Che materia stai cercando?

Letteratura Francese

Breve riassunto del programma trattato a lezione basato su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.ssa Giansante dell’università degli Studi Gabriele D'Annunzio - Unich, Facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Letteratura francese docente Prof. G. Giansante

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Avrà un difficile rapporto anche con Marinetti che voleva includerlo nel suo movimento per la fama

che avrebbe portato, dopo una prima fase di apprezzamento da parte di Apollinaire per il Futurismo

se ne discosta bruscamente, arrivando a scrivere “l’antitradizione futurista”.

Viene ricordato anche per la creazione dei Calligrammi (versi di poesia disposti nella pagina in

modo da formare un’immagine), e la sua poetica aveva come tema fondamentale l’amore, in grado

di distruggere l’animo umano ma di rinascerne come una fenice dalle ceneri.

Tra i maggiori esponenti di queste scuole scoppiò la disputa per la paternità della simultaneità, a

scontrarsi furono: Apollinaire, Barzun, Jules Romains, Lacuzon e Beauduin.

A porre fine alla disputa è Apollinaire che riconosce anche se con riserve la paternità a Barzun,

dando però un grande riconoscimento a Cros.

Charles Cros è un personaggio poliedrico: scrittore, inventore e filologo, l’importanza della sua

figura è stata riscoperta da pochi anni a questa parte. Viene ricordato per aver progettato il

fonografo e per gli studi sulla fotografia a colori, che ha eseguito insieme al suo amico e umorista

Allais. Cros è stato in grado di esportare il procedimento scientifico in letteratura.

Prima si analizzava la figura di Cros come un indeciso che si è dedicato a troppi ambiti senza

eccellere in nessuno, ma tramite la poesia Inscripton (considerato il suo testamento poetico) si

capisce che tutti i suoi studi e le sue invenzioni erano rivolte tutte alla sua grande passione, la

Poesia.

Le sue opere più rilevanti sono i monologhi, qui si tratta spesso temi scientifici, utilizzando molto

umorismo e criticando la rigidità della scienza, non in grado di riconoscere un talento senza supporti

scientifici.

Con l’avvento del Futurismo e l’attenzione per il Fonema la fase della concentrazione raggiunge il

suo punto massimo. Si ha l’approdo all’avanguardia vera e propria che per essere definita tale deve

avere delle caratteristiche:

Abolizione dei settori operativi;

- Simultaneità;

- Sperimentalismo;

- Contestazione e rottura con passato, società e politica;

- Deve comprendere un gruppo di persone.

-

Il futurismo, che nasce ufficialmente con il manifesto del 20 febbraio 1909 di Marinetti pubblicato

sulla rivista le Figaro, si pone come obbiettivo il rinnovamento in tutti i settori dell’Arte, anche se la

breve vita del movimento ne impossibiliterà la realizzazione.

Nella Poesia Marinetti sintetizzerà le ricerche delle écoles per un linguaggio più immediato

(abolizione punteggiatura, l’utilizzo dell’analogia, distruzione della sintassi…), ma un’altra

innovazione riguarda i temi trattati e in particolare il disprezzo per il passato, un’idolatria del futuro

e la visione di guerra come “igiene del mondo”.

Il Teatro verrà sostituito dalle serate futuriste dove il gioco e la provocazione sono all’ordine del

giorno.

La Pittura risentirà inevitabilmente dell’eco del Cubismo e dell’Astrattismo e delle loro innovazioni

formali come il collage.

In contrapposizione al Futurismo e ai suoi ideali nel 1918 a Zurigo Tristan Tzara firmerà il

manifesto di un nuovo movimento il Dadaismo, i milioni di morti portati dalla Grande Guerra,

rendevano impossibile una visione ancora positiva della guerra. Insieme al Futurismo, rappresenta

la prima fase dell’avanguardia, la rivolta e la distruzione

Lo spirito Dadaista era completamente anarchico e nichilista il loro principale obiettivo era

distruggere le istituzioni e convinzioni passate.

Le caratteristiche sono:

La provocazione;

- L’assurdo;

- Il gioco (scherzo);

- La mistificazione.

-

Tra i suoi più importanti militanti ricordiamo Francis Picabia, nel suo “Manifesto cannibale

nell’oscurità” si scaglia contro la società consumistica che mette al primo posto il denaro e alla

conseguente commercializzazione dell’arte <amate tutto per snobismo e solo perché costa un

mucchio di quattrini.>, <Il denaro è Dio, è colui che si rispetta > e ancora <l’uomo che ha del

denaro è un uomo d’onore.>.

La Poesia Dada procede inevitabilmente verso l’astrattismo.

Stessa sorte toccherà alla Pittura, trovandosi però sempre indietro rispetto al movimento

dell’astrattismo, anche se il Dada introduce delle innovazioni nelle arti figurative come il ready-

made.

Il Teatro invece si sposterà verso l’assurdo e l’irrazionale portando così alla nascita del Teatro

dell’assurdo.

Il Surrealismo è in movimento che nasce ufficialmente nel 1924 con la pubblicazione del “Primo

manifesto surrealista” ad opera di Andre Breton, che si era avvicinato agli studi di Freud che

affermava l’esistenza in ogni uomo di un subconscio che emerge solo attraverso i sogni. Da questa

lettura si deve l’attenzione da parte dei surrealisti per il sogno, l’inconscio e lo humoir noir. Il

“Terzo manifesto surrealista” sancisce la fine del movimento troppo attento a questioni politiche da

perdere di vista l’arte.

Dopo la fase di concentrazione l’imbuto qui si capovolge e torna ad allargarsi e dopo la distruzione

Dada inizia la fase di rinnovamento del Surrealismo. Seconda fase dell’avanguardia Rinnovamento

La Poesia come nel Dadaismo continua a tendere all’astratto e all’inconscio.

Nel Teatro avviene lo stesso, Teatro dell’assurdo.

La Pittura al contrario di come ci si aspetterebbe ritorna al figurativo con spiccato interesse verso il

sogno, mostri e figure ambigue. Questa scelta è stata spesso criticata, come un movimento che si

rivolge all’inconscio, all’irrazionale, possa utilizzare il figurativo.

La vera rivoluzione però si ha nel Romanzo, su cui proprio Breton aveva espresso la sua volontà di

rinnovamento. Il romanzo viene spogliato della sua funzione principale, cioè narrare una storia,


PAGINE

5

PESO

21.71 KB

AUTORE

Paolot97

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere moderne
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Paolot97 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura francese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Gabriele D'Annunzio - Unich o del prof Giansante Gabriella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lettere moderne

Riassunto esame Filologia italiana, La Metrica italiana, Beltrami, prof. Pancheri
Appunto
Riassunti Filologia umanistica
Appunto
Riassunto Storia della musica moderna e contemporanea, libro consigliato: manuale, Carrozzo, Cimagalli - il 1800
Appunto
Riassunto Storia della musica moderna e contemporanea, libro consigliato: Manuale Carrozzo, Cimagalli - il 1900
Appunto