Che materia stai cercando?

Lezioni, Archeologia romana

Appunti di Archeologia romana per l'esame del professore Slavazzi. Gli argomenti trattati sono i seguenti: l'impero di Cesare Augusto, un restauro della Porticus
Octavia, Le res Gestae, i Rostri, la Curia Julia, la Basilica Giulia, la Basilica Gaio Giulio.

Esame di Archeologia romana docente Prof. F. Slavazzi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

c’era  il  bagno  la  palestra,  arte  e  spazi  verdi.  Qui  molto  probabilmente  avvenne  la  sparizione  di  

Romolo  cioè  nella  palude  della  capra,  zona  di  confine  tra  i  vivi  e  la  zona  dei  morti.  Si  tratta  di  

una   di   una   zona   di   passaggio   come   tutte   le   zone   paludose,   lo   stagno   era   l’ultimo   elemento  

della  palude  trasformato  poi  in  piscina  e  connessa  alle  terme.  Era  una  piscina  per  nuotare  in  

uno   spazio   aperto.   Veniva   utilizzato   per   l’   esercitazione   fisica.   Le   terme   ginnasio   di   Nerone  

furono  collocate  vicino  allo  stagno,  si  tratta  di  un  edificio  molto  più  grande  rispetto  quello  di  

Agrippa.   Dello  stagno  di  Agrippa   sappiamo   molto   poco.   Abbiamo   solo   pochi   resti   dei   gradini   e  

della   pavimentazione.   In   epoca   Neroniana     le   piscine   furono   trasformate   in   piazze     più  

spettacolari.  Per  alimentare  le  terme  Agrippa    fece  costruire  un  acquedotto  chiamato  vergine  

che  entrava  in  città  da  nord,  l’acqua  alimentava  le  terme,  lo  stagno  e  l’euripo    ossia  il  canale  

marmoreo  che  sfociava    nel  Tevere.  Nell’euripo    si  faceva  il  bagno,  aveva  un  rivestimento  per  

non  sprecare    l’acqua,  i  bordi  erano  in  marmo  ma  aveva  anche  un’altra  funzione  forse  segnava  

il   confine   della   proprietà   di   Agrippa   in   due   parti.   Vicino   c’era   un     monumento:   recinto  

marmoreo   funerario   per   Agrippa,   ma   sappiamo   che   lui   era   stato   seppellito   nel   mausoleo.  

Questo  monumento  era  stato  fatto  costruire  direttamente  da  lui.  L’acqua  vergine  arrivava  da  

una   serie   di   sorgenti   vicino   al   fiume   ed   esiste   ancora   oggi,   alimenta   il   campo   marzio,   La  

fontana   di   trevi,   e   la   fontana   di   Piazza   Navona.   Il   pantheon   :   basilica   di   Poseidon,   Oggi  

monumento   non     identificabile   tra   i   monumenti   di   Agrippa.   Forse   c’era   uno   spazio   coperto  

legato  al  portico.  Ricordiamo  che  Agrippa  ha  vinto  due  battaglie  navali  e  che  il  campo  Marzio  

era   un   luogo   trionfale.   Un   monumento   adrianeo   è   stato   battezzato   basilica   di   Nettuno   ma   non  

sappiamo  cos’è,  a  cosa  serviva  e  se  si  tratta  della  basilica  di  Poseidone.  Il  pantheon  secondo  

alcuni  studiosi  era  legato  ad  una  basilica  o  tempio  di  Nettuno.  

Il  Pantheon  Augusteo  è  eretto  da  Agrippa  e    dedicato  tra  il  27  e  il  25  a  C.  L’iscrizione,  che  viene  

rifatta  nel  periodo  adrianeo  fa  riferimento  al  terzo  consolato  di  AGRIPPA(27).  L’altra  data  cioè  

il   25,   Viene   da   Cassidione,   in   età   severiana,   vissuto   due   secoli   dopo,   era     console   ed   aveva  

accesso   ai   documenti   ufficiali.   Nel   12   a   C     i   terreni   di   AGRIPPA     vengono     dati     ad   Augusto   con  

la   clausola   che   siano   costruiti   luoghi   pubblici,   vengono   costruite   le   terme   mantenute   dallo  

Stato.   Il   primo   problema   del   Pantheon   è   il   nome,   a   chi   è   dedicato?   Si   tratta   di   un   edificio   di  

culto   o   a   carattere   privato?   Che   tipo   di   orientamento   ha?   Per   più   di   un   secolo   si   è   pensato   che  

il  Pantheon  era  aperto  a  sud  e  non  a  Nord  come  nel  periodo  di  Adriano.  Sulla  facciata  non  ci  

sono  i  nomi  delle  divinità  al  quale  il  tempio  era  dedicato,  ma  c’è  solo  il  nome  del  costruttore.  

Secondo  Cassidione  era  dedicato  alle  divinità  della  gens  iulia,  cioè  Marte,  venere  e  divo  Giulio.  

Agrippa   voleva   inserire   nell’edificio   due   statue,   una     dedicata   a   lui   e   l’altra   ad   Augusto,   ma  

Augusto   si   oppone   perché   inserire   la   statua   dell’imperatore   ancora     vivo   non   era   conveniente  

per   il   tipo   di   edificio   costruito.   Il   pantheon   si   trovava   di   fronte   al   mausoleo   se   era   aperto   al  

Nord,  in  una  zona  totalmente  libera,  a  prato,  il  rapporto  con  il  mausoleo  della  famiglia  Giulia  

era  molto  stretto.  L’edificio  si  legava  al  culto    imperiale,  ma  questo  non  era  dichiarato  a  Roma,  

ci   troviamo   fuori   dal   pomerio.   Il   PANTHEON   si   trova   nel   limite   della   palude   della   capra,  

questo   comporta   una   costruzione   di   fondazioni   gigantesche   visto   il   terreno   instabile,   qui  

probabilmente  scomparve   Romolo.   Augusto   sarebbe   il   nuovo   Romolo   e   si  spiega  il  perché  il  

tempio   viene   costruito   proprio   in   questo   luogo,   in   relazione   al   mausoleo   della   famiglia.     Il    

pantheon    non  viene  nominato  negli  edifici  nelle  res  gestae  .  Gli  scavi  di  fine  ottocento  e  inizio  

novecento   ritrovano   un   basamento   sotto   l’atrio,   interpretato   come   la   cella   di   Augusto,  

immaginando  che  l’edificio  si  aprisse  verso  sud  e  che  quindi  si  affacciava  sotto  la  basilica  di  

Nettuno     nel   periodo   augusteo.   Il   basamento   era   sotto   il     pronao   adrianeo.   Negli   anni   90   gli  

scavi   sono   andati   avanti   ed   è   stata   formulata   una   nuova   pianta.   Ci   sono   due   livelli   differenti,   il  

primo   con   un   edificio   più   antico   che   ha   il   tempio   raggiungibile   da   una   scala   sul   podio,   e   un  

edificio  più  recente  del  periodo  di  Adriano.  Quello  che  era  stato  interpretato  come  un  pronao  

della  cella  è  in  realtà  il  pronao    del  podio.  Il  podio  del  tempio  doveva    avere    o  8  colonne  +2,  

octastilo  in  antis,  o  dodecastilo.  L’edificio  più  antico  era  più  grande  rispetto  quello  attuale,  di  

cui   però   non   conosciamo   molto:   aveva   i     capitelli   bronzei   e   le   cariatidi   sul   frontone  

dell’edificio.   Nel   pronao   abbiamo   due   spazi   che   lasciano   intendere   che   vi   siano   state   due  

statue  forse  quelle  del  costruttore  e  di  Augusto.  All’interno  non  sono  stati  fatti  scavi  ma  sono  

stati     individuati   dei   condotti   per   l’acqua   e   una   seconda   pavimentazione.   Nel   novecento   era  

stata   considerata   la   pavimentazione   della   piazza,   in   realtà   vista   l’apertura   verso   nord   si   tratta  

della  cella  del  tempio  di  Augusto.  La  forma  del  tempio  doveva  essere  simile  a  quella  attuale:  

154   m   di   diametro.   Sicuramente   non   c’era   la   cupola     come   con   Adriano   perché   al   tempo   di  

Augusto   non   c’erano   le   conoscenze   per   costruirla.   Gli   studiosi   hanno   pensato   che   l’edificio  

potrebbe   essere   aperto,   oppure   con   il   tetto   con   sostegno   centrale   ma   non   sappiamo   molto.   Se  

l’apertura  è  verso  nord  non  si  ha  il  collegamento  con  gli  edifici  di  Agrippa  e  con  il  tempio  di  

Nettuno.   Secondo   lo   studioso   polacco   nel   Marzio   al   posto   del   tempio   di   Nettuno   ci   sono   il  

tempio   di   nettuno   in   circo,   il   pantheon   doveva   a   essere   il   grande   tempio   di   Marte   costruito   da  

Cesare,   di   cui   non   sappiamo   nulla.   Inoltre   questa   idea   sarebbe   confermata   da   Cassiodione   che  

parla   di   una   statua   di   Marte   all’interno   dell’edificio.   Tra   il   mausoleo   e   il   pantheon   vi   è   un  

grande   spazio   pianeggiante,   e   nel   settecento   sono   stati   trovati   un   recinto   marmoreo   con  

balaustra   di   cui   parla   anche   Strabone.   Quindi   ci   sarebbe   un   collegamento   tra   il   mausoleo   il  

Pantheon   e   forse   la   zona   di   cremazione   di   Augusto   che   si   collega   bene   ad   altri   due   edifici  

sempre  nel  campo  Marzio  ossia  l’orologio  di  Augusto  e  l’ara  pacis.  L’orologio  con  la  gigantesca  

meridiana   venne   votato   il   4   luglio   13   a   c,   stesso   giorno   per   l’ara   pacis,   con   una   grande   area  

pavimentata   di   cui   si   è   trovata   traccia,   con   il   nome   dei   venti,   costellazioni   dello   zodiaco.  

L’obelisco   era   la   lancetta   dell’orologio,   portato   come   bottino   di   guerra   dopo   la   conquista  

dell’Egitto.  Ora  si  trova  Montecitorio,  venne  restaurata  nel  settecento  con  parti  della  colonna  

di  Antonino  Pio  e  viene  sostituita  anche  la  palla,  l’obelisco  misura  complessivamente  29,5  m.  

Venne   inaugurato   il   30   gennaio,   della   superficie   della   piazza   non   si   conoscono   i   confini   ma  

abbiamo   tracce   delle   iscrizioni   greche,   l’orologio   si   lega   all’età   di   Augusto   Età   dell’oro   in   cui  

viene   ristabilito   l’ordine   cosmico,   allusione   all’eternitas   imperi.   Ara   pacis   inaugurata   il   30  

gennaio   9   a   c   ,   il   23   settembre,   Compleanno   di   Augusto   l’ombra   dell’orologio   rifletteva   sulla  

porta   dell’ara   pacis.   Il   30   gennaio   era   il   compleanno   di   Livia   però   lei     non   era   così   importante  

per   avere   un   monumento   simile   quindi   il   30   gennaio   da   inizio   al   periodo   delle   feste   per   il  

nuovo   anno   che   cominciava   il   21   marzo,   secondo   il   calendario   romano.   L’ara   pacis,     il  

capolavoro   dell’arte   romana   è   costituito   da   un   recinto   marmoreo   che   racchiude   un   altare   al  

centro,  che  è  la  parte  meno  conosciuta.  Viene  ricostruita  nella  piazza  imperatore  quindi  non  si  

trova   nella   posizione   originale.   Il   recinto   è   caratterizzato   da   due   ingressi:   uno   aperto   sulla   via  

alata  ,l’altra  sul  campo  Marzio  verso  l’orologio.  Le  porte  non  erano  chiuse  da  cancelli  ma  erano  

aperte.   L’altare   si   trovava   su   un   grande   basamento   accessibile   con   alcuni   gradini   che   si  

trovavano   dalla   parte   dell’entrata   del   campo   Marzio.   I   rilievi   dell’altare   non   si   sono   tutti  

conservati.   Mentre   si   sono   conservati   i   rilievi   del   recinto   che   conta   due   lati   maggiori   con   le  

porte  e  due  minori  continui.  La  forma  è  quasi  quadrata,  l’interno  è  decorato  con  alcuni  registri  

divisi  in  due  parti,  scanditi  da  alcuni  pilastri  corinzi,  l’interno  riproduce  una  staccionata  lignea  

nella  parte  bassa  mentre  nella  parte  alta  abbiamo  alcune  ghirlande  con  fiori  e  frutti,  legati  a  

bucrani   ,   tra   i   due   abbiamo   delle   papere   ossia   dei   recipienti   per   il   vino.   L’altare   è   dedicato   dal  

Senato  per  celebrare  il  ritorno  di  Augusto  dalle  campagne  di    Iberia  e  Gallia.  Da  alcune  fonti  

sappiamo  che  il  4  luglio  Augusto  torna  a  Roma  e  viene  accolto  come  vincitore  perché  oramai  

c’era  la  pace  nell’impero,  si  proclamava  la  pace  augustea.    Però  sappiamo  che  Augusto  arriva  

di   notte   quindi   niente   cerimonia,   proprio   per   questo   nel   9   viene   fatta   la   grande   festa.   Il  

monumento  è  menzionato  nelle  res  gestae.  L’esterno  è  caratterizzato  da  due  registri:  la  parte  

bassa   dell’ara   ha   una   vegetazione   ricca   mentre   nella   parte   superiore   abbiamo   un   registro  

figurato.    

