Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nei numeri relativi agli anni il punto non va invece messo (1997, 1470).

• Nell'enumerare in un testo più argomenti non si scriva 1) 2) 3) ma 1. 2. 3. seguiti dalla

maiuscola, concludendo il testo dei singoli paragrafi con punto e virgola. Utilizzare 1. 2. 3., e

non 1) 2) 3), anche nei capoversi.

• Se graficamente interessante utilizzare il negativo.

• I numeri che fanno parte dei nomi si scrivono in lettere romane. Esempio: Giovanni Paolo II.

Regole particolari:

a) si scrivono sempre in lettere i numeri all'inizio del periodo: Esempio: Ventisette chili di

dinamite sono stati trovati..

b) si scrivono in lettere, per ragioni stilistiche, i numeri che hanno un valore aritmetico attenuato.

Esempi: La vita è bella a vent'anni; non metterà giudizio neanche a sessant'anni.

Nota bene: nei testi normativi, quando non si tratti di citazioni o riproduzioni integrali, usare il

«comma 4» e non il «comma quattro». È accettabile il «4° comma», o, meglio, il «quarto

comma».

• Nei numeri telefonici, per evitare le più bizzarre versioni, i prefissi vanno divisi dai numeri veri

e propri da un trattino breve senza spazi. Il numero telefonico non prevede, infatti, puntini.

Esempi: 0541-362876 oppure 0041-91-826355

PAROLE ITALIANE

Corrette Sbagliate

accelerare accellerare

appropriato appropiato

avallo avvallo

birichino biricchino

Caltanissetta Caltanisetta

colluttazione collutazione

coscienza coscenza

cui a cui

d'accordo daccordo

dopodomani dopo domani

eccezionale eccezzionale

essiccare essicare

esterrefatto esterefatto

estortivo estorsivo

ingegnere ingegniere

Machiavelli Macchiavelli

Mississippi Missisipi

meteorologia metereologia

nullaosta nulla osta

ossequente ossequiente

peronospora peronospera

pessimista (sostantivo) pessimistico (che è però corretto come aggettivo)

pressoché pressocché

scienza scenza

sinora, tuttora sin'ora, tutt'ora

scorrazzare scorazzare

tutt'e due tuttedue

egli fa, sta, va egli fà, sta, và

lassù lassu

un amico, buon amico un'amico, buon'amico

un'amica, buon'amica un amica, buon amica

che essi vadano che essi vadino

...... vengano ... venghino

che egli desse che egli dasse

...... stesse .... stasse

non oso dire non mi oso di dire

vorrei che tu venissi vorrei che tu vieni (o venga)

inerente al inerente il

qui, qua quì, quà

redigere redarre

un murale un murales

un silo un silos

un vigilante un vigilantes

vendonsi case vendesi case

le specie le speci

all'atto pratico al lato pratico

Corrette Preferite

all'erta allerta

cosidetto, cosifatto cosiddetto, cosiffatto

caso mai casomai

ciò nonostante ciononostante

efficenza efficienza

sopratutto soprattutto

sufficenza sufficienza

the tè

tutt'al più tuttalpiù

zabaglione zabaione

Nota bene: l'uso del femminile per indicare le cariche elettive del Senato è stato riconosciuto

dall'ufficio di presidenza di Palazzo Madama. Negli atti parlamentari si dirà quindi «senatrice»,

«relatrice», ma non presidentessa che, secondo i linguisti, può avere intonazione scherzosa

(vedere anche sotto "Derivati").

PAROLE STRANIERE

• bike e non byke (Es.: mountain bike);

• cashmere (ma anche cachemire o kashmir);

• comfort (inglese) e non confort (francese);

• crack e non crac;

• cuscus e non couscous;

• débàcle;

• ex aequo e non ex equo;

• forfait e non forfeit (ma "forfettizzare");

• gol (italianizzato) e non goal;

• harakiri e non karakiri;

• hascisc e non hashish;

• un'impasse (femminile);

• legitima suspicione (una sola t perché è latino) per legittimo sospetto;

• ok e non o.k.;

• playboy (tutta una parola);

• pullman e non pulman;

• selz (grafia italiana derivante dal francese seltz, dall'inglese seltzer e dal tedesco selter);

• shock e non choc;

• silhouette (con la h);

• Sos e non s.o.s.;

• suspense e non suspence o suspance;

• travellers' chèque e non traveller's chèque;

• valzer e non walzer.

Nota bene: le banche svizzere hanno un nome ufficiale italiano dal momento che in Svizzera (e

non Isvizzera, come si scriveva una volta) l'italiano è lingua nazionale. Quindi: Credito svizzero

e non Crédit Suisse.

PASSATO REMOTO

Aprire, coprire, offrire, riaprire, ricoprire, riscoprire, scoprire hanno due forme di passato

remoto: apersi e aprii, copersi e coprii, offersi e offrii, riapersi e riaprii, ricopersi e ricoprii,

riscopersi e riscoprii, scopersi e scoprii. Sono corrette entrambe.

PERCENTUALI

Si scrive sempre il numero in cifre, seguito (senza spazio) dal segno percentuale.

Unica eccezione: quando il numero è immediatamente seguito dal punto che conclude la frase. In

questo caso si userà infatti l'espressione «per cento» per esteso. Esempi: il 7% delle...; la Borsa

ha guadagnato il 2,1 per cento. Ma: le Fiat hanno guadagnato mille lire (+3%)

Eresia matematica: gli interessi allo 0% (zero per cento). Se è zero, è zero per dieci, per cento,

per mille. Quindi, interessi zero e basta.

PREPOSIZIONI

Costrutti sconsigliati Costrutti consigliati

• biglietto di visita da visita

• duello alla pistola con la pistola

• commerciante in pellame di pellame

• portale in bronzo di bronzo

• vestito in seta di seta

• giubbetto in pelle di pelle

• figlio a Giovanni di Giovanni

• una donna a nome Maria di nome Maria

• vestire alla moda secondo la moda

• a mano a mano mano a mano

• a iniziativa per iniziativa

• a nome di in nome di

• insieme a qualcuno insieme con qualcuno

• a mezzo posta per (mezzo della) posta

• in presenza del sindaco alla presenza del sindaco

• scrivere.alla lavagna sulla lavagna

• persistere a negare nel negare

• non giungere in tempo a tempo

• composto da composto di

• trattenersi da qualcuno presso qualcuno

• promosso a capoclasse promosso capoclasse

• interessarsi a qualcosa interessarsi di qualcosa

PUNTEGGIATURA

Fra le norme grammaticali, quelle che riguardano la punteggiatura sono le meno rigide. Spesso la

scelta dipende dal gusto individuale, dalla sensibilità e dall'intenzione espressiva. In ogni caso:

• La virgola non si deve usare fra soggetto e predicato; fra predicato e complemento oggetto;

davanti alla "e" o alla "o"; prima di quasi tutti i complementi introdotti dalle varie preposizioni

(di, a, da, in, con, su, per, tra, fra).

• La virgola è invece obbligatoria davanti a ma, però, tuttavia e anzi.

• Le virgole sono inoltre facoltative negli incisi infatti, di fatto, in effetti. In questi casi occorre

tenere presente che se se ne mette una bisogna mettere anche l'altra. Esempio: la donna, infatti,

non si era accorta che…


PAGINE

8

PESO

53.57 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in scienze dell'educazione permanente e della formazione continua
SSD:
Docente: Marri Fabio
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2008-2009

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura e lingua italiana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Marri Fabio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!