Che materia stai cercando?

Letteratura Tedesca dal Vormärz alla prima guerra mondiale

Quadro della letteratura tedesca dalla metà dell'Ottocento al primo decennio del Novecento, con una parentesi iniziale sul contesto storico e rimandi ai testi degli autori menzionati. Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Castellari.

Esame di Letteratura tedesca docente Prof. M. Castellari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

(grübeln =pensare con tormento) Dice teste, non uomini, per definirli in base ai loro copricapi

(berretto di geroglifici = egizi, teste col turbante = mondo islamico, berretto nero = ebrei,

teste con la parrucca = uomini settecenteschi) l’immagine fa riferimenti a una classe

intellettuale. Poi però “tausen andre arme schwitzende menschenhäupter” = migliaia di altre

povere sudanti teste di uomini.

Quindi un enigma universale.

Ditemi cosa significa l'uomo, da dove viene? dove va? chi abita lassù sulle stelle dorate?

Mormorano le onde nell'eterno mormorio, soffia il vento, fuggono le nuvole, brillano le

stelle, indifferenti e fredde. E un pazzo attende risposta = la natura non può darti risposte.

I verbi sono impersonali = la natura non ha interesse, non condivide nulla con l’uomo

Inattualitá di questa concezione del mondo.

Heine critica tutta la cultura dell’epoca a lui precedente, inserisce dei riferimenti a due poeti

del classicismo, Schiller e Goethe, riferimento a Egmont di Goethe (woher kommen wir,

wohin gehen wir) Lassù deve abitare un dio buono = versi di Schiller.

Wo? poesia tarda, dopo il ‘48, tematizza il luogo della sepoltura.

Topos romantico dell'amore per la terra natale, ma non sfocia nel nazionalismo.

Heine combatte contro di esso. Qui in una chiave non così polemica, si dichiara cittadino del

mondo, (cosmopolitismo) per opporsi ai suoi coetanei nazionalisti.

La domanda wo del titolo viene dimostrata inutile, perché lui non sente di dover essere

sepolto necessariamente da qualche parte, qualunque luogo è il suo.

Heine sarà poi sepolto a parigi e sulla sua tomba venne incisa questa poesia.

Qui ritorna una forma regolare, con le rime, tetrametri, (4 accenti), stile più immediato e

diretto, frasi brevi, immagini molto comunicative e immediate.

Dove sarà l'ultimo luogo di riposo di colui che è stanco di vagare? (colui che ha vissuto

abbastanza)

Sarà sotto le palme del sud o sotto i tigli del reno? (immagine esotica per eccellenza vs

immagine patriottica del reno, che fa anche da confine, diventa parte della retorica

nazionalista, il Padre Reno)

Sarò sepolto da una mano straniera in un deserto o riposerò sulla costa di un mare nella

sabbia?

Sia come sia, la come qui sarò abbracciato dal cielo di Dio (qualunque luogo della terra è

comunque sotto lo stesso cielo, no visione religiosa) e come lampade funebri oscilleranno

sopra di me di notte le stelle.

Abrechnung mit dem Naturenenthusiasmus (Heine risponde con Fragen, che rappresenta

Materialismus e Agnostizismus)

Heine, materialista che difende le classi sociali più umili e proclama la necessità di una

rivoluzione, come Marx, suo contemporaneo e conoscente.

Heine supporta il socialismo comunista di Marx e Engels, ma la sua posizione sulla tematica

del religioso è meno estrema di quella marxista.

Abrechnung mit der Romantik der Scholle (zolla di terra, attaccamento morboso per la

propria terra) (H. risponde con Wo? che rappresenta la Weltbürgertum)

Heine è maggiore esponente di una tradizione di Lirica politica degli anni 30/40 dell’800.

Vormärz sarà periodo in cui più si diffonde la poesia con temi sociali e politici.

Qui con Heine siamo poco prima.

Die schlesischen Weber

Poesia che in qualche modo è un canto di lotta, quasi canto di manifestazione di rivoluzione.

I tessitori slesiani, slesia molto contesa fra prussia e austria in quanto territorio minerario e

industrialmente più florido, fra cui l’industria tessile.

Loro sono proto-operai tessili che si rivoltano contro i loro padroni, episodio che

marcatamente apre la stagione delle rivolte.

Il titolo indica i protagonisti del testo, sul piano grafico a partire dal 3o verso comincia un

discorso diretto che si chiude alla fine del testo = prendono la parola proprio i tessitori. L’io

lirico introduce soltanto: Negli occhi cupi nessuna lacrima, siedono al telaio e digrignano i

denti.

Wir weben diventa il ritornello di ciascuna strofa, per questo ci appare come una cantilena. I

tessitori tessono il sudario della Germania, minaccia abbastanza evidente, stiamo preparando

la tua morte, vogliamo mettere a ferro e fuoco il paese. Ci ricamiamo dentro la triplice

maledizione: il lavoro stesso del tessitore produce l'abbattimento del sistema. Il ritornello dice

che i tessitori non si fermano, tessono e tessono. Questa insistenza sul processo inarrestabile,

è un elemento che rompe la finzione e passa al lettore al di fuori del testo. Tipico della poesia

agitatoria.

Le tre maledizioni: A quel dio che, Al re che, Alla falsa patria

Ultima strofa enfatizza l’inarrestabilità della rivolta. Qui compare il termine chiave

alt-deutschland = concetto con cui si indica a il sistema politico sociale ancora in piedi,

istituzioni governative, religiose, scolastiche, percepite come vecchie.

I primi quattro versi sono tutti tetrametri, stile ovviamente popolare.

Ritmo scandito, quattro accenti, testi pensati per essere cantati.

Tre maledizioni alla religione, al potere assoluto e alla retorica nazionalista, che nasconde le

vere tensioni sociali. Quella della vaterland è pura propaganda.

Maledicono “quel dio che noi abbiamo pregato nel freddo dell'inverno e nella fame” quindi

critica l’istituzione religiosa, non il concetto di dio.

Abbiamo inutilmente atteso e sperato ma lui ci ha (tre termini popolari) presi in giro.

Maledizione al re dei ricchi (non di tutti) che non è intervenuto per lenire la nostra miseria ma

che ci ha succhiato fino all’ultimo soldo e che ci fa sparare come cani.

(la rivolta fu soffocata con le armi)

E la maledizione alla falsa patria dove fioriscono (termine molto elevato) solo l’onta e la

vergogna (paarformeln, due termini che enfatizzano il concetto)

dove ogni fiore viene presto piegato, dove il marcio e il putrido nutrono il verme (un sistema

che sta marcendo di cui si nutrono i vermi)

il telaio vola, rimbomba, (lavoro intenso) tessiamo senza posa giorno e notte, vecchia

germania tessiamo il tuo sudario, etc.

füllungsfreiheit: libertà di riempimento, in un verso regolare non avrebbe potuto aggiungere

la sillaba “alt” a deutschland.

Heine non era l’unico poeta politico della sua epoca nè il più estremo.

Politische Lyrik im Vormärz

Lo spettro politico ė abbastanza ampio, non solo due posizioni contrastanti (lealista e

anti-sistema) ma anche diverse sfumature, posizioni diverse.

Ci sono autori liberali (all’epoca significava non libero mercato ma che pretende libertà di

base, d'espressione, adunanza etc.)

E autori radikaldemokraten (abbattimento dei sistemi assolutistici e della monarchia im

allgemeinen)

E infine i socialisti che hanno una visione politica di uguaglianza sociale, abbatimento delle

differenze di classe.

Il Höhepunkt è ovviamente intorno al 1848.

L’engagement und/oder il Pathos ( fa leva sulle emozioni, zb die weber)

Hoffmann von Fallersleben, Das Lied der Deutschen, la prima strofa è oggi inno nazionale

tedesco. ​

G. Herwegh, Gedichte eines Lebendigen (1841-41)

F. Freiligrath, Ça ira! (1846)

Due poeti all’epoca molto letti, soprattutto durante le barricate del ‘48.

G. Weerth, Das Hungerlied, poesia molto legata al momento, ha breve vita.

testo del ‘45, rollengedicht = a parlare è un gruppo di persone, qui parla il popolo. E si

rivolge al re. Climax ascendente nel corso della settimana, testo molto semplice.

Radicalità del gesto finale, il problema sociale è concreto e ha delle conseguenze, la poesia

presuppone una presa di coscienza.

Von Fallersleben​ invece canta un amore patriottico.

Vuole una riunificazione nazionale, afferma che la germania esiste gia perchè esiste una

comunità che sta insieme fraternamente.

