Che materia stai cercando?

Infermieristica clinica 2 - Appunti

Appunti di Infermieristica clinica 2 per l'esame del professor Rossi. Gli argomenti che vengono trattati sono i seguenti: Il taglio cesareo è l’intervento chirurgico con il quale si estraggono il feto e i suoi annessi dall’organismo materno, mediante incisione della parte addominale e quella uterina; il consenso informato.

Esame di Infermieristica clinica 2 docente Prof. M. Rossi

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Usare acqua distillata sterile o fisiologica e detergenti asettici.

COMPLICANZE:

• Deiscenza della ferita

• Linfocele

• Infezioni

ADV ALIMENTAZIONE: Ripresa quando l’intestino torna a funzionare

(se presente la peristalsi). Infusione di liquidi ed eseguire bilancio

idrico.

INDAGINI DI SCREENING: IL PAP TEST

Test di screening e non diagnostico, eseguito su popolazione sana.

Vengono prelevate le cellule dell’endo/eso cervice o canale

cervicale per studio citologico.

Si invita la donna ad urinare e viene fatta assumere la posizione

ginecologica. Si inserisce lo speculum sul collo e sul utero, si

prelevano con la spatola CITOBRUSH le cellule per poi strisciarle sul

vetrino.

Il pap test viene eseguito nel periodo ovulatorio, ma la donna deve

avere già avuto rapporti sessuali, si ricorda che è un esame di

selezione.

Esso può affermare gli stadi di una formazione neoplastica,

displasie. In caso di dubbio o lesioni sospette si esegue come esame

COLPOSCOPIA.

GRAVIDANZA

Si intende l’insieme di modificazioni dell’organismo materno.

Adattamenti materni alla gravidanza sono:

• Anatomiche

• Fisiologiche

• Biochimiche

Alla gravidanza aumenta la ritenzione idrica, il peso corporeo:

• Sviluppo dell’utero

• Sviluppo del feto

• Sviluppo degli anessi embrio/fetali

• Sviluppo dei depositi adiposi

Aumenta anche il volume del plasma del 50%, eritrocitario del

30%,progressiva emodiluizione.

Aumento in del volume del sangue, protegge la donna

dall’emorragia del parto, diminuzione della viscosità del sangue con

vantaggi per il microcircolo.

APP. CIRCOLATORIO

Modificazione del volume (aumenta) e della posizione del cuore.

Aumenta la gittata cardiaca, la frequenza cardiaca, la pressione

arteriosa, la quale è fortemente influenzata dalla posizione assunta

dalla gestante. Aumenta sia in posizione seduta sia in posizione

sdraiata (per compressione dell’utero gravido che esercita sulla

vena cava e l’aorta).

Nella seconda metà della gravidanza, l’equilibrio circolatorio diventa

precario in posizione supina. Se mantenuta per troppo tempo la

pressione del feto si abbassa (ipotensione materna) ne potrà

soffrire.

FUNZIONE CIRCOLATORIA

Gli ureteri si dilatano (soprattutto a destra), è dovuta da:

• Atonia della muscolatura liscia (a causa dell’azione

ipotonizzante del PROGESTERONE)

• Compressione meccanica degli ureteri (forse a causa dei fattori

compressivi esercitati dall’utero.

Aumenta il flusso plasmatico renale, la filtrazione glomerulare,

l’eliminazione di glucosio, amminoacidi, acido ascorbico, acido folico

e vitamina B12.

La ritenzione idrica e di sodio è dovuta alla postura assunta dalla

donna gravida. Escrezione ridotta di posizione eretta, supina,

rispetto a quanto si osserva in decubito laterale sinistro.

La posizione è importante (in caso di trasporto, RCP),l’utero venga

dislocato in decubito laterale sinistro, perché altrimenti comprime la

vena cava inferiore.

APP. DIGERENTE

Nel cavo orale sono frequenti le gengiviti e gli edemi alle gengive;

Diminuisce la secrezione e la motilità gastrica, il tempo di

svuotamento dello stomaco in gravidanza è lungo (8 -9 ore circa).

Diminuisce il tono e la motilità del dell’intestino tenue:

• Stipsi

• Variazione del gusto e dell’appetito

Aumento dell’assorbimento dell’acqua

SISTEMA ENDOCRINO

Notevoli modificazioni che riguardano:

• Aumentare l’apporto di ossigeno e di sostanze nutritive al feto

• Preparare l’organismo al parto e all’allattamento.

