Che materia stai cercando?

Istologia – Apparato genitale Femminile Appunti scolastici Premium

Appunti di Istologia Apparato genitale Femminile. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Organo intraperitoneale, Faccia laterale: in rapporto con la parete laterale della piccola pelvi, Faccia mediale: in rapporto con le tube uterine (ampolla)... Vedi di più

Esame di Istologia docente Prof. D. Puzzolo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

- FSH : Stimola lo sviluppo follicolare

- LH: Mantiene la struttura e la funzione secretoria del corpo luteo

- Estrogeni: hanno diverse funzioni:

a. stimolano l’accrescimento osseo e muscolare

b. determinano e mantengono i caratteri sessuali femminili secondari

c. regolano il comportamento sessuale agendo sul SNC

d. agiscono sugli organi genitali e ghiandole annesse

e. stimolano il riparo della mucosa uterina dopo la mestruazione

- Progesterone: Stimola la crescita dell’endometrio e la secrezione delle ghiandole endometriali

>>>>>>>>>>>>>>

OVARIO FSH UTERO

Fase follicolare fase proliferativa

Ovulazione

Fase luteinica LH fase ipertrofica e

f. congestizia (progestinica)

Il passaggio dalla regolazione da FSH a quella da LH è dovuto al feed-back degli ormoni ovarici

sull’ipotalamo e da questo sull’ipofisi

La regressione del corpo luteo è poi legata alla caduta del livello dell’LH

Diminuisce il progesterone (corpo luteo) , segue la fase di ischemia dell’utero, e nell’ipofisi si ha una nuova

produzione di gonadotropine che determinano la fase desquamativa

>>>>>>>>>>>>>

Regolazione Ormonale dell’Attività Ovarica

>>>>>>>>>>>>>

GnRF= Gonadotropic Releasing Factor

LH= ormone luteinizzante

FSH= ormone follicolo-stimolante

Gli estrogeni circolanti influenzano molti organi correlati alla sfera sessuale; inoltre inibiscono la produz. Di

GnRF

Nella Teca Interna: colesterolo trasform. In androstenedione, e questo in estradiolo che va in circolo; una

parte di androstenedione va alle cell.della teca granulosa dove viene anch’esso convertito in estradiolo, il

quale pero’ viene riversato nel liquor folliculi

Inoltre le cell. della teca granulosa producono Inibina che inibisce la produz. di FSH

>>>>>>>>>>>>>>

ORMONI OVARICI

Alla pubertà le ovaie diventano attive, iniziano la produzione di cellule-uovo e la loro attività secernente

Le cellule follicolari producono ESTROGENI, che determinano i caratteri sessuali secondari: Sviluppo

organi genitali, sviluppo delle mammelle, comparsa dei peli pubici e ascellari, aumento del pannicolo adiposo

ai fianchi e al seno, ampliamento del bacino, comparsa del ciclo mestruale

I corpi lutei (formatisi per trasformazione dei follicoli rotti con l’ovulazione) producono PROGESTERONE ( e

alcuni estrogeni - estradiolo etc.) finché l’ormone LH è presente nel sangue.

Normalmente il corpo luteo smette di produrre ormoni 14 giorni dopo l’ovulazione.

Il Progesterone (con gli estrogeni) regola il ciclo mestruale, ma soprattutto concorre a mantenere la

gravidanza e prepara la ghiandola mammaria alla produzione di latte. Durante la gravidanza esso non viene

più prodotto dalle ovaie, ma dalla placenta

>>>>>>>>>>>><

CICLO

1°-5° giorno: mestruazione

6°-14° giorno: fase proliferativa

Sotto stimolo estrogenico, la cui produzione aumenta da parte dei follicoli ovarici in crescita, l’endometrio si

ricostituisce nelle sue componenti ghiandolari e vascolari

Ovulazione

Tra il 12° e il 15° giorno dopo l’inizio delle mestruazioni , o meglio 14 giorni prima dell’inizio delle

mestruazioni seguenti

Dovuta al picco di LH nel sangue

15°-28° giorno: fase secretiva

Il corpo luteo ovarico produce progesterone che fa proseguire l’effetto degli estrogeni sull’endometrio, che si

vascolarizza ulteriormente e si arricchisce di ghiandole secernenti sostanze nutritizie per l’embrione al suo

impianto, tra il 20° e il 22° giorno

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Corpo Luteo: formato per degenerazione del follicolo dopo l’ovulazione sotto lo stimolo dell’ormone LH

