Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

-creditori

A chi non cambia un cazzo???

-percettori di reddito variabile

-debitori

Inflazione attesa: gli effetti dell’inflazione sono meno gravi se le persone riescono a prevedere

l’aumento dei prezzi e ad adeguare i redditi nominali alle aspettative

Stagflazione: causata da uno shock negativo dell’offerta

Deflazione: calo dei prezzi, la moneta ha piu valore

Deflazione da domanda: calano i prezzi poichè la domanda è minore delle possibilità di offerta

Deflazione da offerta: calano i prezzi poiche calano i prezzi di produzione

CAPITOLO 13

Modello ad-as: modello che usa la d.agg e l’off.agg. per spiegare il livello dei prezzi e il pil.

Fornisce anche dati sull’inflazione, disoccupazione e crescita.

Domanda aggregata: funzione o curva che mostra la quantità di beni e servizi domandati per

ciascun livello di prezzi.

La relazione che intercorre tra domanda e offerta è inversa, poiche all’aumentare dei prezzi la

domanda cala, e viceversa.

Perché la domanda è inclinata negativamente? X colpa di 3 effetti:

Effetto ricchezza: un maggiore livello dei prezzi riduce il valore reale dei risparmi , ovvero il

potere di acquisto delle famiglie.

Effetto tasso interesse:un livello alto di prezzi diminuisce il valore della quantità di moneta

detenuta, si venderanno azioni per detenere più moneta. ??????

Effetto domanda estera: un più alto livello dei prezzi fa diminuire le esportazioni (domande

estere), e aumenta le importazioni, quindi la componente “esportazioni nette” diminuisce.

4 fattori (determinanti della dom. agg) che influenzano la domanda aggregata: spesa pubblica,

investimenti, consumo ed esportazioni nette.

Variazioni della spesa per consumi:

-ricchezza dei consumatori (valore totale di tutte le attività detenute dai consumatori, investim, case,

mutui ecc..) un aumento improvviso della loro ricchezza li porterà a

spendere, quindi spostam dx)

-indebitamento (le persone x spendere di più si indebitano, chiedono prestiti, un aumento di essi fa

spostare la curva a dx, al contrario verso sx)

-aspettative

-imposte

Variazione della spesa per investimenti:

-tassi d’interesse

-rendimenti attesi --- aspettative econ. Future, tecnologia, ecc..

Variazioni per spesa pubblica

Un aumento della spesa pubb. (es. investimento x attrezzatura miltare) sposterà la curva a dx

Variazioni delle esportazioni nette:

-tassi di cambio (apprezzamento euro le importazioni aumentano, domanda verso sx.

Deprezzamento euro le esportazioni aumentano, domanda verso dx)

-Reddito dei paesi esteri

Rendimento (effetto tasso interesse): differenza tra quanto avevo dato x il mio prestito e quanto mi è

tornato indietro.

Se ritiro un azione a fine contratto il rendimento sarà quello stabilito al’inizio.

Spostamenti:

-verso dx: aumento domanda, maggiore ricchezza dei consumatori, con la richiesta di prestiti,

investimenti

Vero sx: diminuzione domanda, minore ricchezza consumatori, no prestiti, no investimenti (stato di

recessione)

Infine aumentano la domanda aggregata anche lo sviluppo tecnologico

Offerta aggregata: curva o funzione che mostra il totale di beni o servizi offerti per ogni livello dei

prezzi, Si divide i 3 periodi:

Off.agg. nel brevissimo periodo: periodo durante il quale i prezzi di un impresa (spese per stipendi

o materiali, prezzi dei beni offerti) non variano, poiché troppo breve.

In ugual modo non cambiano i prezzi dei prodotti, morale non cambia un cazzo.

Graficamente è rappresentato da una retta orizzontale (in un grafico x=quantità y=prezzo)

Off.agg. nel breve periodo: periodo durante il quale i prezzi dei prodotti (beni offerti) sono

flessibili, ma quelli dei fattori produttivi sono rigidi.

Quindi i prezzi cambiano ma le spese dell’azienda no.

Graficamente rappresentato con una curva di offerta inclinata positivamente

Off.agg. nel lungo periodo: periodo durante il quale cambiano i prezzi di tutto, beni offerti e fattori

produttivi.

Rappresentato graficam-dente da una retta verticale.

Variazioni dell’offerta aggregata

L’offerta varia principalmente in base a tre fattori:

prezzi dei fattori produttivi:

uno dei principali determinanti, poiché i prezzi dei materiali influenzano molto i costi di produzione

e quindi l’offerta

-prezzi delle risorse nazionali (si sa che i salari sono il maggiore costo di produzione x le imprese,

un auomento di occupazione diminuirà i salari curva a dx, un

aumento dei pensionamenti aumenterà i salari, poiché c’è meno

personale curva sx.

Anche i prezzi dei materiali alterano le offerte.)

Prezzi delle risorse da importazione (nel caso in cui le risorse fornite aumentassero, sia nazionali

che estere, la curva va a dx, nel caso in cui queste

diminuirebbero o aumentasse il loro costo la curva va a sx)

la produttività:

misura il rapporto tra il livello di un prodotto di un paese e l’ammontare di risorse impiegate x

produrlo.

