipologie rispettano maggiormente le proporzioni .

 Le città sono circondate da cinte murarie con una o due aperture e sono approvvigionate dai

14

villaggi circostanti. Le abitazioni hanno una base di terra battuta .

 L’ordine sociale è molto diversificato e molto più simile alla prima fase del bronzo che alle

culture neolitiche. Nelle tombe sono presenti ossa sacrificali, usate anche nelle prime

dinastie. La guerra è istituzionalizzata. Comincia una prima lavorazione dei metalli. I

villaggi erano densamente abitati tanto che ora, accanto alle tombe più importanti se ne

15

trovano migliaia di molto piccole . Nelle tombe si ritrovano anche campane in rame, vasi

laccati, giade e tamburi. L’intera produzione artistica rispecchia un bisogno da parte della

classe al potere di razionalizzare simboli culturali e religiosi e di enfatizzare concetti come,

ad esempio, l’unione tra Cielo-Figlio del Cielo, discendenti-antenati, uomo-natura, rituali-

sacrifici.

13 Quelle più comuni sono il tripode ding, la tazza dou, il tripode gui, che hanno tutti una base alta e slanciata. Come

vasi rituali abbiamo il li, un tripode con i piedi cavi.

14 Questa verrà usata anche durante le prime dinastie.

15 Come nel sito di Taosi (sud dello Shaanxi). Le ceramiche di Taosi presentano similitudini con quelle Yangshao tanto

che questa tradizione arriverà alle prime decorazioni sui bronzi di Erlitou e Zhengzhou.

 Per quel che riguarda lo sviluppo agricolo, furono probabilmente le culture di Majiabang

(5.000 – 3.500 a.C) e Hemudu (5.000 – 3.300 a.C), stanziate ad est nello Zhejiang e nel

Jiangsu, ad iniziare la coltivazione del riso. Alla prima cultura sono associate ceramiche

marroni e alla seconda nere.

Imperatori ed eroi

I cinesi fecero discendere i primi sovrani dal cielo e li considerarono portatori delle innovazioni

tecniche necessarie alla sopravvivenza del popolo.

Nello Shujing “il Classico dei documenti” e nello Shiji vengono citati i primi 5 sovrani predinastici

(i “Cinque Di”): Shaoan, Zhuanxu, Diku, Yao e Shun. In epoca Han vennero aggiunti i tre Huang:

Fuxi, Shennong e Huangdi. Tutti collegati ad una presunta “età dell’oro” in cui questi governarono

portando sapienza. Discendente di Huangdi sarebbe Yu, responsabile delle difese contro le

inondazione (argini, campi arginati ecc..).

2. L’ETÀ DEL BRONZO E LE PRIME DINASTIE

L’inizio della lavorazione dei metalli corrisponde alle prime dinastie della Cina (Xia, Shang e

Zhou) stanziate a nord dal XXI al III sec. a.C.

La dinastia Xia

A Fuxi venne attribuita l’invenzione della scrittura, della musica, del matrimonio e

dell’allevamento. A Shennong le conoscenze agricole, mediche e commerciali. A Huangdi

l’invenzione della bussola, il calendario, la ruota, la scrittura e la ceramica. A Yao le difese fluviali:

costui nominò come successore non il figlio, ma Shun, che a suo volta scelse come proprio

16

successore Yu, primo re della dinastia Xia e della Cina. Costui si occupò di proteggere gli abitanti

dalle inondazioni, testimoniate storicamente in questo periodo. L’841 a.C. resta comunque la prima

data certa della storia cinese.

La dinastia Xia (2.200 – 1.500 a.C.) era stanziata probabilmente nell’ansa sud-occidentale dello

Huanghe. Il sito di Erlitou ( ad est di Luoyang) sembra confermare l’esistenza di questa dinastia.

→ Erlitou: ritrovata una gran quantità di ceramica grigia datata tra le culture neolitiche locali e la

prima fase Shang di Zhengzhou; alcune ceramiche hanno marchi incisi, forse esempi di scrittura. In

molte tombe sono state trovate armi in bronzo, vasi e giade. I bronzi sono soprattutto jue, jia, he,

ding, li, piccole campane ed alcune maschere zoomorfe; questi servivano per cibi e bevande durante

le cerimonie. La tecnica bronzea consisteva nella fusione in stampi di argilla a sezione; i bronzi qui

sono spesso privi di decorazioni. Probabilmente i primi bronzi rituali erano legati alla classe al

potere e rimpiazzarono la giada. Quelli di Erlitou erano fatti con una lega di rame e stagno versata

fusa su matrici di terracotta in più parti, poi assemblate. La tipologia delle forme, come delle

tecniche di cottura devono molto alle culture precedenti. Ad Erlitou sono state ritrovate inoltre armi

in bronzo tra le quali vi sono asce e lame; strumenti agricoli tra cui un aratro, punteruoli, armi da