Mestruale: dura 14 gg e poi regredisce

Corpo Luteo Gravidico: funziona per 6 mesi e poi regredisce (corpi

albicanti)

E’ di fatto una Ghiandola Endocrina Transitoria, e produce steroidi.

In particolare: à

Cell. Luteiniche della Granulosa Progesterone (ciclo uterino)

à

Cell. Luteiniche Tecali Estrogeni

à

Cell. Della Teca Interna Androgeni

>>>>>>>>>>>>>> à

Se avviene la fecondazione produzione di un ormone simile all’LH che mantiene funzionante il corpo

luteo, il quale continua a produrre i suoi ormoni (progesterone)

à

Se NON avviene la fecondazione il corpo luteo degenera al decrescere dei livelli ematici di LH, la

mancanza di ormoni ovarici (progesterone) che ne consegue fa degenerare l’endometrio e si ha di nuovo il

ciclo mestruale

>>>>>>>>>>>>>>>>>

L’ovaio emette anche un messaggero chimico non sterolico: la Relaxina Ovarica, che agisce sui

meccanismi del parto, in particolare sulle caratteristiche strutturali e funzionali della sinfisi pubica

>>>>>>>>>>>>>>>>>

VAGINA

- Ultimo tratto del canale genitale femminile, Organo cavo lungo circa 7-8 cm

Presenta una cavità virtuale che si può dilatare, fino anche a 10 cm di diametro durante il parto

Origina sul contorno del collo dell’utero (fornici vaginali) e si apre esternamente col vestibolo della vagina

(delimitato dai genitali esterni)

Il corpo della vagina attraversa il diaframma pelvico, e la sua disposizione è dall’alto in basso e da dietro al

davanti, decorre parallelo all’intestino retto con cui è in contatto posteriormente

Si identificano 3 settori:

1. Fornice (recesso poco profondo che circonda la porzione intravaginale del collo

dell’utero

2. Corpo (segnato dalle rughe vaginali)

3. Orifizio (chiuso dall’imene)

Non è mobile: è strettamente collegata alle formazioni fasciali del pavimento pelvico

>>>>>>>>>>>><

Funzioni della Vagina

1. Funge da via di passaggio per l’eliminazione del flusso mestruale

2. Accoglie l’organo copulatore e raccoglie il liquido seminale

3. Costituisce l’ultima porzione (passiva) del canale del parto

Ambiente acido grazie alla presenza di una flora batterica che mediante fermentazione del glicogeno

presente nelle cellule epiteliali produce acido lattico, il quale fa da barriera a molti microorganismi

>>>>>>>>>>>>>>>

Parete vaginale

1.Tonaca mucosa, con epitelio pluristratificato non cheratinizzato che poggia su una membrana basale,

2.Tonaca propria connettivale, molto densa e simile al derma

Non esistono ghiandole annesse alla mucosa

Epitelio vaginale: manifesta modificazioni citologiche e desquamazione sotto l’azione degli ormoni

Non c’è una vera sottomucosa

3.Tonaca muscolare, liscia, in due strati

4.Tonaca fibrosa, esterna ed elastica

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>><

Parete vaginale

1. Epitelio squamoso pluristratificato (non corneificato)

2. Tonaca propria

3. Tonaca muscolare (2 strati)

4. Tonaca avventizia (connettivo fibroso)

1. + 2. = tonaca mucosa

>>>>>>>>>>>>>>>>

GENITALI ESTERNI

Vulva (o pudendo muliebre)