I  pannelli  hanno  soggetti  diversi:  

Nel   primo     rilievo   è   rappresentato   il   lupercale,   il   ritrovamento   dei   gemelli   con   la   lupa   che   li  

allatta  alla  presenza  di  Marte  che  è  il  padre,  qui  sono  rappresentate  le  origini  di  Roma.  

Nel   secondo   rilievo   è   rappresentato   il   sacrificio   di   Enea     con   la   scrofa,   dietro   di   lui   Iulio  

Ascanio,  il  figlio  di  cui  restano  pochi  frammenti,  vediamo  inoltre  due  personaggi  giovani.  

Nel   terzo   rilievo   è   rappresentata   Roma   seduta   su   una   catasta   d’armi,   figurazione   che  

conosciamo  già  da  alcune  monete,  ai  lati  abbiamo  due  figure  forse  omos  e  virtus  ossia  il  valore  

militare  e  l’onore  conquistato  sul  campo.    

Nel   quarto   pannello   è   rappresentata   una   figura   femminile,   forse   venere   genitrice   con   due  

fanciulli     oppure   Tellus   la   terra,   ai   lati   abbiamo   due   personaggi   che   rappresentano   l’aria  

seduta   sul   cigno     e     l’acqua   seduta   su   un   mostro   marino.   La   vegetazione   è   folta,   si   vedono    

papaveri  e  delle  canne    inoltre  nella  parte  bassa  alcuni  animali,  che  potrebbero  essere  i  doni    

della  terra  per  l’ordine  ristabilito  da  Augusto.  Quindi  tutti  gli  elementi    danno  i  loro  frutti  per  

imperatore  garante    dell’ordine  cosmico.  

Questa  parte  è   considerata  di  soggetto  storico-­‐mitologico.  Sui  due  lati  dei  due  rilievi    lunghi  

abbiamo   scene     di   processione.   Sul     lato   sud   e   nord   abbiamo   la   rappresentazione   di   una    

processione   che   si   svolge   da   sinistra   verso   destra   cioè     dalla   via   Flaminia   al   campo   Marzio.  

Sono   rappresentati   alcuni   personaggi   in   movimento,   divisi   per   gruppi   omogenei:   la   parte  

anteriore  è  molto    frammentaria.  Dalla  quarta  lastra    i    pannelli    sono  completi.  Nella  prima  

metà  fino  alla  figura  E  gli  studiosi  hanno  ipotizzato  che  le  figure  fossero  i  collegi  sacerdotali  ,  

rappresentano   i   flamini,   i   maggiori     sacerdoti   di   alcune   divinità.   I   3   flamini   +importanti   erano  

quelli  di:  Giove  querino    e  del  divo    Giulio.  Questi  sacerdoti  hanno  il  copricapo  con  cuffia    di  

cuoio   da   cui   pende   un   fiocco.   I   gruppi     precedenti   erano   poco   leggibili,   in   una   lastra   erano  

meglio   definiti   dell’altra   e   sono   stati   interpretare   come   i   membri   dei   principali   collegi  

sacerdotali   della   religione   romana.   Ognuno     di   loro   aveva   una   funzione   specifica.   I   collegi  

rappresentati  erano  cinque,  i  più  importanti  erano:  pontefici,  flamini  e  auri  mentre  dall’altra  

parte   gli   altri   due   erano:   quindiceguri   e     setteguri.   Nella     lastra   danneggiata   la   figura   B   è  

Augusto   mentre   la   figura   A   e   la   figura   C     sono   ferme     come   se   stessero   parlando.   Augusto   è  

rappresentato   in   abiti   sacerdotali,   sappiamo   che   nel   12   dopo   la   morte   di   Lisippo,   Augusto  

diventa   pontefice   massimo   e   da   qui   in   avanti   gli   unici   pontificati   saranno   riservati  

all’imperatore.   Augusto   qui   non   sta   tra   gli   auri.   Vicino   a   lui   abbiamo   due   figure.   Le   teste  

conservate   sono   teste   ritratto.   La   seconda   parte   del   rilievo   è   composta   dai   littori,   che  

accompagnavano   i   magistrati   e   i   sacerdoti.   Successivamente   abbiamo   dei   ritratti   con  

personaggi   identificabili,   che   prima   in   altri   monumenti   non   erano   accettati:   I   bambini   e   le  

donne.  Qui  sono  rappresentati  i  membri  della  famiglia  Giulio-­‐Claudia.    

1)Il   primo   personaggio   rappresentato   è   Agrippa   che   nel   13   a   C   è   erede     del   principe   e   suo  

collaboratore  fin  dalla  44  a  C,  successivamente  la  figlia  Giulia  si  sposa  con  Agrippa  e  nascono  

gli   eredi,   due   figli   maschi   e   Giulia   minore.   Agrippa   è   rappresentato   con   il   capo   velato   che   apre  

una  sequenza  di  nuove  figure.    

2)Dietro   abbiamo   un   bambino   che   si   tiene   dalla   sua   toga   e   si   volta   per     guardare   la   figura  

femminile  che  sta  dietro,  in  un  monumento  ufficiale  viene  rappresentato  un  gesto  naturale  ma  

non  ufficiale,  molto  probabilmente  si  tratta  del  ritratto  di  Gaio  Cesare.  È  vestito  con  una  tunica  

e   il   torques,   con   un   nastro     tra   i   capelli   lunghi,   è   vestito   da   principe   troiano.   Ricordiamo   che   il  

bambino  in  quanto  nipote  dell’imperatore  era  già  lodato  con  un  titolo  che  lo  lega  ai  giochi  che  

si  tenevano  a  Roma  per  ricordare  la  battaglia  di  Troia.  

3)Subito   dopo   abbiamo   la   prima   figura   femminile   che   è   ritratta   con   delle   caratteristiche  

generiche  nella  della  famiglia  di  Augusto.  Ha  una  corona  di  alloro  e  forse  è    Livia  ma  secondo  

gli  studi  recenti  si  tratta  di  Giulia,  la  moglie  di  Agrippa  e  madre    del  bambino.  

4)Successivamente  la  figura  maschile,  interpretato  come  Tiberio,  presenta  alcuni  problemi  di  

identificazione,   Se   i   consoli   avevano   accolto   il   principe   tornato   dalla   battaglia   vincitore   nel   13  

allora   Tiberio   dovrebbe   trovarsi   tra   di   loro   ma   nel   caso   non   fosse   così   Tiberio   dovrebbe  

trovarsi  tra  i  membri  della  famiglia  imperiale.  Successivamente  abbiamo  un  secondo  gruppo  

con  bambini  e    adulti:    

5)La   figura     femminile   matronale     è   Antonia   minore,   moglie   di   6)Druso   Maggiore   in     abito  

militare   isto   che   lui   era   il   secondo   comandante   degli   esercito   sul   Reno.   7)Il   bambino   di   due  

anni  vicino  a  laro  Germanico,  rappresentato  come  se  fosse  un  cittadino  romano.    

Dopo  di  loro  abbiamo  un  secondo  gruppi:  la  prima  figura  è  Antonia  maggiore  che  sposa  Cneo  

Domizio   Aneobardo   vicino   a   lei,   da   cui   nascono   Lucio  Domizio   aneobardo,   Padre   di   Nerone,     e  

Domizia.    

Il   lato   settentrionale   è   simile   ma   la   lastra   si   conserva   meglio,   sappiamo   che   però   tutte   le   teste  

sono  state  restaurate  in  età  moderna  e  quindi  è  molto  difficile  l’identificazione.  La  prima  parte  

è   composta   da   cui   gruppi   sacerdotali,   poi   abbiamo   un   gruppo   di   familiari,   mancano   tutte   le  

teste  e  quelle  rimaste  non  sono  identificabili  se  non  i  bambini,    quindi  si  va  per    l’ipotesi.    

1)Il  bambino  piccolo  di  due  anni  rappresentato  come  principe  troiano  rappresenta  il  fratello  

minore  di  Giulia  e  Agrippa  ossia  Lucio  Cesare  secondo  figlio  maschio,  ma  la  figura  a  cui  si  tiene  

non  sappiamo  chi  sia  forse  un  parente.  La  seconda  figura  femminile  è  Livia.  Poi  abbiamo  un  

gruppo  di  figure  non  identificabili,  ma  il  bambino  è  riconoscibile  si  tratta  del  figlio  di  Agrippa  

e   Marcella   Maggiore   (moglie   precedente   Sorella   di   Marcello)   il   bambino   è   morto  

prematuramente.  Poi  abbiamo  una  bambina  che  è  la  figlia  di  Giulia  e  Agrippa,  Giulia  minore.  Vi  

è  inoltre  il  figlio  di  Marco  Antonio  ossia  Iulio  Antonio.  Nel  monumento  è  rappresentato  sia  lo  

Stato  sia  la  famiglia  in  ordine  di  successione  di  importanza.  Si  arriva  fino  al  periodo  di  Nerone  

con  i  personaggi  rappresentati.  Nel  montaggio  della  lastra  sono  stati  fatti  alcuni  errori:    

Il  primo  è  la  figura  di  Antonia  che  è  accostata  con  la  figura  34  non  considerando  che  è  la  figura  

34  a  è  un  uomo,  di  cui  resta  solo  il  piede  si  tratta  di  una  figura  persa,  le  due  lastre  sono  state  

unite   lasciando   molto   spazio   sul   fondo.   Il   secondo   errore   si   trova   nel   collegio   sacerdotale     dei  

quindeceguri.   Non   sappiamo   se   la   processione   presente   sia   stata   reale   o   no.   Forse   si   voleva  

esprimere   l’idea   della   consacrazione   dell’opera   avvenuta   nel   9   ma   questa   ipotesi   non   è  

possibile   perché   in   quel   momento   Agrippa   era   già   morto   e   l’età   dei   bambini   non  

corrisponderebbe.  In  più  il  ruolo  di  Augusto  non  aiuta.  I  personaggi  sono  rappresentati  come  

come   volevano   essere   ricordati.   Vengono   rappresentati   tutti   anche   chi   era   assente,   però  

abbiamo  un  altro  problema  se  consideriamo  il  personaggio  che  si  trova  tra  Antonia  e  Druso  si  

tratta   di   una   figura   che   si   tocca     la   bocca   con   il   dito,   non   è   un   movimento   casuale,  

nell’iconografia   ha   un   presagio   di   morte,   infatti   druso   muore   nel   9   improvvisamente   cadendo    

da   cavallo     a   Magonza.   Sembrerebbe   che   qui   ci   sia   rappresentato   già   il   destino   del  

personaggio,   forse   la   scena   è   stata   rappresentata   dopo   la   morte   del   personaggio?   Forse   il  

monumento   è   stato   inaugurato   quando   ancora   non   era   completato?     Le   ipotesi   sono   aperte.   Il  

modello  per  eccellenza  decorativo  è  il  fregio  del  Partenone.  Dell’altare  si  conserva  solamente  

la  spalletta  da  ci  risulta  uno  stile  compositivo  classico  tipico  della  Grecia,  abbiamo  due  sfingi  

all’estremità,   nel   fregio   abbiamo   scene   di   vittime   in   sacrificio,   figure   femminili   interpretate  

come   vestali.   La   parte   esterna   è   composta   da     decozioni   vegetali   e   alcuni   pilastri   che  

scandiscono   le   lastre:   si   tratta   di   girali   di   acanto   con   fiori   e   frutti.   Tra   la   vegetazione   si  

possono   vedere   alcuni   animali   tra   cui     uccelli,   rettili   e   lumache.   Sono   tutti   animali   legati   al  

terreno  selvatico.  La  parte  alta  del  monumento  è  decorata  con  alcuni  cigni  che  spiccano  il  volo.  