Le prime due strofe sono state oggi rimosse dall’inno poichè troppo nazionaliste.

13mar

Epik des Vormärz: Vielfalt der Formen

La narrativa del Biedermeier è caratterizzata da un'adesione a novella, racconto,

Bildungsroman ereditati dall'epoca classico-romantica ≠ Vormärz.

La narrativa e la prosa del Vormärz ingloba una serie di stili, generi di scrittura

tradizionalmente esclusi dalla letteratura. Es. Publizistik (pubblicistica) →

giornalismo/inchiesta/resoconti. Non finzione. Gli autori che scrivono letteratura inseriscono

nella loro produzione anche questa forma “documentaristica” sociale/culturale. Forme già

preesistenti. (Es. feuilleton.)

Il giornalismo arriva in Germania nel primo '700 illuminista. Durante il romanticismo le

riviste teorizzavano problemi letterari, artistici.

Nel Vormärz invece temi sociali e politici.

Es. Reiseliteratur, Essayistik (saggistica → come la publizistik ma in testi più lunghi, trattati),

Zeitroman → genere letterario, romanzo di attualità. (≠ Biedermeier Bildungsroman)

Reportage und Reiseliteratur

Letteratura di viaggio, raccolta di esperienze, ottica orientata verso il pubblico: racconto della

vita in un altro paese, società, cultura.

Termine tecnico è letteratura odeporica, di viaggio.

Modello goethiano già esistente (​ Italienische Reise) → legata al viaggio di formazione

letteraria/ artistica solitamente in aerea mediterranea. Attenzione all'esperienza del soggetto,

alle opere d'arte incontrate come tracce di una determinata cultura.

Nel Vormärz invece meno dimensione soggettiva (più “reportage”), resoconto di ciò che

accade fuori e per parlare della Germania evitando la censura.

Schilderungen aus Paris, Ludwig Börne (1822-24)

Reisebilder (1824) , Französische Zustände (1833) H. Heine (l'ultimo è più di critica, meno

arte)

Briefe aus Paris (1842), K. Gutzkow

Zeitroman

Madonna. Unterhaltungen mit einer Heiligen (1835), T. Mundt. Si era molto stretta la

censura in quegli anni, diventa uno scandalo letterario nonostante cerchi di utilizzare la

strategia di mascheramento. Affronta problemi legati ai costumi anche sessuali del proprio

tempo, posizione e immagine della donna, mascherato da romanzo epistolare/di viaggio.

Wally die Zweiflerin (1835) K. Gutzkow. Ebbe successo ba fu anch'esso uno scandalo, figura

femminile che non si piega agli schemi della cultura dell'epoca e a causa di ciò arriva al

suicidio.

Gutzkow fu anche incarcerato per questo romanzo.

Die Ritter vom Geiste (1850) sempre suo, meno concentrato su un singolo destino, più un

ritratto dell'epoca. Tecnica innovativa: “Roman des Nebeneinender” → non un solo

personaggio, ma giustapponendo varie vicende collettive, descrizioni di avvenimenti

storico-politici. Gli elementi non sono strettamente legati (= giustapposti).

Das junge Europa, (1833-37 Trilogie) H. Laube.

Questi autori vengono chiamati “Junges Deutschland” → non conservatori, colpiti dalla

censura.

Costretti spesso all'esilio. Non tutti gli autori del Vormärz ne fanno parte.

Epik des Vormärz​ : H. Heine​ (1797-1856)

Epik → intera produzione in prosa/narrativa di Heine, ampio contenitore.

Reisebilder → Die Harzreise (1 viaggio, nello Harz, più grande successo) 1824

Zona vicina a Göttingen, dove si trova il Brocken, monte del Sabba delle streghe.

Luogo incardinato nella cultura nazionale (notte di Valpurga di Goethe nel Faust, cultura

popolare)

Con il solito taglio ironico rovescia molti dei miti di questa località. Attacco esplicito alle

istituzioni di quel luogo, Università di Göttingen. Il viaggio comincia dalla città, dove lui

aveva studiato.

“Göttingen è famosa per due cose, per i suoi wurstel e la sua università” → satira, accosta il

basso all'alto. Critica all'università che impartisce nozioni ormai anacronistiche. Poi il viaggio

prosegue.

Ideen. Das Buch Le Grand (1826), uno dei viaggi successivi. Le Grand è un personaggio.

Der Rabbi von Bacharach → 1840, unico tentativo di romanzo di Heine, rimasto incompleto.

Storia della comunità ebraica tedesca a cui anche lui appartiene.

Die romantische Schule → essay, 1844. Saggio critico sulla scuola romantica e vari autori.

Nel primo '800 si sviluppa in Germania la storiografia letteraria. Mentre gli storici letterari lo

fanno in un'ottica celebrativa, momento romantico = grande fioritura, ascesa della cultura

nazionale, Heine ha uno sguardo personale critico.

Versepik​ → narrativa in versi. Ancora per qualche decennio rimarrà presente, Heine è fra gli

ultimi.

Atta Troll. Ein Sommernachtstraum (1843), protagonista è un orso.

Deutschland, ein Wintermärchen (1844). Due evidenti riferimenti a Shakespeare.

Caput/ Capita → canto/canti in cui le opere sono divisi.

Reisebilder. 2. Teil. Ideen. Das Buch Le Grand 1826 (vedi antologia)

Frase che Napoleone pronunciò durante la ritirata dalla Russia: Du sublime au ridicule il n’y

a qu’un pas, Madame! (Dal sublime al ridicolo non c'è che un passo, Madame.)

Heine prende questa frase come pretesto per una riflessione, slegata dall'aneddoto di

Napoleone. Riflette sui concetti di sublime e ridicolo, anche concetti dell'arte e della

letteratura.

La vita e l'arte dimostrano che tragico e comico sono due entità a contatto.

Heine trae questa considerazione dal parallelo tra vita e arte.

Cita tre autori di teatro perchè poi utilizzerà una metafora teatrale. (Aristofane, Goethe,

Shakesp.)

Metafora = dio, creatore della tragedia del mondo di mille atti, è capace di spingere fino al

limite l'umorismo.

Heine si distanzia poi dalla scenetta ridicola del mondo e si innalza agli spettatori dello

spettacolo, ossia angeli e Dio. Vedi antologia. Dipinto del mondo post-napoleonico in cui

Heine vive.

No specifica attenzione alla dimensione tedesca, intera Europa post-napoleonica.

Deutschland. Ein Wintermärchen (vedi antologia)

Questa volta si focalizza sulla Germania.

Il primo canto è dedicato al momento in cui il viaggiatore torna in Germania e varca il

confine.

Situazione guardata con distanza, visto che Heine vive in Francia. Egli sa che questo testo

sarà molto criticato da chi lo considera un traditore della patria. Lui anticipa questa critica

nella premessa e spiega perchè non è d'accordo: siete voi a tradire la vostra patria perchè non

volete criticarla e cambiarla.

15mar

Drama und Theater zwischen Restauration und Realismus​ (Vormärz/Biedermeier)

Si acuisce il progressivo allontanamento tra la scrittura drammatica (dei Dichter) e la vita

teatrale. Negli anni del primo 800 diventano sempre più distanti.

Crisi del dramma tradizionale canonico, riorientamento soprattutto stilistico.

I repertori teatrali sono generalmente d’intrattenimento.

Rispetto ai tempi di Lessing/Gottsched, è difficile trovare figure che siano scrittori, registi

teatrali, critici..

Ininterrotta crescita del pubblico dei teatri, che si orientano sugli impulsi che arrivano dalle

due principali città tedesche, Berlino e Vienna.

Vorrang des Geschichtsdramas, drammi storici di matrice Schilleriana.

Sul piano stilistico si vede un tentativo di apre la forma chiusa del dramma schilleriano

tradizionale, radicalizzarne il linguaggio.

Büchner, Grabbe​ -> kritische Dramaturgie

Grillparzer, Raimund, Nestroy​ -> filone austriaco, compresenza di tendenze abbastanza

diverse. G. è classicista, R. e N. sono di tradizione popolare e dialettale.

Negli ultimi anni prima del ‘48 escono i primi drammi di Hebbel.

Kritische Dramaturgie

Christian Dietrich Grabbe​ (1801- 1836)

I suoi modelli guardano a Shakespeare e lo Sturm und Drang. (rivoluzione, giovane Goethe)

Anticipa dei tratti del dramma moderno, primo 900. Es. dissoluzione formale dei testi,

abbandono di una trama e drammaturgia costruita a favore di una serie di quadri drammatici

slegati.

