Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

INFLUENZA DEI CO-FATTORI AMBIENTALI

Nella granulomatosi di Wegener, una vasculite necrotizzante, sono

presenti anticorpi citoplasmatici anti-neutrofili (ANCA). L’autoantigene

è una serin proteasi dei ganuli dei neutrofili, la proteasi-3.

E’ comune che pazienti con granulomatosi abbiano alti livelli di ANCA

ma siano senza sintomi. Se l’individuo sviluppa un’infezione si ha invece

la comparsa veloce di una vasculite.

In assenza di infezione, la proteasi-3 si trova all’interno dei granuli. In

caso d’infezione, le citochine attivano i neutrofili e la proteasi-3 viene

esposta sulla superficie cellulare. Gli anticorpi anti-proteasi-3 legano i

neutrofili -> degranulazione e rilascio di radicali liberi.

L’infezione determina attivazione delle cellule endoteliali con aumento

di espressione di molecole di adesione -> interazione endotelio-neutrofili

-> lesione vascolare

DANNI TESSUTALI CAUSATI DA CELLULE T AUTOREATTIVE

Le cellule T specifiche attivate da peptidi “self”: complessi MHC

possono determinare infiammazione e danno locale attraverso

l’attivazione dei macrofagi o danneggiare direttamente le cellule

tessutali.

Questi meccanismi sono rilevanti nel diabete insulino-dipendente, nella

artrite reumatoide e nella sclerosi multipla.

I tessuti di questi pazienti sono inflitrati da linfociti T e macrofagi attivati.

Inoltre, le cellule T sono richieste per sostenere le risposte anticorpali.

DANNI TESSUTALI CAUSATI DA CELLULE T AUTOREATTIVE

Nel diabete insulino-dipendente (IDDM) si è riconosciuto il ruolo

delle cellule T CD8. β

Nell’IDDM le cellule del pancreas sono distrutte specificatamente

da cellule CD8. Questo suggerisce che una proteina espressa dalle

β

cellule sia la fonte del peptide riconosciuto dalle cellule T CD8

patogenetche.

Gli studi su topi NOD (non obese diabete) con diabete di tipo I hanno

dimostrato che i peptidi derivati dall’insulina sono riconosciuti da

cellule T trovate nelle lesioni insulari.

Alcuni studi indicano anche un ruolo patogenetico delle cellule T CD4

nell’IDDM.

Vi è associazione tra suscettibilità alla malattia e particolari alleli di

classe II.


PAGINE

11

PESO

1.21 MB

AUTORE

kalamaj

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Immunologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
SSD:
Università: Foggia - Unifg
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kalamaj di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Immunologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Foggia - Unifg o del prof Conese Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Immunologia

Immunologia - Inflammosoma
Appunto
Immunologia - trapianti e rigetto
Appunto
Immunologia – HIV
Appunto
Immunologia – attivazione dei linfociti T naive maturi
Appunto