La    composizione  è  lussuosa  in  stile  horror  vacui,  ci  sono  alcuni  candelabri  che  reggono  i  cigni,  

abbiamo  inoltre  un  cespo  di  acanto  .  la  rappresentazione  dei  singoli  elementi  è  molto  naturale  

e   reale,   si   tratta   di   72   specie   di   vegetazione   diversi   tra     frutti   foglie,   fiori,   viti,   edera   piante  

aromatiche,   acquatiche.   Sono   tutte   specie   che   fioriscono   in   momenti   differenti   quindi   non   è   la  

rappresentazione   di   una   stagione.   La   gigantesca   composizione   decorativa   ha   un   significato  

specifico,   studiato   dalla   dott.   Caneva,   secondo   lei   la   rappresentazione   dei   cigni   si   lega   ad  

apollo   come   divinità   protettrice   di   augusto   della   battaglia   di   Azio   e   dell’ordine.   Si   celebra  

quindi  augusto  come  garante  dell’ordine  dopo  le  guerre.  Nella  parte  alta  del  monumento  sono  

i   familiari   e   il   corpo   civico   a   ringraziare   augusto   di   essere   tornato   vincitore   dalla   battaglia,  

nella   parte   bassa   è   la   terra   che   ringrazia   per   l’ordine   donando   tutti   i   suoi   frutti.   Durante   gli  

studi   sono   state   trovate   le   tracce   cromatiche.   Forse   era   colorato.   L’alloro   e   l’edera   vicine  

stanno  a  significare  Apollo  e  Dioniso  sullo  stesso  ramo.  

Solo     i   patrias   familias   sono   rappresentati   in   modo   riconoscibile:   I   personaggi   riconoscibili  

sono   Augusto   Agrippa,   Lucio   Apuleio,   Sesto   Apuleio.   Augusto   combatte   la   battaglia   più  

importante   insieme   ad   Agrippa.   Augusto   rifiutò   il   trionfo,   in   cambio   ottenne   un’   altare   alla  

pace.     Pace:   che   è   un   periodo   breve.   In   questo   periodo   c’è   la   sospensione   dell’attività   militare,  

per  i  romani  questa  non  viene  identificata    come  la  normalità,  si  tratta  di  una  fase  positiva  in  

quanto   porta   i   frutti   della   pace   e   dell’ordine.   Secondo   Torelli   l’altare   si   trova   a   un   miglio   dalla  

città,   cioè     fuori   dal   pomerio,   il   confine   tra   imperio   milites   e   imperio   dominis.   I   militari   non  

potevano  entrare  con  le  armi  nella  città.    

Programma  dell’altare:  secondo  Torelli  il  confine  del  pomerio  passava  dalle  due  porte  dell’ara  

pacis.  Da  un  lato  si  potevano  portare  le    Armi    dall’altro  ci  troviamo  dentro  la  città.  Nei  rilievi  

non  ci  sono  tracce  della  guerra  e  delle  armi,  nella  parte  opposta  vi  è    la  dea  Roma  seduta  su  

una  catasta  di  armi,  ci  troviamo  quindi  fuori  dalla  città.  Da  un  lato  abbiamo  la    divinità  della  

guerra,   dall’altra   la   divinità   della   pace.   Il   modello   è:   ellenistico   pergameno   (   confronto  

Partenone)   es   girali.   Abbiamo   4   pannelli   mitologici:   vi   sono   molti   elementi   della   natura  

lussureggiante,   pannelli   di   costruzione   rigorosa,   ogni   personaggio   è   stato   ripreso   da   un  

modello.   In   questo   caso   il   termine   ecclettico,   in   quanto   significato   negativo,   non   può   essere  

usato.  Dopo  l’età    augustea  l’altare  continua  ad  essere  utilizzato  abbiamo  delle  notizie  fino  al  

IV   secolo   d.   C   di   cerimonie   celebrate   nell’ara   pacis.   Nella   zona   del   Palatino   troviamo   una  

costruzione   importantissima:   la   casa   di   Augusto.   Nelle   42   a   C   quando   Ottaviano   aveva  

vent’anni   acquistò  una  residenza  nella  zona  del  Palatino,  una  zona  meno  preferita.    Ottaviano    

prima   abitava   in   una   zona   ora   non   più   esistente   ossia   nella   zona   della   testa   dei   buoi.   Nel  

palatino   c’era   la   casa   di   Ortensio     che   aveva   delle   dimensioni   ridotte   e   non   più   alla   moda,  

Ottaviano   dopo   aver   acquistato   questa   residenza   intraprese     una   serie   di   rifacimenti.   Nel   36   a  

C   Ottaviano  avvia   ampliamento   acquistando   molti   edifici   vicini   per   esempio   la   casa   di   Latazio  

Catulo.    

Cadde     un   fulmine   sul   terreno,   questo   significava   che   Apollo   voleva   abitare   in   quella   zona,  

voleva   abitare   con   Augusto   per   questo   fu   costruito   un   tempio   di   Apollo,   una   costruzione  

privata,   il   cima   al   Palatino   dedicato   dopo   Azio     e   dedicato   ad   Apollo   aziaco.   Nel   12   a   C   ci   fu   un  

altro  cambiamento  importante:  Augusto  divenne  pontefice  Massimo  e  di  conseguenza  spostò  

la   residenza   del   pontefice   massimo   non   più   sulla   reggia   pubblica.   Rese   così   pubblica   parte  

della  sua  casa  in  modo  da  far  abitare  un  pontefice  massimo  e  quindi  non  spostarsi  di  dimora.  

Gli   scudi   di   Romolo   vennero   spostati     nella   nuova   dimora.   La   dimora   dove   abitava   prima  

venne   donata   alle   vestali,   che   seguivano   il   fuoco   sacro   di   Vesta.   La   sede   originale   pubblica   del  

pontefice  massimo  si  doveva  trovare  nel  foro.  Augusto    riceve    anche  degli  onori:  un  esempio  

sono   le   due   piante   di   alloro   ai   lati   della   sua   casa,   si  tratta  di  un  trionfo   perpetuo   simbolo   di  

Apollo  e  la    corona  civica  ,  corona  di  quercia  perché  salvò  tutti  cittadini  romani.  In  una  moneta  

del   12   a   C   di   L.   Caninius   Gallus   si   riconosce   la   presenza   della   corona   e   delle   due   piante   di  

alloro.   Nel   3   d.   C   un   incendio     danneggiò     la   casa   di   Augusto,   così   la   casa   fu   trasformata   in  

pubblica  e  in  cambio  il  Senato  doveva  ristrutturare  l’intera  casa.  Il  colle  Palatino  sembro  una  

costruzione   artificiale   dopo   l’edificazione   dei   nuovi   edifici.   In   età   domizianea   qui   venne  

costruita  la  residenza  imperiale.  Definire  la  forma  della  casa  di      Augusto  è  molto  difficile,  fino  

a  50  anni  fa  si    conosceva  veramente  poco.  La  zona  conosciuta  veniva  identificata  con  la  casa  

di  Livia.  Il  tempio  di  Giove  tonante    inizialmente  fu  inserito  vicino  la  casa  di  Livia  o    Ottaviana.  

Grazie  ad    alcuni  scavi  fu  portata  alla  luce  gran  parte  della  casa  e  i  pesanti  interventi    di  una  

parte   delle   costruzioni   dei   flavi.   La   casa   di   Augusto   era   forse   un   piccolo   quartiere   che  

includeva  diversi  settori.  È  composta  da  un  peristilio  ,  scale  dei  caci  che  collegavano  i  settori.  

Era  una  famiglia  allargata  e  abitavano  insieme  nella  stessa  casa.  Le  fonti  che  parlano  della  casa  

sono   di:   Orazio,   Properzio   e   Ovidio.   Augusto   cercava   di   comportarsi   come   un   normale  

cittadino   utilizzando   elementi   molto   normali   anche   nelle   ville   extra   urbane:   cioè   la   villa   di  

Livia  a  Prima  Porta  e  la  villa  augustea  di  Capri.  Datare    le  fasi  della  casa  di  Augusto  è  molto  

complicato.   Sulla   base   degli   affreschi   sono   state   identificate   diverse   fasi:   un   passaggio   tra   il  

secondo   e   terzo   stile.   Vi   sono   due     datazioni:   o   il   42   o   il   36   a   C.   Secondo   Andrea   Calandini  

l’immagine   che   oggi   conosciamo   è   solo   un   frammento   di   una   casa   palazzo   colossale   con   al  

centro  il    tempio  di  Apollo.  Si  tratta  di  un’idea  impossibile  da  confermare  perché  sul  terreno  

c’è  una  triclinio,  una  zona  non  smantellabile.  La  casa  di  Augusto  ha  tre  livelli,  mentre  gli  altri  

livelli  risalgono  ad  un  periodo  precedente  dall’acquisto  di  Ottaviano.    

Un   problema   complesso   è   quello   di   capire   gli   ambienti   conservati   a   quale   fase   della  

costruzione   della   casa   appartengono.   Come   abbiamo   detto   nella   casa   c’è   un   passaggio   dal  

secondo   al   terzo   stile,   la   superficie   della   casa   è   molto   ampia,   si   tratta   di   una   casa   con   una  

struttura  a  terrazzo  e  nel  portico  inferiore  si  trova  il  portico  delle  Danaidi.  Vi  sono  numerose  

sculture  e  forse  appartengono  alla  decorazione  di  questi  portici.  La  casa  era  composta  da  un  

atrio(A)   che   rappresentava   l’ingresso   principale,   c’è   anche   un   ingresso   secondario   presso   le  

scale   caci,   non   sappiamo   se   c’è   un   piano   superiore   con   una   vasca.     I   due   lati   del   peristilio     non  

esistono   più.   Al   centro   (10)   abbiamo   due   cubicoli(9-­‐11)   e   l’ambiente   8   bis.   I   vari     corridoi   per  

collegavano   la   parte   posteriore   che   rappresenta   un   settore   di   servizio.   La   sala   centrale   è   la  

grande   sala   di   ricevimento   rialzata   con   una   scala,     mentre   le   due   salette     ai   lati   sono   due  

anticamere.   Da   fonti   sappiamo   che   questa   sala   centrale   era   utilizzata   anche   come   sala   da  

pranzo   oppure   può   essere   un   tablino     con   due   ali,   questa   è   la   teoria   più   accreditata.   insolito   è  

la   presenza   di   due   biblioteche   in   una   casa   Urbana.   Sull’   altro   lato   del   peristilio   c’è   un  

ambiente(13)   che   può   essere   un   ecus   con   4   colonne   che   avevano   una   funzione   decorativa,  

questa   potrebbe   essere   una   sala   di   rappresentanza,     si   tratta   di   un   ecus   corinzio.   Potrebbe  

essere   preceduta   da   un   anticamera   che   è   articolata   con   pilastri   e   colonne   che   reggono     un  

controsoffitto.   La   rampa     porta   al   livello   superiore   e   collega   la   casa   al   tempio   di   Apollo,   il  

soffitto  è  a  Volta,  di  cui  ancora  si  conserva  la  decorazione.  Il  pavimento  in  parte    di  marmo  con  

decorazioni  semplici.  La  presenza  del  marmo  in  una  casa  è  molto  precoce  in  quanto  è    l’unica  

casa  dove  viene  utilizzato  in  età  augustea.  Dal  punto  di  vista  della    decorazione    pittorica    la  

casa  è  in  secondo  stile  nella  sua  ultima  fase,  la  decorazione  della  rampa  è  moto  virtuosistica  

con  cassettoni  in  prospettiva,  giocati  su    colori  diversi  per  lo  fondo  con  rosette  color  oro  e  il  

fascio   di   fulmini   sul   cassettone   romboidale     che   è   un   richiamo     a   Giove.   Il     pavimento   fu  

trovato   a   pezzi   e   successivamente   ricostruito.   Abbiamo   una   visione   accurata     della  

prospettiva.  La  rampa  presto  verrà  chiusa  perché  in  una  delle  ristrutturazioni  la  porta  in  cima  

viene  murata  con  del  materiale  decorativo  del    tempio  che  grazie  a  questo  si  è  conservato.  Il  

muro  tra  gli    ambienti  8  e  6  divide  in  due  la  casa,  questo  settore  molto  più  piccolo  era  forse  

destinato   ad   uso   esclusivo   della   famiglia   e   non   era   visitabile.   Gli   ambienti   5   e   6   non   hanno  

finestre,  la  decorazione  è  in  uno  stato  migliore  delle  altre.  Forse  era  lo  studiolo  di  Augusto,  un  

ambiente   di   lavoro   ad   uso   quotidiano   non   aperto   agli   ospiti.   Nell’ambiente   3   c’è   una   scala   che  

