Che materia stai cercando?

Italo Calvino

Appunti di Istituzioni di letteratura italiana contemporanea su Italo Calvino basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof.ssa Costa dell’università degli Studi di RomaTre - Uniroma3, Facoltà di Lettere e filosofia. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Istituzioni di letteratura italiana contemporanea docente Prof. S. Costa

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PENSIERO E POETICA

Calvino ha ricevuto dalla famiglia una sorta di EDUCAZIONE

ILLUMINISTICA, che si basa sulla fiducia che la storia degli

uomini possa essere guidata dalla ragione, quindi nemica della

violenza, ma si scontrava con una realtà che invece sembrava

negare la razionalità: italiani partigiani lottano contro italiani

fascisti per riottenere libertà e giustizia negate dalla

dittatura, bisogna ricorrere a modi più aggressivi, uccidere o

essere uccisi. La ragione doveva dunque fare i conti con quella

forma di irrazionalità che è la VIOLENZA.

Qui si può notare come Calvino non ha una totale SFIDUCIA NELLA

RAGIONE, ma si accorge come essa deve affrontare molti ostacoli

sia da eventi della vita quotidiana che da quelli della storia.

Quindi si può affermare che l’illuminismo non era abbandonato, ma

non si poteva nemmeno considerare un ILLUMINISMO OTTIMISTICO.

Questa sua visione nelle opere è certamente influenzata dalla

lettura di opere dei grandi ILLUMINISTI DEL SETTECENTO, NARRATORI

DELL’OTTOCENTO e quelli del NOVECENTO. Tra questi troviamo i

ROMANZI DI FORMAZIONE come LE AVVENTURE DI PINOCCHIO di COLLODI e

AMERICA di KAFKA, e anche romanzi di avventura di JOSEPH CONRAD e

ROBERT STEVENSON.

Secondo Calvino la vita è come una sorta di DIFFICILE LABIRINTO,

che la ragione però deve sfidare, cioè che bisogna impegnarsi a

stare dalla parte della ragione per costruire un mondo razionale

in cui siano ben custoditi i valori della libertà e della

giustizia. Ma tra gli anni Cinquanta e Sessanta Calvino ha un’idea

più incerta che la ragione possa guidare la storia degli uomini e

rallegrare la loro esistenza; egli sentiva che il ruolo

dell’intellettuale nell’indicare le vie del bene era molto

limitato. Inoltre è anche consapevole che dentro ogni uomo è

presente una parte di oscura IRRAZIONALITA’ da cui nasce il

dolore. Nel romanzo LA GIORNATA DI UNO SCRUTATORE si esprime il

punto di vista di Calvino sulla crisi dell’ideologia di sinistra e

della fiducia nella razionalità.

Benché abbia ricevuto una formazione scientifica da parte dei suoi

genitori, Calvino mostra una vera e propria PREDISPOSIZIONE ALLA

FANTASIA: riesce a cogliere le verità, i dati concreti e reali del

mondo attraverso metafore, invenzioni e i giochi delle fiabe.

Questi due aspetti opposti come REALISMO e GUSTO DEL FIABESCO

riesco a convivere tra loro nella poetica dello scrittore; la

forma fiabesca diventa quasi un mezzo per guardare con distacco la

realtà. La PRIMA FASE POETICA di Calvino si collega con il

NEOREALISMO con I SENTIERI DI NIDI DI RAGNO ambientato nel periodo

della RESISTENZA ITALIANA. Tutto ciò che dà vita al libro è la

passione per una società basata sulla libertà e la giustizia

sociale; il linguaggio è molto semplice e immediato. Ma nonostante

tutto utilizza un vero e proprio impianto narrativo come

testimonia l’avventura che si svolge in un luogo incantato. In

alcuni casi si aggiunge anche un GUSTO DEL COMICO, come quello che

troviamo nelle situazioni e immagini di cinema e fumetti. Fiabesco

e Comico non escludono l’osservazione critica per la realtà, sia

nel caso del fiabesco dei racconti definiti FANTASTORICI dei

NOSTRI ANTENATI, sia per il comico che segna le brevi storie di

MARCOVALDO. In altri racconti invece prevale il REALISMO, come nel

romanzo LA GIORNATA DI UNO SCRUTATORE. Non c’è una contraddizione

tra REALISMO, FIABESCO e COMICO, ma c’è l’esigenza di fissare con

soluzioni diverse una conoscenza del mondo che vuole essere

lucida, né del tutto ottimistica, ma nemmeno pessimistica. Il

passaggio più evidente nell’evoluzione dello scrittore si nota col

suo trasferimento a PARIGI, 1967. La metà degli anni ’60 viene

considerata da molti critici come la linea di SEPARAZIONE tra il

PRIMO e SECONDO Calvino, nel senso che, tra lo straordinario

sviluppo scientifico e problemi della società industriale, la

realtà appariva sempre più complessa e problematica. Questo

SECONDO CALVINO dimostra la passione per le scienze fisiche e

matematiche, da cui derivano le NUOVE FIABE FANTASCIENTICHE, LE

COSMICOMICHE e TI CON ZERO. Qui possiamo trovare l’incrocio tra

SCIENZA e COMICITA’, il desiderio di conoscere il mondo e ironia

sugli errori nei quali l’uomo incorre.


PAGINE

5

PESO

18.22 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e culture straniere
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giammarcos1 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di letteratura italiana contemporanea e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Costa Simona.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di letteratura italiana contemporanea

Appunti Letteratura Italiana Contemporanea prof. Venturini
Appunto
Eugenio Montale
Appunto
Appunti delle lezioni
Appunto
Versi 1 - 125 brano, Filologia germanica
Esercitazione