VAGINA E PERINEO

• Inibizione dei tessuti (diventano più soffici)

• Notevole aumento della secrezione vaginale

• Possibile dilatazione delle vene varicose superficiali

• Possibili ectasie del plesso emorroidario

La frequenza cardiaca e la pressione deve essere controllata

almeno due volte al giorno (sono parametri molto importanti in caso

di assistenza alla donna gravida con problemi di pressione e

cardiaci).

TEMPERATURA CORPOREA:

non varia molto in soggetti sensibili, diventa labile, normale (dovuta

al progesterone) se supera i 37°c e se non sono presenti patologie.

PESO CORPOREO

Aumento in gravidanza di 9 – 12kg e mezzo in media.

Attenzione all’andamento:

• 1^ trimestre peso aumento circa di 1 – 2kg

• Successivamente l’aumento del peso è di 350 400 g alla

settimana

Il peso deve essere controllato tutte le settimane:

• Al mattino a digiuno

• Dopo lo svuotamento della vescica

Aumento eccessivo (ritenzione idrica)

Aumento del liquido amniotico

L’alimentazione deve subire delle variazioni quantitative e

qualitative, ERRORE l’iperalimentazione.

L’apporto calorico deve essere di circa di 300kcal. Al die.

Se donna obesa o anoressica dieta personalizzata, l’aumento di

peso in gravidanza deve essere contenuto.

IGIENE DELLA GRAVIDANZA

Un’alimentazione adeguata e regolare sia quantitativamente e

qualitativamente è una delle prime garanzie per un felice esito della

gravidanza.

Abbigliamento: devono essere usati abiti comodi, privi di

costrizione:

• Pantaloni larghi

• Reggiseno adeguato alle esigenze

• Calze elastiche per ridurre il rischio ectasie delle vene varicose

e delle conseguenti varici

Igiene personale: la pulizia del proprio corpo in gravidanza deve

essere scrupolosa. Non è pericoloso lavarsi, è preferibile la doccia

invece della vasca da bagno, l’acqua non deve essere troppo calda

per evitare la vasodilatazione delle vene varicose.

Igiene dei genitali: utilizzare detergenti o saponi neutri, No lavande

vaginali, soprattutto nella seconda metà della gravidanza per il

rischio di provocare lesioni ai genitali esterni o delle contrazioni

uterine.

Insegnare alla gravida come prendersi cura delle gengive per

evitare edemi o le gengiviti.

I capezzoli della gravida devono essere puliti, preparandoli cosi

all’allattamento.

Attività fisica: non ci sono motivi per proibire alla gravida l’attività

fisica. I vantaggi sono:

• Attivazione della circolazione

• Irrobustimento della muscolatura

Evitare l’affaticamento, gli sport pericolosi o che provochino

congestione pelvica, consigliate le passeggiate all’aria aperta.

TOXOPLASMOSI

Malattia infettiva trasmessa dal gatto (feci). Il serbatoio per la

trasmissione di questa malattia infettiva sono:

• Terra

• Ortaggi

• Frutta

• Carni di animali

Devono essere lavati e disinfettati

Se scarsa igiene: frutta e verdura devono essere cotti, la frutta

lavata deve essere sbucciata.

Sono sconsigliati alla donna gravida:

• Insaccati crudi

• Prosciutto cotto

• Carne cruda

Ma consumare:

• Latte

• Alimenti con proteine

• Pesce 2 volte alla settimana

• Frutta e ortaggi freschi

• Cibi integrali (per la stipsi)

Limitare il consumo di thè, caffè, fritture, cibi troppo salati.

Si agli alimenti facilmente digeribili, non eccedere con gli alimenti

ricchi di zucchero (diabete), al fine di contenere il peso corporeo.

CONTRACCEZIONE

Insieme di metodi che hanno lo scopo di bloccare o impedire

temporaneamente la capacità produttiva.

I metodi contraccettivi devono possedere delle caratteristiche:

• EFFICACIA A

• REVERSIBILITA’ B

• INNOCUITA’ C

• SEMPLICITA’ D’USO D

• ACCETTAZIONE PSICOLOGICA E

A: espressa con l’indice di PEARL, maggiore è l’indice e meno

efficace è il metodo contraccettivo.

B: quando la capacità produttiva si ripristina

C: effetti collaterali minori ed effetti collaterali maggiori

D-E: metodo contraccettivo più semplice d’uso e più sarà accettato

dalla persona.