collega   il   piano   superiore,   di   cui   unico   ambiente   conservato   è   il   (15)   con   una   decorazione   che  

si  è  conservata  in  quanto  le  pareti  sono  state  smantellate  e  la  pittura  che  le  rivestiva    è  caduta  

sul  calpestio    conservandosi  in  frammenti.  Questa  zona  viene  ricoperta  di  terra  per  costruire  

la  base  degli  ambienti  domizianei.  Questo  comporta  la  cancellazione  dell’edificio,    ma  anche  la  

sua  conservazione.  Gli  ambienti  9-­‐10-­‐11  hanno  alcune  tracce  di  pittura.  L’11  è  decorato  con  

finte  prospettive  in  secondo  stile.  5  e  6  si  conservano  meglio.  La  sala  numero  5  è  chiamata  sala  

delle  maschere,  conserva  meglio  le  pareti  mentre  il  soffitto  è  andato  perduto.  Si  tratta  di  uno  

stile   secondo   finale,   rappresenta   il   passaggio   dal   secondo   al   terzo.   Abbiamo   tre   settori   di  

pareti:   due   lunghe   e   una   corta.   La   prima   parete   lunga:   architettura   reale   ma   esile,   spazio  

centrale  vuoto  che  da  a  un  ambiente  che  sta  alle  spalle,  è  un’architettura  finta,  forse  una  scena  

di  teatro  con  una  struttura  lignea.  Nel  secondo  stile  di  solito  non  ci  sono  né  oggetti  e  ne  figure  

ma   qui   si   trovano   delle   creature   fantastiche   quindi   si   tratta   di   una   stile   finale   secondo,   al  

centro   della   struttura   c’è   un   vaso   con   della   vegetazione   mentre   ai   lati   alcuni   animali,   si  

trovano  inoltre  due  maschere  per  questo  forse  si  tratta  di  un  teatro,  al  centro  c’è  un  paesaggio  

fantastico  che  viene  definito  idillico  sacrale,  si  tratta  di  paesaggi  finti.  è  come  se  al  centro  delle  

porte   ci   fossero   dei   quadri,   il   carattere   sacro   è   dovuto   alle   rappresentazioni   delle   colonne  

betilo,   dalle   rappresentazioni   aniconiche   della   divinità   in   questo   caso   PAN.   Abbiamo   pochi  

colori,  quasi   uno   stile   monocromo.  Lo   sfumato   rende   tutto   irreale   e   nessun   elemento   simile  al  

paesaggio   reale   quindi   qui   abbiamo   un   genere   pittorico   tipico   del   terzo   stile.   Normalmente   lo  

sfondo  è    mitologico.  Gli  elementi  del  terzo  stile  sono:  la  presenza  dei  quadri,  gli  animali  e  gli  

oggetti,   questi   elementi   si   vedono   nella   villa   della   Farnesina.   L’ambiente   sei   è   molto   più  

piccolo  e  viene  decorato  diversamente  in  quanto  ci  troviamo  ancora  nel  secondo  stile  tardo,  

senza  nessuna  anticipazione  del  terzo  stile,  Questa  sala  viene  chiamata  Sala  dei  rami    di  pino  si  

tratta  di  un’architettura  reale  ma  se  viene  analizzata  bene  si  notano  delle  incongruenze;  non  

sappiamo   in   che   modo   sono   legate     le   colonne     alle   ghirlande.   Le   architetture   reali   che   si  

vedono  sono  il  portico  con  peristilio  e  lo  spazio  aperto  posteriore.  Ciò  che  si  vede    è  che  non  

importa   il   ritratto   realistico   delle   architettura   ma   solo   la   decorazione.   Nello   studiolo   si  

riconosce   la   decorazione   con   le     pareti   e   il   soffitto   di   terzo   stile.   Viene   identificato   come  

studiolo  perché  nella  casa  di  Augusto  sappiamo  da  alcune  fonti  che  c’era  un  ambiente  dove  lui  

si   isolava,   questo   ambiente   era:   nel   piano   alto,   era   chiuso,   era   un   ambiente   dove   poteva  

lavorare,   era   un   ambiente   dove   poteva   mediare.   L’apparato   decorativo   è   molto   diverso  

rispetto   al   piano   inferiore:   la   qualità   è   superiore,   Mano   diversa,   gusto   diverso.   Gli   elementi  

decorativi   utilizzati   sono:   sfingi   alate,   uccelli   acquatici     del   Nilo,   brocca   del   culto   di   Iside,  

motivo  stilizzato  che  si  trova  ad  Alessandria.  C’è  una  forte  moda  egizia  che  ha  fatto  collocare  

lo  studiolo  a  dopo  il  30,  qualcuno  sosteneva  che  lo  studiolo  era  una  realizzazione  più    antica    

che   arriva   con   cleopatra   nel   periodo   di   Cesare.   Quando   cioè   la   regina   era   ospite   a   Roma   e  

voleva   fare   un   regalo   ai   romani.   Non   è   possibile   datare   lo   studiolo   all’epoca   di   Cesare   ma  

sicuramente  è  più  antica  al  30,  magari  dopo  la  conquista  dell’Egitto  quando  Augusto  porta  non  

solo   obelischi   ma   anche   artisti   alessandrini.   Qui   abbiamo   esempi   del   terzo   stile,   la   frase   più  

antica   potrebbe   essere   post-­‐cesariana     da   attribuire   al   gusto   che   giunge   con   Cleopatra.   Non  

sappiamo  quale  soluzione  adottare.  Nello  studiolo  furono  utilizzati  dei  colori  spettacolari:  un  

rosso  cinabro  che  è  un  materiale  naturale  che  deriva  dalle  secrezioni  di  insetti  orientali    ed  era  

costosissimo   e   proprio   per   questo   veniva   utilizzato   poco.   Le   architetture   sono   fantastiche   con  

colonne   e   architravi     che   non   reggono   nulla   ma   hanno   solo   una   funzione   decorativa.     La  

parete:  al  centro  un  quadro  di  soggetto  mitologico    con  una  cornice,  il  resto  è  articolato  per  

settori   con     quadri   piccoli   di   natura   morta   in   gran   parte   perdute,   vi   sono   elementi   figurati  

come  oggetti  per  dare  un  senso  di  tridimensionalità.  Il  soffitto:  è  a  volta,  la  volta  venne  tagliata  

e   il   soffritto   precipitò   a   terra   dove   si   sono   conservati   i   frammenti   che   ne   consentono   la  

ricomposizione.   Anticipa   le   soluzioni   della   villa   della   Farnesina.   Il   soffitto   è   decorato   con  

dipinti   e   stucchi,   è   diviso   in   settori   con   una   ripartizione   molto   ampia.   Vi   sono   delle   parti   a  

rilievo   che   hanno   della   tridimensionalità,   questo   è   raro   perché   era   molto   costoso   chiamare  

artisti   per   lavorare   lo   stucco   e   la   pittura.   L’insieme   è   stato   sicuramente   composto   da   artisti   di  

corte   alessandrina   come   per   esempio   i   tolemaici     che   vengono   a   Roma   per   cercare   lavoro.  

Questi  sono  i  prototipi  per  la  diffusione  del  terzo  stile.  Sappiamo  da  alcune  fonti  che  Augusto  

nella  sua  casa  aveva  molte  opere  che  aveva  portato  da  Alessandria:    

1)Opere  di  Nicia  il  giacinto  collocato    nella  sua  camera.  Sappiamo  che  Tiberio  dedica  il  giacinto  

del   tempio   di   Augusto   perché   sapeva     che   era   molto   amato   da   Augusto.   Il   tempio   verrà  

inaugurato  da  Caligola.  

2)Il   quadro   di   Io-­‐Argo-­‐Mercurio,   una     copia   di   questo   quadro   era   anche   nella   casa   di   Livia  

oltre  al  quadro  di  Polifemo  e  galatea.  

3)  il  quadro  astratto  delle  linee  frutta  della  contesa  tra  Apelle    e    Crotocene  per  chi  faceva  la  

linea  più  sottile,  Vinse  Apelle.  Questa  storia  viene  raccontata  dal  Plinio.    

4)  Forse  anche  il  quadro  di  Polifemo  e  galatea.    

La   casa   di   Augusto   era   molto   innovativa   per   la   scelta   dei   materiali,   la   presenza   delle  

biblioteche,  lo  studiolo  e  l’apparato  decorativo  con  il  passaggio  dal  secondo  al  terzo  stile.  La  

casa  di  Livia  si  tratta  di  un  settore  dedicato  alla  parte  femminile  della  famiglia,  era  collegato  

alla  casa  di  Augusto  anche  se    in  mezzo  passava  una  strada  pubblica.  La  casa  di  Livia  è  molto  

più   recente   rispetto   quella   di   Augusto,   venne   scavata   nell’800   da   Napoleone   III   che   era   il  

proprietario   del   Palatino.   La   casa   di   Livia   viene   rispettata   nella   costruzione   delle   altre  

costruzioni   successive   anche   quando   la   casa   non   veniva   più   utilizzata.   L’ingresso   era   sulla  

strada  con  un  atrio,  il  settore  meno  tradizionale  è  quello  posteriore  che  era  raggiungibile  da  

un   cortile   e   da   una   rampa   a   cui   si   accede   ad   un   tablino   due   ali   e   un     triclinio   che   si   affaccia   sul  

cortile.   La   casa   di   Livia   si   trova   sotto   il   livello   della   domus   tiberiana.   Due   pilastri   reggono   il  

tetto.  I  tre  ambienti  conservano    la  decorazione  pittorica  molto  deteriorata.  Le  pareti  sono  in  

terzo  stile  con  strutture  che  si  incastrano  tra  di  loro.  La  rete  principale  è  composta  da  grandi  

quadri  centrali  e  spazi  autonomi  che  mostrano  delle  architetture  e  delle  figure  umane.  Ci  sono  

dei  quadri  sopra  le  mensole,  sculture  e  sfingi.  Gli  ambienti  laterali  decorati  sono  molto  simili  

alla  sala  con  i  rami  di  pino.  Le  ghirlande  sono    l’attaccate  alle  colonne  e  le  colonne  poggiano  su  

uno   strano   basamento.   Sono   intere   pareti   chiuse     con   dei   pannelli   verticali.   Dalle   ghirlande  

pendono  delle  maschere.  Viene  inserito  un  elemento  nuovo,  ossia  il  fregio  monocromo  giallo  

continuo   dove   ci   sono   scene   figurate   che   raccontano   delle   storie   molto   simili   al   fregio   Nero  

della  villa  della  Farnesina.  La  casa  di  Livia  è  più  piccola  rispetto  a  quella  di  Augusto  e  sembra  

un’abitazione  a  sé  stante  forse  destinata  ad  Ottavia  o  Livia,  l’apparato  decorativo  è  più  recente  

ma   si   rifà   al   secondo   stile.   Il   pavimento   non   è   più   in   marmo   come   quello   di   Augusto     ma   è  

composto   da   un   disegno   bianconero   semplice.   Qui   abbiamo   però   delle   opere   dello   stile    

alessandrino  come:  Polifemo  e  galatea.  

