Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

L’interpretazione dei sogni Sigmund Freud

Condizioni per l’analisi: il paziente deve aumentare l’attenzione per le proprie percezioni psichiche

ed eliminare la critica che generalmente vaglia i pensieri che gli vengono.

Il sogno è la soddisfazione di un desiderio : i sogni si possono comprendere solo considerandoli

come appagamento di desideri. Ciò è talvolta manifesto, nel caso di sogni brevi e semplici di

bambini, che non sollevano problemi da risolvere, ma che risultano essere essenziali per lo studio

dei sogni ben più complicati degli adulti.

Sembra tuttavia contraddittorio che sogni spiacevoli o angosciosi possano essere interpretati

come soddisfazioni di desideri. Per sciogliere questo nodo basta però considerare il fatto che la

teoria di Freud non si basa sulla valutazione del contenuto manifesto nel sogno, ma si riferisce ai

pensieri che si rivelano attraverso il lavoro di interpretazione, come celati dietro al sogno. Bisogna

contrapporre il contenuto manifesto e il contenuto latente del sogno, sussiste quindi la possibilità

che i sogni d’angoscia si rivelino appagamenti di desideri. Tutto si spiega con il fenomeno della

fenomeno che si verifica quando la nostra mente maschera il desiderio

deformazione nel sogno,

espresso nel sogno perché non accettabile per una certa “ parte “ di noi, si verifica quindi un caso

di censura. Possiamo presumere che, nel singolo individuo, i sogni ricevano forma dall’azione di

due forze psichiche (correnti, sistemi), una delle quali costruisce il desiderio espresso nel sogno,

mentre l’altra esercita una censura su di esso provocando, di conseguenza, una deformazione nella

sua espressione. Se teniamo presente che i pensieri latenti del sogno non sono coscienti prima

dell’analisi, mentre il contenuto manifesto viene ricordato coscientemente, allora sembra plausibile

supporre che il privilegio del secondo agente sia di permettere ai pensieri di divenire coscienti.

Sembra che nulla possa raggiungere la coscienza dal primo sistema senza passare per il secondo

agente; e questo non lascia passare nulla senza esercitare i propri diritti e fare delle modifiche che

ritiene adatte al pensiero che vuole essere ammesso nella coscienza. I sogni di dolore o di angoscia

quindi contengono qualcosa , qualche desiderio che risulta spiacevole per il secondo agente che

pertanto esercita la sua funzione deformando il sogno che sarebbe la normale espressione di quel

desiderio, e facendolo quindi divenire un sogno penoso. La spiacevole sensazione che accompagna

questi sogni è poi completamente assimilabile a quelle che proviamo quando siamo costretti a


PAGINE

4

PESO

69.21 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Filosofia del linguaggio con particolare attenzione ai seguenti argomenti trattati: il sogno come soddisfazione di un desiderio, il fenomeno della deformazione nel sogno, le tre caratteristiche presenti nella memoria dei sogni, lo spostamento dell'enfasi psichica, il lavoro onirico, il lavoro di spostamento.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2007-2008

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher melody_gio di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia del linguaggio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof Jachia Paolo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in filosofia

Storia della filosofia contemporanea - Immanuel Kant
Appunto
Storia della filosofia contemporanea - da Kant a Schopenhauer
Appunto
Domande e Risposte su Immanuel Kant
Esercitazione