- Il complesso dei genitali esterni, sito nel trigono urogenitale, davanti alla sinfisi pubica, forma un rilievo

cutaneo concentrico alla apertura della vagina, che presenta al di sotto delle strutture erettili

- Iniziano con il Monte di Venere, rilievo cutaneo con apparato pilifero sviluppato e poggiante su un

cuscinetto adiposo sottocutaneo

- Dal Monte di Venere si dipartono 2 spesse pieghe cutanee (Grandi Labbra) che originano

medialmente e decorrono verso il basso per sfumare nella cute perineale. Presenza di ghiandole

sebacee e sudoripare

- Al loro interno 2 piccole pieghe cutanee, le Piccole Labbra, più sottili e sprovviste di peli, ricche di

ghiandole sebacee, che delimitano il vestibolo della vagina

>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

- Alla estremità superiore convergono a livello del Clitoride, mentre inferiormente sfumano nelle grandi

labbra.

- Clitoride: organo erettile analogo al pene, di forma cilindrica, situato sotto la sinfisi pubica, asse di

connettivo elastico (Tessuto Cavernoso), vasi e molti nervi . Visibile dall’esterno solo la parte

terminale (glande clitorideo) coperto dal prepuzio originato dalla commessura delle piccole labbra

- Sotto al clitoride sbocca l’Uretra, nella quale sboccano le ghiandole di Skene (parauretrali)

- Vestibolo: spazio delimitato dalle piccole labbra, nel fondo del quale si aprono il canale vaginale, il

meato uretrale e i dotti escretori delle ghiandole vestibolari (del Bartolini [Caspar Bartholin,

1655]), che producono un secreto lubrificante, che sboccano subito sotto l’ostio vaginale (sono

analoghe alla bulbo-uretrali maschili)

>>>>>>>>>>>>>>><<

L’Orifizio vaginale, in fondo al vestibolo, è di forma ovalare e di diversa struttura a seconda dell’età, ed è

delimitato dall’imene

Imene: sporgenza semilunare o piega sottile che restringe l’orifizio vaginale, diversa per struttura e spessore

a seconda del soggetto e delle modificazioni che avvengono con i rapporti sessuale e il parto

>>>>>>>>>>>>>>>>><

Gravidanza

L’uovo fecondato (zigote), giunto nella cavità uterina si nutre inizialmente assorbendo le secrezioni delle

ghiandole uterine; nel giro di pochi giorni prende contatto con la partete uterina, erode l’epitelio e si annida

nell’endometrio (impianto della blastocisti)

Inizia da qui una serie di eventi che portano alla formazione della placenta, organo di supporto per tutta la

durata della gravidanza

Gravidanza / Placenta

La parete dell’utero subisce modificazioni complesse durante la gravidanza, a partire da imponenti fenomeni

di ipertrofia e di aumento numerico delle singole cellule muscolari lisce

Oltre ad accogliere il feto ha anche un ruolo attivo nel meccanismo di espulsione al termine della gestazione

La produzione di gonadotropina corionica da parte dell’embrione determina la persistenza della funzione dell’

LH, l’instaurarsi del corpo luteo gravidico che mantiene la sua influenza sull’utero, favorendo l’ipertrofia della

mucosa e la sua evoluzione durante tutta la gravidanza

Durante la gravidanza la cavità uterina viene completamente obliterata


PAGINE

11

PESO

63.98 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Istologia Apparato genitale Femminile. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: Organo intraperitoneale, Faccia laterale: in rapporto con la parete laterale della piccola pelvi, Faccia mediale: in rapporto con le tube uterine (ampolla) e la mesosalpinge, ecc.


DETTAGLI
Esame: Istologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (ordinamento U.E. - 6 anni)
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Puzzolo Domenico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istologia

Istologia – Riproduzione ciclo cellulare
Appunto
Istologia – Placenta
Appunto
Istologia - Tessuto Muscolare
Appunto
Istologia – Tessuto Osseo
Appunto