   

Nella  sala  delle  maschere  abbiamo  tre  immagini  idillico  sacrali.  Al  centro  c’è  un  betilo,  ossia  

un   modo   per   ricordare   la   divinità,   si   tratta   di   una   tecnica   molto   arcaica,   le   pietre   adorate  

erano  di  origine  misteriosa,  in  alcuni  casi  si  trattava  proprio  di  meteoriti.  Nell’età  augustea  c’è  

il  recupero  di  immagini  delle    divinità  più  antiche.  Il  betilo  più  famoso  a  Roma  è  quello  della  

magna   mater   ,   trasferita   a   Roma   da   Pessinute.   Il   betilo   che   c’è   nella   sala   delle   maschere   è  

riferito  ad  Apollo.  I  pavimenti  della  casa  di  Augusto  possono  essere  di  due  tipi:    

1)  A  mosaico  

2)  Geometrici  in  marmo  

Lo   stile   a   mosaico   è   composto   da   alcune   tessere   bianche   che   creano   un   disegno   molto  

semplice   ma   molto   efficace,   ricordiamo   che   la   sala   non   era   dotata   di   alcuna   finestra.   Nella  

tessitura   del   mosaico,   la   disposizione   delle   tessere   è   obliqua   nella   parte   esterna,   mentre   le  

fasce  sono  perpendicolari  alle  pareti,  viene  così  creato  un  gioco  geometrico  che  riesce  a  dare  

luce   alla   stanza,   questo   andamento   diverso   delle   tessere,   ossia   doppio   andamento   è   tipico  

dell’età   augustea.   Per   le   piastrelle   in   marmo   veniva   utilizzata   una   tecnica   particolare   di  

costruzione   geometrica   composta   da   alcuni   quadrati   e   un   doppio   quadrato   all’interno   con    

triangoli.   Del   pavimento   ci   resta   solamente   l’impronta   della   malta   della   tecnica   della   Q2,   si  

tratta  di  costruzioni  semplici  che  giocavano  su  due  colori  uno  chiaro  e  uno  scuro.  Per  quanto  

riguarda  il  soffitto  abbiamo  dei  disegni  differenti  per  ogni  ambiente.  Il  soffitto  della  rampa  è  

composto   da   quadrati   decentrati   pensati   in   questo   modo   per   dare   il   senso   di    

tridimensionalità,  la  tecnica  era  costruita  con  lacunari  e  rosette  o  con  fulmini.  I  colori  utilizzati  

erano  molto  costosi:  Oro-­‐Rosso  cinabro-­‐verde-­‐azzurro.  I  fiori  erano  invece  Color  bronzo  e  oro  

sempre   per   dare   il   senso   di   tridimensionalità.   Per   quanto   riguarda   lo   studiolo   c’era   una  

copertura   a   volta,   al   centro   delle   pareti   troviamo   delle   edicole   con   scene   mitologiche,   nella  

parte   alta   abbiamo   fregi   decorativi   con   cigni,   aironi     e   grifi,   erano   tutti   richiami   di   Apollo.   Il  

disegno   del   soffitto   è   giocato   sulla   tridimensionalità   composta   dalle   cornici   di   stucco   e   le  

pitture,   un   particolare   importante   è   la   presenza   di   una   faccia   grottesca   che   rimanda   alla  

pittura  alessandrina.    

La  casa  di  Livia    

La   rampa   posta   sulla   strada   porta   nel   cortile   dove   ci   sono   i   tre   ambienti,   la   decorazione   dei  

pavimenti  è  sicuramente  successiva  a  quella  di  Augusto  in  quanto  i  disegni  sono  più  complessi  

ma   giocano   ancora   sui   colori   del   bianco   e   del   nero.   Anche   qui   abbiamo   la   presenza   di   un  

betilo.   La   costruzione   delle   pareti   è   di   terzo   stile,   possiamo   trovare   dei   piccoli   quadri   come   se  

questi   fossero   appesi   e   vicino   abbiamo   degli   sportelli   che   servivano   per   preservarli  

dall’eccessiva   esposizione   alla   luce,   venivano   aperti   solamente   in   occasioni   importanti.   C’è  

quindi   un’illusione   che   si   tratti   di   un   quadro   vero,   che   rimanda   all’idea   di   pinacoteca,   molto  

più  accentuata  nella    Villa  della  Farnesina.  Nel  triclinio  la  decorazione  è  affidata  a  colori  molto  

scuri   come   il   nero,   ma   dalle   fonti   sappiamo   che   questo   era   utilizzato   solo   in   ore   notturne.   Qui  

possiamo   trovare   dei   pannelli   con   soggetti   ai   lati   di   un   candelabro.   Calandini   propone   una  

ricostruzione   della   casa   di   Augusto,   che   secondo   lui   era   composta   da   un   gigantesco   palazzo   di  

cui  noi  conosciamo  solamente  una  minima  parte.  Il  palazzo  sarebbe  composto  su    terrazzi  di  

sette  o  otto  piani.  Il  secondo  settore  sarebbe  composto  dalla  domus  pubblica,  ma  non  ci  sono  

prove  per  confermare  le  idee  dello  studioso,  siamo  in  una  zona  dove  non  si  può  più  scavare  in  

quanto   siamo   sotto   l’angolo   del   palazzo   Flavio.   All’interno   delle   case   possiamo   trovare   non  

solo  tematiche  mitologiche  ma  anche  tematiche  nuove  come  quella  del  paesaggio.  Il  paesaggio  

vien   inteso   per   la   prima   volta   come   soggetto   proprio   nell’età   di   Augusto,   queste  

rappresentazioni  vengono  finalmente  pensate  come  quadri,  viene  rappresentato  un  paesaggio  

irreale   che   rimanda   a   dimensioni   mitiche.   È   il   corrispondente   del   soggetto   storico   mitologico.  

Tutto   è   sfumato,   quasi   indefinito.   Sono   pochissimi   gli   elementi   definiti   che   rimandano   a  

elementi   sacri.   Questi   paesaggi   sono   ricorrenti   nella   casa   di   Livia,   ricordiamo   che   in   questa  

casa  si  trova  il  quadro  di  Polifemo  e  galatea:    

il  quadro  è  composto  da  un  albero  morto    

• galatea  cavallo  

• Polifemo  la  spia  

•  Il  paesaggio  è  sfumato  quasi  irreale.    

Il  distacco  dalla  realtà  divenne  il  soggetto  dei  quadri  usati  in  età  augustea,  questa  tendenza  è  

stata  interpretata  da  Zanker  come  un  distacco  del  cittadino  Romano  dalla  vita  politica,  la  sfera  

politica,   prima   era   centrale   mentre   ora   viene   eliminata.   Questo   comporta   il   rifugio   in   un  

mondo   fatto   dal   mito   oppure   dal   piacere,   in   questo   periodo   cominciano   a   nascere   i   soggetti  

erotici.  Il  tema  della  politica  non  compare  mai  nella  sfera  privata  ma  solo  come  arte  ufficiale.  

Aula  isiaca  

Venne  individuata  sotto  la  parte  delle  costruzioni  domizianee,  ci  sono  varie  fasi  di  costruzione  

in   quanto   venne   distrutta   per   la   costruzione   della   domus   transitoria   e   il   palazzo   neroniano.  

L’aula  viene  identificata  verso  la  fine  del  700  successivamente  viene  dimenticata  e  riscoperta  

nel   900,   quando   le   pitture   vengono   staccate   dalla   parete   e   vengono   ricomposte,   sopravvive  

una  parte  importante  con  soluzioni  uniche  che  l’hanno  fatta  attribuire  al  complesso  augusteo:  

restano   le   pareti,   la   volta   e   una   parete   di   una   fase   precedente   quasi   di   25   anni.   La   parete  

lunga:  unica  sopravvissuta,  ci  sono  paesaggi  quasi  scomparsi,  l’articolazione  della  parete  è  in  

terzo   stile   iniziale,   con   un’edicola   al   centro   e   i   pannelli   che   sono   scanditi   da   colonne   dove  

c’erano   i   paesaggi   sacri   monocromi   +   una   fascia   superiore   con   figure   fantastiche,   Esseri  

antropomorfi.   Più   sopra   vi   era   una   fascia   illusionistica   che   faceva   pensare   ad   una   apertura.   In  

alto  abbiamo  il  fregio  con  fiori  di  loto,  cobra,  piume  di  Iside.    L’ultimo  elemento  è  il  fregio  a  

dentelli  che  costituisce  il  passaggio  dalla  parete  alla  volta.  Nella  volta  ci  sono  tre  pannelli  con  

motivi   vegetali,   entro   alcune   cornici   su   fondo   blu,   la   cornice   è   composta   da     petali     di   Rosa  

accartocciati  e  un  nastro  Color  oro  al  centro,  i  colori  utilizzati  sono  l’oro  il  rosso  e  il  blu.  Qui  

sono  usati  dei  materiali  molto  pregiati,  e  il  soggetto  è  raro,  perché  nel  20  a  C  il  gusto  egizio  era  

stato   vietato   da   Augusto,   qui   possiamo   trovare   dei   rimandi   a   Iside.   La   sala   dopo   Azio     non  

venne  più  utilizzata,  ci  troviamo  negli  anni  in  cui  si  realizza  anche  lo  studiolo.  La  cronologia  

delle  costruzioni  può  essere  così  sintetizzata:    

1à  ristrutturazione  e  acquisto  della  casa  di  Augusto    

2   casa  di  Livia  

à

3àVilla  Farnesina  

4àAula  isiaca  È  studiolo    

5àVilla  di  prima  Porta    

Tutte  queste  costruzioni  vengono  prodotte  in  pochi  anni.  

Il  tempio  di  Apollo  nella  casa  di  Augusto.    

Viene   votato   nelle   36   a   C   dopo   la   battaglia   di   Naulaco   ma   viene   dedicato   nel   28,   il   resto   dei  

lavori   vengono   fatti   dopo   Azio.   L’edificio   viene   costruito   ex   novo   per   la   vittoria   aziaca.  

L’edificio  è  costruito  su  un  alto  podio,  che  è  l’unica  parte  conservata,  oggi  del  tutto  spogliata  

dalle   sue   decorazioni.   Venne   ricostruito   dai   pochi   elementi   sopravvissuti   e   da   alcune   fonti   tra  

cui  Properzio.  E’  un  tempio  esastilo  secondo  periptero  in  marmo.  La  struttura  è  interamente  

in  marmo  quindi  è  un  esempio  molto  raro.  Il  tempio  è  famoso  per  la  sua  decorazione  e  per  le  

opere   che   custodiva,   in   quanto   all’interno   c’erano   delle   opere   originali   greche   trasferite  

appositamente   a   Roma.   Al   centro   c’era   il   carro   del   sole   in   onore   di   Apollo.   Le   figure   del  

frontone   erano   state   realizzate   da   due   artisti   greci   del   IV   secolo,   Cubelo   e   Atenio.     La   porta  

della  cella  era  in  legno  rivestita  da  avorio  con    rilievi  con  scene  storico-­‐Mitico.    

Le  due  scene  erano:  

1à  cacciata  dei  galati  dalla  santuario  del  film-­‐scena  storica    

2   uccisione  dei  Gnobili  

à

Nella   cella   c’erano   le   statue   di   culto   di   Apollo   Artemide   e   Latona,   queste   statue   erano   state  

riunite   da   Augusto,   ma   erano   delle   opere   ellenistiche   di   età   classica.   La   statua   di   Apollo  

citaredo  era  un’opera  di  scopas,  la  statua  di  Artemide  era  un’opera  di  Timioteos,    la  statua  di  

Latona    era  di  Cevisotodos.    Le  tre  statue    sono    rappresentate  sulla  base  di  Sorrento.    Apollo  è  

al  centro  con  alle  spalle  un  tripode  mentre  ai  lati  gli  altri  due  personaggi.  Al  centro  del  tempio  

c’era  la  statua  di    Apollo  citaredo.  Apollo  era  rappresentato  con  la  cetra  in  mano  simbolo  della    

pace.  Tutte  le  statue  riunite  rimandavano  all’arte  greca  del  periodo  classico.  Oggi  del  tempio  

resta   solo   il   podio,   una   parte   della   decorazione   architettonica   e   i   frammenti   della   statua  

colossale:   piede   destro   e   testa   di   Apollo.   Non   sappiamo   di   quale   delle   due   statue   si   tratta,  

quella   al   centro   del   tempio   oppure   quella   della   cella?   Nel   363   un   grandissimo   incendio  

distrusse   il   tempio,   fu   un   incendio   devastante   tanto   che   il   tempio   non   venne   restaurato   ma  

abbandonato.   Il   tempio   ospitava   delle   cerimonie   importanti   come   la   celebrazioni   dei   ludi  

saeculares     ed   era   inoltre   sede   delle   riunione   del   Senato.   Non   molto   tempo   fa   sono   state  

scoperte   una   serie   di   laste   campane   alte   circa   1   m   che   forse   erano   da   decoro   ad   un   portico,  

forse   il   portico   delle   Danaidi,   di   queste   sappiamo   che   rimasero   in   uso   per   poco   tempo   in  

quanto   conservano   ancora   la   policromia   originale,   quindi   non   furono   esposte   a   lungo.   Oggi  

originariamente  erano  intere  ma  successivamente  furono  smontate  prima  di  essere  utilizzate  

come  materiali  da  costruzione.  Le  lastre  hanno  soggetti  differenti:  2    di  carattere  mitologicoà    

1)contesta  del  tripode    tra  Apollo  ed  Eracle  

2)Perseo    con  la  testa  di  medusa  offerta  ad  Atena.  

 Gli   altri   due   soggetti   rappresentavano   al   centro   un   oggetto   e   ai   lati   2   personaggi.   Molto  

probabilmente   nella   posizione   originaria   dovevano   alternarsi,   vennero   utilizzate   in   una   fase  

precedente   alla   battaglia   di   Azio   perché   ci   sono   alcuni   rimandi   ad   Antonio   e   Cleopatra:  

1)Eracle    apparteneva  alla  famiglia  di  Antonio  

2)   medusa   richiama   Cleopatra   che   era   la   nemica   per   eccellenza   della   quale   si   auspicava   la  

sconfitta  da  Ottaviano.  