I metodi contraccettivi possono essere suddivisi in 4 gruppi:

• Meccanici A

• Non meccanici B

• Ormonali C

• Chimici D

A: barriera non permettono il passaggio di spermatozoi dalla vagina

all’utero e sono:

• Spirale

• Diaframma

• Profilattico

• IUD

B: osservazione dei segni e dei sintomi per identificare la fase fertile

e non del ciclo mestruale (ovulazione avviene il 14^giorno del ciclo,

primo giorno del ciclo comparsa di sanguinamento):

1. metodo OGINOKNAUSE: osservazione dei cicli mestruali in

un anno, metodo ormai abbandonato

2. controllo della TC vaginale ed orale: al mattino senza

eseguire alcuna attività (0,3 0,5° stabile 2- 3 ore dopo

l’ovulazione) non consigliato

3. osservazione BILINS (muco cervicale): rilevazione del

periodo fertile e non

1 e 2= metodo SINTOTERMICO

MALATTIE TRASMESSE SESSUALMENTE (MST)

M. trasmissione obbligatoria:

• gonorrea

• ulcera molle

• linfogranuloma venereo

• granuloma inguinale

M. trasmissione non obbligatoria:

• micotiche

• parassitari

• battericidi

• virali

AGENTI PATOGENI PRINCIPALMENTE TRASMISSIBILI:

• candida

• clamidia

• herpes simplex II

• epatite

• HIV

DIAGNOSI MST

• Ricerca agente eziologico

• Tamponi per la ricerca di un maggior numero di agenti

infettanti

Rivolta alla coppia

Accertamento agenti eziologici

Tamponi per la donna per la ricerca di miceti:

• Vaginale (ricerca di batteri9

• Orale

• Vulvare

T. GLICOUREA: eso ed endocervice

T. CLAMIDIA: endocervicale

Sierologia anticlamidia per l’uomo

T. BALANO/PREPUZIALE per ricerca dei miceti

T. URETRALE

T. CLAMIDIA

Vengono eseguiti dall’infermiere

Prelievo secrezione esterna vagina:

T. VULVARE

T. VAGINALE

Vengono eseguiti dall’infermiere, sono tamponi per il prelievo

secrezione esterna.

ASSISTENZA ALLA DONNA CON FLOGLOSI DELL’APPARATO GENITALE

• Contagio sessuale

• Interventi assistenziale scorretta

• Impedire la cronicizzazione

• Impedire trasmissione sessuale: prevenzione

PROBLEMI DELLA DONNA CON FLOGLOSI

• Vulvite *

• Vaginite **

• Cervicite ***

• Infezioni dell’utero

• Annessite (ovaio)

*prurito generico

** dolore all’atto sessuale,perdita ematica, perdite vaginali

*** metrite, salpingite (infezione alle tube)

TERAPIA TOPICA: ASSISTENZA

• Lavande *

• Candelette **

• Antibiotici ***

• Creme ****

• Ovuli *****

• Preparazioni liquide ******

• Gel *******

Acidità vaginale: è una sorta di protezione contro le infezioni, che si

diffondono facilmente in tutto l’apparato genitale, se non curate

possono provocare sterilità e può giungere fino al peritoneo.

* eseguire sotto prescrizione medica, irrigatore come quelli usati

per i clisteri;

** si autosomministrano, educazione sanitaria alla donna; una

somministrazione o più a distanza per esempio mattino e sera;

**** applicazioni esterne (vulva) non utilizzare per interno dei

genitali, può provocare irritazione. Applicazioni monouso,

autosomministrazione ed educazione sanitaria alla donna.

****** possono essere somministrate anche dall’infermiere, si

usano quelle già preparate e dosate. Una cannula viene collegata

al flacone per evitare contaminazioni, monouso e atraumatico.

******* contenenti acido lattico, servono per potenziare l’acidità

vaginale. Prescrizione medica, monouso, applicazioni a

traumatiche.

Somministrazioni di creme

Se donna autonoma: educazione sanitaria

Donna in posizione supina, padella personale per lavaggio dei

genitali, asciugare tamponando.

Materiale deve essere personale, se no la si fornisce, quella

dell’ospedale, sterile in caso di presenza di ferita chirurgica.

Materiale per la somministrazione deve essere monouso.

Tamponi

Si raccolgono materiali particolari come per esempio le cellule.

Alcuni tamponi particolari vengono diluiti in speciali terreni di

coltura.

• Tampone vaginale: dimensioni standard

• Tampone ureterale: dimensioni diverse


PAGINE

22

PESO

135.50 KB

AUTORE

fede1981

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (LODI, PAVIA, TREVIGLIO, VIGEVANO)
SSD:
Docente: Rossi Marco
Università: Pavia - Unipv
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher fede1981 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica clinica 2 e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pavia - Unipv o del prof Rossi Marco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica clinica 2

Infermieristica clinica 2 - Appunti
Appunto
Infermieristica generale - Appunti
Appunto
Infermieristica clinica - terapia farmacologica
Appunto
Infermieristica e tecniche infermieristiche chirurgiche - Appunti
Appunto