L’interesse è verso temi storici, storia nazionale e non, ma nel suo caso essa diventa una forza

superiore alla volontà dei singoli uomini che vengono travolti. La storia è un

macropersonaggio onnipotente.

Insistenza nel tentare di smontare l’idealismo e l’eroismo legati fino ad allora al dramma

storico. Il protagonista non è più l’eroe ideale, ma anti-eroi, travolti dai propri vizi e

nefandezze.

Va verso quella che sarà l’Episierung des Dramas, trasformazione in un testo epico (Brecht)

Smonta l’azione e propone una costruzione a stazioni, a fasi. Nel classicismo era stata

abbandonata. Elementi giustapposti, non procedere lineare dell’azione.

Scherz, Satire, Ironie und tiefere Bedeutung. 1822-27 Viene rappresentato ancora oggi.

Don Juan und Faust (1829) Dramma in cui Faust entra nella vicenda del Dongiovanni. Due

grandi miti della letteratura.

Napoleon, oder die hundert Tage (1831) Cento giorni prima di Waterloo.

Hannibal (1835)

Napoleon oder die hundert Tage (vedi pag. 10)

Prima messa in scena 1895, quando questi autori furono riscoperti ed apprezzati.

I scena, IV atto. Il grande tema è la storia stessa più che il singolo personaggio.

Parigi, campo di marte.

Si parla di una specie di allestimento di teatro politico, l’arrivo dell’imperatore. Teatro nel

teatro. Due personaggi commentano ciò che accade. Le loro parole creano la tensione.

Linguaggio colloquiale, dama ingenua ma altro personaggio è critico, elementi concreti (farsi

spazio fra la folla -> realismo)

Mentre chiacchierano lui cerca di conquistarla, è artificioso staccare la dimensione politica da

quella quotidiana.

Für sich, bei seite -> commenti mostrano le discrepanze fra opinione reale e quella esternata.

Jouve è un personaggio a tutto tondo, si contraddice. L’eccesso di idealismo nella costruzione

del personaggio è stato evitato.

La scena non porta avanti la trama, ma costruisce un quadro di questo momento storico.

Österreichisches Drama

Dramma popolare (​ Volksstück​ ). Scrittori che scrivono dei pezzi pensati per

l’intrattenimento. Ampia compagine sociale, borghese e proletaria (non troppo).

Viene dal Wiener Volkstheater (farse, commedie..)

F. Raimund

Der Alpenkönig und der Menschenfeind (1828)

J. Nestroy

Produzione legata al milieu d’origine (tratti linguistici regionali, difficile da esportare)

Trauerspiel​ (Dramma) sul modello tedesco della Weimarer Klassik (repertorio tragico in

pentametri giambici) e dal teatro barocco.

Grandi temi sono la Storia, il mito, in particolare greco.

Franz Grillparzer​ ne fa parte.

(1791 - 1872) Grande autore nazionale austriaco. Spesso etichettato classico: nel senso di

canonico ma anche nel senso di vicinanza al classicismo.

Riferimenti culturali ed estetici: Josephinismus (assolutismo illuminato, visione razionalista e

cosmopolita illuministica) Weimarer Klassik (Schiller), Barocke Tradition (C. de la Barca).

Diventa un Burgtheater-dichter, teatro di corte. Queste radici 600-700esche convivono con

impulsi e tormenti, riflessioni anche tragiche derivate dalla consapevolezza di essersi

rifugiato in una forma ormai scomparsa, difficoltà di adeguarsi a un mondo che cambia.

Non abbiamo gli strumenti per muoverci nel nuovo mondo che verrà. Molto amato da Kafka.

Die Ahnfrau (1817) Lo lancia sulla scena a 26 anni. Schicksaltragödie.

Weh dem, der lügt! (1838) Komödie. E’ un fiasco e decide di non fare più teatro.

Der arme Spielmann (Racconto in prosa, problematica dell’artista. 1848)

(vedi schema opere slide)

Scrive Geschischtsdramen, Märchendramen e Antikendramen. Con l’ultimo termine si

intendono i drammi mitologici ma anche drammi ambientati nel mondo antico.

Sappho (vedi antologia)

Pentametri giambici, linguaggio alto e metaforico. Struttura asciutta che costruisce tensione e

scioglimento. V atti.

Atto III, II scena. -> momento culminante.

Un testo su Saffo nella Vienna dell’800? Alone leggendario della figura storica. Lei è

emblematica in quanto la prima poetessa e d’amore doloroso.

Tema del femminile e della figura femminile dedita all’arte.

La storia è tragica e fittizia: si innamora di un fanciullo che è innamorato di una sua coetanea

e si suicida da una rupe.

19mar

(slide varie opere Grillparzer divise per genere)

Geschichtsdrama -> dramma storico pessimista, in Grillparzer

Märchendrama -> d’ispirazione barocca solitamente, Der Traum ein Leben (C. de la Barca)

Antikendrama -> tipico classico-romantico, si ispira alla tragedia antica, alla mitologia o a

una figura della storia antica in generale, come Sappho, la cui storia è però fittizia, visto che

della figura si sa poco.

Das goldene Vließ, ispirato agli argonauti, Giasone incontra Medea, quest’ultima dà il titolo

all’ultima opera di questa trilogia.

Des Meeres und der Liebe Wellen -> tratta da un’opera di Ovidio

Sappho

(dopo das Grab) vedi antologia.

Tema della problematica dell’artista. Dicotomia inconciliabile tra arte e vita. ​

Dichterdrama -> dramma che ha al suo centro un poeta/poetessa. Il più celebre è il Tasso di

Goethe. Distanza incolmabile tra il talento e la vita. Figura era quasi patologica,

estremizzazione di un problema che hanno tutti i poeti ma che in lui era patologico.

In Grillparzer (​ Sappho) siamo a un ulteriore gradino, è un caso universale.

La dimensione femminile ci richiama all’​ Ifigenia di Goethe, grande riferimento e modello

nazionale, emblema dell’anima bella, capace di rinstallare l’armonia nel mondo.

Nel suo monologo iniziale in cui canta la Sehnsucht verso la sua patria greca, c’è un famoso

verso: La condizione della donna è degna di lamento. Questione femminile.

Lontana dalla patria, costretta a una serie di mansioni che non vorrebbe svolgere,

svantaggiata in quanto donna, ma questo suo “eterno femminino” le permetterà poi di

interrompere la catena di violenza del mito.

Sappho è un personaggio femminile ma soprattutto poetessa, quindi colorazione un po’

diversa. Registro alto, forse già un po’ antiquato e artificioso ai suoi tempi, G. tematizza delle

questioni tipicamente moderne. Giano bifronte guarda da un lato al passato, nel lato formale,

ma fa muovere nelle strutture canoniche delle tematiche moderne: rapporto arte/vita.

Anche nella Medea c’è della modernità. Giasone è fragile, un inetto quasi. Lei è

un’infanticida ma anche una donna diversa non integrata nella società (lei è barbara e a

Corinto viene vista come straniera). E’ stata ispirazione dei drammaturghi contemporanei e

del secondo novecento.

Johann Nepomuk Nestroy​ (esponente della Volksstück, vedi sopra) (1801 -1862)

Terzo esempio del teatro del primo ottocento.

Strettamente legato alla dimensione viennese e austriaca, poco noto al di fuori.

K. Kraus, poeta austriaco emblema della satira, disse di Nestroy: “è il primo scrittore satirico

di lingua tedesca nel quale il linguaggio si interroga sulle cose.”

N. è autore del teatro popolare, le sue drammaturgie funzionano sulla base di gag, momenti

comici e travestimenti, il suo linguaggio gioca su un momento riflessivo, meta linguistico.

Giochi linguistici, skeptizismus und ironie.

Scettico delle istituzioni borghesi, politica, afflati rivoluzionari, finta verità di cui tanti si

definiscono difensori.

Nestroy è attore, regista, scrittore, uomo di teatro a tutto tondo.

Theatralität vs Literarizität

Il teatro di Nestroy non è composto per rientrare in un canone letterario.

N. non inventa una vicenda drammatica ma prende delle figure presistenti e le trasforma.

Adattamenti di vicende note, tradizione popolare o attualità politica. Es. storia biblica resa

teatrale. O anche opere già teatrali esistenti e ne fa delle parodie.

Witz = Wit, umorismo. Lo caratterizza. Per questo è difficile tradurre Nestroy o spostarlo

dalla sua dimensione nazionale. Zeitbezug, riferimento all’attualità.

Ha un’alta produttività dato che vive della sua arte. Scrive 83 pieces in 60 anni di vita.