Vi  erano  inoltre  una  serie  con  i  misteri  eleusini,  un  soggetto  raro.  Inoltre  la  serie  era  composta  

da  un  fregio  con  Iside  ,  Sfingi  che  reggono  degli  oggetti,  più  la  divinità  egizia  Pes.  La  datazione  

deve   quindi   legarsi   alla   battaglia   di   Azio   oppure   successiva.   L’apparato   decorativo   viene  

eliminato  dopo  la  battaglia  perché  da  fastidio.  La  fase  successiva  delle  decorazioni  potrebbe  

essere   quella   del   portico   delle   Danaidi,   una   decorazione   in   giallo   antico.   Tra   le   colonne   del  

portico  dovevano  erano  esserci  le  statue  delle  50  figlie  di  Danao,    i  mariti    a  cavallo  e  infine  

Danao   per   un   totale   di   101   statue.   La   storia   narra   dell’uccisione   dei   mariti,   simbolo   della  

vendetta   degli   dei   sugli   uomini   che   andavano   oltre   il   loro   ruolo.   Non   sappiamo   come   erano  

divisi  gli  spazi,  sono  state  proposte  varie  soluzioni:    

 Le  statue  in  marmo  nero,  trovate  nella  casa  di  Augusto,  sono  di  tipo  arcaico,  che  rimandano  

alle    danzatrici  di  Ercolano  nella  sala  dei  papiri.  È  possibile  che  siano  le  rappresentazioni  delle  

Danaidi  che  avevano  una  carnagione  nera,  se  le  statue  erano  queste  il  portico   doveva  a  essere  

enorme.  E’  stata  prodotta  anche  una  seconda  soluzione  che  vedeva  le  statue  su  un  ballatoio,  

ma  si  esclude  perché  non  ci  sarebbe  stato  il  posto  per  la  collocazione  delle  statue  dei  mariti.  È  

anche  possibile  che  queste  non  siano  le  rappresentazioni  delle  Danaidi.    

La   casa   di   Augusto   era   innovativa   per   l’epoca   anche   per   la   presenza   delle   due   biblioteche,   che  

facevano  parte  del  santuario,  sono  le  seconde  biblioteche  pubbliche  di  Roma    dopo  quelle  di  

Pollione,   successivamente   saranno   costruite   più   biblioteche   pubbliche.   Sappiamo   che   sono  

due   perché   erano   dedicate   una   a   testi   greci   l’altra   ai   testi   latini.   Le   biblioteche   erano   decorate  

con  immagini  di  Augusto  e  i  ritratti  clipeati  di  scrittori  e  poeti(tra  cui  germanico  che  era  uno  

scrittore).  I  modelli  per  la  costruzione  della  casa  di  Augusto    potrebbero  essere:    

1)    Palazzi  reali  come  quello  di  Pergamo  

2)    Santuario  di  Atena    a  Rodi  

 

Villa  della    Farnesina    

Non   può   essere   considerata   una   dimora   del   principe   ma   per   la   sua   decorazione   fa   pensare   ad  

una  commissione  proveniente  da  qualcuno  molto  vicino  alla  famiglia  imperiale.  Forse  poteva  

essere   Marcello   quando   sposa   la   figlia   di   Augusto,   Giulia   oppure   Agrippa   dopo   la   morte   del  

primo   marito   di   Giulia   quando   risposa   Giulia.   La   villa   si   trova   all’interno   delle   proprietà   di  

Agrippa,   ,in   questa   zona   c’erano   gli   orti   agrippine,   precisamente   viene   rinvenuta   sotto   i  

giardini   della   Farnesina,   una   proprietà   che   giunge   nelle   mani   della   famiglia   Farnese,   da   cui  

prende  il  nome.  Nel  1870  dopo  la  Breccia  di  Porta  Pia,  si  avvia  un  lavoro  di  sistemazione  dei  

fiumi  e  in  particolare  modo  per  prevenire  le  esondazioni  del  Tevere.  In  quell’occasione  viene  e  

in  rinvenuto  il  ponte  Elio  e  delle  costruzioni  grandiose  tra  cui  la  villa  che    conservava  al  suo  

interno  le  grandiose  pitture  parietali.  L’elemento  problematico  della  scoperta  è  che  la  villa  si  

trovava   precisamente   lungo   la   zona   del   fiume   che   andava   interrata   di   conseguenza   si   cerca   di  

procedere   con   lo   smantellamento   di   tutto   ciò   che   poteva   era   considerato   importante   per   la  

storia   dell’arte,   infatti     viene   scavata   in   pochi   mesi   subito   dopo   il   1879,   gli   affreschi   furono  

strappati   Dalle   pareti   originarie   oppure   bene   lo   tagliate   solo   alcune   parti,   Stessa   cosa   per   i  

pavimenti.   Della   villa   sappiamo   che   con   la   sua   costruzione   del   subito   abbandonata   prima   di  

essere   spogliata   di   tutto   il   materiale   sia   il   marmo   utilizzato   per   altre   costruzioni.  

Successivamente   la   villa   venne   interrata.   All’interno   non   ci   sono     indicazione   sul   proprietario,  

Tutti   rilievi   effettuati   negli   scavi   sono   andati   perduti,   quelli   che   abbiamo   provengono   da  

alcune   pubblicazioni.   In     alcuni   casi   sono   state   strappate   tutte   le   pareti   in  altri   casi   solo   alcuni  

dettagli,   non   sappiamo   se   questo   sia   avvenuto   per   mancanza   di   tempo   oppure   perché   si  

succedevano   motivi   uguali   per   ogni   stanza.   Bisogna   sempre   ricordare   che   nel   lavoro   di  

smantellamento  tutto  quello  che  era  lasciato  andava  perso.  Subito  dopo  lo  smantellamento  si  

è   cercato   di   ricomporre   la   struttura   degli   affreschi   che   sono   di   grande   qualità,   ricordiamo  

infatti  che  la  villa  in  quanto  utilizza  per  poco  ha  mantenuto  l’alta  qualità  di  tutti  i  materiali  e  la  

lucentezza  del  colore.  Per  quanto  riguarda  la  posizione,  la  villa  si  trovava  lungo  il  fiume,  quasi  

al   livello   dell’acqua   è   forse   questo   motivo   è   quello   che   potrebbe   essere   collegato  

all’abbandono,   infatti   era   una   villa   troppo   esposta   alle   piene   del   fiume,   questo   tipo   di  

costruzione   è   da   intendere   come   costruzione   per   il   mare   in   città.   Non   ha   confronti   se   non   con    

alcuni  affreschi  simili  vesuviani.  Per  quanto  riguarda  la  struttura  della  villa  è  composta  da  una  

lunga   facciata   a  più   piani     e  porti  per  raggiungerla    e  al   suo  interno  abbiamo  delle  decorazioni  

con   quadretti   di   quarto   stile.   La   facciata   è   molto   scenografica   perché   era   composta   da  

un’esedra  proiettata  verso  l’esterno.  Nella  zona  centrale  abbiamo  la  costruzione  di  una    sala  

rialzata  composta  da  una  serie  di  aperture  usata  come  sala  panoramica  da  dove  si  vedeva  sia  

l’obelisco   sia   il   mausoleo   e   altri   monumenti   romani   che   sono   collegati   al   principe   e   questo  

grazie   alla   presenza   della   pianura.   La   villa   quindi   era   pensata   anche   per   il   suo   slancio  

panoramico.  Era  di  grande  effetto  per  chi  la  vedeva  dal  fiume  ma  era  di  effetto  anche  per  chi  

vedeva  la  città  dalla  casa,  questo  è  il  primo  caso  di  progetto  di  una  villa  per  il  mare  adattata  

per  la  città.  L’errore  è  stato  costruirla  troppo  vicina  al  fiume  specialmente  vicino  ad  un  fiume  

così   incerto   come   il   Tevere.   Questa   è   la   prima   ipotesi   di   abbandono,   ma   un   altra   ipotesi  

potrebbe   essere   la   caduta   in   disgrazie   del   proprietario,   causa   di   una   condanna   grave,   Ma   la  

villa   era   della   famiglia   imperiale     e   all’interno   della   famiglia   non   ci   sono   stati   avvenimenti  

simili.   Dal   punto   di   vista   architettonico   la   villa   può   essere   confrontata   con   poche   strutture  

come:  

1)Villa  di  Capri    

2)Villa  Ionis    a  Capri  

Secondo  alcuni  studiosi  l’  esedra  della  villa  era  composta  a  più  piani  per  ospitare  un  grande  

salone   panoramico   di   cui   si   resta   l’apparato   pittorico   composto   da   affreschi   E   dalla  

decorazione   del   soffitto.   I   settori   meglio   conservati   sono:   C   D   H   che   sono   piccoli   ambienti  

chiamati     CUBICOLA     e   un   ambiente   più   grande   (3)coperto   da   un   peristilio   (F)chiuso   con  

pareti  decorate  con  pitture  da  giardino.  Delle  strutture  B  C  D  F  3  abbiamo  la  decorazione  quasi  

al   completo,   resta   inoltre   un   portico   dove   c’erano   alcuni   pannelli   con   paesaggi   e   vi   sono  

frammenti  di  pitture  di  un  altro  ambiente.    alcuni  studiosi  pensano  che  i  pavimenti  sono  più  

antichi  rispetto  alle  pitture  di  10  o  15  anni.  La  sala  C  viene  ricordata  come  sala  nera.  Composta  

da  un  TRICLINIO    invernale  e  che  affacciava  su  un  giardino  chiuso,  Viene  caratterizzata  da  una  

decorazione  in  terzo  stile  pieno  dove  si  vede  un  esile  apparato  architettonico  che  funge  solo  

da   cornice   e   dove   prevale   una   zona   monocroma.   Per   ogni   pannello   c’era   un   paesaggio  

monocromo   su   fondo   nero,   la   parte   superiore   era   composta   da   alcune   ghirlande,   oppure   da  

alcuni  rami  di  Pino  che  ricordano  il  ramo  della  casa  di  Augusto.  Questo  elemento  serviva  per  

dare   un   effetto   naturalistico   alla   casa   e   alla   decorazione.   Nella   parte   alta   abbiamo   inoltre   la  

presenza   di   un   fregio   miniaturisti   con   50   scene   poco   comprensibili   in   quanto   ci   manca   la  

chiave  di  interpretazione,  ci  sono  molte  scene  di  giudizio,  forse  si  faceva  riferimento  al  testo  

letterario  o  un  genere  che  oggi  è  andato  perduto.  Ci  restano  alcuni  degli  acquarelli  effettuati  

prima   dello   strappo,   oggi   le   condizioni   sono   molto   precarie.   La   scelta   del   colore   nero   è  

interessante,   ricordiamo   infatti   che   l’uso   di   questo   colore   rende   lo   spazio   più   piccolo   ma  

dobbiamo   anche   ricordare   che   questa   sala   serviva   soprattutto   di   notte.   Le   pareti   erano   lucide  

e   di   conseguenza   riflettevano   la   luce   delle   FIACCOLE,     sopra   il   fregio   abbiamo   una   serie   di  

cariatidi   che   sembrano   delle   vere   sculture   bronzee.   Accanto   all’ambiente   C   abbiamo   due  

CUBICOLI   B   D,   questa   soluzione   di   triclinio     più   cubicola   funzionava   come   piccolo  

appartamento   ed   era   legato   per   scopi     erotici   oppure   per   conversare   in   privato.   Per   quanto  

riguarda   le   decorazioni   sono   molto   lussuose.     Nel   cubicolo   B     prevalente   il   colore   rosso,   la  

decorazione   è   costruita   su   un   fulcro   centrale   composto   da   un’edicola   con   quadro   su   fondo  

bianco  con  alcune  figure  in  trono.  Lo  spazio  è  diviso  da  alcuni  elementi  architettonici  dipinti,  

in  trono  troviamo  Afrodite  che  parla  con  eros.  Nel  piano  superiore  ci  sono  alcuni  quadretti  e  

grazie   ad   essi   si   esprime   l’idea   di   pinacoteca   ,abbiamo   scene   mitologiche   ma   anche   scene  

erotiche,   è   un   tipo   di   arte   nuova   che   si   sviluppa   in   età   augustea   nella   sfera   privata,   anche  

quest’ambiente  è  molto  piccolo.  In  una  delle  sale  della  villa  c’era  la  copia  di  un’opera    originale  

greca   ossia  la  consegna  Dioniso  alle  ninfe,     all’interno   di   un’edicola   come   se   fosse   una   cornice,  

con   ai   lati   due   quadri   incorniciati     monocromi.   Le   figure   dei   pannelli   decorativi   sono   figure  

egitizzanti.   Se   il   proprietario   è   Agrippa   allora   ci   troviamo   nel   12   a   C       e   la   villa     verrà  

abbandonata  poco  dopo  la  morte  del  proprietario.    I  temi  generale  sono:  Afrodite  e  Dioniso.    