16 Il tutto intorno al 2208 a.C.

taglio, punte di freccia e ami. Documentato l’uso della lacca per ricoprire i sarcofagi. In questo sito

di 1.5 x 2.5 km non vi sono mura di recinzione e gli scavi datano gli strati I e II tra il 2.400 e il

1.900 a.C e gli strati III e IV tra il 1.450 e il 1.250 a.C., epoca in cui vennero costruiti i due palazzi

più importanti vicino ai quali giacevano piccole abitazioni, forni per ceramica, strade, una fonderia

e alcune tombe.. Le strutture presentano una base di terra battuta ed entrambi i palazzi hanno pianta

rettangolare.

Il primo misura 108 x 100 m; l’intera struttura è rialzata di 80 cm e nella parte nord vi è una sala.

Attorno alla costruzione vi era un muro di terra battuta e una porta si apriva a sud. Vicino a questa

strutture sono rinvenuti resti di strutture accessorie. Palazzo n° 1 Erlitou

Il secondo, collocato a nord-est rispetto al primo, è meglio conservato e di dimensioni 58 x 73 m. E’

costituito da una sala al centro della zona nord, posta su una piattaforma divisa internamente in tre

sezioni. Nella parte est e ovest della struttura principale vi è un corridoio e a sud un altro corridoio

raddoppiato assieme ad una grande porta.

Elementi caratteristici di quest’architettura sono: pilastri, colonne, mura non portanti, piattaforme in

terra battuta, gallerie e condotte in terracotta per il drenaggio dell’acqua.

Questo complessi possono essere dunque considerati tempi-palazzi. 17

L’ampio spazio che circonda la sala può essere considerato come esempio di cortile , elemento

che, ancora oggi, è fondamentale nelle abitazioni. Il cortile, probabilmente usato per scopi rituali, è

separato, assieme alla sala, dallo spazio esterno per mezzo delle gallerie.

Nello Shiji è nominato in questo periodo per la prima volta l’uso di tegole per il tetto.

Durante queste prime dinastie erano venerati il Cielo (che era una cosa sola con l’uomo), la Terra,

le Montagne, i Fiumi e gli Antenati.

La dinastia Shang

Secondo la leggenda, dall’età neolitica a quella dei metalli si susseguirono calamità di vario genere,

17 Il primo esempio si deve probabilmente far risalire al sito di Xipi, scoperto nel 2002 e datato circa a 5.500 anni fa.

18

finchè Tang il Grande, si fece carico del mandato celeste e diede inizio alla dinastia Shang (1.766

– 1.122 a.C oppure 1.523 – 1.027 a.C). Inizialmente, però, il Cielo non sembrò favorevole e per

manifestare ciò, colpì il paese con sette anni di siccità, che cessarono quanto Tang si sacrificò. Circa

29 re gli succedettero e spostarono varie volte la capitale, anche se ci pervengono solo le ultime

due: Zhengzhou e Yinxu (attuale Anyang nell’ Henan).

Gli Shang probabilmente erano potentemente radicati sul territorio già prima di sostituirsi agli Xia,

quindi probabilmente vi fu un periodo di sovrapposizione dinastica. Gli Shang provenivano

probabilmente da nord ed estesero, un volta affermati, i propri domini.

Secondo le fonti il re Tang, nel 1560 spostò la capitale a Bo (o Ao), che, con tutta probabilità

corrisponde ad Erligang (Henan) vicino a Zhengzhou.

19

→ Erligang : Portate alla luce fondamenta di una cinta muraria di circa 7 km. Nella parte nord-est

si costruirono vari palazzi su una piattaforma di terra di 300 x 150 m. Tutto ciò richiese un’evidente

organizzazione e una consistenze forza sociale. Al di fuori delle mura vi erano abitazioni di

artigiani, magazzini tombe e laboratori. Nonostante le fortificazioni fu attaccata più volte ed i centri

cittadini successivi si spostarono verso nord-ovest, dove le montagne offrivano una protezione

naturale. Grazie ai bronzi rinvenuti si evidenzia un notevole sviluppo della metallurgia. Compaiono

nuove forme come il gong, lo zun e il li. I motivi decorativi diventano complessi e si sviluppa anche

20

la rappresentazione della maschera Taotie .