Der böse Geist Lumpazivagabundus oder das liederliche Kleeblatt (1833)

nome di fantasia, gioco linguistico Lump = straccione Vagabundus = termine latino

Einen Jux will er sich machen (1842) -> “vuole mettere in gioco una pagliacciata”

Der Zerrissene (1844) -> il “lacerato”, mette in ridicolo il concetto di zerrissenheit.

Freiheit in Krähwinkel (1848) -> Libertà a Krähwinkel (toponimo, luogo immaginario che

mette assieme le idee delle cornacchie, Kräh e winkel, angolo, luogo di provincia. Paesello

sperduto.)

freiheit = parola che tutti hanno in bocca in quell’anno

Suggerisce che il grande ideale rivoluzionario della libertà sia arrivato persino in questo

sperduto angolo di mondo. Prende in giro anche la la lode della campagna e l’Heimatliteratur.

Rivolto a un pubblico borghese e popolare cittadino, di Vienna. Tensione città/campagna.

Sottotitolo dell’opera tecnico: Posse mit Gesang in zwei Abteilungen un drei Akten​ .

Posse = farsa popolare.

(​ vedi antologia​ p 11)

Opera parla della rivoluzione e sue motivazioni: necessità di un cambiamento del sistema.

Zopfensystem​ , vedi testo. Zopf = treccia. Immagine che fa riferimento alle capigliature

dell’ancien régime. Come il termine italiano codino, reazionario e lealista all’ancien régime.

“Hanno governato senza limiti (Unumschränkt) e nessuno si è ribellato. Nessuno ha osato

dire una parola libera, perchè chi si ribellava aveva come ricompensa il carcere. Si era

abituati. Le spie hanno spiat tutto, di questo si occupava la polizia, l’intelligente ammutoliva,

in poche parole era tutto istupidito. Questa epoca era comoda per questo Zopfensystem.”

2a strofa: rivoluzione parte da parigi, alla germania, all’austria

“All’improvviso cominciò a Parigi, in forma curiosa, hanno cacciato il re. Si ribella anche la

Germania e questo è scomodo per lo Zopfensystem”.

3a strofa: da altre parti cominciano a ribellarsi quindi: “Ma il suddito oppresso incominciò a

pensare. Ma per diavolo, devo essere uno schiavo? Il principe certo è un signore ma io sono

un uomo come lui. Cominciano ad avere problemi quelli dello Zopfensystem.”

4a strofa “L’austria si era sollevata come se un cenno fosse arrivato dall’alto. “

Groß-Schlemm -> mangiata che si fa dopo il funerale, funzione apotropaica. Quindi lo

Zopfensystem è arrivato al suo funerale.

Immagini molto concrete, frasi breve, stile diretto, resa scenica.

Gli ultimi due versi sono un ritornello. Nella resa performativa è possibile ci fosse un climax

ascendente. Le cose si fanno spiacevoli, difficili per lo Zopfensystem, poi il suo funerale.

Seconda parte in prosa, linguaggio meno diretto, gioco ironico basato più sul passaggio

continuo da apparenza a realtà.

22mar

Epik zwischen Biedermeier und Realismus: Vorrang der Kleinepik

Area parallela agli autori socialmente impegnati del Vormärz, qui narrativa breve tradizionale

(romanzi e kleinepik)

Kleinepik

Gotthelf, Die schwarze Spinne (1842)

Droste, Die Judenbuche (1842)

Grillparzer, Der arme Spielmann (1848)

Mörike, Mozart auf der Reise nach Prag (1855) (singolo evento inaudito che produce un

cambiamento radicale, Goethe)

Spazio ristretto della Heimat, vicende minori (no storico-politico). Novelle lunghe.

Romane ​ ​

Mörike, Maler Nolten (1832) Immermann, Die Epigonen (1836)

Adalbert Stifter (1805 - 1868)

Solo narrativa. Austriaco. ​

Studien (1844 - 1850) Raccolta di racconti, primo suo approccio al genere. Include Brigitta.

Bunte Steine (1853) raccolta di racconti, tutti riferimenti alle pietre. Bergkristall. zb.

Interesse per le scienze naturali, è pittore, scrittore.

Der Nachsommer (1857) (momento subito successivo all’estate) Ritmi dilatati, tipico

romanzo 800esco, occhio attento ai dettagli.

Witiko (1865-7) impostazione storica.

Vedi antologia p. 12,13,14.

12apr

Der Poetische Realismus

(dopo 1848)

Scrittura nelle intenzioni vicina alla realtà. Scrittura di finzione che finge di essere verosimile.

Realismo poetico = area tedesca, dal 1850 al 1880 ca. Bürgerliche Realismus, sinonimo.

Poetisch​ = scrittura realistica ma non esce dalla finzione poetica. Colora di poesia un evento

verosimile. No realismo crudo.

Bürgerlich​ = dimensione sociale. Borghesia tedesca in forte ascesa, presunzione di essere

portatrice dei valori fondanti della nuova nazione. La maggior parte degli autori e lettori lo

sono effettivamente. Bildungsbürgertum = borghesia colta. Borghesi sono spesso i valori

vincitori all’interno di queste opere.

All’epoca si utilizzava il termine Realismo poetico.

Theorie

Gli scrittori tedeschi guardano alla francia e al mondo anglofono.

Friedrich Theodor Vischer filosofo e scrittore ​

Sulla scia di Hegel elabora una sua teoria estetica, in Aesthetik. (1846-57)

Programmatischer Realismus​ (testi con una dichiarazione d’intenti, programmati, ma anche

pratici, approccio meno teorico speculativo ≠ Vischer)

Julian Schmidt (storico della letteratura) + Gustav Freytag (testi teorici + romanzi) guidano la

rivista Die Grenzboten uno degli organi principali del realismo programmatico.

Otto Ludwig​ (drammaturgo + novellista) Scrive Der Poetische Realismus. (vedi pag. 18

antologia) ​

Gottfried Keller​ - Abendlied (pag. 16 antologia)

Percezione sensoriale del mondo, concentrazione sull’aldiqua.

Realismus - Vorrang der Epik

Genere narrativa è predominante. Quello che più riesce a contenere i dettagli del mondo e

costruire una coerenza.

Wichtigste Untergattungen:

- Dorfgeschichte​ : novella paesana, testo breve-media lunghezza, in contesto rurale. Keller ne

scrive. Dorf è in miniatura il mondo.

- Novelle/Erzählungen​ : non in campagna.

- Geschichtsroman​ : concentrazione temporale, su di un’epoca, non spaziale come sopra.

​ ​

- Individualroman​ (z.b. Effi Briest.) Non bildungsroman, no percorso di educazione del

soggetto.

- Gesellschaftsroman​ (vita sociale) Molta attenzione ai dialoghi: i testi manifestano le

personalità. Non ancora introspettivo novecentesco ma quasi. Manifestazione sociale

dell’individuo, ciò che dice nei contesti sociali.

16apr ​

Gottfried Keller (1819 - 1890) Svizzero. Letteratura molto fiorente, soprattutto Zurigo.

Der grüne Heinrich 1853-1880 = Versione svizzero-realistica del Wilhelm Meister,

romanzo di formazione, narratore esterno distante dalla vicenda, afflato ironico-umoristico.

Stile narrativo meno ampio di Stifter ma punta sul descrittivismo (no eccesso dettagli,

creazioni di vivaci scene di vita umana)

MArtin Salander 1886, meno riuscito.

Novellenzyklen

Le pubblica all’interno di cicli. Eredità della tradizione europea boccaccesca. Il modello del

Decameron ha molta fortuna in epoca classico-romantica (E.T.A. Hoffman)

Il modello di Keller rispetta la struttura della cornice fino a un certo punto (novelle molto più

indipendenti)

La singola novella è indipendente ma ha significato anche all’interno del ciclo.

Ottocento è il secolo dei cicli, poi la narrativa breve slegata prenderà il sopravvento.

Die Leute von Seldwyla (1855-74) personaggi immaginari di un paesino che diventa

l’epitome della provincia, campagna, vita lontana dalle grandi questioni socio-politiche, una

vita appartata. Ma non vuole idealizzare la vita di campagna. Costruisce (su fatti reali o

meno) storie che mostrano come non si tratti affatto di un luogo incontaminato.

Romeo und Julia auf dem Dorfe = una delle novelle, una dorfgeschichte critcia, non

idealizzante. Fatto di cronaca, due famiglie rivali in lite per un pezzo di terra, i due amanti

scappano ma poi si suicidano insieme. No documentario sulle vicende dei due, ma trasfigura

la vicenda, crea un mondo verosimile ma fittizio. Valori che quella cultura dovrebbe

difendere, la famiglia, ma non lo fa. Finale tragico.

