Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Un gioco molto utile è il Dilemma del Prigioniero:

- spiega perché gli agenti (non solo economici) spesso non cooperano tra loro

- anche se la cooperazione sarebbe vantaggiosa per tutti

→ pertanto si arriva ad un equilibrio sub-ottimale)

Storia del gioco:

2 presunti criminali, X e Y vengono fermati e sono sospettati di un furto

Sono interrogati separatamente

e ricevono la seguente proposta dalla polizia:

“con le prove a tuo carico (porto d’armi abusivo) possiamo condannarti ad 1 anno, se confessi il

furto e

incolpi il tuo complice (cioè aiuti la giustizia) sarai libero e l’altro sarà condannato a 20 anni”

Se entrambi confessano:

il reato è comprovato e sia X che Y sono condannati a 10 anni

(per avere ridotto i tempi del processo)

Se entrambi non confessano:

sono condannati ad 1 anno ciascuno

(solo per porto d’armi abusivo)

Se uno dei 2 confessa e l’altro no chi confessa è libero e chi non confessa è condannato a 20 anni


PAGINE

7

PESO

803.16 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia aziendale (CATANIA - MODICA)
SSD:
Università: Catania - Unict
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Shark9191 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Istituzioni di economia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Catania - Unict o del prof Reito Francesco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Istituzioni di economia

Istituzioni di economia - Introduzione I
Dispensa
Istituzioni di economia - il deficit e il debito pubblico
Appunto
Istituzioni di economia - la teoria generale di sottoccupazione
Appunto
Istituzioni di economia - la concorrenza perfetta (seconda parte)
Appunto