Che materia stai cercando?

Infermieristica Clinica I – Alimentazione – Concetti generali

Prima lezione Elisabetta Cianfanelli - infermieristica clinica - 2010 - sui concetti generali legati all'alimentazione. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: i fattori socio-economici, culturali, psicologici che influenzano i comportamenti alimentari, l’educazione alimentare, manipolazione e... Vedi di più

Esame di Infermieristica Clinica docente Prof. E. Cianfanelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Come ci si accorge se un alimento è

alterato o contaminato?

La deperibilità degli alimenti

Non consumare e nemmeno assaggiare

alimenti scaduti o che si sospetta possano essere

alterati

La contaminazione microbica spesso non

determina una modificazione dell’aspetto, del

sapore, o dell’odore degli alimenti

Un pranzo “tanto atteso…”

Mario e Clara sono due anziani signori, 78 anni lui, 74 lei, ancora abbastanza in

gamba che vivono da soli nella loro casa in paese. Mario riesce ancora a

mantenere un piccolo orto e qualche gallina.

Domenica 30 luglio, avranno ospiti la figlia, il genero e i nipoti che stanno per

partire per le vacanze.

Clara ha preparato la conserva di pomodoro, oltre a una serie di verdure sott’olio

anche per loro. Il pomeriggio del sabato hanno cominciato a preparare per il

pranzo. Si sono dati molto da fare in cucina tutti e due, anche se Mario aveva

un po’ di difficoltà a fare le cose a causa di “una piccola ferita all’indice che si

era fatto in giardino e che proprio non voleva guarire”.

La domenica mattina alle 8.00 è tutto pronto, alle 10.00 hanno già apparecchiato e

disposto tutto in salotto.

- crostini (tonno e maionese, stracchino e salsiccia, fegatini di pollo)

– ragù e ravioli ricotta e spinaci fatti in casa.

– arista arrosto e fagioli all’uccelletto

– “tiramisù” della nonna

Ma come al solito, gli orari degli anziani non sono quelli dei più giovani..

…vanno a tavola che sono quasi le 14.00.

Un pranzo “tanto atteso…”

Quali problemi potrebbero esserci da un punto di vista

igienico?

Quali attenzioni dovranno avere perchè il pranzo non si

trasformi in un pranzo davvero “speciale” ?

Tossinfezioni alimentari

Alcuni tra i più importanti microrganismi implicati

sono:

Salmonelle: contaminano spesso le carni crude (pollame,

carni suine, ovine e bovine) e il guscio delle uova

Stafilococchi: presenti frequentemente nelle mucose

(es.nasali) e sulla pelle

Botulino: può contaminare principalmente cibi

conservati in scatola o sott’olio, specie se di

produzione domestica (es. verdure conservate

sott’olio)

Scelta ed acquisto degli alimenti

Attenzione a pulizia e ordine del punto vendita

Controllare le scadenze: consumare entro….

consumare

preferibilmente entro..

Non interrompere la “catena del freddo”

(trasportare i surgelati in contenitore termico)

Igiene degli alimenti in ambiente

domestico

Preparazione degli alimenti

Mantenere puliti i piani di lavoro e gli utensili

Gli utensili usati per un alimento devono essere

preventivamente lavati prima di essere utilizzati per un

alimento diverso (specie se si lavorano alimenti crudi e cotti

contemporaneamente)

Igiene degli alimenti a livello domestico

Lavarsi le mani:

prima di manipolare i cibi

• dopo la manipolazione di

• uova, carni o pesci crudi

passando da un alimento

• all’altro (specie se da crudo a

cotto)

dopo aver starnutito, tossito

• Evitare di manipolare gli

• alimenti se si hanno alle mani

lesioni secernenti pus (o

indossare guanti in gomma)

Igiene degli alimenti a livello domestico

• Ricordare che gli animali

domestici trasportano

frequentemente

microrganismi patogeni che

possono passare dalle

nostre mani al cibo

• Lavare accuratamente frutta

e verdura

• Cuocere a fondo gli alimenti

in modo che non rimangano

parti crude

• Consumare subito gli

alimenti cotti

• Riscaldare (una sola volta) i

cibi avanzati fino a

raggiungere una temperatura

elevata anche all’interno

La conservazione

Se gli alimenti cotti non

vengono consumati subito:

mettere in frigo (entro 2 ore

• – entro 1 ora d’estate)

se da consumare caldi

• (conservare a temperature

superiori a 60°C)

La conservazione

In dispensa possono essere

conservati anche per lunghi

periodi pasta, riso, farina,

legumi secchi

• se mantenuti in condizioni

idonee (pulizia, areazione,

scarsa umidità),

• in confezioni o contenitori

chiusi per evitare

l’irrancidimento o lo sviluppo di

insetti

Il frigorifero

A quale temperatura?

Per quanti giorni?

Come disporre gli

alimenti?

IL FRIGOFERO

In frigorifero (4-5°C)

• costantemente pulito,

periodicamente sbrinato

Tutti i cibi devono essere

• conservati in appositi involucri o

contenitori, in porzioni piccole

Non riempirlo mai troppo, non

• appoggiare gli alimenti alle pareti

In basso (frutta e verdura) cibi

• più sporchi - temperatura più alta

Nel mezzo : carni, pesci formaggi

• In alto: creme, panna ecc

• Limitare a qualche giorno la

• conservazione di prodotti sfusi o

in confezioni aperte

Il congelatore

• Non effettua un’azione di

bonifica, ma blocca la

crescita dei microrganismi

(se la temperatura è

costante)

• Controllare il tempo di

conservazione

( occhio alle stelle! – 18°C

-12°C - pochi gradi sotto 0°C)

• Congelare gli alimenti in

piccoli tagli

IL CONGELATORE

Scongelare:

direttamente in tegame o

in acqua bollente

in frigorifero, nel forno a

microonde

no a temperatura ambiente

o a bagno in acqua

non congelare alimenti già

scongelati


PAGINE

34

PESO

1.10 MB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Prima lezione Elisabetta Cianfanelli - infermieristica clinica - 2010 - sui concetti generali legati all'alimentazione. Nello specifico gli argomenti trattati sono i seguenti: i fattori socio-economici, culturali, psicologici che influenzano i comportamenti alimentari, l’educazione alimentare, manipolazione e conservazione degli alimenti, ecc.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BORGO SAN LORENZO, EMPOLI, FIGLINE VALDARNO, FIRENZE, PISTOIA, PRATO)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2011-2012

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Infermieristica Clinica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Cianfanelli Elisabetta.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Infermieristica clinica

Infermieristica Clinica I – Bilancio idrico – Slides
Dispensa
Infermieristica Clinica - Appunti Completi
Appunto
Infermieristica Clinica
Appunto
Infermieristica Clinica I – Cavo orale
Appunto