Le  coperture  sono  composte  da  stucco  bianco  con  pannelli  in  rilievo  con  la  rappresentazione  

di  paesaggi  idillico  sacrali,  ci  sono  gli  stessi  elementi  delle  immagini  della  sala  di  Livia.  Tutti  gli  

elementi  sono  delle  immagini  che  danno  l’  impressione  di  un  paesaggio  fantastico.    

Il   cubicolo   D   ha   un   colore   di   fondo   bianco,   è   un   ambiente   più   grande   rispetto   all’altro   ed   è  

decorato  con  figure  all’interno  dei  pannelli,  i  pannelli  sono  naturalistici  e  nella  sala  vengono  

disposti  una  serie  di  quadretti  piccoli,  le  architetture  sono    esili  quasi  filiformi.  Nella  parte  alta  

abbiamo  invece  una  rappresentazione  erotica  ed  è  un  modello  pittorico  Attico  del  V  sec.  Per  

quanto   riguarda   la   copertura   anche   qui   abbiamo   stucco   Bianco   con   un   motivo   particolare  

ossia   un   sole   che   si   riferisce   ad   Apollo   su   uno   sfondo   ricamato.   Le     figure   femminili  

rappresentano  le  muse.  La  rappresentazione  del  sole  è  legata  alla  figura  di  Apollo  Elios.  Nella  

volta  c’è  anche  il  mito  di  Fetonte.  Nel  portico  abbiamo  l’immagine,  tra  le  colonne  azzurre  con  i  

capitelli   bianchi   di   paesaggi   idillico   sacrali.   Si   tratta   di   un   portico   molto   lungo   ed   usato   per  

passeggiare.   Il   giardino   di   fronte   C   era   riservato   al   riposo   ed   era   chiuso   da   alcune   pareti  

decorate   con   immagini   di   giardino   di   cui   sopravvivono   solo   due   parti   della   decorazione.   Al  

centro   abbiamo   due   fontane   che   diventano   l’elemento   fondamentale   che   caratterizzano  

questo   tipo   di   arte,   ricordiamo   che   l’acqua   all’interno   di   una   casa   era   mezzo   di   pochi,   si  

trattava   di   una   concessione   fatta   dall’imperatore   alla   persona   e   non   era   un   privilegio  

ereditario,   rappresentare   una   fontana   significava   sprecare   acqua   e   di   conseguenza  

rappresentare   il   lusso.   Questo   ci   fa   intendere   che   la   villa   doveva   essere   di   proprietà   di   una  

persona  facoltosa  sul  modello  delle  proprietà  del  principe,  gli  artisti  stessi  quando  dovevano  

decorare   una   casa   si   rifacevano   ai   modelli   della   casa   di   Augusto,   ricordiamo   infatti   che   le  

ghirlande  sono  simili  alla  sala  dei  rami  di  pino,    le  decorazioni  sono  simili  allo  studiolo,  Alla  

sala  delle  maschere,    con  la  presenza  degli  elementi  egitizzanti  ,  che  ricordano  la  casa  di  Livia.  

I  costruttori  della  villa    potevano  essere  sia  Marcello  e  Giulia,  Marcello  muore  nel  26,  e  poco  

dopo   sposa   Agrippa     che   muore   nel   12   quindi   la   costruzione   è   tra   il   29   e   il   26,   ma   se   i  

pavimenti  sono  più    antichi  si  deve  scendere  forse  di  un  decennio  quindi  tra  il  20  e  il  15.  È  una  

datazione  puramente  stilistica  in  quanto  la  villa  non  esiste  più,  restano  soltanto  le  pitture  in  

quanto  come  la  casa  di  Augusto  è  stata  interrata.  

Se   la   casa   di   Livia   è   stata   scavata   nell’ottocento   con   quello   che   ne   consegue,   anche   qui   la    

datazione  è  complicata,  in  ogni  caso  abbiamo  un  passaggio  al  terzo  stile  completo.  Nella  casa  

si   sviluppa     l’idea   di   pinacoteca,   con   l’esposizione   di   quadri   finti   accanto   a   quadri   veri   che  

venivano  esposti  solo  in  occasioni  importanti.    

Tiberio    

Regna   25   anni,   Dal   14   alle   38,   Anche   se   l’età     di   Tiberio   viene   considerata   poco.   Tiberio   ha  

lunga  vita  sotto  l’età  augustea,  era  il  rappresentante  di  una  delle  +  antiche  famiglie  romane,  In  

età   augustea   ha   una   posizione   rilevante,   in   quanto   è   il   figliastro   del   principe   e   di   conseguenza  

molti  compiti  tra  cui  quello  di  guidare  l’esercito  romano.  La  vita  di  Tiberio  è  molto  travagliata.  

Da   alcuni   fonti   tra   cui   Svetonio   sappiamo   che   aspetta   molto   tempo   prima   di   prendere   il  

potere,   ha   una   madre   terrificante   e   ricordiamo   che   lui   infatti   non   va   al   funerale   di   Livia   e  

andrà   in   esilio   volontario   a   Rodi   per   ben   otto   anni   quando   aveva   appena   ottenuto   la   carica  

magistratuale     (tribuicias   potestas)   che   era   la   seconda   carica   dello   Stato.   Quando   torna   a  

Roma  non  accetta  il  nome  di  Augusto,  Augusto  preferisce  i  nipoti  gaio  e  Lucio.  Tiberio  perde  il  

fratello   in   Germania   si   trova   in   rapporti   problematici   con   il   figlio   del   fratello   e   anche   con   la  

moglie.   Il   suo   regno   si     inaugura     con   l’assassinio   di   Agrippa   postumo   subito   dopo   la   morte   di  

Augusto,   e   ricordiamo   che   aveva   problemi   mentali   ma   era   l’ultimo   membro   della   famiglia  

Giulia  e  come  membro  poteva  prendere  il  potere.  Molto  probabilmente  viene  assassinato  da  

Livia  o  dallo  stesso  Tiberio,  il  suo  regno  è    composto  da  una  serie  di  sconvolgimenti  e    viene  

visto  come  un  periodo  dove  tutto  è  concesso.  Tiberio  è  in  una  posizione  scomoda  in  quanto  

Augusto  ha  un  regno  lunghissimo  e  una  serie  di  poteri  speciali  e  nella  successione  è  Tiberio    

ad  affrontare  il  problema  della  trasmissione  del  potere  imperiale  che  non  era  pensato  come  

potere  ereditario  ma  era  trasmissibile  dal  Senato  che  doveva  scegliere  il  personaggio  in  grado  

di  portare  avanti  l’impero,  non  era  detto  che  il  Senato  donasse  a  lui  il  potere  di  Augusto.  La  

prima   fase   del   regno   di   Tiberio   è   composta   da   una   specie   di   rispetto   del   potere   del   Senato   ma  

nella   seconda   fase   invece   ha   un   potere   autoritario   e   distaccato.   Nel   26   lascia   Roma   per   non  

tornare   mai   più,   governerà   l’impero   da   lontano   esercitando   i   piedi   poteri,   all’epoca   non   era  

previsto  che  l’imperatore  vivesse  lontano  da  Roma.  Il  primo  passo  si  ha  con  Diocleziano  che  

stila   delle   leggi   apposite,   Tiberio   anticipa   le   scelte   e   le   soluzioni   successive,   che   verranno  

attuate   solamente   quando   l’impero   sarà   consolidato,   ricordiamo   che   la   residenza   era  

l’immagine  pubblica  del  principe.    

 

Tiberio   è   colui   che   dedica   la   Porticus   Liviae,   un   monumento   pubblico   fatto   costruire   da  

Augusto,   dedicato   alla   moglie   nel   luogo   dove   sorgeva   la   casa   di   Pollione   ma   dedicata   da  

Tiberio.   Al   centro   della   Porticus   c’era   una   cappella   o   un   edificio   architettonico     che   era  

dedicata   alla   concordia,   e   si   legava   al   tempio   del   foro,   Doveva   celebrare   la   concordia   tra  

Augusto  e  Livia.  Svetonio    afferma  che  in  età  tiberiana  A  Roma  non  vengono  costruiti  edifici  

ma   questo   non   è   vero,     perché   sappiamo   che   vengono   costruiti   i   castra   Praetoria,     che   sono   le  

caserme  dei  pretoriani  che  diventeranno  le  guardie  ufficiali  dell’imperatore.  Tiberio  a  Roma  

vive  in  una  casa  tra  velia  e  le  carine.  Aveva  diritto  ad  abitare  nella    casa  della  famiglia  Giulia  

sul  Palatino.  Ma  decide  di  stare  in  una  casa  che  in  origine  era  stata  di  Pompeo    e  poi  di  Antonio  

e   che   successivamente   verrà   confiscato   da   Augusto.   Questa   era   un’altra   zona   importante  

perché   alle   spalle   c’era   il   foro   Romano.     Tiberio   nel   6   a   C   va   in   esilio   volontario   forse   per   il  

conflitto   tra   i   successori   gaio   e   Lucio   e   lo   stesso   Augusto.   Quando   andrà   via   il   principe   lo  

spoglierà     da   tutte   le   cariche,   questa   situazione   durerà   fino   al   2   d   C   .   Dell’esilio   sappiamo  

pochissimo   ,   stava   in   una   casa   modesta   e   viveva   come   un   privato   cittadino.   Torna   a   Roma  

perché  muore  il  nipote  Lucio  Cesare,  non  si  sa  se  viene  richiamato  da  Augusto  O  torna    da  solo,  

Nel   4   muore   anche   gaio   Cesare   ad   augusto   non   resta   che   Tiberio   come   successore,   di  

conseguenza   adotta   uno   stratagemma   per   poter   assicurare   la   trasmissione   del   potere.   Fa  

adottare   al   figliastro   il   nipote   germanico,   non   bisogna   dimenticare   che   Tiberio   aveva   già   un  

suo   figlio   ossia     druso   minore,   Con   questo   gesto   i   rapporti   si   incrinano   ancora   di   più.   L’ultima  

fase   della   vita   di   Augusto   è   composta   da   una   serie   di   sconvolgimenti   caratterizzata   dalla  

morte   dei   che     nipote   erano   i   successori   al   trono   gaio   muore   in   battaglia   e   si   sospetta   lo  

zampino  di  Livia.  Nel  2  Tiberio  sceglie  di  non  abitare  sul  Palatino  ma  di  abitare  lungo  la  zona  

dell’Esquilino.  Nella  zana  dell’Esquilino  vi  era  una  grande  necropoli  che  serviva  per  seppellire  

i   poveri,   In   questa   zona   viene   fatta   una   gigantesca   bonifica   con   l’applicazione   di   15   m   di   terra  

per   riportarla   alla   normalità.   Era   una   zona   malfamata   non   molto   gradevole,   composta   da    

malfattori.  In  questa  zona  verranno  costruite  delle  ville  e  diventerà  una  zona  molto  lussuosa.  

Qui  sorgeranno  gli  Orti  di  Mecenate  che  sarà  il  primo  a  costruire  la  sua  villa  in  questa  zona.  

Era  un  grande  personaggio  legato  ad  Augusto  insieme  ad  Agrippa    che  muore  nell’8  dc.  Questa  

zona   era   stata   pensata   per   trasformarla   in   una   zona   di   giardini     e   di   orti       per   i   ricchi.  