→ Xiaotun: scoperta nel 1899, ultima capitale della dinastia Shang, abitata dal 1.300 a.C. che mette

21

in evidenza attraverso la sua monumentalità una forte monarchia centralizzata . E’ composta dalla

città vera e propria (Xiaotun) e la necropoli (Xibeigang), entrambe sulle rive dell’Huan. Qui si

attesta la presenza di piattaforme in terra battuta e rituali legati ai sacrifici umani. La zona di

Xiaotung presenta tre diverse zone:

15 strutture rettangolari parallele su piattaforme in terra battuta a nord (area probabilmente

o dedicata ai palazzi);

Un’area centrale (adibita forse a zona di templi) con 21 edifici a pianta rettangolare e

o centrale accompagnati da una serie di sepolture, che spesso presentano carri da guerra con

22

cavalli . Gli edifici sono disposti su tre file e vi è una parte centrale che presenta tre grandi

strutture a cinque porte. Nella parte sottostanze si evidenzia un complesso sistema di

drenaggio delle acque. E’ presente anche una struttura che fa pensare ad un altare

cerimoniale;

18 Il nome deriva dalla capitale in cui è iniziata la dinastia.

19 Non lontana da Erligang fu rinvenuto anche il sito di Yanshi, forse la capitale secondaria, nella quale sono stati

rinvenuti a sud tre complessi a forma quadrata.

20 Questa raffigurazione è presente già nella cultura Longshan. Si tratta di un insieme di animali visti di profilo che, una

volta accostati, formano una maschera animale vista di fronte, ove sono riconoscibili varie parti dei diversi animali.

Forse, in tempi antichi, rappresentava un avversario di Shang Di, signore di tutte le direzioni e degli uomini.

21 Un esempio di palazzo ben conservato è costituito da quello di Panlongcheng (Hubei), del periodo medio Shang.

Circondato da mura, il complesso era contemporaneo alla prima fase di Erligang. Il palazzo era probabilmente diviso in

quattro stanze circondate da una veranda esterna coperta da un tetto. Nelle piattaforme venivano inserite pietre che

sostenevano i pilastri in legno, ai quali venivano appoggiate le travi e così il tetto.

22 Elemento importante della società del tempo.

La sezione a sud-ovest è formata da 17 piattaforme accompagnate da sepolture(zona forse di

o cerimonie).

L’area di Xiaotun è di 10.000 mq.

La necropoli di Xibeigang invece, comprende diverse tombe reali, a forma di croce con quattro

rampe d’accesso, due più corte e due più lunghe, dove, al loro incrocio, era situata una camera

funeraria contenente il sarcofago. Sotto la bara vi erano depositati resti animali e umani. Accanto a

queste importanti tombe ne sono state rinvenute altre 1400 circa meno importanti, probabilmente di

sacrifici connessi alle sepolture reali. Il fiume Huan separava la necropoli dalla città.

I contadini Shang conoscevano miglio, frumento, riso e probabilmente anche la birra (usata nelle

cerimonie rituali). Coltivavano canapa e gelso per nutrire il baco da seta.

Il carro da guerra viene introdotto nel tardo periodo Shang, forse dall’estero.

I primi oggetti in bronzo furono armi e vasi. Le armi in bronzo diedero agli Shang una superiorità

militare che permise loro di espandersi, soprattutto tra le comunità agricole ferme all’uso della

pietra.

Anyang

La fase Anyang (1.300 – 1.050 a.C.) è l’ultima della dinastia. Qui la produzione bronzea raggiunge

l’apice. Un esempio ne è la tomba di Fu Hao, datata al 1.200 a.C., probabilmente appartenente ad

una delle tre mogli di Wu Ding, re Shang. Essa ha fornito 271 oggetti bronzei tra cui armi,

campane, specchi, utensili; 750 giade; 500 oggetti in osso incisi, ceramiche e avori. I vasi di questa

23

fase sono massicci e molto decorati .

La scoperta del sito di Dayangzhou ha portato alla luce 475 bronzi, vasi, animali, maschere, elmi,

campane e ceramiche, il tutto all’interno di una tomba, datata contemporanea a quella di Fu Hao,

mentre i bronzi datano dal periodo Erligang a quello Yinxu.

Contemporanei al periodo Yinxu sono le due fosse sacrificali ritrovate a Sanxingdui (Sichuan),

datate attorno al 1.200 a.C. grazie ai bronzi. Qui sono state scoperte anche 80 figure umane circa in

bronzo.

Nel 2001 venne scoperto il sito di Jinsha dove sono stati rinvenuti 2.000 oggetti in giada, oro,

bronzo, pietra e avorio, il che convalida l’importanza del sud della Cina durante il periodo Shang-

Zhou.

Le popolazioni Shu e Ba, nel sud della Cina avevano tecniche bronzee avanzate e poche rivali

nell’Asia orientale.