Riferimento shakespeariano: tipico stratagemma della scrittura realistica, prendere l’ideale

astratto per eccellenza, e trasportarla abbassandola stilisticamente a una realtà di paese. No

due nobili famiglie di Verona ma contadini svizzeri. Il riferimento rimane solo nel titolo.

Strategia moderna di anticipare l’esito della vicenda, togliendo la suspense e facendo

concentrare il lettore sul contesto socio-culturale.

Kleider machen Leute = L’apparenza determina lo statuto sociale, come viene considerata

dagli altri. Titolo anche qui anticipa un’idea e fa sì che il lettore giudichi ciò che legge in una

determinata maniera. Smaschera l’atteggiamento tipico della gente di questo paesino ma

anche tipicamente umano.

Altre raccolte:

Züricher Novellen 1871

Das Sinngedicht 1881 (epigramma)

Kleider machen Leute (vedi antologia pag. 17)

17apr

Lyrik des Realismus

Anni 50-80 1800.

Variegata produzione che si rifà ad alcuni ambiti stilistico-tematici.

Erlebnislyrik​ : lirica dell’esperienza vissuta. Es. poesia giovane Goethe, esperienza soggettiva

posta al centro tematico, estetico e stilistico. Ha quindi le sue radici fra 1700 e 1800.

T. Storm un esempio evidente di come alcuni stilemi vengano ripresi e piegati verso il

realismo.

Rapporto tra natura/realtà​ : al centro dell'estetica del realismo, altro filone poetico.

Diversa maniera di intendere il procedimento in cui la fantasia creatrice riesce a ricostruire

una realtà verosimile. -> si esprime nel Dinggedicht​ (Mörike, Biedermeier) riflessione fra

aspetto descrittivo ed evocativo. (Meyer)

Ballade​ : rimane un genere frequentato in epoca realista. (Fontane) L’aspetto magico e

soprannaturale viene inserito in un contesto verosimile.

Linea tradizionalista-classicista​ (circoli letterari di Monaco) persiste.

Theodor Storm​ (1817 - 1888)

Viene dal nord, oggi Schleswig-Holstein. Al tempo era territorio danese/prussiano.

Paesaggi di brughiera, colore grigio, appare in poesia -> p. regionalistica.

- Kleinepik: 45 Novellen.

La sua teoria della novella è quella di Goethe, poi sviluppato più che in Keller. Produzione

teorica sul tema. Lo ritiene un genere adatto a penetrare la realtà -> attenzione microscopica

che illumina la questione centrale. ​

Immensee (1850) agli inizi del realismo -> ultima: Der Schimmelreiter (1880, Cavaliere del

cavallo bianco)

Die Stadt (lyrik)

La sua lyrik ha un intento realistico ma modalità canoniche: tiene assieme la tradizione

dell’Erlebnislyrik e una valenza universale (Allgemeingültig)

Die Stadt (1879) pag. 19 antologia

Theodor Fontane (1819 - 1898)

Berlinese. Legato al Brandeburgo. Il cognome mostra l’origine ugonotta. Parte della

comunità si era rifugiata in Prussia, dove i re protestanti li avevano accolti.

Le origini non hanno nessun influsso sulla sua scrittura.

Molti generi narrativi: Romane, Erzählungen, prosa saggistica e paraletteraria: Journalistik,

Reisebilder, Geschichte. Fu giornalista di corrispondenza in Inghilterra.

Romane

1878 Vor dem Sturm, ambientazione storica (guerre napoleoniche)

I romanzi sono tardivi. Ambientazioni spesso prussiane.

​ ​

1887 Irrungen, Wirrungen 1895​ Effi Briest 1898 Der Stechlin

Capace di caratterizzare figure femminili, come Effi e costruire dialoghi (celebri), dove

vengono caratterizzati i personaggi.

Donne caratterizzate come vittime delle condizioni sociali sessiste. Note anche le figure degli

Junker, proprietari terrieri (nobiltà di campagna, vecchi feudatari). Idealizzati o caratterizzati

positivamente, hanno valori positivi a differenza della nuova generazione di Junker impegnati

politicamente e nell’amministrazione che vengono criticati aspramente.

Dinastia Hohenzollern ha puntato a trasformare la nobiltà terriera in servitori dello stato nelle

caste militari e nell’amministrazione statale. Volevano rendere impossibile la creazione di

una società di corte alla francese per non avere concorrenti al trono.

Ad es. il marito di Effi Briest è un esponente di questa nuova nobiltà.

Journalistik/Reisebilder:

Per anni Fontane fu un critico teatrale in un giornale berlinese.

Wanderungen durch die Mark Brandenburg, 1862-1889: Reisebilder. Molto celebre.

Gedichte/Balladen:

Herr von Ribbeck auf Ribbeck im Havelland, 1889. Ballata. vedi pag. 19 antologia.

Conrad Ferdinand Meyer​ (1825 - 1898)

Tendenze tipiche del realismo ma anche apertura alle future estetiche del simbolismo.

Autore svizzero, attivo in ambito lirico e narrativo.

Zwanzig Balladen von einem Schweizer, 1864

Romanzen und Bilder, 1870

Hutten letzte Tage, 1872

Gedichte, 1860-92. Rivede e risistema i suoi testi quasi ossessivamente, soprattutto

riducendole. Determinati testi sono di volta in volta sempre più essenziali, brevi.

Formbewusstsein​ di Meyer sia a livello microstrutturale che macrostrutturale (singoli testi e

raccolte)

- Labor limae

- Zyklenstruktur ​

- Concentrazione sull’immagine “pura” (una volta tolto il superfluo)

​ ​

- Widerruf der Erlebnsilyrik​ -> Dinggedicht​ (toglie la prospettiva soggettiva, io lirico solo

osservatore)

- Vorwegnahme der Moderne

Epik

Das Amulett (1873)

Jürg Jenatsch (1874)

19apr

Auf Goldgrund - Meyer​ (vedi antologia p. 19, “su sfondo dorato”)

Metrum: Auftaktlose jambische Vierheber. Kreuzreim, weiblich.

Universalizzazione dell’elemento visuale si avvicina al futuro simbolismo: l’oro è simbolo di

qualcosa di assoluto.

Der römische Brunnen (sotto)

Auftaktige jambische Vierheber, KReuzreim, männlich. ABER: Trochaischer Auftakt.

Theater im Zeitalter des Realismus

Molta della produzione realistica è oggi completamente dimenticata.

Non si distingue molto dalle stagioni precedenti ottocentesche.

F. Hebbel​ : scrittore, esempio di continuità con le stagioni precedenti.

R. Wagner​ : noto come compositore, idea di teatro molto forte, opera d’arte totale, unione di

parole musica e immagine.

Friedrich Hebbel

Ultimo esponente del dramma borghese, nato nel ‘700 illuminista di Lessing. Genere

fortunatissimo. Hebbel scrive consapevole della fine del genere imminente.

Sarà soppiantato dal dramma sociale.

I drammi di Hebbel hanno tratti borghesi ma anche tematiche sociali.

Nella seconda fase della sua produzione sarà sostenitore di una visione “​ pantragica​ ” del

mondo. Tutto ciò che riguarda la vita dell’uomo e del mondo ha un finale tragico.

(Determinismo storico, destino ineluttabile condizionato dal contesto)

1848: Wendepunkt​ : non per l’afflato rivoluzionario ma perchè dopo anni di sforzi nella

povertà si sposa e viene impiegato al teatro di Vienna, potendosi sostentare autonomamente e

non più tramite mecenatismo. Quindi questa sua fase che dovrebbe essere realistica

cronologicamente, lo è meno: rassegnazione nei confronti dell’esistente. Prima i personaggi

cercavano di sfuggire al proprio destino, ora meno. Recupera temi classicisti (dramma in

versi, tema del mito). Personaggi in contrasto con le esigenze della realtà.

Prima fase​ :

Judith (1840)

Genoveva (1843)

Maria Magdalena (1844) -> titolo simbolico, ha al suo centro una figura femminile, Clara.

Dopo il 1848:

Die Nibelungen (1861)

Agnes Bernauer (1852)

Maria Magdalena (p.15 antologia)

Titolo non è il nome della protagonista.

Pone fine alla tradizione del dramma borghese idealista schilleriano. I drammi come Kabale

und Liebe sono ritenuti da Hebbel sbagliati nell’atteggiamento: sono vicini ai Tendenzstücke,

letteratura di parte, prende chiaramente le parti della classe borghese.