All’interno  della  villa  di  mecenate    verranno  ospitati  personaggi  importanti  come  Orazio  che  

parla  della  villa  nelle  sue  odi  dal  quale  conosciamo  le  decorazioni.  Il  giardino  era  molto  bello  

ma  era  modesto.  La  villa  si  trovava  nel  punto  più  alto  dell’Esquilino  con  una  vista  della  parte  

centrale  della  città,  si  vedevano  inoltre  i  monti  di  Tivoli.  La  villa  a  differenza  delle  case  di  città  

non   aveva   regole   in   quanto   era   una   villa   che   stava   fuori   dalla   città   ma   al   tempo   stesso   si  

poteva   raggiungere   la   città   in   pochi   minuti   e   avere   tutto   sotto   controllo.   Le   informazioni   sugli  

orti   provengono   da   Orazio   e   da   Svetonio,   ma   anche   da   alcune   indagini   archeologiche   che  

vengono   fatte   quando   Roma   deve   divenire   capitale   e   viene   costruito   un   nuovo   settore   della  

città  che  comprendeva  anche  la  trasformazione  dell’Esquilino  come  speculazione  edilizia  sulle  

ville.   L’unico   edificio   salvato   di   tutto   il   complesso   è   solo   l’auditorio.   Sono   stati   fatti   molti  

ritrovamenti  di   decorazioni   a   partire   dal  600  quando  la  zona  viene  riqualificata  come  giardini  

aristocratici  di  famiglie  importanti.  Qui  per  esempio  vengono  trovate  le  nozze  di  autobrandini  

che    è  la  testimonianza  più  importante  della  pittura  antica  ,  un’altra  opera  ritrovata  è  la  statua  

del  Laocoonte,  che  viene  vista  da  Plinio  all’interno  dell’atrio  della  casa  di  Tito  quando  ancora  

non   era   diventato   imperatore   e   che   si   trovava   sull’Esquilino,   L’ipotesi   di   datazione   è   tardo  

augustea.  Per  quanto  riguarda  la  struttura  dell’auditorio  mostra  due  fasi,  una  prima  più  antica  

e   una   seconda   fase   più   recente   successiva   alla   fase   originale.   Questo   si   può   spiegare   se  

consideriamo  che  la  villa  è  stata  prima  di  proprietà  di  mecenate  poi  Tiberio  che  sicuramente  

la  modifica  per  aver  adattarla  come  vera  abitazione  permanente  di  un  principe.  Nel    64  dc  vi  è  

un   avvenimento   importante   in   quanto   Roma   viene   bruciata,   Nerone     per   vedere   la   città   che  

brucia  si  reca  nella  torre  degli  orti  sull’Esquilino  mentre  canta  il  poema  che  aveva  composto  

per   la   distruzione   di   Troia.   Questo   ci   fa   pensare   alla   visibilità   che   doveva   avere   la   villa,   la  

costruzione   della   torre   era   normale   per   le   ville   che   aveva   scopi   panoramici.   Nei   giardini   di  

palazzo   Brancaccio   è   stata   ritrovata   un’altura   artificiale   mai   esplorata   che   faceva   parte   del  

complesso  degli  orti.  Le  mura  serviane  vennero  abbattute  per  la  costruzione  dell’auditorio,  il  

confine   degli   orti   era   nella   via   Merulana.   Qui   sono   state   trovate   una   serie   di   Fistule     con   il  

nome  di  Frontone  che  fu  il  maestro  di  Lucio  vero  e  di  Marco  Aurelio  e  che  non  fa  parte  della  

famiglia   imperiale.   Molto   probabilmente   Marco   Aurelio   cede   le   sue   proprietà   quando   sarà  

costretto   a   vendere   per   colpa   della   crisi   militare   che   doveva     sostenere.   Gli   orti   vengono  

rinvenuti   nell’ultima   metà   dell’ottocento   ,   tra   gli   edifici   che   vengono   salvati   l’unico   è  

l’auditorio  che  viene  salvato  per  il  grande  clamore  della  sua  scoperta.  L’edificio  è  composto  da  

una   sala   sotterranea   con   Pitture   da   giardino   E   ha   una   forma   rettangolare   con   una   parte   curva  

con  gradini  semicircolari  concentrici  e  per  questo  considerato  auditorio,  utilizzato  per  balletti  

e   spettacoli.   Nello   sfondo   c’era   un   podio   rialzato,   lungo   le   pareti   lunghe   vi   erano   delle  

profonde     nicchie   pensate   come   finestre   aperte   sul   giardino   costante   decorate   con   scene   di  

giardino,   molto   simile   alla   sala   sotterranea   della   villa   di   Livia   ed   era   composta   da   volte.   Il  

padiglione  recava  sull’emiciclo  nicchie  per  statue.  La  copertura  è  andata  persa  ma  conosciamo  

da  un’incisione  anche  il  disegno  scoperto  al  momento  del  ritrovamento,  Si  tratta  di  un  disegno  

con   balaustra   e   fontane   con   vegetazioni   e   arbusti   con   conifere     e   in   più   la   presenza   di   animali  

come   uccelli,   le   nicchie   erano   composte   da   pitture   su   tre   lati,   Il   soffitto   della   nicchia   era  

decorato   con   fiori   come   se   fossero   caduti   su   alcune   lastre   e   ciò   serviva   per   dare   un  

illusionistico.   Il   pavimento   della   nicchia   era   composto   da   pavimento   bianco   con   una   cornice  

nera,   la   parte   finale   della  parete   era   composta  da  un  fregio  con  immagini  da  giardino,  pensate  

come  una  specie  di  progetto  architettonico.  I  gradini  dell’edificio  erano  con  lastre  marmoree,  i  

erano   molto   stretti   e   c’era   poco   spazio   per   gli   spettatori.   Il   pavimento   viene   rifatto   nella  

seconda  fase  e  viene  aggiunta  anche  una  parte  dove  scorreva  dell’acqua,  proprio  per  questo  

motivo  si  può  pensare  ad  una  seconda  ipotesi.  Infatti  nella  zona  dell’emiciclo  all’interno  delle  

nicchie   sono   state   trovate   delle   tubature   idrauliche   che   fanno   pensare   che   realtà   quelli  

interpretati   come   gradini   in   realtà   siano   una   fontana   a   strati   che   giungeva   nella   sala  

attraverso   una   piccola   percorrenza   centrale,   quindi   questa   struttura   era   un   ninfeo.   Luogo  

dove  pensare  al  fresco  non  immagini  di  giardino  sulle  pareti  per  le  giornate  calde.  Questa  zona  

è   accessibile   da   una   rampa   che   era   costruita   il   laterizio,   quindi   un   materiale   abbastanza  

modesto   e     all’esterno   sono   stati   trovati   dei   resti   di   epigramma   di   Callimaco   dipinte   sulle  

mura,   si   tratta   di   testi   che   conosciamo   grazie   ad   alcune   iscrizioni   e   nell’area   vicina   è   stata  

trovata   anche   la   statua   di   una   musa   e   per   queste   ragioni   si   pensa   che   questa   costruzione   in  

realtà   potesse   essere   un   museo   santuario   dedicato   alle   Muse,   questa   è   la   terza   ipotesi.   Questa  

costruzione   si   può   collegare   solamente   alla   villa   della   Farnesina   e   la   villa   di   prima   Porta.  

All’interno   è   stata   ritrovata   una   testa   di   statua   di   amazzone   che   si   collega   in   un   certo   senso  

alla  gara  fatta  in  Grecia  tra  Fidia  Policleto  e  Sperlonga  per  chi  faceva  una  statua  o  un  ciclo  di  

statue   di   Amazzoni   di   Efeso.   Questo   era   un   elemento   tipico   della   decorazione   della   villa  

Adriana.  Negli  orti  vengono  ritrovati  anche  una  serie  di  stele  funerarie  antiche  del  V    secolo    e  

che   provenivano   da   Alessandria,   si   trovano   a   Roma   solo   fino   all’epoca   delle   guerre  

successivamente  con  la  pace  di  Augusto  trovare  originali  greci  era  raro.  Questi  rilievi  erano  di  

origine  Attica    oppure  peloponnesiaci,  Per  il  tipo  di  opere  appartengono  alla  prima  fase  della  

decorazione   degli   orti.   inoltre   sappiamo   che   sono   considerati   oggetti   di   antiquariato   e  

giungevano  in  Italia  come  zavorre  di  navi  per  stabilizzare  il  peso  e  una  volta  in  Italia  se    queste  

erano  pregiate  venivano  vendute  oppure  buttati  in  caso  contrario,  in  ogni  caso  il  commercio  

di   rilievi   votiti   era   vietato   a   Roma   perché   significava   sabotare   un   cimitero   e   questo   non   era  

accettato,   queste   opere   provengono   tutte   dalla   stessa   zona   e   uno   studioso   americano   ha  

ipotizzato   che   questi   erano   oggetti   che   servivano   per   creare   uno   spazio   fantastico   dove   gli  

spazi   creavano   luoghi   della   Grecia   oppure   di   Rodi   stesso   visto   che   Tiberio   fu   a   Rodi   otto   anni.  

Nel   giardino   c’era   anche   una   presenza   cospicua   di   opere   greche   ed   egizie   come   la   statua   di  

levriero    di  età  tolemaica.  Vi  sono  inoltre  una  serie  di  capolavori  tardo  ellenistici  come  la  testa  

di   Sileno   o   centauro   che   si   può   confrontare   con   la   statua   del  Laocoonte.   Importante   era   anche  

la   statua   di   Marsia   appeso   all’albero   composto   di   marmo   pavonazzetto   e   colere   purpureo  

sanguigno,     si   tratta   dell’unica   statua   con   questo   tipo   di   materiali,   era   presente   quindi   tema  

apollineo   che   potrebbe   legarsi   al   programma   decorativo   della   prima   fase.   In   più   possiamo  

trovare   alcuni   vasi   di   forma   di   Riton   che   hanno   la   forma   di   un   corno   e   sono   firmati   da  

Pompios  Ateniese  ,  ricordiamo  che  gli  oggetti  erano  raramente  firmati  e  forse  l’artista  lo  firma  

sapendo  che  la  sua  opera  andrà  a  finire  in  una  residenza  imperiale.  La  presenza  di  temi  troiani  

fanno   pensare   che  in  realtà  la  scelta  di  Nerone  di  recarsi  sull’Esquilino  nella  torre  degli   orti  

per  vedere  Roma  che  brucia  non  è  casuale,  ricordiamo  che  lui  canta  il  poema  della  distruzione  

di   Troia.   Non   bisogna   neanche   dimenticare   l’importanza   della   figura   di   enea   per   la   famiglia  

imperiale  di  Augusto  e  anche  per  la  storia  di  Roma,  la  figura  di  Enea  verrà  sfruttata  per  motivi  

di   propaganda   politica   da   Augusto.   È   impossibile   stabilire   a   chi   appartengono   queste   scelte  

decorative  se  a  Tiberio  oppure  a  Mecenate  ,  però  dobbiamo  ricordare  che  in  più  residenze  di  

Tiberio  vengono  trovate  statue  di  Laocoonte    in  stretto  rapporto  con  gli  orti.  

 

Sperlonga:   entr0   nella   storia   grazie   ai   racconti     di   Tacito   e   di   Svetonio   che   parlano   di   un  

avvenimento   che   avviene   nel   26   d   c.   Tiberio   passò   la   maggior   parte   del   tempo   nel   golfo   di  

Napoli   ma   continuò     a   governare   l’impero.   Probabilmente   aveva   un   apparato   governativo  

militare   che   lo   seguiva,   a   Sperlonga   vennero   eseguiti   degli   scavi   che   permisero   di   riconoscere  

le   varie   decorazioni,   fu   costruita   una   via,   via   flaca,   utile   per   raggiungere   2     punti   differenti.   La  

via   marina   era   quindi   la   via   più   facile   per   raggiungere   Sperlonga.   Sperlonga   e   Gaeta   erano   i  

punti   di   approdo   per   i   più   lunghi   spostamenti.   Sperlonga   ebbe   storia   lunghissima,   abbiamo  

notizie   fino   al   VI   secolo,   a   causa   delle   incursioni   dei   saraceni   fu   abbandonata     e   gli   imperatori  

si   spostarono   in   un   luogo   più   sicuro,   vicino   alla   promontorio.   Tra   il   1957   e   il   1959   furono  

trovati   dei   resti   murali   sia   nel   mare   che   nella   terra.   La   parte   architettonica   della   villa   fu  

trascurata.   Nella   piscina   e   nella   grotta   più   famosa   sono   stati   trovati   numerosi   frammenti   di  

marmo   che   corrispondono   ai   gruppi   marmorei   fatti   da   Grandi   scultori   come   i   3   scultori   del  

Laocoonte.   Nel   1964   è   stato   inaugurato   il  museo   con   i   resti   marmorei   trovati.   Si     prese   questa  

decisione   perché   i   frammenti   dovevano   essere   portati   a   Roma   per   valorizzarli,   nel   museo  


PAGINE

36

PESO

445.89 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in storia e critica dell'arte
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vanderwoodsen di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Archeologia romana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Slavazzi Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Archeologia romana

Lezioni, Archeologia romana
Appunto
Riassunto esame materia Civiltà bizantina, docente marco di branco, libro consigliato Storia dell'impero bizantino, autore Georg Ostrogorsky
Appunto
Lezioni, Archeologia romana
Appunto
Riassunto esame Linguaggi dell'arte contemporanea, prof Negri, libro consigliato: Ut pictura poesis, la teoria umanistica della pittura, Lee
Appunto