In conseguenza a varie inondazioni durante il II millennio dello Huanghe, riportate anche da un

24

imperatore della dinastia Xia, vi furono immigrazioni in massa verso la pianura centrale cinese . La

supremazia militare Shang sottomise i contadini con armate esigue.

23 Compaiono due fangding.

24 Questo è testimoniato soprattutto dal fatto che il 90% degli scheletri rinvenuti appartenenti a quel periodo hanno

origine non cinese.

3. I ZHOU OCCIDENTALI (1.122 – 1.050 – 771 a.C.)

L’ultimo sovrano Shang, Zhou Xin o Di Xin, fu il responsabile della fine della dinastia Shang,

perché troppo corrotto: queste sono le giustificazioni apportate nell’elaborato “mandato del Cielo”

(Tianming) scritto dagli storiografi cinesi per giustificare gli avvenimenti storici. In realtà una delle

cause principali fu la crescita di potere economico e politico e dell’autonomia dei signori locali, tra i

quali ,gli Zhou, con il loro re Wu, che approfittarono del momento di debolezza per andare al

potere.

Alla divinità Shang Di, i Zhou sostituiscono il Cielo (Tian) che avrebbe conferito agli Zhou, uomini

saggi, il potere di governare e ripristinare l’ordine. Gli Shang mantennero comunque il loro

territorio e non vennero umiliati dagli Zhou.

La dinastia Zhou comportò un sistema sociale di tipo feudale, rispetto al precedente schiavistico e

l’economia non era basata sul commercio ma sui tributi.

Il territorio occupato dagli Zhou comprende l’attuale Shaanxi e Shanxi, lo Shandong, Liaoning,

Hebei e Anhui. Durante questa dinastia si raggiunse maggior stabilità politica tra nord e sud.

Nella capitale occidentale, Hao, regnarono 10 sovrani, che si impegnarono in continue campagne

militari. Furono dunque soggetti a continue migrazioni che non impedirono tuttavia, un notevole

sviluppo sotto tutti i punti di vista.

L’architettura

→ Fengchu: villaggio nello Shaanxi centrale. I palazzi reali dovevano avere un entrata a sud con a

fianco stanze laterali, un cortile con la stanza principale al centro con scalinate d’accesso poste sulla

parte anteriore e posteriore. La parte centrale era riservata alle rappresentanze e quella retrostante

alla vita privata. Le piattaforme alla base delle strutture saranno di una grande pari all’importanza

della struttura. L’intero complesso è circondato da gallerie. Nella parte posteriore della struttura

centrale si aprono due cortili divisi da un muro. Le mura testimoniano l’uso di mattoni.

Le iscrizioni sui bronzi

La maggior parte delle notizie sui Zhou viene riportata dalle iscrizioni su bronzi: la più lunga

comprende 497 caratteri. La divinazione e i sacrifici perdettero in quest’epoca di valore a favore di

25

norme sociali che regolavano i rapporti tra re e feudatari.

Le tombe e le differenze sociali

Il cimitero dei signori di Jin (nel villaggio di Beihao nello Shanxi) mostra come la tradizione

funeraria fosse ancora legata a quella degli Shang. Infatti le sepolture erano raggruppate per eredi e

26

non erano assieme marito e moglie. Qui scompaiono le costruzioni sopra le tombe . Esse sono

collocate a nord o a est della capitale. Il defunto ha la testa a nord e i piedi a sud. In altri cimiteri

Zhou, il defunto era fiancheggiato da tombe di servitori. Con gli Zhou la produzione bronzea era

25 Descritte nello Zhouli (Riti dei Zhou).

26 Tumuli che avevano caratterizzato le fasi precedenti.


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

17

PESO

513.27 KB

AUTORE

ninja13

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti sui Lineamenti di storia dell'arte della Cina della professoressa Alabiso Alida il cui inizio va da dalle origini della Cina fino al primo imperatore.
Negli appunti della professoressa Alabiso sui Lineamenti di storia dell'arte della Cina si analizza il territorio a partire dal Paleolitico per passare poi attraverso le varie culture che negi secoli hanno interessato il Paese cinese.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in archeologia e cultura dell'oriente e dell'occidente
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher ninja13 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia della Cina e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Alabiso Alida.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in archeologia e cultura dell'oriente e dell'occidente

Egittologia - la storia dell'Antico Egitto
Appunto
Storia del teatro greco e latino - La Medea di Euripide
Dispensa
Storia del teatro greco e latino - Le Baccanti di Euripide
Dispensa
Archeologia e storia dell'arte musulmana, prima parte
Appunto