Manca il sostrato idealistico, il fatto che tramite la scelta il personaggio affermi la propria

libertà. L’epilogo di Hebbel porta solo disorientamento, senza alternative o salvezza.

Zwischen Tradition und Moderne

Nel passaggio generazionale fra autori pienamente ottocenteschi, vi è un passaggio epocale

dalla tradizione al “moderne”.

Gli autori della nuova generazione mostreranno per certi versi una continuità: lo stile

narrativo di Mann è impensabile senza l’influenza di Fontane. Non c’è una frattura totale. Il

secondo Ottocento tedesco non è solo il Realismo. Vi sono altre tendenze.

Ad es: R. Wagner, W. Busch, F. Nietzsche.

Richard Wagner (1813 - 1883) ​

Theatertheoretiker -> testi saggistici sulla sua idea di teatro -> Gesamtkunstwerk​ .

Opera d’arte totale: esaltazione del teatro musicale come forma artistica che tiene assieme

parola, musica e rappresentazione. La sua idea contiene anche l’idea che i vari linguaggi

debbano collaborare: parole, musica, corpo, gesto devono sovrapporsi per dare la massima

espressività possibile. Esatto opposto del teatro di Brecht.

Komponist, Librettist. Coetaneo di Hebbel e Büchner.

Forte impronta neoromantica, forti istanze di riforma politica del Vormärz. La sua principale

forma d’espressione artistica, l’opera, prevede che luis criva si ai libretti sia la musica.

1865 Tristan und Isolde -> riprende una matrice medievale francese e tedesca, ma Wagner se

ne allontana. Tragedia del legame fra amore e morte. (vedi pag. 22 antologia)

1869-76 Der Ring des Nibelungen

1882 Parsifal

26apr

Eredità dell’800 tedesco al ‘900.

Wilhelm Busch​ (1832 - 1908)

Ambizioni poetiche notevoli, anche un intellettuale serio, ma soprattutto legato ad una

produzione non proprio letteraria, dimensione comico-satirica e popolare, leggera.

Visione del mondo altamente pessimistica, connubio interessante.

Bilderbuch​ . ​ ​

Suo precursore è l’autore del libro di storie illustrate Der Struwwelpeter, Pierino Porcospino,

Heinrich Hoffmann, pediatra.

1865, Max und Moritz

1872, Die fromme Helene, ironia sul mondo cattolico.

1875 Knopp-Trilogie

Le illustrazioni hanno didascalie in versi, intermedialità artistica.

Si prende gioco in maniera bonaria ma con un pessimismo di fondo, porta sulla scena alcune

problematiche culturali, storiche, sociali dell’epoca.

Max und Moritz - Bubengeschichte​ (storie di furfantelli)

Ragazzini che si confrontano con una Germania provinciale che è da un lato fedele ai valori

dell’educazione e buone maniere ma nel suo profondo anche molto violenta. A volte i fumetti

sono iperbolici ma la realtà di fondo era così.

(​ vedi pag. 20 antologia​ )

Espressione del secondo ottocento tedesco, molto significativo:

Friedrich Nietzsche​ (1844 - 1900) (Literarische Bedeutung)

Cattedra di Letteratura greca a Basilea, Svizzera, per le sue abilità di filologo di antichistica.

- Die Geburt der Tragödie, 1872 (saggio)

Neues Greichenbild: Apollineo e Dionisiaco.

Riformula l’immagine della cultura greca in Germania scardinando l’ideale

Winckelmanniano come mondo greco come mondo dell’armonia e del positivo umano.

Presenta la gracia più arcaica, con una componente dionisiaca, irrazionale. La cultura greca è

l’esito della compresenza di un polo positivo, apollineo e un polo dionisiaco e irrazionale.

Questa nuova concezione della Grecia sarà molto importante per il modernismo Viennese.

Con Nietzsche il mondo antico non è più equivalente al classicismo, bensì esso è un mondo

plurimo. Questo testo sarà un riferimento comune a tutti i letterati successivi.

- Also sprach Zarathustra. Ein Buch für Alle und Keinen. 1883-85

Dal punto di vista stilistico è una prosa ritmica, non saggistica né filosofica.

Testo parareligioso, quasi una nuova bibbia. Sarà un modello per alcuni contenuti

fondamentali (Oltreuomo, eterno ritorno, morte di Dio) ma anche come stile. Prosa ritmica

volutamente non argomentativa ma evocativa, tipicamente letteraria.

- Dionysos Dithyramben (Poesia)

Muore nel 1900 e dalla sua morte comincia la fortuna dei suoi scritti, ormai usciti da quasi 30

anni. Morì di sifilide, dopo svariate crisi psicotiche.

L’influsso sulle generazioni successive consiste in:

Critica della cultura: distruzione metodica di tutta la cultura europea vigente, cultura filistea,

non autentica. Oppone a quest’ultima l’idea di un cambiamento che sintetizza nei concetti di

übermensch, Ribaltamento dei valori (Umwertung aller Werte), Lebensphilosophie (ritorno

alla vita, alla verità, concretezza, lontani dall’ipocrisia borghese suddetta.)

(​ vedi antologia pag. 24​ )

E’ sbagliato ignorare la frattura netta esistente fra le poetiche Ottocentesche e quelle che dal

Naturalismo in avanti aprono alla modernità. Il Naturalismo dura poco, si produce

un’accelerazione: molti -ismi si succedono e spesso sovrappongono.

Il Naturalismo non è il risultato del Realismo. Ad accelerare è anche lo sviluppo sociale,

industriale, economico della Germania. Anni 80-90 dell’800 emergono in maniera evidente

una serie di contraddizioni prima tenute coperte, la società sta cambiando (urbanizzazione,

metropoli frenetiche, altri rapporti sociali e umani, problema della povertà) e ce n’è la

consapevolezza. Vi è l’idea che non basta inglobare nella scrittura (come nel Realismo

poetico) la realtà, bisogna cambiare radicalmente. Il linguaggio tradizionale non basta più non

è più autentico. Non è solo un cambiamento sociale come già se n’erano visti, è qualcosa di

globale. Innanzitutto un interesse maggiore per le letterature estere (scandinava, russa,

anglofrancesi), si diffonde l’idea che prima di scrivere qualcosa di nuovo bisogna distruggere

l’antico. (Nietzsche)

Il realismo con cui negli anni 80 la scrittura pare funzionare, è solo una delle tendenze

presenti.

Il Naturalismo

In Germania è d’importazione, in altri paesi già se n’è parlato molto.

Le condizioni sociali ed economiche arrivano in Germania solo ora.

E’ un movimento brevissimo, esaurisce in pochi anni, nonostante l’energia con cui appare.

Volontà di cambiamento potente, un breve scossone.

I due principali esponenti (Holz e Hauptmann) continuano a scrivere ma superando la fase

naturalista.

E’ uno snodo nell’epoca poi definita moderna (1890 - 1920 circa). E’ il primo dei movimenti

moderni o l’ultimo degli antichi?

Eine neue Gesellschaft

Eisenwalzwerk, 1875, Menzel. (Quadro, fonderia. Attenzione sulla fisicità dei lavoratori)

Il Reich è appena nato.

“Moderne Cyclopen” sottotitolo, come se i lavoratori fossero quasi un mito. Menzel è

abbastanza un pittore di regime, esalta le sorti progressive della neonata anzione. C’è in giro

molta retorica in questi primi anni.

Der Weberzug, Kollwitz, 1894. Disegno. Corteo di tessitori che protestano per le loro

condizioni di vita. Compare sulla pittura quella classe sociale che preme alle porte

dell’agiatezza, crescente numero di abitanti insoddisfatti. Polo opposto rispetto all’altro

quadro.

3mag

Der Naturalismus in Deutschland

Wilhelminisches Deutschland = Industrialisierung, Urbanisierung, Soziale Frage,

Militarisierung.

Il paese si è unito da un ventennio -> impegno nell’industrializzazione (ind. pesante)

che riguarda particolarmente alcune aree (Renana, Berlino, il settentrione)

Urbanizzazione susseguente, Berlino diventa una metropoli. Diventa più evidente la

questione sociale, ovvero la miseria evidente di una fetta della popolazione.

Germania dedica parte degli sforzi industriali alla creazione di un potente esercito sulla base

del modello prussiano. Ma la militarizzazione investe tutti gli ambiti della vita.

Sul piano culturale esso arriva in G. con ritardo, è un fenomeno d’importazione (teorie,

poetiche straniere)

-> Darwinismus (di origine inglese, arriva mediante Haeckel e Bölsche)

-> Positivismus (Comte, Taine -> i tre elementi fondamentali sono provenienza etnica, area in

cui si cresce, periodo storico)

-> Frankreich (Zola, roman expérimental)

-> Skandinavien (Ibsen, Strindberg -> Drama) Ibsen diventerà modello dei drammaturghi

tedeschi, creerà scandalo.