Produttività: output totale/input totale

In parole povere è cio che guadagni da ogni prodotto, se ad esempio i costi totali di produzione sono

20 e i ricavi sono 40, tu facendo 20/40 trovi 0,50 (50 cent guadagnati x ogni prodotto)

Contesto legale istituzionale:

-le imposte (un aumento delle imposte, es IVA, fa aumentare le spese di produzione, e quindi sposta

la curva a sx nella curva a breve periodo.

Breve periodo xk cambia i costi di produzione)

-La regolamentazione (le norme portano costi alle imprese, e quindi si sposta a sx)

Prezzo di equilibrio: punto in cui si incontrano curva di domanda aggregata e di offerta

Moltiplicatore:quando osserviamo uno spostamento della curva notiamo che c’è stato un inizio, una

svolta che ha fatto spostare sta cazzo di curva, ma questo “valore” che ha dato il via allo

spostamento non è costante.

Questo sviluppo ha un inizio e una fine, la curva ci indica la fine.

Il moltiplicatore, quindi, indica l’ampiezza della variazione finale del pil, in altri termini il rapporto

tra variazione del pil reale e la variazione iniziale della spesa

Moltiplicatore: variazione del pil reale/variazione iniziale della spesa

Variazione del pil reale: moltiplicatore x variazione iniziale della spesa

L’effetto moltiplicatore parte da una variazione della spesa iniziale (come detto prima) causata da

un aumento o diminuzione di investimenti, spesa pubb, ecc..

Questo effetto esiste in entrambe le direzioni, sia di crescita che di calo.

Questo effetto dipende dal fatto che l’economia è un flusso continui, in cui le cose cambiano e si

alterano tra di loro.

CAPITOLO 14

Politica fiscale.

comprende gli interventi di entrata (imposte e tasse) e di uscita (spesa pubblica e servizi) gestite dal

governo.

Politica fiscale restrittiva: si attua in caso di inflazione da domanda, nel senso che la domanda

aumenta ragionevolmente, e quindi il governo cerca di limitare il potere d’acquisto delle famiglie

(per diminuire una domanda a cui l’offerta non può far fronte).

Questo avviene incrementando le tasse e riducendo la spesa pubblica

Politica fiscale espansiva: si attua in una fase di recessione, poiché il capitale della gente

diminuisce e investono meno (la domanda agg si sposta verso sx).

Il governo, per far fronte a questo, applica tagli alle imposte e incrementa la spesa pubblica per dare

nuove opportunità di lavoro, taglia le imposte per incrementare il reddito dei cittadini.

Tutto a scopo di una maggiore domanda.

Debito pubblico.

Sommatoria dei deficit che lo stato accumula.

Per deficit si intendono i debiti bellici, i finanziamenti per politica fiscale espansiva ecc..

In altre parole sono i prestiti che lo stato ha emesso x coprire i disavanzi che la tassazione no è stata

in grado di coprire

Effetto spiazzamento: è provocato da un aumento della spesa pubblica (durante una politica fiscale

espansiva), lo stato x competere a questa fa un aumento dei tassi di interesse, di conseguenza gli

investimenti privati calano.

La domanda cala e tutti vanno a puttane.

Lo spiazzamento è basso o nullo nei periodi di recessione, immagino perché si applichi una politica

fiscale restrittiva, che diminuisce la spesa pubblica, e non è quindi necessario aumentare i tassi di

interesse 

Debbito pubblico: lo stato ha bisogno di soldi, quindi vende obbligazioni a privati e stati esteri,

mettiamo che venda un obbligazione a 10, promettendo di ricomprarla 2 anni dopo a 12.

Però intanto lo stato ha i suoi 10, in questo momento.

2 anni dopo lo stato non ha soldi x ricomprare l’obbligazione venduta, si crea quindi nei, confronti

di quel privato o stato, un debito di 12.

Ecco che nasce il debbito pubblico.

CAPITOLO 15

Moneta.

Svolge la funzione di unità di conto, mezzo di scambio, riserva di valore

-mezzo di scambio: mezzo di scambio per la compravendita di beni e servizi

-unità di conto: la moneta viene usata come metro x misurare il valore dell’ampia gamma di beni,

ogni bene o servizio deve essere espresso in moneta.

-riserva di valore: permette che la ricchezza si mantenga nel tempo, e venga incrementata, di solito

nn si spende tutto quello che si riceve.

La liquidità: è la facilità con cui la moneta può essere spesa, senza nessuna o poca perdita di

acquisto

Ha le seguenti caratteristiche: accettata da tutti, non deperibile, trasportabile senza fatica

È considerata PASSIVITà per chi la emette, ovvero le banche, deve essere accettata da tutti per

legge.

La moneta di divide in due categorie:

-circolante: moneta liquida, caratteristica è moneta segno, ovvero che il suo valore non ha

nessun valore intrinseco con il materiale con cui è fatta

-deposito in cc: moneta affidata alle banche come risparmio, in un certo senso anche questa è

circolante

ma la tengono le banche. (detta anche A VISTA)


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

9

PESO

69.00 KB

AUTORE

dondo49

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in servizio sociale
SSD:
Docente: Soci Anna
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher dondo49 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Elementi di economia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Soci Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Elementi di economia

PIL e ricchezza
Dispensa
Calcolo del PIL
Dispensa
Bank of North Dakota
Dispensa
Bank of North Dakota - Il Sole 24 Ore
Dispensa