L’ambito lirico sarà quello più originale tedesco, con meno influenze esterne.

Berlino e Monaco sono i due centri del movimento. Le due riviste principali su cui vengono

​ ​

pubblicate opere, dichiarazioni di intenti: Gesellschaft di M.G.Conrad e Kritische

Waffengänge, Brüder Hart. ​ ​ ​

Sono importanti le associazioni (Vereine): Durch!, Freie Bühne, Freie Volksbühne (per

evitare la censura, le associazioni teatrali mettono in scena “privatamente” gli spettacoli per i

soci.) ​

Zehn Thesen zur Moderne (1886) del gruppo Durch!

Esce come anonimo/collettivo. (vedi antologia​ p. 25)

Manifesto letterario.

Arno Holz, Hauptmann sono esponenti di punta del naturalismo ma poi si sposteranno su

altre correnti e stili.

Arno Holz

Autore più versatile, testi teorici, prosa, lirica, dramma.

Die Kunst. Ihr Wesen und ihre Gesetze, 1892. Saggio più importante, espone la teoria del

Naturalismo Coerente​ (Konsequenter Naturalismus) che viene condensato in una formula

matematica: Kunst = Natur - x (l’arte vuole avvicinarsi il più possibile alla natura ma non

riesce perfettamente, l’artista deve rendere la x il più piccola possibile)

Buch der Zeit. Lieder eines Modernen (1886) = “libro contemporaneo”, raccolta di poesie.

vedi antologia pag. 28 ​

Seconda raccolta: esce nel ‘900 in periodo tardo, non più naturalismo. Fantasus, una sorta di

dio del sogno. Copertina in stile Liberty.

E’ fondamentale l’aspetto grafico.​ Vedi antologia pag. 28

Arno Holz + Johannes Schlaf per un certo tempo scrivono insieme testi molto rappresentativi

​ ​

del naturalismo tedesco. Papa Hamlet, 1889. Usano un Sekundenstil​ = il testo segue

secondo per secondo ciò che accade.

Si cimentano anche in ambito drammatico, miseria morale e sociale come tematica.

Die Familie Selicke, 1890. Cognome tipico prussiano. Importazione di tematiche ibseniane in

contesto tedesco determinista e dalla ineludibile tragicità. Successo clamoroso all’epoca, poi

scomparso dal canone.

Meister Oelze, 1892 (Solo Schlaf)

Gerhart Hauptmann​ (vincitore del Nobel per la letteratura nel 1912 come scrittore del

naturalismo)

Bahnwärter Thiel, 1888. Sekundenstil non così estremo in Hauptmann ma evidente.

Romanzo breve ma intenso, costruzione di una situazione narrativa in cui il personaggio è

esposto alla verità spietata, la faccenda ha un percorso predeterminato.

Soziale Dramen/Komödien

1889, Vor Sonnenaufgang, rimodula i temi di Ibsen. Provoca uno scandalo. Apre la serie di

drammi sociali di Hauptmann.

1891-3 De Waber/ Die Weber

1893 Rose Bernd / Der Biberpelz I personaggi sono dei tipi fissi, es. Berlinese pragmatico.

1911 Die Ratten

Die Weber

Testo in antologia​ non da studiare parola per parola, ma per come è costruito. Storia dei

tessitori slesiani della poesia di Heine. Il dramma di Hauptmann è in chiave drammatica.

Struttura tradizionale, 5 atti.

8mag La Moderne

Der Naturalismus als erste Generation der literarischen Moderne?

Alcune tematiche del naturalismo continuano ad essere presenti nel ‘900 (Es. tensioni sociali,

riflessione sul determinismo, registrazione secondo per secondo dei propri sensi)

Messe alla prova strategie sperimentali (apprese dal mondo scientifico, tentativi di trovare

nuovi linguaggi e assetti testuali)

Successivo confronto critico con il naturalismo segnala che è da questo che si parte, sebbene

per opposizione.

Die Überwindung des Naturalismus, 1891, H. Bahr, saggio. (uscito in anni di pieno

naturalismo) Arriva da un centro culturale diverso da quello in cui si sviluppa il naturalismo

(Monaco, Berlino). Le critiche ad esso arrivano dall’area meridionale e dalla zona austriaca.

Hermann Bahr, figura al tempo celebre, fu mediatore ed editore per molti scrittori nella sua

città, Vienna. Figura bohème/dandy. Dedito al continuo superamento delle posizioni estetiche

e culturali. “Ho seguito una serie di mode letterarie prima che lo diventassero” = era un

hipster. (​ vedi pag. 28 antologia​ )

Stilpluralismus um 1900

Termini estetici:​ Ästhetizismus, Décadence, Symbolismus, Neoromantik, Impressionismus,

Jugendstil.. ​

Concetto di Moderne​ tiene dentro molto, ma è vago.

Termini storici: Jahrhundertwende, Literatur um 1900, Fin de siècle.

Crisi rispetto a concetti ottocenteschi: Ichkrise, Sprachkrise, Bewusstseinskrise. (soggetto,

linguaggio, coscienza)

Caratteristiche/punti cardine​ :

Die Traumdeutung, 1900, S. Freud. Dimensione onirica in letteratura, sogno come porta

d’accesso alla vita interiore dei personaggi.

Ricezione delle opere di Nietzsche, morto nel 1900.

Parole chiave: Leben​ (vita autentica, dimensione vitale ≠ costrizioni anche sensuali, oltre le

convenzioni borghesi), Jugend​ (mito della giovinezza, adolescenza, vita scolastica,

educazione sbagliata, esaltazione del fanciullo come figura di redenzione utopica), Seele

​ ​

(psicoanalisi), Bohème​ (vita maledetta), Kunst​ (dimensione problematica e redentrice allo

stesso tempo, vocazione ma condanna)

Stefan George (1868 - 1933)

Figura chiave del genere lirico. Mediatore che importa il simbolismo francese, frequenta i

circoli di Mallarmé a Parigi. Esteta (l’art pour l’art).

Combina tutto questo con una notevole aderenza alla critica della cultura di Nietzsche.

Sposa la diagnosi della scadenza dei valori ottocenteschi borghesi, in George la cultura è

ancora più elitaria, aristocratica. Poesia che nasce e si propone a cerchie ristrette, poesia

difficile, raffinata stilisticamente e volutamente asciutta, impenetrabile.

Si proclama vate di un ristretto circolo di artisti, in quanto esponente più anziano e

carismatico. Si autodefinisce l’erede della tradizione lirica tedesca, raccoglie in una serie di

antologie una specie di canone di quest’ultima, scegliendo ciò che trova esteticamente

rappresentativo. Queste antologie escono dalla ristretta cerchia e rivedono le attribuzioni di

classicità a determinati autori. Il canone di George è una proposta alternativa, soprattutto a

quella scolastica. (es. scartato Schiller, riscoperto Klopstock, Hölderlin)

Blätter für die Kunst (1892-1919) Rivista, progetto più inclusivo. Pubblica traduzioni di

poeti francesi e italiani. Rivista più di avanguardia del panorama tedesco.

Nel 1900 George-Kreis​ , associazione esclusiva a Monaco, in cui George è Meister e gli altri

sono discepoli, jünger. Cerchia solo maschile, erotismo estetizzato (George era omosessuale)

Uno dei discepoli, Maximin, muore e in seguito viene instaurato un culto sulla sua figura.

Scrivono poesie in cui questa figura viene esaltata come simbolo della giovinezza perenne.

Dal George-Kreis escono molte figure importanti della letteratura tedesca del Novecento.

Germanisti, poeti, militari che poi cercheranno di assassinare Hitler.

Politicamente conservatori ma in opposizione al nazionalsocialismo.

1890 Hymnen

1892 Algabal (Eliogabalo, imperatore romano, raccolta di poesie antinaturalistiche)

1897 Das Jahr der Seele

(​ vedi antologia​ pag 35) Mein garten bedarf nicht Luft und nicht wärme

10mag ​

(​ vedi antologia pag. 35​ ) Komm in den totgesagten park und schau

Hugo von Hofmannsthal (1874-1929)

Lyrik

1887, a 13 anni, in parte origine italiana in parte ebraica, famiglia benestante di Vienna.

Pubblica con lo pseudonimo Loris le sue prime poesie. Autore difficile da incasellare,

recepisce gli spunti che gli arrivano ma non entra mai in nessuna cerchia/movimento.

Apice della produzione lirica è tra il 1894-97, impressionismo/simbolismo.

Hofmannsthal definirà questa fase non del tutto dipendente dalla sua volontà, un flusso

creativo, “​ präexistenz​ ” concetto con accezioni positive e negative (momento in cui non si ha

piena consapevolezza della propria esistenza, fase ingenua)

Drammi lirici degli stessi anni:

- figura del poeta o attore (mediatori linguistici o comunicativi al centro di una problematica

espressiva, figure che vivono dell’espressione, ma sentono come fortemente in crisi la parola,

uno strumento non più perfettamente funzionante. può contenere la verità o la menzogna, è

maschera ma anche smascheramento della verità. )

Dopo 1900 si allontana dalla scrittura lirica e scriverà quasi solo drammaturgia e prosa.

Riflessione sul linguaggio e l’ambiguità nel rapporto col vero: “Die Tiefe muss man

verstecken. Wo? An der Oberfläche.” Con la superficie si cerca di mascherare la profondità.

In termini psicologici, il tiefe è l’inconscio e l’oberfläche i comportamenti.

​ ​

(​ vedi pag. 35 antologia​ ) Ballade des äußeren Lebens e Terzinen

15mag (von Hofmannsthal)

Elabora una nuova posizione di scrittore nella modernità dopo aver vissuto una crisi al

passaggio del secolo: Der Brief des Lord Chandos, 1902.

​ ​

Testo in prosa, come Das Märchen der 672. Nacht e Reitergeschichte.

Romanzo-saggio = scrittura saggistica e di finzione, narrazione e finzione si intrecciano.

Tendenza del fine secolo a sperimentare una scrittura in prosa dai confini sfumati.

Andreas oder die Vereinigten, 1911, mai concluso, unico romanzo romanzo.

Fa parte della sua poetica l’idea di un rapporto vivo e produttivo con la tradizione, un

repertorio ricchissimo che lo scrittore moderno deve rivitalizzare.

Der Brief des Lord Chandos, 1902

Le problematiche esposte coinvolgevano moltissimi intellettuali dell’epoca: difficoltà a

riuscire a scrivere, esprimersi. Coglie una serie di sintomi molto diffusi.

Circa 20-25 pagg.

(​ pag. 36 antologia​ )

Abbandonare una scrittura non meditata (frutto di ispirazione improvvisa) per una scrittura

più vicina a “Das Soziale” realtà sociale del suo tempo, inteso come concreta vita culturale

del suo tempo.

Drammi ​

Lyrische Dramen (​ Gestern, Der Tor und der Tod) scritti in versi, riferimento tematico

all’estetismo (artista, rapporto bellezza/morte).

Dopo abbandonerà tutto questo per operare un lavoro più complesso di rivivificazione della

tradizione. Tragedie del canone europeo, temi del teatro medievale, letteratura barocca

spagnola.

1903, Elektra (prima grande opera della nuova direzione di Hofmannsthal)

Significato storico-culturale molto marcato, effetti molto concreti.

Calca alcuni tratti del personaggio: sete di vendetta (madre Clitemnestra ha ucciso il marito

Agamennone, la farà uccidere dal fratello Oreste), nuova concezione dell’antico ≠ Ifigenie

Goethiana, donna greca come perfezione morale. Elettra è vendicatrice, isterica, frutto del

ribaltamento nietzschiano della Grecia.

Collaborazione Hofmannsthal & Strauss:

Der Rosenkavalier, 1911, Austria 700esca.

Die Frau ohne Schatten, 1919. Atmosfera favolistica.

1911, Jedermann.

Salzburger Festspiele, festival di Salisburgo, festival teatrale, tutt’ora attivo, fondato da

Hofmannsthal, M. Reinhardt e Strauss. Viene aperto ogni anno con la messinscena di

Jedermann.

Der Turm, 1928, basato sul dramma barocco spagnolo.

Hofmannsthal perde il figlio e per dolore muore anche lui pochi giorni dopo, nel 1929.

Nei vari necrologi si afferma come muoia l’ultimo rappresentante della vecchia Austria,

l’Austria asburgica si è ormai sfaldata da 10 anni.

Arthur Schnitzler (1862 - 1931)

12 anni più di Hofmannsthal. Narratore e autore drammatico. Considerato il grande

rappresentante della letteratura viennese perchè di più semplice accesso, meno sofisticata di

Hofmannsthal, anche oggi molto letto e rappresentato. A Vienna atmosfera tra il decadente

(ultimi fasti dell’impero asburgico) e i primi segni della modernità, ben riflesso nei romanzi

di Schnitzler. Impronta realistica in senso lato; non è uno scrittore realista, ma ricostruisce

molto bene gli ambienti materiali e psicologici dei suoi personaggi, sempre molto autentici.

Indagine psicologica molto presente, è un contemporaneo di Freud. Quest’ultimo gli scrive

una lettera lodandolo per la sua trattazione psicologica nella narrazione. Schnitzler reagisce

molto freddamente poichè temeva un “ansia dell’influenza” -> non vuole che la sua opera

venga intesa come una declinazione letteraria delle teorie freudiane.

Schnitzler stesso aveva studiato medicina, come il padre, noto medico viennese.

Erzählerische Werke

1880 Frühe Erzählungen

​ ​

1900 Leutnant Gustl (Augusto in dialetto austriaco, “il primo testo ad utilizzare il monologo

interiore​ ”) Racconto breve, tutto gestito con questa tecnica. L’immagine del militare che

emerge è fortemente negativa, Gustl è un uomo meschino e per nulla eroico. Una sera è a

teatro, subisce un torto da un panettiere e decide di suicidarsi. Seguiamo i pensieri che

nascono per tutta la notte. Riporta alla memoria degli eventi della sua vita. Ma poi scopre che

il panettiere è morto e decide di non suicidarsi più, poichè nessuno può più metterlo in

ridicolo per essere stato oltraggiato dal panettiere.

1903 Die grüne Krawatte (no monologo interiore, narrazione 3a persona esterna)

Il mondo di Schnitzler è dominato dalla menzogna.

1908 Der Weg ins Freie

1924 Fräulein Else (monologo interiore)

1926 Traumnovelle (da cui Eyes Wide Shut)

Tiene insieme lo sperimentalismo e la tradizione. Perchè sceglie il monologo interiore o la

narrazione esterna per determinati personaggi/racconti? (​ domanda esame!​ )

(​ pag. 31 antologia​ ) Die grüne Krawatte

Dramatische Werke

Tema della menzogna anche qui, stratagemma per sopravvivere molto spesso.

1893 Anatol (Einakterfolge) Drammi molto brevi di un solo atto sul personaggio di Anatol,

una specie di ciclo.

1895 Liebelei Storia d’amore drammatico. Protagonista viennese che viene presa in giro da

un ufficiale che le fa credere di amarla.

1896-97 Reigen Rapporto sessuale. Si traduce come girotondo, una serie di scene che

formano una specie di cerchio e portano una serie di coppie e un loro rapporto sessuale. Tutti

dominati da distanze sociali o menzogne sentimentali. Si va dal soldato e la prostituta fino al

conte. Fu uno scandalo clamoroso non tanto per l’atto sessuale ma la maniera disincantata

con cui si parla dei rapporti “sentimentali” o molto poco sentimentali.

1911 Das weite Land Metafora dell’anima.

1912 Professor Bernhardi Tema dell’ebraismo, medico ebreo che deve affrontare l’eutanasia.

Ci sono dei drammi abbastanza convenzionali nella scrittura, attenzione all’ambientazione e

alle varie componenti sociali, e altri invece verso forme più sperimentali (“forma aperta”)

(​ Antologia pag. 29​ )

Thomas Mann (1875 - 1955)

Thomas Mann come narratore, nella fase fino alla prima guerra mondiale, nonostante la sua

produzione continui ben oltre.

Dreigestirn​ : tre “stelle”, pensatori che lo hanno influenzato di più: Schopenhauer, Wagner,


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

51

PESO

394.56 KB

AUTORE

Ange(:

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e letterature straniere
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Ange(: di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura tedesca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Castellari Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura tedesca

Appunti letteratura tedesca - Sturm und Drang
Appunto
Letteratura Tedesca I - Dall'Illuminismo al Tardo Romanticismo
Appunto
Appunti di letteratura tedesca: interpretazione della poesia - narratore, personaggi, trama
Appunto
Riassunto esame Glottologia, prof. Bonfadini, libro consigliato La Linguistica: Un Corso Introduttivo, Berruto, Cerruti - cap. 5
Appunto